TIBET: COMMISSIONE UE PREOCCUPATA, MA NO A BOICOTTAGGIO OLIMPIADI

La Commissione europea è molto preoccupata per la situazione in Tibet, ma non ritiene che un boicottaggio delle Olimpiadi sarebbe una risposta adeguata. È quanto ha dichiarato Christiane Hohmann, portavoce del commissario alle Relazioni Esterne Benita Ferrero-Waldner. «Siamo molti preoccupati – ha affermato Hohmann – per gli eventi in Tibet, ed esortiamo tutte le parti alla moderazione. Ciò significa che ci appelliamo alle autorità cinesi alla moderazione nella loro reazione ma anche ai manifestanti ad evitare la violenza». Quanto al possibile boicottaggio delle Olimpiadi, secondo Hohmann «non sarebbe un modo appropriato di rispondere al problema dei diritti dell’uomo, e cioè (in questo caso) dei diritti religiosi ed etnici dei tibetani». La risposta, ha concluso senza però approfondire, «dovrà essere fatta in un altro modo».