Ucraina: l'importanza della propaganda internazionale

E-mail Stampa PDF

ukraine donetsk protests referendumda https://www.resumenlatinoamericano.org

Fonte: Slavyangrad

L'originale in Ukraina.ru

Traduzione di Marx21.it

Il ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba ha spiegato su Twitter come Kiev ha ottenuto il successo della condanna contro lo "stato occupante" con l'adozione nel Comitato delle Nazioni Unite di "una risoluzione rafforzata sulle violazioni di diritti umani in Crimea ”. Il testo è stato redatto dall'Ucraina, co-presentato con Georgia, Germania, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Lettonia, Lituania, Estonia e una serie di altri paesi. In totale, 63 erano favorevoli. La Russia è accusata di molteplici crimini come "l'annessione della penisola", "occupazione temporanea", "conduzione di campagne elettorali e voto illegale", "imposizione della cittadinanza russa", "soppressione dell'identità nazionale" e modifica della situazione demografica.


A prima vista, è una vittoria. Ma chi ha seguito da vicino le dinamiche di questo tipo di decisioni in passato comprende che la procedura è stata a lungo una formalità priva di contenuto. Risoluzioni simili sono state approvate ogni anno dal 2016, anche se si può vedere una certa dinamica a favore della Russia: il numero di paesi che sostengono i progetti ucraini è in lieve diminuzione. L'anno scorso, 67 paesi hanno sostenuto la risoluzione rispetto ai 63 di quest'anno, mentre le astensioni sono passate da 82 a 85.

Ciò che più sorprende di questa vicenda è che, nel contesto dei crimini immaginari di cui è accusata la Russia, i crimini dell'Ucraina, per i quali pagano i cittadini della penisola di Crimea, passano inosservati e rimangono impuniti. Qualche tempo fa c'è stata una riunione della Commissione Affari Esteri della Duma con i deputati italiani. In un incontro cordiale e amichevole, la questione della Crimea si è rivelata il sassolino nella scarpa. Natalia Poklonskaya, membro del Comitato, ha chiesto ai suoi colleghi italiani come valutano la violazione dei diritti umani commessa contro la popolazione della Crimea, che è la mancanza di acqua a causa del blocco imposto dall'Ucraina diversi anni fa. Nessuna risposta. I deputati italiani sembravano non aver nemmeno sentito la domanda.

Ciò è un'azione normale per l'Occidente, abituato a chiudere gli occhi sul fatto che l'Ucraina ha tagliato non solo l'approvvigionamento idrico ma anche l'elettricità e il cibo. Se la Russia non avesse compensato quel deficit, le conseguenze sarebbero state tragiche: la completa distruzione dell'agricoltura nella penisola, la chiusura di tutte le industrie e di altre attività e la paralisi delle infrastrutture. In quel caso, la popolazione avrebbe dovuto spostarsi in massa in altri luoghi per sopravvivere. Lo spopolamento della Crimea è in realtà l'obiettivo di quei blocchi. Il presidente del Comitato del Consiglio di Stato della Repubblica del Kazakistan per la diplomazia e le relazioni interetniche, Yuri Hempel, ha descritto queste azioni come un tentativo di genocidio della popolazione della penisola. E non ha completamente torto.

Leonid Slutsky, presidente della commissione per gli affari esteri della Duma, ha richiamato l'attenzione sulla procedura di voto, che lascia molti interrogativi. “Il numero di Paesi che hanno votato a favore di questo documento sta diminuendo, non certo salendo. Nonostante tutto, il numero di coloro che si sono astenuti supera quelli che lo hanno sostenuto ”. Ciò significa che non è necessaria la maggioranza assoluta dei voti favorevoli, ma è necessario un solo voto se tutti i paesi si astengono. È un fallimento del sistema decisionale.

Tuttavia, queste risoluzioni presentate dall'Ucraina non svolgono un ruolo significativo in quanto non sono vincolanti. Solo le decisioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sono vincolanti per i paesi membri, anche se non è sempre così. In generale, in Russia si presta poca attenzione ai trucchi a cui Kiev fa appello sulle piattaforme di minore importanza.

Sia la Crimea che Mosca hanno a lungo fatto appello ai rappresentanti occidentali per formare una commissione autorizzata a visitare la penisola. Invece di fare affidamento sulle fantasie ucraine, è meglio vedere la situazione con i propri occhi, studiarla e trarre conclusioni. In questa occasione è stato Leonid Slutsky a fare la proposta, ma qualcosa mi dice che, come tutti i precedenti, non troverà risposta.

L'Ucraina, che pretende di difendere i diritti umani, sembra il predatore che piange le sue vittime, come ha espresso il leader della Crimea Sergey Aksenov, che ha affermato che il regime che governa lo sfortunato Paese “ha ucciso, imprigionato e costretto a emigrare migliaia di persone e i dissidenti ”. I partner occidentali del governo ucraino non possono ignorarlo.

E c'è un'altra circostanza scandalosa che non può essere ignorata: si è da poco celebrato l'anniversario dell'inizio del processo di rimberga, che ha condannato i criminali nazisti. E solo due giorni prima, alla vigilia di questo anniversario, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione sulla lotta contro la glorificazione del nazismo. Il contenuto del documento è evidente e difficilmente discutibile: esprime preoccupazione per la diffusione di varie forme di estremismo in partiti politici, movimenti, ideologie e gruppi razzisti e xenofobi che esaltano il nazismo, il neonazismo e le attività degli ex membri delle Waffen-SS e costruiscono monumenti in sua memoria. Il progetto russo è stato sostenuto da 133 paesi, 52 si sono astenuti e gli Stati Uniti e l'Ucraina hanno votato contro, come l'anno scorso e due anni fa. È chiaro che non possono fare a meno delle loro marce con le fiaccole, dell'uso dei simboli nazisti e dell'esaltazione come eroi nazionali dei collaboratori che hanno sostenuto i nazisti.