Perchè Liberazione promuova il proporzionale

Caro Direttore,
non conosco il testo della legge elettorale proposto dal centro-destra, che viene indicato come ritorno al proporzionale, con due o tre sbarramenti, con premio di maggioranza e con salvaguardia del bipolarismo. Può darsi che sia una colossale truffa, che, in tal caso, deve essere respinta con la massima decisione. Infatti, sono contrario al bipolarismo per legge, agli sbarramenti, ai premi di maggioranza e all’indicazione del “premier” sulla scheda elettorale. Sono, però, favorevole al proporzionale e sono ben convinto che in qualunque momento si presenti l’occasione per ripristinarlo essa debba essere accolta. Non capisco l’argomento di chi dice che non si cambiano le regole alla vigilia del voto. Non capisco perché si voglia mantenere una legge maggioritaria, che è antidemocratica per eccellenza e che ha prodotto tanti guasti e disastri (una differenza spropositata fra maggioranza e opposizione in Parlamento; la proliferazione di partitini vari di comodo; l’astensionismo di chi prevede che il proprio voto verrebbe completamente azzerato;…).
Sono veramente indignato della posizione di tutta “l’Unione”, che si rifiuta di affossare il maggioritario senza nemmeno tentare di ripristinare una legge elettorale proporzionale seria! Lo fa per impedire che il centro-destra riduca il danno della sua sconfitta? Che spirito democratico è mai questo: ridurre la rappresentanza dei perdenti con una legge antidemocratica come è quella maggioritaria?
Credo che sarebbe molto importante per la democrazia ritornare al proporzionale. Perché “Liberazione” non promuove una forte campagna in tal senso?
Grazie.
Cordiali saluti.

Gilberto Volta