Per la liberazione dei compagni moldavi

petrenkoda www.solidnet.org

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Appello del Partito Comunista di Ucraina ai partiti comunisti e operai e alle forze di sinistra di tutto il mondo

Cari compagni!

Come sapete, oggi in Moldova, insieme ai suoi compagni, il leader del “Blocco Rosso” Grigory Petrenko, ex deputato del parlamento della Repubblica di Moldova e membro onorario dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio di Europa, si trova in stato di detenzione.

Questi compagni sono stati arrestati solo per essersi pronunciati pubblicamente contro la politica antipopolare del governo della Moldova.

Allo stesso tempo, gli attivisti e i loro parenti, che sono intervenuti in difesa dei prigionieri politici, hanno ricevuto minacce.

Minacce sono state rivolte anche nei confronti della moglie di Grigory, Lily, e dei suoi figli.

Presto dovrebbe svolgersi il processo e secondo le informazioni ricevute dovrebbe essere deciso il prolungamento della detenzione di Petrenko e dei suoi compagni.

Il Partito Comunista di Ucraina, certo non per sentito dire, sa bene cosa significano il terrore e la repressione da parte di un governo oligarchico e comprende il ruolo che possono svolgere le forze di sinistra allo scopo di ottenere la liberazione dei prigionieri politici.

Per parte nostra, abbiamo già inviato lettere di protesta e di sostegno ai prigionieri politici e ci rivolgiamo a voi con la richiesta di appoggiare la nostra iniziativa.

Chiediamo di indirizzare le vostre lettere con la richiesta della liberazione dei prigionieri politici a questo nostro indirizzo:

[email protected]

Sulla repressione  e la minaccia del fascismo in Moldavia:
https://www.marx21.it/internazionale/area-ex-urss/26009-in-moldavia-incombe-la-minaccia-del-fascismo.html