I comunisti russi si preparano alle elezioni per il rinnovo del parlamento

zyuganov podiodi Ghennady Zyuganov, leader del Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR)
da kprf.ru

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Il resoconto (e il video) dell’intervista concessa dal leader dei comunisti russi all’importante stazione radio “Eco di Mosca”, in vista delle prossime elezioni politiche per il rinnovo della Duma di Stato della Federazione Russa.

Zyuganov ha affermato che per la comprensione del futuro è necessario esaminare con attenzione i processi in corso. “Siamo tutti caduti in una trappola”, ha detto. “La cisi sistemica che ha avuto inizio in America otto anni fa, ha travolto duecento paesi. E noi siamo precipitati nella fossa più di tutti”. Il leader dei comunisti ha ricordato che due precedenti crisi sistemiche si sono concluse con la guerra. E ha anche sottolineato l’impatto devastante sull’economia del paese della politica economica e finanziaria liberale, promossa dal governo.

Per uscire dalla crisi, Zyuganov ha invitato ad attuare politiche indirizzate allo sviluppo delle forze produttive e al superamento delle divisioni sociali. A questo proposito, egli ha osservato che il Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) si presenta alle elezioni con un programma elaborato fin nei dettagli, che ha ricevuto un largo sostegno pubblico, e che è pronto in caso di vittoria a formare un governo di fiducia nazionale. Il Presidente del CC del PCFR ha anche invitato a ricordare l’esperienza della modernizzazione leninista-stalinista e a prestare attenzione alle aziende popolari, che stanno dimostrando un’alta efficienza, pur nelle condizioni della crisi.

Allo scopo di tradurre in pratica il programma anti-crisi del PCFR, ha affermato Ghennady Zyuganov, i comunisti e i loro alleati dovranno ottenere la maggioranza dei seggi in parlamento. A questo proposito, ha esortato gli elettori a recarsi in autunno alle urne e a sostenere il Partito Comunista. “Questa volta abbiamo la possibilità di vincere le elezioni con un ampio blocco di forze patriottiche”.

Tuttavia, ha fatto notare Zyuganov, in questo momento è condotta una lotta con metodi sporchi contro i candidati del Partito Comunista, che ha già portato all’esclusione, con pretesti formali, di alcuni di loro dalle liste elettorali. Tra questi il membro del Presidium e segretario del Comitato Centrale, Serghey Obukhov.

Tra le principali cause di tale discriminazione, il leader comunista ha indicato il tentativo del deputato comunista di scoprire dove sono finiti i soldi stanziati per la modernizzazione del sistema elettorale automatizzato. Una situazione analoga si è registrata con la rimozione dalla candidatura alle elezioni per il governatore della regione di Tversk del segretario del CC del PCFR Vadim Soloviov. Zyuganov ha riferito agli ascoltatori della preparazione di un’azione di protesta del PCFR a Krasnodar contro queste pratiche illegali.

Parlando della situazione nel Donbass, il leader comunista si è espresso sulla necessità dell’urgente riconoscimento dell’indipendenza della Repubblica Popolare di Donetsk e della Repubblica Popolare di Lugansk. E ha comunicato che il PCFR continuerà ad inviare convogli umanitari in Novorossya e ad accogliere a Mosca bambini provenienti dalle zone colpite dal conflitto.

Il Presidente del PCFR si è anche soffermato sui problemi legati allo sport nazionale. Egli ha condannato l’espulsione degli atleti russi dalle Olimpiadi e ha invitato a lottare fino in fondo per il loro diritto a rappresentare il paese nelle competizioni internazionali. Inoltre, Zyuganov ha sottolineato la necessità di promuovere lo sport di massa nel paese, e in relazione a ciò ha citato l’esperienza positiva della creazione da parte del Partito Comunista di un proprio club sportivo.

{youtube}dFp4I2VVV14{/youtube}