Ucraina: aiutiamo i perseguitati politici

Sergey Tkachenko and Denis Timofeev FacebookA seguire, il modello della lettera da inviare al Tribunale ucraino dove si tiene il processo contro Sergej Tkachenko e Denis Timofeev.

Un anno fa, il 1 settembre, nella regione di Dnepropetrovsk venivano arrestati due membri del Partito Comunista d’Ucraina: Sergej Tkachenko (segretario del partito e consigliere comunale a Dneprodzerzhinsk) e Denis Timofeev, segretario del partito a Baglejsk e capo della locale organizzazione Antifascista.

Solo successivamente sono stati resi noti i capi d’accusa: “attività separatiste” e detenzione e fabbricazione di armi (i due sarebbero stati intenti alla fabbricazione di granate in casa…).

Nel dicembre del 2014, la prima udienza del processo vide negare il rilascio su cauzione dei due militanti politici che da allora si vedono prorogare continuamente i due mesi di custodia cautelare in carcere (Timofeev poté beneficiare di alcune settimane ai domiciliari, per poi tornare in carcere su pressione del Procuratore della Repubblica a fine dicembre 2014).

Formalmente, i due restano in carcere accusati di “separatismo” in quanto oppositori della guerra nel Donbass  e della “Operazione Anti Terrorismo”, e di possesso di armi rinvenute “presumibilmente” (!) nelle loro abitazioni (art. 263 e 110 del Codice Penale).

Le ultime udienze (agosto 2015) si sono svolte nella violazione palese del diritto dei detenuti a difendersi: l’udienza del 13 agosto è stata anticipata da una udienza non prevista l’11, senza informare gli avvocati, e si è svolta quindi senza i legali degli imputati. Il giudice Tatiana Ivchenko e il pubblico ministero ne hanno approfittato per tentare di convincere i due, senza riuscirvi, ad assumere in propria difesa degli avvocati designati dal tribunale, in modo da risolvere “più velocemente” il caso promettendo addirittura di produrre la sentenza nella stessa giornata. L’udienza del 13 agosto si è svolta invece senza la presenza dei testimoni dell’accusa, e ai legali dei detenuti è stato vietato di esporre obiezioni alle contraddittorie testimonianze precedentemente prodotte e nuovamente riportate dall’accusa. La seduta si è conclusa con l’ennesima proroga di due mesi della detenzione (fino al 10 ottobre), e fissando una nuova udienza per l’8 settembre.

In vista della nuova udienza fissata per l’8 settembre, chiediamo ai nostri lettori di inviare, per posta o per e-mail, questa lettera in italiano e ucraino al Tribunale:

Dnipropetrovsk Region Court
Dniprodzerzhinsk, Guby str. 5
Ukraine, 51925

e-mail: [email protected]

______

Data:

Paese:

Al Tribunale Distrettuale di Dniprodzerzhinsk

Con la presente intendo esprimere la mia preoccupazione per le accuse penali e per il processo contro Sergej Tkachenko e Denis Timofeev che si tiene presso il Vs. tribunale. Apprendo che i due sono stati accusati ai sensi degli articoli 110 e 263 del Codice Penale dell’Ucraina.

Secondo le mie informazioni, i due imputati si sono apertamente espressi in favore di una risoluzione pacifica del conflitto politico in Ucraina orientale. Condivido questo punto di vista e non vedo alcun motivo per perseguire penalmente chi esprime questa posizione in Ucraina.

Sono preoccupato per il lungo periodo di detenzione degli imputati. Le loro richieste di libertà condizionale agli arresti domiciliari durante i lavori del Tribunale sono state negate dalla Vs. Corte. Questa sembra essere una grave violazione dei loro diritti.

Esorto il vostro tribunale a procedere rapidamente con questo caso, fornendo agli avvocati della difesa tutte le prove che i Pubblici Ministeri sostengono di avere contro gli imputati.

In fede,

Nome _______

Indirizzo / indirizzo e-mail ______


Дата:_______

Країна:_______

Заводському райнному суду м. Дніпродзержинська

Я пишу, щоб висловити свою стурбованість щодо кримінальних звинувачень і судового розгляду справи проти Сергія Ткаченка та Дениса Тимофєєва, яку розглядає ваш суд.

Їх звинувачують за статтями 110 та 263 Кримінального кодексу України.

За моїми даними, двоє обвинувачених висловлювалися за мирне вирішення політичного конфлікту на сході Україні. Я поділяю цю точку зору і не бачу причин, чому хтось в Україні має бути притягнутим за це до кримінальної відповідальності.

Я також стурбований тривалим утриманням обвинувачених під вартою. Їх апелляції щодо умовного звільнення під домашній арешт на час судового розсідування були відхилені судом. Це здається мені серйозним обмеження їх прав.

Я закликаю ваш суд розглянути цю справу якомога швидше, зокрема забезпечуючи адвокатів всіма доказами, що мають бути висунуті прокурорами у відношенні обвинувачуваних.

З повагою, _______

Адреса / e-mail: __________

A cura di Flavio Pettinari, animatore di “Con l’Ucraina antifascista” e collaboratore di Marx21.it