TAV: comunicato del circolo di Giaveno – Valsangone del PRC

PARTITO DELLA RIFONDAZIONE COMUNISTA

Circolo di Giaveno – Valsangone
“Ernesto Che Guevara”

COMUNICATO STAMPA

LA DEMOCRAZIA CALPESTATA

Il Circolo di Giaveno – Valsangone del Partito della Rifondazione Comunista esprime il proprio incondizionato sostegno alle donne, agli uomini e a tutti gli Amministratori locali della Valle di Susa che stanno continuando a promuovere iniziative e mobilitazioni contro l’ inizio dei lavori propedeutici all’ avviamento dei cantieri dell’ alta velocità.

Siamo nettamente contrari a questa opera per tutti i motivi ormai noti e denunciati da tempo, che vanno dal pericolo reale e verificato per l ‘ambiente e il territorio (uranio e amianto), alla minaccia per la salute dei cittadini e dei lavoratori dei cantieri e al costo dell’ opera in sé.

Inoltre è viva la preoccupazione per l’ incolumità dei manifestanti e dei loro rappresentanti istituzionali e chiede al governo e al ministro dell’ interno Pisanu di richiamare le forze dell’ ordine a un maggiore rispetto del diritto di ognuno a manifestare contro l’ occupazione del proprio territorio e chiede al Presidente della Regione Piemonte di intervenire presso il governo nazionale presentando le medesime inquietudini.

Abbiamo garantito e garantiremo sempre la presenza dei nostri militanti, rappresentanti politici ed istituzionali a fianco della pacifica lotta degli abitanti della Valle di Susa, alfine di impedire il percorso di un’ opera dannosa ed inutile e lo sperpero di tante risorse.

Tutte le istituzioni politiche e democratiche devono mobilitarsi per la riuscita dello SCIOPERO GENERALE di tutta la Valle di Susa previsto per il giorno 16 novembre.

Giaveno, 5 novembre 2005