Comunicazione

Alessandro Di Battista - Se George Floyd fosse stato iraniano o cinese Repubblica avrebbe trattato la notizia così?

E-mail Stampa PDF

arresto giornalistaun'interessante riflessione di Alessandro Di Battista

da https://www.lantidiplomatico.it

Poche ore fa un giornalista della CNN che stava documentando le proteste per il barbaro omicidio (di questo si tratta) di George Floyd è stato arrestato, in diretta, a Minneapolis. Giustamente, in questo preciso momento, 
Il Fatto Quotidiano riporta la notizia in home page con lo spazio che merita. Anche il Corriere della Sera apre la sua home con questa incredibile notizia. la Repubblica no. Su Repubblica il box della notizia è minuscolo, posto in una parte bassa del sito e (per lo meno adesso) nelle didascalie di accompagnamento non si legge USA, Stati Uniti o Minneapolis.

Leggi tutto...

Le Fake news russofobe di Repubblica: "Putin segregato nella sua dacia"

E-mail Stampa PDF

Putinda https://www.lantidiplomatico.it

la Redazione

Dobbiamo ricrederci. Avevamo pensato e scritto che peggiorare il livello di “informazione” che il quotidiano Repubblica offriva ai suoi lettori fosse impossibile. Ci sbagliavamo.  Il nuovo corso Fiat-Molinari sta varcando, ogni giorno di più, confini che pensavamo inesplorabili.

In un articolo pubblicato oggi dal titolo “Dalla "disinformatsija" alle fake news, il metodo Cremlino non tramonta mai”, l’ex presidente della Rai e attuale direttore del museo dedicato alla Juventus, l’aziendalista Paolo Garimberti inizia così - lo riportiamo per intero l’incipit perché molto significativo : “ Domenica 19 aprile, giorno della Pasqua ortodossa, Vladimir Putin, seduto davanti al caminetto della sua lussuosa dacia fuori Mosca, rivolse un messaggio televisivo al Paese in prolungata "vacanza" (lockdown non è parola gradita nel linguaggio ufficiale): "La situazione è totalmente sotto controllo", disse con tono rassicurante. Tre settimane e due giorni dopo quel messaggio la Russia è diventata il secondo Paese al mondo per numero di contagi”.

Leggi tutto...

La libertà di informazione non è mai stata più in pericolo

E-mail Stampa PDF

Censorship 1da https://www.lantidiplomatico.it

Il 3 di maggio è la data in cui ricorre la Giornata mondiale della libertà di stampa, proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1993.

Come tutti i giorni, anche nel celebrare questa giornata, la stampa italiana si è dedicata ad autocensurarsi per non spiegare le fake news diffuse in passato e si è dimenticata delle migliaia di precari che “dopo 17 anni di professione” devono sopravvivere con 5 mila euro l’anno.

Leggi tutto...

Politica-struttura: Amazon, Google, Palantir e la CIA

E-mail Stampa PDF

internet codicePubblichiamo una parte del nuovo libro intitolato “Servizi segreti, guerre economiche e politica-struttura”, scritto da Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli e che verrà integralmente pubblicato online a maggio.

A volte si tende a separare l’attività di spionaggio dall’economia, dai profitti e dall’azione delle multinazionali: un errore che non era certo stato commesso da Norman Mailer nel suo geniale libro “Il fantasma di Harlot”, opera nella quale lo scrittore statunitense ventilava a livello narrativo (e forse non solo narrativo…) che nella CIA di Langley si fosse formato un nucleo e un gruppo interno supersegreto il quale, attraverso l’uso selettivo delle informazioni via via ottenute dall’agenzia, operava da decenni in campo finanziario acquisendo ingenti profitti equivalenti a miliardi di dollari.

Leggi tutto...

Libertà di stampa o libertà di menzogna?

E-mail Stampa PDF

censuradi Angelo d'Orsi

da https://angelodorsi.wordpress.com

Il Coronavirus sta ottundendo le facoltà cerebrali, prima ancora che attaccare i polmoni. Navighiamo in un oceano di follia. Ho scritto più volte che la prima “emergenza” in Italia è la cosiddetta informazione, che è controllata in gran parte da due gruppi finanziari, ed è assolutamente omologata culturalmente, oltre che politicamente a senso unico, e povera, spesso poverissima sul piano della mera capacità giornalistica, non di rado anche nella padronanza della lingua italiana.

Leggi tutto...

TG Duce

E-mail Stampa PDF

fake newsriceviamo e pubblichiamo

di Norberto Natali

A causa di un piccolo refuso, è caduta la “C” dal titolo della testata giornalistica del secondo canale RAI. È ormai noto l’incessante impegno contro i Partigiani, le frottole sulla storia del PCI, i lunghi comizi contro la Rivoluzione d’Ottobre e l’URSS, l’immancabile impegno “militante” contro tutte le forze e i paesi che non piacciono a USA e Israele. Invito, per esempio, a trovare sulla rete le stupide e volgari parole della giornalista (si fa per dire) Anna Mazzone sulla brigata cubana giunta in solidarietà a Crema.

Leggi tutto...

Lettera aperta al Signor Giletti

E-mail Stampa PDF

censuradi Norberto Natali

Egregio signor Giletti,

mi permetto di disturbarla benché conosca il suo nome solo di riflesso e non abbia mai seguito alcuna trasmissione da lei curata. Con l’unica, casuale, eccezione di un quarto d’ora ieri sera, poco dopo le 20.30. 

Lei è un professionista e sa certamente come conseguire il miglior indice di ascolti, quindi non ho titoli per commentare la sua decisione di presentare le signore Santanchè e Rachele Mussolini in contrapposizione ad un anziano definito ex appartenente alle Brigate Rosse, a suo dire con il motivo che tra questi ospiti erano in corso delle polemiche politiche. Personalmente, non sono riuscito a rendermi conto di cosa ci fosse di politico (non è il caso di scomodare le categorie di “culturale” o “morale”). Mi è sembrata solo una spettacolare lite individuale con abbondante uso di parolacce, allusioni pruriginose, insinuazioni più o meno maliziose circa problemi privati dei contendenti.

Leggi tutto...

Giornalisti comprati e collusi con la Cia. Il libro di Udo Ulfkotte finalmente in italiano

E-mail Stampa PDF

udo di Francesco Santoianni

da https://www.lantidiplomatico.it

Arriva, finalmente, nelle librerie italiane “Giornalisti comprati” scritto da 
Udo Ulfkotte : uno dei più famosi giornalisti tedeschi; il 13 gennaio 2017 trovato morto, a 56 anni, “di infarto” e, ancora più inspiegabilmente, senza alcuna autopsia, cremato immediatamente. Un libro zeppo di nomi e cognomi di giornalisti (tra i quali lo stesso Ulfkotte) che si sono venduti pubblicando “notizie” inventate da servizi di sicurezza, governi, aziende, lobby… Un libro che, dopo un successo straordinario in Germania nel 2014, per anni, non è stato più ristampato (lo trovavate, usato, sul web a cifre elevatissime) e che ora viene pubblicato in Italia dall’editore Zambon.   

Essendo davvero arduo soffermarci qui sui tantissimi episodi di conclamata corruzione e di asservimento dei media riportati nel libro, preferiamo riportare in calce l’indice. E preferiamo concludere con quella che è stata l’ultima dichiarazione pubblica di Udo Ulfkotte.

Leggi tutto...

La “busiarda” non si smentisce mai

E-mail Stampa PDF

cile 1di Mauro Gemma per Marx21.it

Mai come il 6 novembre 2019 il termine "busiarda" (a suo tempo appioppato a La Stampa dagli antifascisti torinesi per il suo vergognoso appiattimento filo regime mussoliniano) è stato più azzeccato.

Innanzitutto, si distingue "Buongiorno" in prima pagina di Mattia Feltri (figlio di Vittorio) sui rigurgiti neonazisti in Germania (e altro), quando, nel più smaccato spregio della verità storica, il nostro arriva persino a scrivere che "quasi niente" si era fatto nella RDT per non far cadere il ricordo delle efferatezze hitleriane, dimenticando che, non solo la RDT (i cui primi dirigenti erano stati tutti perseguitati dal nazismo, costretti all'esilio o internati nei campi di concentramento) era sempre stata in prima fila nel tenere viva la "memoria storica" di quanto era accaduto in Germania, ma sempre si era distinta per la solidarietà politica e materiale con chi lottava contro il fascismo in tutto il mondo (come possono, ad esempio, confermare gli antifascisti cileni).

Leggi tutto...

Analisi, idee e riflessioni per una informazione libera

E-mail Stampa PDF

empatiada mysterionweb.wordpress.com

Scrivo questa introduzione all’intervista che ho fatto al professor Pietro Ratto pensando ai bambini, ai ragazzini. Gli eredi del mondo di domani intanto crescono immersi in un ambiente fasullo, cattivo, spregiudicato, il quale insegna e trasmette loro modelli educativi scellerati e folli. Gli esempi da emulare sono irraggiungibili, vuoti in animo, pieni di denaro, di beni materiali, famosi! E tantissimi giovani li invidiano, vogliono essere come loro. L’articolo che segue ha come oggetto una riflessione intorno alla costruzione di un giornalismo nuovo e libero, ma allora forse si chiederà qualcuno che cosa c’entrano i ragazzi in questo caso.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 4

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »