Interperllanza Israele-Nato

INTERPELLANZA

I sottoscritti chiedono di interpellare il Ministro degli Esteri e il Ministro della Difesa, per sapere

– premesso che:

notizie di stampa riferiscono che lo scorso 16 ottobre, nella sede del comando Nato a Bruxelles, è stato siglato un accordo di cooperazione bilaterale tra l’Alleanza atlantica e Israele che prevede la partecipazione dello Stato ebraico ad operazioni antiterrorismo, e più specificamente ad operazioni di pattugliamento navale nel Mediterraneo, nell’ambito della missione «Active Endeavour»;

tale accordo è stato reso noto in occasione di un convegno sul tema «I rapporti Nato-Israele e il dialogo Mediterraneo» svoltosi nella cittadina israeliana di Herzlya alla presenza del ministro degli Esteri di Tel Aviv, signora Tzipi Livni, e del vicesegretario generale della Nato, Alessandro Minuto Rizzo, il quale ha fatto esplicito riferimento ad «esercitazioni militari comuni» quali aspetti salienti di un «nuovo capitolo nella cooperazione tra Israele e la Nato», definiti dalla signora Livni, nel corso dello stesso convegno, «partner naturali»;

per porre fine ai violenti bombardamenti israeliani contro il Libano, nel corso dei quali sono state impiegate bombe al fosforo e oltre 500mila bombe a grappolo, lo scorso 21 agosto il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha emesso la risoluzione 1701 con cui è stato posto in essere, nel quadro della missione Unifil, un intervento di interposizione tra Israele e Libano al quale partecipano in posizione eminente e con notevole dispiegamento di forze umane e strumentali numerosi Paesi europei (tra cui, con particolare impegno, l’Italia), membri al tempo stesso dell’Alleanza Atlantica:

– se il Governo italiano sia stato preventivamente informato e consultato in merito, e quali informazioni al riguardo i Ministri interpellati ritengano di dover fornire quanto prima al Parlamento;

– se i Ministri interpellati non ritengano che il coinvolgimento in operazioni Nato di una delle parti belligeranti nel recente conflitto israelo-libanese sia inopportuno in contemporanea alla missione Onu di interposizione, considerata la rilevante presenza in tale missione di Paesi membri dell’Alleanza Atlantica;

– quali misure i Ministri interpellati intendano assumere al fine di evitare che il nostro Paese si trovi a svolgere, al tempo stesso e nella stessa regione, la duplice e contraddittoria funzione di soggetto neutrale di interposizione tra due Stati belligeranti e di partner in accordi di cooperazione militare con uno di essi.

On. Alberto Burgio