Si rafforza la cooperazione trilaterale tra Cina, Russia e India

Un nuovo “polo” euro-asiatico nella politica mondiale?
Il ministro cinese degli Affari esteri Li Zhaoxing e i suoi omologhi russo e indiano, Serghei Lavrov e Natwar Singh, si sono riuniti giovedì 2 giugno a Vladivostok nella 4° riunione informale dei ministri degli Affari esteri dei tre paesi.

I tre ministri degli Affari esteri hanno scambiato i loro punti di vista sulla situazione regionale e internazionale come pure sulla cooperazione trilaterale in campo economico.

Il Sig. Li ha voluto rilevare quanto sia stato utile per i tre paesi scambiare i loro punti di vista sui problemi regionali e internazionali di interesse comune e di esplorare la possibilità di una cooperazione trilateralmente proficua nell’attuale complicata situazione internazionale.

Nel corso della riunione, i tre ministri hanno espresso valutazioni comuni su una larga gamma di problemi.

Essi hanno esaltato lo sviluppo delle relazioni tra Stato e Stato in conformità con il diritto internazionale e sulla base dei cinque principi della coesistenza pacifica, hanno sostenuto il multilateralismo e promesso di facilitare la multipolarizzazione, la democratizzazione delle relazioni internazionali e la diversificazione delle vie di sviluppo.

I ministri si sono anche impegnati a promuovere un’economia mondiale segnata dalla prosperità comune e ad aiutare a stabilire un ordine internazionale equo e ragionevole. Hanno anche sostenuto il ruolo cruciale delle Nazioni Unite negli affari internazionali.

I ministri hanno convenuto di procedere a una cooperazione sostanziale per affrontare le nuove sfide e minacce, rilevando che la lotta contro il terrorismo dovrebbe essere condotta incessantemente e senza posizioni di doppiezza. Hanno anche accettato di rafforzare la cooperazione nella lotta contro il traffico della droga e i crimini trasfrontalieri.

In campo economico, le tre parti hanno ritenuto che esiste un grande potenziale per la cooperazione trilateralmente vantaggiosa nei trasporti, nell’agricoltura, nell’energia e nell’alta tecnologia, come pure nella cultura e hanno incoraggiato a rafforzare i contatti diretti tra gli uomini d’affari dei tre paesi.

I ministri hanno valutato positivamente questa riunione, facendo notare che si è svolta in un clima di interesse dei tre paesi per il rafforzamento della cooperazione trilaterale tra partner strategici.

Inoltre, essi hanno messo in rilievo come tale cooperazione che arreca benefici reciprocamente vantaggiosi per i tre paesi e che non è diretta contro alcun paese terzo, contribuisca alla pace, alla stabilità e allo sviluppo comune in Asia e nel resto del mondo.

Al termine della riunione, i tre ministri hanno pubblicato un comunicato congiunto.

Traduzione dal francese a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare