L’esperienza della Gioventù Comunista in Unione Sovietica offre una lezione

legagiovanilecomunista cinadi Zhang Shuhua (direttore dell’Istituto sugli Studi sull’Informazione all’Accademia Cinese di Scienze Sociali e Direttore di Social Sciences Abroad) | da globaltimes.cn

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it

Le discussione su come approfondire le riforme nella Lega Comunista Giovanile in Cina non finisce mai. Al riguardo, l’esperienza della Unione Leninista Comunista Giovanile dell’Unione Sovietica può servire da riferimento.

Si, da quando la Lega Giovanile dell’Unione Sovietica assunse questo nome nel 1926 giocò per un lungo periodo un ruolo attivo nel mobilitare i giovani per prendere parte agli affari pubblici, allo sviluppo economico e ai servizi sociali. I membri della Lega Giovanile diedero il proprio contributo in una serie di progetti negli anni 30 come la Stazione Idroelettrica Dneprodzerzhinsk, nella ferrovia Turkestan Siberia, alla fabbrica di costruzione di macchinari degli Urali e alla fabbrica di trattori di Stalingrado.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, 500’000 giovani e valenti membri della Lega Giovanile andarono nell’Est e nel Nord dell’Unione Sovietica per costruire le principali basi industriali. Circa 350’000 giovani fecero grandi sforzi nelle terre non coltivate dell’estremo oriente per fornire grandi quantità di cibo al paese.

Nel mentre, l’Unione Sovietica attribuiva grande importanza al comunismo, al patriottismo e al collettivismo. Fu anche formata la Guardia Giovanile e scuole militari per gli adolescenti, l’ultima di queste funziona tutt’ora.

Tuttavia, nell’ultima fase dell’Unione Sovietica, la cura della gioventù e lo sviluppo della Lega della Gioventù videro un tendenziale indebolimento e del lassismo. Il favoritismo prevalse nel sistema educativo. La corruzione e la vita lussuosa dei figli dei dirigenti di alto livello come Leonid Breznev offuscarono severamente l’immagine della Lega della Gioventù e il PCUS.

Dopo che Mikhail Gorbaciov divenne leader, il numero dei membri della Lega della Gioventù cominciò a diminuire. I giovani avevano un punto di vista passivo verso l’idea comunista e le organizzazioni giovanili non governative anti comuniste cominciarono a crescere velocemente. Nella prospettiva della democratizzazione, della mercificazione e dell’occidentalizzazione, alcuni dirigenti della Lega della Gioventù o si impegnarono negli affari o si accontentarono dei propri privilegi.

Negli ultimi anni di Gorbaciov, il PCUS prese l’iniziativa di iniziare alcune joint ventures e alcuni la gestione di alcuni dipartimenti governativi venne commercializzata. Con il supporto del Comitato Centrale del PCUS, gli organismi della Lega della Gioventù a tutti i livelli furono usati come pionieri di questa ondata commerciale.

Pochi anni dopo, i dirigenti della Lega della Gioventù cavalcarono l’onda delle riforme economiche e alcuni addirittura emersero come giganti finanziari. L’affarista esiliato Mikhail Khodorkovsky fu uno di questi. Le statistiche della fine degli anni ’90 mostrano che gli ex dirigenti della Lega della Gioventù rappresentavano il 17% dell’elite economica della Russia.

Nel 1990 la Lega Sovietica della Gioventù fu dissolta. Ma nessuno dei suoi dirigenti si sentì addolorato, al contrario essi fecero grandi passi grazie all’ondata successiva di liberalizzazioni e privatizzazioni, e fecero grandi fortune. I diversi dipartimenti della sezione internazionale del Comitato Centrale della Lega della Gioventù si trasformarono addirittura in amministrazioni di commercio con l’estero.

La situazione migliorò solo dopo che Vladimir Putin ha preso il controllo del paese. Per fare fronte all’impatto delle rivoluzioni colorate e alle forze liberali, Putin ha cominciato a resuscitare le tradizioni sovietiche fondando le organizzazioni della gioventù Nashi, organizzando campi estivi giovanili e ravvivando il programma di salute staliniano “Pronti per il lavoro e la difesa”.

Inoltre, apprendendo dalle lezioni dell’Unione Sovietica, Putin ha rafforzato l’equità educativa e ha istituito esami nazionali unificati per entrare nei college per sconfiggere la corruzione in questo settore.

Quando la Lega Sovietica della Gioventù era dedita al patriottismo e alla partecipazione, rappresentava un’enorme fonte di passione e di creatività. Ma quando si distaccò dalla gioventù e dalla gente, perse la propria direzione e la propria vitalità. La storia della Lega Sovietica della Gioventù offre un ricco esempio politico, che vale la pena analizzare e studiare.