Teramo, festa Provinciale PdCI: una cosa fatta bene

Senza retorica,è stata una bellissima Festa.tanta gente nonostante la giornata lavorativa,un bel clima, voglia di impegnarsi.Compagne e Compagni che,pur coscienti del drammatico momento storico,accettano la sfida della Ricostruzione del Partito Comunista. avevamo bisogno di una festa cosi ben riuscita a Teramo(ma non solo,in tutte le citta’ d’italia),e ne avevamo bisogno per dare fiato ai polmoni e speranza ai cuori di tanti Compagni che da tempo hanno la sensazione di lottare contro i mulini a vento.gli interventi dei Compagni Alzarello,Macera, Licandro sono stati pertinenti ed organici,mostrando le contrapposizioni del sistema che si esplicitano con violenti attacchi alla Costituzione,ai diritti dei lavoratori ed in generale, e conseguenzialmente l’ineludibile necessita’ di avere un forte Partito Comunista,che sappia nuovamente dotare le classi subalterne di un pensiero autonomo di classe.Fosco invece,analizzando la situazione internazionale, ha puntato l’obiettivo sul carattere marcatamente antimperialista che dovra’ assumere il Partito e sul processo di ricostruzione e rafforzamento di esso attraverso le contraddizioni che sono riemerse grazie alla pubblicazione dell’Appello dei Mille:appello che ha posto nuovamente sotto i riflettori la questione dell’Unita’ dei Comunisti,generando peraltro molto entusiasmo nei territori.concludendo,è doveroso ringraziare sentitamente tutte le Compagne ed i Compagni intervenuti,consapevoli di essere appena all’inizio di una Lunga Marcia ma fiduciosi,perchè come ha detto il Compagno Licandro,”..in tanti hanno provato ad annientarci,ma non ci sono riusciti,e non ci riusciranno”. Buon lavoro a tutti!