“Operazione Willian Lara”

Venezuela, 20 settembre 2010

Bene, miei cari compagni, oggi è già domenica 19 settembre e siamo entrati nella retta finale della Campagna Ammirabile: È l’offensiva finale verso il 26-S!

Quel giorno lanceremo la “Operazione Willian Lara” per la quale è necessario ultimare tutti i più piccoli dettagli. Venerdì 17 abbiamo fatto una riunione con gli alti comandi nazionali, statali e circuitali per il coordinamento finale. E lì, verso mezzogiorno, mi sono permesso di enunciare l’ “Ordine delle Operazioni” per assicurare la Gran Victoria Rivoluzionaria.

L’Ordine delle Operazioni comincia con la prima parte o Paragrafo I che chiamiamo “Situazione”. Questo è composto da due parti: la Situazione Generale e la Situazione Particolare. La Situazione Generale è ben conosciuta, ma è necessario riassumerla a grandi linee.

Le forze imperiali, nel loro impegno per recuperare il dominio sul Venezuela e trasformare la nostra patria nuovamente in una colonia dei gringos, ha lanciato ancora una volta la sua offensiva per tentare di occupare l’Assemblea Nazionale con i loro servi, con la loro quinta colonna, e dopo, da lì, ostacolare, ritardare e debilitare il Governo e la Rivoluzione Bolivariana, mirando al suo rovesciamento per qualunque via, prima che concluda l’attuale periodo presidenziale o alle elezioni del dicembre 2012.

In questo modo, essi aspirano a fermare la marcia verso il socialismo e il ritorno del Venezuela al dominio del capitalismo mondiale e della borghesia filostatunitense che lo serve.

La Situazione Particolare merita anch’essa di essere presentata chiaramente, affinché i rivoluzionari e le rivoluzionarie riescano ad ubicarsi esattamente nello scenario specifico di ogni regione, di ogni stato, di ogni circuito, di ogni centro elettorale, di ogni tavolo, di ogni Pattuglia Bolivar 200.

Si tratta di portare la situazione generale strategica alla situazione particolare sul piano tattico, per ottenere quegli strumenti necessari a fornire a tutti la giusta prospettiva, che ci collochi nelle coordinate di tempo e spazio nelle quali realmente ci muoviamo, anche per il posto in battaglia più modesto che ci tocchi.

In realtà, compatriota che mi leggi, noi siamo soldati di una battaglia che, nelle coordinate del tempo, trascende i secoli, e nelle coordinate dello spazio, trascende i continenti.

Il Paragrafo II dell’Ordine delle Operazioni “Willian Lara” è “La Missione” il cui enunciato deve rispondere alle seguenti domande: chi, che cosa, quando, dove e per che motivo? Vediamo.

Il Partito Socialista Unito del Venezuela, agendo come la grande avanguardia del popolo venezuelano, in alleanza con altri partiti e forze sociali bolivariane rivoluzionarie, lancerà una poderosa offensiva con tutto il suo potenziale, a partire dal 260600SEP2010 (cioè a partire dalle ore 6 della mattina di domenica 26 settembre), in tutto il territorio nazionale, nei 87 circuiti elettorali, per ottenere la vittoria elettorale nella gran maggioranza degli stati e circuiti, ed assicurare così, una nuova egemonia rivoluzionaria nell’Assemblea Nazionale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, intendendo detta egemonia, come il controllo da parte della Rivoluzione, di non meno dei due terzi dell’Assemblea, assicurando in questa modo la continuità della transizione pacifica e democratica del nostro Venezuela verso il socialismo, modo di vita nel quale diventeranno realtà i postulati del Cristo Redentore ed i nobili propositi del progetto di Simón Bolívar.

Poi viene il Paragrafo III: L’Esecuzione. Qui descriviamo come si sviluppa l’operazione. Normalmente si divide in fasi o tappe e come detto ieri nella riunione con i comandi, organizziamo l’operazione “Willian Lara” in quattro fasi. Vediamo.

La Prima Fase andrà dalle 6 a.m. fino alle a mezzogiorno e sarà il lancio massiccio: Alla carica! All’attacco sostenuto!
La Seconda Fase andrà dalle 12 fino alle 16:00 (4 p.m.): Annientamento demolitore!
La Terza Fase dalle 16:00 fino alla chiusura dei seggi : A passo risoluto!
E la Quarta Fase fino a che si sia ottenuta e consolidata la Gran Vittoria: Consolidamento!

Il Paragrafo IV deve essere quello della Logistica. Disse Napoleone Bonaparte: “Gli Eserciti camminano sugli stomaci”. Qui si richiede di prevedere tutto, con abbondanza di dettagli.

E finalmente, nel Paragrafo V devono essere segnalati tutti i dettagli del Comando e le Comunicazioni, aspetto vitale per assicurare il controllo delle operazioni, mantenere il ritmo dell’offensiva ed assicurare la vittoria rivoluzionaria.

Richiamo tutti i Comandi di Pattuglia, di UBB 200, i Comandi Circuitali, gli Statali, il Comando Nazionale Bolivar 200, affinché realizzino il rispettivo Ordine di Operazioni “Willian Lara”, seguendo il formato e le logiche già indicate: I. Situazione; II. Missione; III. Esecuzione; IV. Logistica; V. Comando e Comunicazioni

E tutto questo compagni, condito con un energico amor patrio, quel Fuoco Sacro che fin qui ci ha portato che lì ci spinge… Che seguirà a spingerci. Di battaglia in battaglia e di Vittoria in Vittoria!

Andiamo dunque, con sacrificio, per il futuro dei nostri figli.

Vinceremo!