Metalmeccanici, raggiunto l’accordoaumento salariale di 100 euro

ROMA – Accordo raggiunto tra Federmeccanica e sindacati per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. C’è l’intesa infatti anche sull’aumento
salariale, che è stato fissato a 100 euro mensili (al quinto livello, riparametrati per gli altri livelli). Il nuovo contratto varrà fino al 30 giugno 2007, con un allungamento di 6 mesi rispetto alla naturale cadenza di fine 2006.

Il segretario della Uilm, Antonino Regazzi, ha spiegato che si è inoltre concordata una ‘una tantum’ di 320 euro, e una erogazione di 130 euro per i lavoratori senza secondo livello di contrattazione e ai minimi salariali.

L’ultimo round del negoziato era iniziato ieri nel pomeriggio e, dopo un’intesa di massima sulla parte normativa (in particolare su mercato del lavoro, flessibilità e apprendistato) si era bloccato nella nottata sulla parte salariale.

Infatti i sindacati Fiom, Fim e Uilm non intendevano scendere al di sotto della cifra ‘soglia’ dei 100 euro per l’aumento salariale. Mentre Federmeccanica, l’associazione imprenditoriale che fa capo a confindustria, che partiva dai 94,5 euro della precedente proposta, si era fermata a 99,5 euro.

Si chiude così una vertenza durata mesi: il contratto collettivo di lavoro
dei metalmeccanici è scaduto infatti a fine 2004. E, nelle ultime ettimane, le manifestazioni di protesta dei lavoratori erano spesso sfociate in blocchi stradali, creando notevoli disagi.