I comunisti dell’ex URSS: “La nostra forza è l’unità! Il fascismo non passerà!”

pc exurss leaderda skpkpss.ru | Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Il 10 luglio, nei pressi di Mosca si è svolto il Plenum del Consiglio dell’Unione dei Partiti Comunisti-PCUS, l’organizzazione che riunisce i partiti comunisti delle repubbliche dell’ex Unione Sovietica. Al termine del dibattito, aperto dalle relazioni dei leader del Partito Comunista di Ucraina, del Partito dei Comunisti della Repubblica di Moldova e del Partito Comunista della Federazione Russa, è stata approvata la risoluzione (che contiene un appello alla solidarietà e alla mobilitazione delle forze democratiche e progressiste dei paesi appartenenti alla NATO) di cui proponiamo la nostra traduzione.

L’aggravamento della situazione politica e i compiti dell’UPC-PCUS nella fase attuale della lotta per l’unità dei popoli fratelli”

Il Consiglio dell’Unione dei Partiti Comunisti-PCUS rileva che l’attuale fase dello sviluppo sociale è caratterizzata dall’aumento della crisi economica e sociale globale, da un’ulteriore crescita della minaccia di una nuova guerra mondiale. Esattamente cento anni dopo la prima guerra imperialista le parole di Vladimir Ilich Lenin secindo cui “politicamente l’imperialismo in generale rappresenta la tendenza alla violenza e alla reazione” ancora una volta ricevono una evidente conferma.

Il cosiddetto “nuovo ordine mondiale”, stabilito dagli USA e dai suoi complici dell’aggressivo blocco della NATO all’inizio degli anni 90 del secolo scorso, oggi si presenta come la dittatura terroristica aperta dei circoli reazionari del capitale oligarchico: il neofascismo. A causa dell’avidità e l’avventurismo dei magnati americani ed europei occidentali l’umanità sta pagando un prezzo terribile: centinaia di migliaia di morti e mutilati, il sangue e innumerevoli sofferenze della gente in Jugoslavia e Afghanistan, Iraq e Libia, Siria e Ucraina.

Il fascismo liberale copre tutti i suoi efferati crimini contro la pace con la demagogia a buon mercato sulla democrazia e i diritti individuali, la tolleranza e la priorità dei “valori umani”. Un particolare, animalesco odio la reazione neofascista manifesta nei confronti dei divisi popoli sovietici, che hanno dimostrato nel XX secolo di rappresentare l’esempio della costruzione di una nuova società, basati sui principi della giustizia sociale, della solidarietà e dell’umanesimo.

Lo scopo dei nuovi “padroni del mondo” è spezzare la volontà e distruggere quegli stati, che sono ancora in grado di resistere alle loro imposizioni. Per la separazione definitiva e l’asservimento delle repubbliche della distrutta Unione Sovietica, per l’isolamento e il definitivo smembramento territoriale della Federazione Russa, i servizi speciali degli USA nel febbraio 2014 hanno provocato un colpo di Stato armato in Ucraina. Con l’aiuto dei loro scagnozzi nazisti hanno diviso il paese, lo hanno sprofondato in un’atmosfera di terrore ed esaltazione sciovinista, hanno organizzato la tragedia della “Khatin di Odessa”, hanno scatenato una guerra fratricida su vasta scala nelle regioni sud-orientali della repubblica.

Il, Consiglio dell’UPC -PCUS invita il Presidente della Federazione Russa a presentare richieste rigorose al Presidente dell’Ucraina Poroshenko riguardanti la cessazione immediata della cosiddetta “operazione antiterrorismo” contro la popolazione civile del Donbass e di Lugansk.

L’oggetto principale della persecuzione e della violenza è il Partito Comunista. L’incendio della sede del Comitato Centrale e dei Comitati delle sue diramazioni regionali, la barbara demolizione dei monumenti a Lenin, la rabbiosa psicosi russofobica, il linciaggio da parte di una folla impazzita del leader dei comunisti di Lvov Rostislav Vasilko, la presentazione alla Rada di un progetto di legge per la proibizione del KPU e dei simboli sovietici, i tentativi di diffamare e dividere il partito dall’interno – tutto ciò è testimonianza del fatto che il neofascismo assume le sue forme estreme, più cannibalesche. Assistiamo al ritorno diretto alla pratica dei carnefici nazisti.

Noi, rappresentanti di 17 partiti comunisti fratelli dell’ex Unione Sovietica, ci rivolgiamo ai dirigenti dei partiti di sinistra dei paesi che fanno parte della NATO, e chiediamo loro di fermare le rappresaglie legislative contro coloro che si battono contro il fascismo risorgente. Ci rivolgiamo alla Federazione Mondiale Democratica delle Donne, alla Federazione Sindacale Mondiale, alla Federazione Mondiale della Gioventù Democratica, a tutte le forze antifasciste, di liberazione nazionale, di sinistra, socialiste, democratiche e progressiste con un appello a fermare la nuova offensiva della piaga bruna, foriera della catastrofe militare mondiale. In un fronte unito noi dobbiamo combattere l’ulteriore rafforzamento della NATO, impedire la più sfacciata interferenza dell’Occidente negli affari interni dell’Ucraina e degli altri paesi, mettere fine alla riabilitazione strisciante dei criminali nazisti e dei loro complici, sventare i tentativi anticostituzionali di proibire l’attività del Partito Comunista di Ucraina. Noi stiamo dando inizio alla campagna internazionale di solidarietà “No alla guerra e al fascismo in Ucraina!”.

Tutte le malefatte del neofascismo contro il popolo dell’Ucraina e gli altri popoli del mondo sono solo la prova dell’impotenza della reazione imperialista davanti alle leggi della storia. Gli USA hanno già soffocato l’umanità con la loro aggressione globale. Calpestando tutti i principi e le norme del diritto internazionale, scatenando costantemente il caos in tutti gli angoli del pianeta, si stanno avviando in un vicolo cieco militare-politico ed economico, da cui non saranno in condizione di uscire. Ecco perché riteniamo il modello imperialista di gestione del mondo impresentabile e condannato alla inevitabile rovina.

Il significato dell’iniziativa dei partiti fratelli dell’UPC-PCUS risiede nel fare tutto il possibile per accelerare la realizzazione di questo compito storico. Raggiungere l’obiettivo è possibile solo attraverso la combinazione delle concezioni scientifiche marxiste-leniniste con la pratica rivoluzionaria delle masse nei propri paesi. Il Consiglio dell’UPC-PCUS ribadisce la propria fedeltà alla parola d’ordine “La Nuova Unione è l’unico modo per salvare i popoli fratelli!”, La fuoruscita dei nostri stati dal pantano mortale, la garanzia della loro sovranità e della reale indipendenza nel contesto internazionale per noi si trova solo nel rafforzamento dell’integrazione. Già oggi nel quadro dell’Unione Doganale e nello Spazio Economico Comune di Russia, Bielorussia e Kazakistan sono presenti i requisiti per l’utilizzo di nuovi e inediti meccanismi politici ed economici.

Ma noi comunisti dobbiamo andare ancora oltre. Noi ci pronunciamo per un ampio movimento unificante di tutti, senza eccezione, i popoli dell’ex URSS. L’Unione dei Partiti Comunisti si opporrà nel modo più risoluto a tutte le azioni volte a minare la solidarietà internazionale, ad attizzare la discordia tra le nostre file, a promuovere il settarismo e il nazionalismo più esasperato. Non abbandoneremo i nostri compagni che sono incatenati nelle prigioni e perseguitati per le loro convinzioni politiche.

La nostra forza è l’unità! Il fascismo non passerà!