Soldati italiani in battaglia

I talebani sono penetrati in forze nel settore dell’Afghanistan occidentale presidiato dalle truppe Nato sotto il comando italiano. Lunedì, circa 400 jihadisti provenienti dalla provincia meridionale di Helmand sono entrati nel distretto di Gulistan, nella provincia di Farah, la più calda tra le quattro assegnate al Comando regionale Ovest della Nato, guidato dal generale degli alpini Fausto Màcor.
Secondo quanto riferito dal capo della polizia di Gulistan, Abdul Rehman Sarjang, i talebani si sono uniti ai guerriglieri locali per prendere il controllo del capoluogo dove «hanno sparato contro la popolazione uccidendo sette persone». Un portavoce dei talebani, Yousuf Ahmadi, ha confermato la conquista del distretto abitato da circa 55mila persone, per l’8o% di etnia pashtun e per il resto tagiki.
Sarjang ha dichiarato che i suoi agenti hanno subito tre caduti, ma hanno ucciso o ferito oltre una ventina di talebani prima di ripiegare di fronte alla superiorità numerica del nemico. «Abbiamo dovuto effettuare una ritirata tattica», ma l’ufficiale ha confermato che truppe afghane e della Nato stanno combattendo per «riprendere il controllo totale del distretto». Un’affermazione che confermerebbe il coinvolgimento delle truppe italiane schierate a Farah insieme a 200 militari americani del Provincial reconstruction team e a un reparto di Berretti verdi, forze speciali che dipendono però dal comando di Enduring Freedom.
Proprio per contrastare la penetrazione talebana, il comando italiano ha dislocato fin dall’anno scorso a Farah un centinaio di fanti della Forza di reazione rapida e alcuni distaccamenti di incursori. Nessuna fonte ufficiale italiana ha fornito notizie sulle operazioni in corso. Secondo indiscrezioni le truppe italiane per il momento non parteciperebbero direttamente agli scontri, ma fornirebbero supporto a un battaglione dell’esercito afghano e ai reparti di polizia impegnati nei combattimenti.
I mezzi in dotazione comprendono tre elicotteri da trasporto
CH-47, due velivoli teleguidati da ricognizione Predator (in gra
do di mantenere per lungo tempo una sorveglianza capillare
del territorio) e cinque elicotteri da combattimento Mangusta
(due recentemente spostati dall’aeroporto di Herat alla base
di Farah).
Se i dati forniti dalla polizia verranno confermati, quella in corso nel Gulistan è la più grande offensiva talebana nel settore a comando italiano. Per questo pare improbabile che le truppe italiane e alleate non vengano coinvolte nei combattimenti tenendo conto della debolezza delle truppe governative e che i consiglieri militari italiani e americani addestrano e accompagnano in azione i battaglioni afghani.
Il distretto del Gulistan era già stato occupato dai talebani che
ne vennero cacciati dopo aspri combattimenti nel settembre
2005, in base alla tattica che prevede di assumere il controllo di
un distretto per poi ritirarsi all’arrivo dei rinforzi alleati. Con
l’esclusione di Musa Qala, a Helmand, ormai da un anno in mano
agli uomini del mullah Omar.