Saluto del PdCI al 21mo Congresso del PC Indiano

cpi 21 congressRoma, 13 Marzo 2012
Al Comitato Centrale del Partito Comunista Indiano (CPI)

Cari compagni,
vi inviamo il caloroso saluto dei Comunisti Italiani per questo vostro importante 21mo Congresso e riaffermiamo i nostri principi di solidarietà e fratellanza con il vostro partito.
 

Il vostro Congresso cade in un momento politico molto delicato. L’approfondirsi della crisi economica internazionale, i conflitti causati dalle aggressioni dei paesi imperialisti e le instabilità regionali (un lungo arco di crisi che va dall’Af-Pak al Medio Oriente, passando per le minacce di guerra alla Siria e all’Iran) caratterizzano il quadro internazionale. Dopo il crollo dell’Urss i paesi imperialisti e, in particolar modo gli Usa, hanno cercato di espandere il loro dominio in tutta al regione eurasiatica e in Asia Centrale, per il controllo geopolitico della regione e per impossessarsi delle risorse energetiche. La grave crisi economica ha poi aggravato questo quadro, approfondendo le contraddizioni ed aumentato i rischi di guerra.

I Comunisti Italiani sono impegnati, in Italia ed in Europa, a lottare, in condizioni molto difficili, contro le proposte di austerity volute dall’Unione Europea, che puntano a distruggere lo stato sociale e le conquiste di decenni di lotta della classe operaia in tutta Europa. Vengono salvate con soldi pubblici le banche private e gli istituti di credito ma poi viene tagliata la sanità a gli altri diritti basici dei cittadini.

I Comunisti Italiani ritengono che il congresso del CPI sia molto importante per il vostro paese. Lo spostamento a destra del governo dell’India e del Partito del Congresso, con l’uscita della Sinistra dall’UPA-I, sta spostando l’India su posizioni neoliberiste sul piano interno e, sul piano internazionale, sta cercando di ricollocare un paese storicamente non allineato, su posizioni filo-atlantiche.
 

Ma i comunisti sanno bene che ogni fase di grandi cambiamenti è ricca di contraddizioni. Lo sviluppo della crisi e l’aumento dello sfruttamento dei popoli si accompagna ad un processo di declino relativo delle potenze imperialiste e l’emergere di nuove potenze, soprattutto la Cina, la cui ascesa sta riequilibrando in senso sfavorevole all’imperialismo, i rapporti di forza internazionali. La crisi del capitalismo, inoltre, porta alla luce il vero volto di sfruttamento ed oppressione del capitalismo e rende chiaro a milioni di lavoratori e popoli di tutto il mondo che il capitalismo è la vera causa di queste ingiustizie e sofferenze. Per questo, il ruolo di una forza comunista con una politica rivoluzionaria, in un momento come questo, è decisivo.
 

Cari compagni,
siamo sicuri che questo vostro Congresso sarà un momento molto importante di discussione per tutti i militanti del CPI , ma anche un contributo essenziale alla ricostruzione del movimento comunista e rivoluzionario del 21mo secolo.
 

A nome del CC del Partito dei Comunisti Italiani
 

Oliviero Diliberto
segretario generale
 

Fausto Sorini
Responsabile Dipartimento esteri

Rome, 13th March 2012

To the Central Committee of the Communist Party of India (CPI)

Dear comrades,

we send you the warm greeting of the Italian Communists for your important 21th Congress and we reaffirm our principles of solidarity and brotherhood with your party.
Your Congress falls in a very delicate political time. The deepening of the international economic crisis, the conflicts caused by the aggression of the imperialists countries and regional instabilities (a long arch of crisis which goes from Af-Pak to Middle Est, passing through threats of war on Syria and Iran) characterize the international framework. After the collapse of the Soviet Union, imperialist countries, particularly the US, have tried to expand their dominance throughout the Eurasian region and in Central Asia, for the geopolitical control of the region and to lay hold of energy resources. In
addiction the severe economic crisis has worsened this pattern, delving into contradictions and increasing the risk of war.
In Italy and Europe Italian Communists are engaged to fight, in so hard conditions, against austerity proposals sought by the European Union, which aim to destroy the social state and the achievement of decades of working class struggle throughout Europe. Private banks and credit institutions are saved with public money, but then healthcare and other basic citizens’ rights are cut.
Italian Communists believe that the CPI Congress is very important for your country.
The shift to right of the Government of India and of the Congress Party through the exiting of the left from the UPA-I is domestically moving India on neoliberal positions and internationally it is trying to reallocate an historically untracked country on pro-Atlantic positions.
But the Communists are well aware that each stage of major changes is full of contradictions. The development of crisis and the increase in exploitation of people is accompanied by a process of relative decline of the imperialist powers and the emergence of new powers, especially China,
whose ascent is rebalancing, unfavourably to imperialism, the international balance of power.

Furthermore the crisis of capitalism digs up the true face of capitalism’s exploitation and oppression and makes it clear to millions of workers and peoples all over the world that capitalism is the real cause of these injustices and sufferings. For this reason the role of a communist force with a
revolutionary policy, at a time like this, is decisive.

Dear comrades,
we are sure that this Congress will be a very important time for discussion for all militants of CPI, but it will also be an essential contribution to the reconstruction of the communist and revolutionary movement of the 21th century.

On behalf of the CC of the Party of Italian Communists
Oliviero Diliberto
General Leader

Fausto Sorini
Head of International Department