CPF BOLOGNA – ODG PROPOSTO DALLA SEGRETERIA

Il CPF di Bologna approva la scelta della segreteria provinciale di fare campagna attiva per il NO ai protocolli su Welfare e Pensioni nel referendum che si svolgerà in tutti i luoghi di lavoro l’8-9-10 ottobre 2007. Tale scelta è in sintonia con il malessere e la delusione di vasti strati del mondo del lavoro rispetto alla politica economica e sociale del governo Prodi, politica che contrasta il programma dell’Unione e le tante aspettative suscitate dalla sconfitta delle destre nelle elezioni politiche del 2006. Tale malessere si sta peraltro evidenziando in numerose assemblee nei luoghi di lavoro, non ultima quella agli stabilimenti Fiat di Mirafiori.
Il CPF di Bologna invita i Circoli, le compagne e i compagni impegnati nelle organizzazioni sindacali, gli iscritti e i simpatizzanti ad utilizzare i prossimi giorni per sostenere in tutti i luoghi di lavori e nelle assemblee convocate dai sindacati confederali le ragioni del NO: maggiori saranno i NO di lavoratori e pensionati e maggiori saranno le possibilità di cambiare tali protocolli.

Il Cpf di Bologna ritiene che, senza sostanziali modifiche a tali protocolli sui temi della lotta e della riduzione del lavoro precario, della salvaguardia e della tutela delle pensioni di anzianità, della difesa del contratto nazionale e della contrattazione dell’orario di lavoro, tali protocolli non siano votabili dai gruppi parlamentari del PRC.

(approvato all’unanimità dal cpf di Bologna – 2 Ottobre 2007)