Nello er cascherino

Nello er cascherino

– A Nello, statte un po’ bbono, basta co sste chiacchiere,
mo bbisogna lavorà. Famme sto sacrosanto de piacere,
lava ste quattro tazzine prima de la pausa de mezzodì,
quanno er locale se riempe e noi nimmanco potemo dì
un po’ de stronzate co lli clienti, co quele du’ pischelle
che ce fanno arapà. Ahò! Poni in vetrina le pasterelle,

mettece un po’ d’attenzione, che ciài in testa, du’ mosciarelle?-
Pe ttutta la ggiornata er padrone me fa li cojoni a mozzarelle
e io me arimovo solo quanno entra Elena e arimango lì tutt’incantato,
senza la dritta, mannaggia me, de connette, de dije: – Sò innamorato
der tu’ grugnetto bello – Sì zignore, ecco qua er su’ capuccino…-
Mappoi m’ascorto: – Guarda, quela lì è avocato e tu? Un cascherino! –