La “necropoli virtuale” dei collaborazionisti nazisti dell'Ucraina e il suo sovrintendente

E-mail Stampa PDF

nazisti ucrainidi Moss Robeson

A cura di Enrico Vigna

In questo articolo di un autorevole portale storico è documentato cosa hanno fatto dell’Ucraina i suoi “liberatori”, sostenuti, finanziati e armati dalle potenze occidentali, in nome della democrazia e della libertà, attraverso la rivolta del “Maidan”. Sbandierata come “rivoluzione colorata”, anche in Italia vezzeggiata e applaudita dai politici di ogni colore. In prossimità del 25 aprile occorrerebbe SOTTOPORRE QUESTE DOCUMENTAZIONI a tutti coloro che in nome di un presunto “antifascismo”, celebreranno i NOSTRI eroi partigiani facendosi paladini dei valori per cui QUESTI hanno dato le  loro vite, ma poi a livello internazionale sono schierati e accomunati , in Ucraina come in Donbass, in Bielorussia come in Serbia, in Siria come in Libia, a Cuba come in Nicaragua, ecc., alle politiche che hanno promosso e sostengono queste infamie, come processi di “liberazione” e democratici. 


La domanda semplice da porre è, se costoro sono semplicemente ipocriti, e quindi organici alle politiche e ai progetti atlantici, o se sono solo sprovveduti coadiutori del padrone USA e NATO, ma pur sempre oggettivamente complici.             

Enrico Vigna, SOS UcrainaResistente” /CIVG.

…Per chi dice che non ne sa nulla…!

In occasione della Giornata internazionale della memoria dell'Olocausto di quest'anno, The Forward ha pubblicato una scioccante raccolta di articoli di Lev Golinkin, un collaboratore di Defending History, chiamata "Nazi Collaborator Monument Project". Essendo l’indagine più completa di tali monumenti in tutto il mondo, dovrebbe essere un elemento stimolatore per una resa dei conti internazionale con la continua glorificazione degli autori dell'Olocausto nel 21° secolo. 

Meno di una settimana prima, il giornalista del Jerusalem PostJeremy Sharon, ha fatto luce su un tipo di progetto molto insolito dopo aver esplorato un cimitero digitale costruito dall'Istituto ucraino di memoria nazionale (UINP). Lanciata nel novembre 2020 per gli ucraini sepolti all'estero, la "Necropoli virtuale dell'emigrazione ucraina" è tutt'altro che completa, ma è già piena di collaboratori nazisti, tra cui "alti funzionari di unità ausiliarie di polizia" che hanno massacrato la popolazione ucraina ed ebrei.

"Il progetto [UINP] chiede agli ucraini di tutto il mondo di aggiungere elementi al suo database", ha informato a dicembre la filiale del Saskatchewan del Congresso ucraino canadese. Su Facebook c'è infatti una più antica “Necropoli ucraina in Canada”, creata nel 2015, che potrebbe aver ispirato l'UINP. (Le immagini del progetto canadese delle lapidi dei collaboratori nazisti possono essere trovate nella "necropoli virtuale" dell'UINP.) Nella parte superiore della pagina Facebook canadese c'è una foto di un controverso cenotafioa Oakville, Ontario, che commemora i veterani ucraini delle Waffen-SS sepolti lì . 

Lev Golinkin ha scritto un articolo sui monumenti nazionalisti ucraini del Canada la scorsa estate, dopo che il cenotafio è diventata una notizia internazionale.

L'articolo del Jerusalem Post diceva poco sul coordinatore del progetto UINPPavlo Podobed. Egli è indicato come il "marito antisemita" di Olena Podobed-Frankivska, che è la direttrice delle politiche giovanili presso l'Ucraina Rianimation Package of Reforms Coalition finanziato dall'USAID.

I Podobed sono entrambi membri della filiale di Kiev dell'Associazione giovanile ucraina internazionale (CYM). Dalla sua fondazione nel 1946, la CYM ha servito come ala giovanile dell'Organizzazione clandestina dei nazionalisti ucraini-Bandera (OUN-B), che aveva collaborato con la Germania nazista durante la seconda guerra mondiale e ha collaborato con gli estremisti di estrema destra nell'Ucraina del XXI secolo. 

Come spiegato nel suddetto articolo l'OUN-B ha praticamente fatto suo l'UINP, durante la presidenza di Petro Poroshenko (2014-19) tramite il "Center for Research of the Liberation Movement" di Lviv, una sezione dell’OUN-B per cui lavorava Olena Podobed-Frankivska. Pavlo Podobed è il capo del Dipartimento per la conservazione dei luoghi della memoria dell'UINP. Come riportato da Newsweek nel 2017, da quando ha ottenuto il lavoro, ha "accusato gli ebrei di essere i principali autori dei crimini sovietici contro gli ucraini negli anni '20 e '30".

Pavlo Podobed è contemporaneamente il presidente del consiglio di amministrazione della Heroyika Charitable Foundation, con sede a Kiev e Toronto, che ha collaborato con l'UINP sul progetto "necropoli virtuale". Heroyika si occupa principalmente della costruzione e del restauro di monumenti e memoriali in Ucraina, dedicati ai veterani anti-sovietici delle guerre mondiali, sebbene ovviamente sono stati centinaia di migliaia gli ucraini che si unirono all'Armata Rossa, rispetto all'Organizzazione dei nazionalisti ucraini o alle Waffen-SS. Heroyika ha anche fornito decine di migliaia di dollari di equipaggiamenti al Battaglione neonazista "Azov", compresi i mirini per i cecchini e almeno quattro veicoli.

Tre anni dopo aver fondato la Heroyika Charitable Foundation nel 2010, Podobed è stato eletto capo del CYM a Kiev. Nell'ottobre 2014, Podobed ha sostenutoPravy Sector” forza neonazista alle elezioni parlamentari ucraine. Nell'ottobre 2015 è diventato un dipendente di alto livello UINP . 

Pavlo Podobed ha anche trascorso diversi mesi negli Stati Uniti nel 2017. Nella primavera è apparso a un evento pubblico insieme a Volodymyr Parasiuk, un nazionalista di estrema destra notoriamente violento ed ex membro di OUN a Chicago.

Il 21 febbraio 2014, dopo il giorno più sanguinoso della cosiddetta "Rivoluzione della Dignità" in Ucraina, Parasiuk aveva tenuto un discorso sulla Piazza dell'Indipendenza di Kiev minacciando un colpo di stato e un bagno di sangue, ed è opinione diffusa che sia stato uno dei motivi che abbiano spinto il presidente Viktor Yanukovich a lasciare il paese. A quel tempo Parasiuk era un comandante speciale di compagnia di una milizia neonazista, che, secondo il politologo Ivan Katchanovski "i suoi cecchini hanno sparato alla polizia dall'edificio del Conservatorio di musica [a Kiev] e poi sia alla polizia che ai manifestanti dell'Hotel Ukraine".

Parasiuk e Podobed hanno parlato all'evento di Chicago, quasi tre anni dopo che Katchanovski aveva pubblicato per la prima volta la sua ricerca esplosiva sul "Massacro dei cecchini".

Sei mesi dopo Podobed ha parlato a Washington ad una conferenza di storia militare, organizzata dal Center for US-Ukrainian Relations, un'organizzazione piuttosto oscura ma influente, associataall'OUN-B. Ha anche partecipato a una tavola rotonda moderata da Lubomyr Hajda dell'Harvard Ukrainian Research Institute.

Nel 2019, Podobed è apparso in diversi video del Prometheus Security Environment Research Center (PSERC) con sede a Kiev. Secondo il suo sito web, il Centro di ricerca è partner del governo canadese. Dalla fine del 2018, Poboded ha pubblicato tutti i suoi articoli sul sito web dell'organizzazione, tranne il più recente, dove ha annunciato che il PSERC ha firmato un accordo con l'UINP e altre entità, per creare un portale Internet sull'aggressione russa in Ucraina.

Il PSERC è presieduto da Mykola Balaban. In qualità di “visiting fellow” presso il prestigioso programma "L'Ucraina nel dialogo europeo", del prestigioso Istituto di scienze umane (IMW) con sede a Vienna, nel 2018-19 Balaban ha scritto un breve documento sulla violenza di massa accaduta a Leopoli nel giugno-luglio 1941, dalla parte dei nazisti. Nel frattempo, Podobed è apparso in due video del PSERC indossando una maglietta che glorifica il Battaglione Nachtigall, un'unità della Wehrmacht formata dall'OUN-B, entrata a Leopoli il 30 giugno 1941 insieme alle forze del Terzo Reich e più tardi nell'estate è diventata il Battaglione Schutzmannschaft 201 . Entrambe le formazioni furono infine comandate dai tedeschi e parteciparono all'Olocausto di Bullets nel 1941, l'anno stampato sulla maglietta di Podobed.

Un recente articolo di Jeremy Sharon sul Jerusalem Post,sembra aver infranto le speranze di alcuni osservatori ucraini preoccupati che la politica della memoria di estrema destra dell'UINP potesse essere significativamente ridotta da Anton Drobovych, il nuovo direttore dal dicembre 2019. "Immagino che Anton Drobovych non sia riuscito, o non ha provato, a smorzare la glorificazione dei collaboratori nazisti", ha twittato il giornalista Sam Sokol, che l'anno scorso aveva scritto un profilo ottimistico di Drobovich. In retrospettiva, tenendosi accanto persone come Pavlo Podobed, l'incapacità o impossibiltà di Drobovych di cambiare le cose, sembra inevitabile.