Sgomberato l’Angelo Mai a Roma. Il PRC: irresponsabile, Veltroni intervenga

“Lo sgombero dell’Angelo Mai, esperienza sociale consolidata e laboratorio culturale autogestito, è un atto irresponsabile di chi ha scelto la strada della forza invece di continuare il dialogo e il confronto per trovare una soluzione positiva”. Così, in una nota, la capogruppo del Prc-Se al Consiglio comunale di Roma Adriana Spera.

“La Polizia Municipale – sottolinea – è intervenuta improvvisamente e in un primo momento non ha permesso l’accesso ai locali ai parlamentari Bonadonna e Martone accorsi fuori per portare solidarietà. Il consigliere regionale Mariani è stato aggredito ed è rimasto ferito, giacendo poi in terra per più di venti minuti prima dell’arrivo di un’ambulanza”.

“Sono stati impiegati inoltre agenti in borghese tra i quali – continua Spera – diversi agenti della Polizia Municipale, che non si capisce perché siano stati coinvolti in quest’azione”. Secondo l’esponente del Prc al Comune di Roma “si vuole evidentemente proseguire nella realizzazione di un Centro Storico tutto vetrine e salotti, allontanando i residenti impossibilitati a comprare case che sono arrivate a costare decine di migliaia di euro a metro quadro”.

“I lavori ed il cantiere per la ristrutturazione dell’area già lasciata libera – prosegue – potevano tranquillamente proseguire. Mentre invece la sede alternativa non è stata ancora trovata. Faccio appello al Sindaco e alla Giunta del Comune di Roma per bloccare lo sgombero e per far riprendere il confronto democratico con gli occupanti”.

“Rinnovo tutta la mia solidarietà agli occupanti e – conclude Spera – chiederò un impegno concreto a tutte le forze della maggioranza Capitolina”.