Paga il lavoro

Dai lavoratori dipendenti alle imprese; dalle imprese all’Inps; dall’Inps allo stato; dallo stato nel gran calderone della spesa pubblica. Forse destinato a finanziare (750 milioni) le missioni di «pace» nel mondo, o il ponte di Messina (500 milloni) che avevano promesso sarebbe stato pagato dai privati, oppure destinati (130 milioni) alle scuole private: questo il percorso che ha fatto il Tft inoptato, cioè il Tfr di chi ha deciso di non decidere, dei lavoratori nelle imprese con oltre 50 dipendenti. Per Angeletti segretario della Uil, la decisione di Tremonti è la conferma della bontà della battaglia fatta due anni fa dal suo sindacato per obbligare tutti i lavoratori a versare il l’fr ai fondi di previdenza integrativa. Per noi è la conferma di un errore gigantesco, con il governo Prodi complice. E le imprese non ne hanno tratto alcun beneficio in termini di risorse aggiuntive da destinare allo sviluppo e alla crescita dell’occupazione.

Certo, anche le imprese non erano solite monetizzare il Tfr, ma lo investivano utilizzando i soldi dei lavoratori per acquistare macchine, edifici, scorte. Se anche lo stato lo facesse, nessuno avrebbe da ridire. In altre parole se il Tfr accumulato (oltre 3 miliardi di euro versati da 3 milioni di lavoratori) finisse in asffi nido, in energie rinnovabifi, in sicurezza ambientale e in case per i lavoratori probabilmente nessuno avrebbe da ridire. Ma la sottrazione del tesoretto del Tfr assomiglia tanto a una rapina, nonostante le rassicurazioni – banali e scontate, di qualche ministro, tipo Sacconi – che i lavorato- ri non perderanno il loro Tfr. Per l’idea «geniale», da ennesimo colpo di finanza creativa di Giulio Tremonti un merito lo ha: ha messo in evidenza che tutto il sistema economico si regge sullavoro dipendente e che gli altri «fattori produttivi» altro non sono che lavoro «morto», del quale altri si sono appropriati.

La situazione è complicata, ma la finanziaria per il 2010 non la semplifica. E soprattutto non fa nulla per il lavoro, salvo piccole elemosine per chi il lavoro lo ha perso. Ieri Guglielmo Epifani, per dimostrare quello che non fa questa finanziaria, ha chiesto perché non vengano destinati per i Tremonti bond allo sviluppo i fondi non utilizzati dalle banche. Un’idea semplice, ma efficace Basterebbe che altri soggetti economici privati emettano bond che dovrebbe sottoscrivere il tesoro specificando a quali tIni viene destinato il ricavato. Così le persone saprebbero cosa finanziano. Lo stesso potrebbe essere fatto con il Tfr che diventerebbe una sorta di «tassa di scopo» pagata dal lavoratori per investimenti che sono loro a decidere e soggetti, anche privati, a realizzare, ma con milioni di occhi puntati addosso a controllare che i soldi siano spesi beni.

Questa finanziaria sta scontentando proprio tutti: gli enti locali, comuni in testa, stanno per portare in piazza la loro protesta a dimostrazione che il federalismo fiscale è una balia gigantesca. Tra due giorni, invece, il mondo della formazione sarà in piazza: contro la fuga di cervelli all’estero e contro una politica che vuol far diventare efficiente la scuola regalando soldi agli istituti privati.