L’ultima sfida di un leader

Noi speriamo di no, ma forse l’ultima sfida di Fidel Castro è cominciata. Da tempo, almeno un anno, erano cominciate le mosse dentro la leadership cubana per evitare che il dopo-Fidel coincidesse – in un modo o nell’altro – con l’apocalisse e per dare un minimo di garanzia che la rivoluzione sopravvivesse all’uscita di scena del lidermaximo. Tutto lasciava credere che quell’ultima sfida di Fidel sarebbe coincisacon il suo ottantesimo compleanno, per cui si preparavano i festeggiamenti il 13 agosto. Di certo nessuno, a cominciare da lui che una volta ha detto che «un rivoluzionario non va in pensione», poteva pensare a un buen retiro. Semmai a una serie di passaggi che dovevano preparare i cubani e ilmondo al «dopo». Ora, dopo che nella notte di lunedì le cose sono precipitate, quella sfida sembra accelerarsi e riguardare non più il domani ma l’oggi. Fidel, dice il comunicato letto alla tv cubana dal suo segretario personale, non ha retto allo «stress estremo » del viaggio in Argentina per il vertice del Mercosud e poi delle celebrazioni per l’anniversario dell’attacco al Moncada del 26 luglio del ’53. Ed è crollato. Operato di un’operazione di cui non si sa ancora moltomache deve essere stata pesante e che, come dice nella sua lettera, lo costringerà a restare fuori gioco «per varie settimane». Non era mai successo, in 47 anni di potere totale e totalizzante, che decidesse di delegare i suoi poteri ad altri, il fratello Raul, l’eterno numero due divenuto vecchio (ha da poco compiuto i 75 anni) prima di diventare «grande», ma anche agli altri componenti dellanomenclatura. In queste ore ledomande e le incognite si moltiplicano e si accavallano. Che ne sarà di Cuba? Che ne sarà, nel bene e nel male, della rivoluzione? Che farà Raul e soprattutto chi è Raul?Che farà Bush che appena il 10 luglio scorso aveva annunciato il suo nuovo piano (corredato di 80 milioni di dollari) per favorire «la transizione alla democrazia » a Cuba? Quella cubana, che torni a no Fidel al timone, sarà una successione o una transizione? E verso dove? Le variabili sono molte e gli intrecci possibili anche di più. Resi ancor più indecifrabili dalla prorompente personalità di Fidel, che comunque lo si giudichi, è stato unodegli ultimi giganti della politica mondiale della seconda metà del secolo scorso. Una personalità unica. Come ha detto una volta il suo amico Garcia Marquez, «Fidel Castro è la principale forza della rivoluzione, ma anche la sua principale debolezza». Perché lui «è» – o «era» – la rivoluzione. E la grande incognita di questomomentoè capire se è riuscito nel suo sforzo più grande: dare alla sua creatura la forza e le gambe per poter camminare anche dopo e senza di lui. Quasi mezzo secolo di potere è un tempo troppo lungo per qualsiasi leader, anche perungrande leader. Specie per chi ha dovutomuoversi nella rempestosa seconda metà del secolo breve. Specie per chi ha osato sfidare, mezzo secolo fa, la superpotenza arrogante e globale che dista solo 90 miglia da Cuba. E che non gli ha mai perdonato di avere tolto all’isola quella condizione di casinò e bordello a buon mercato per gli americani,mafiosi e no, che durava dalla sua «liberazione » dalla Spagna.
Da Eisenhower in poi ogni presidente che hamesso piede nella Casa bianca ha promesso che avrebbe «liberato »Cuba dai suoi liberatori e vi avrebbe portato la democrazia genuina. Da allora Fidelne ha visti sfilare 10 di presidente. Noi speriamo che l’orrendo Bush non sia l’ultimo. In ogni caso, qualunque sia l’esito del male che ha colpito Fidel, gli americani dovranno fare attenzione. Possono lasciare che gli scalmanati della calle 8 di Miami escano a brindare e festeggiare ma, come ogni altra volta, non è detto che sia quella buona né che, se lo fosse, la fine della storia sia quella che loro auspicano. Perché, si diceva, il meccanismo della successione- o-transizione era già partito, avviato dallo stesso Fidel. Forse una premonizione, forse la paura del vuoto dopo di lui. Che poi il meccanismo funzioni o dove porti, è un altro discorso. Non è detto che, contrariamente a quanti confidano nel grande crollo di tutto il sistema, la successione e la transizione non possano coincidere. Ultimamente nell’isola era stata data (o ridata) grande attenzione alla figura di Raul indicato, dalla costituzione ma non solo, come l’uomo che avrebbe dovuto guidare Cuba nel dopo-Fidel.Main giugno lo stesso Raul,parlando non a caso davanti ai comandi militari, aveva ricordato che «il Partito comunista, come istituzione che raccoglie l’avanguardia rivoluzionaria » è l’unica capace di raccogliere l’eredità della «insostituibile» leadership di Fidel. Quella che si delinea sempre più chiaramente è «una successione istituzionale».Untriangolo conRaul al vertice più alto, le forze armate e il partito negli angoli bassi. Ma questo può non bastare. Perché Raul è un’incognita e nessuno sa davvero se e quale sorpresa possa riservare. Di certo non possiede il carisma straordinario del fratello ed è improbabile che se lo possa dare alla sua età. Può non bastare e lo si capisce dalle parole pronunciate in parlamento, a fine dicembre, del giovane ministro degli esteri Felipe Perez Roque, uno della generazione dei quarantenni su cui Fidel punta molto: la leadership del dopo-Fidel dovrà saper mantenere «l’autorità morale», «l’appoggio della maggioranza della popolazione » e dovrà impedire che «riappaia una classe proprietaria nell’isola». Non è poco né facile. I segnali che qualcosa si stavamuovendo verso la successione c’erano da prima della malattia di Fidel. Le insistenti dichiarazioni che la nuovaleadership dovrà essere nonpiù diunuomo ma collettiva (e questo, se riesce, sarebbe una grande risposta); lo zelo della nomenclatura cubana nel riaffermare il ruolo delle forze armate e del Pc (tanto che è stato ristabilito da poco il segretariato del comitato centrale abolito negli anni 90); i passi verso la ri-centralizzazione dell’economia sotto un più stretto controllo statale dopo che l’apertura verso l’iniziativa privata aveva portato a una spaccatura seria dell’«egualitarismo nella povertà» dando una posizione di sempremaggior privilegio a coloro che potevano maneggiare dollari (e non erano solo le vituperate jineteras); l’insistenza sulla figura di Raul che ha avuto l’aria di promuoverlo, oltre l’ufficialità costituzionale, al rango di successore. Quello che succederà nessuno, in queste ore, può dirlo. Gli americani delineano almeno una ventina di scenari possibili, ma gli analisti della Cia in questi 47 anni non ci hanno mai azzeccato per cui non sono da prendere molto sul serio. Successione o transizione? Lenta o rapida? Pacifica o violenta? Oswaldo Payà, il dissidente democristiano forse più serio e temibile, dice che «il fidelismo, ossia la concentrazione del potere, nonpotrà continuare senza Fidel», per cui qualsiasi governo dopo di lui sarà transitorio. Verso che cosa però non è chiaro e dipenderà da molti fattori. Il primo, inevitabilmente è «il fattore Stati uniti», che però è pericoloso da maneggiare perché i cubani prima ancora che socialisti sono fidelisti ossia nazionalisti. Il secondo fattore è legato all’economia: dovrà aprirsi per cercare maggiore consenso o si chiuderà ancor più su se stessa in un modello statalista? Il terzo fattore sono le forze armate, depositarie dell’oroglioso sentimento di indipendenza nazionale maanche di un grande potere economico. Sarà una transizione alla cinese o alla vietnamita? Si vedrà presto perchè la successione cubana, che era già cominciata al passo, ora potrebbe dover andare per forza di cose al galoppo.