Documento del CPF di Bologna sul testo di Cofferati sulla legalità

ODG CPF DEL 16 NOVEMBRE 2005

Il CPF di Bologna, nonostante i miglioramenti apportati al documento sulla legalità, ritiene vi siano ancora alcuni punti non condivisibili. In questi mesi, insieme al PRC, altre forze politiche, sociali e dell’associazionismo hanno espresso dubbi e perplessità riguardo una discussione sulla legalità che non teneva conto né del programma di mandato né del disagio sociale che sempre determina situazioni di degrado.
L’unità di tutte le espressioni della sinistra di alternativa è stata essenziale nel produrre il risultato attuale e sarà ugualmente importante per spostare la discussione e il confronto politico sui concreti problemi sociali e amministrativi della città. Il testo presentato dal Sindaco tuttavia presenta ancora margini di ambiguità e concetti che non ne permettono la condivisione e che hanno necessità di essere ulteriormente migliorati dalla discussione in Consiglio comunale oltre ad essere verificati nell’azione amministrativa concreta.
Il cpf di Bologna dà mandato al gruppo consiliare di partecipare alla discussione che ci sarà in consiglio comunale e, stante l’attuale testo, di astenersi senza però rinunciare ad acquisire ogni miglioramento al testo stesso.

Il cpf di Bologna esprime apprezzamento per il positivo contributo dato alla discussione in Giunta dal nostro assessore Maurizio Zamboni, che gode della nostra piena fiducia, e per il positivo lavoro compiuto dalla segreteria e dalle proprie rappresentanze istituzionali del PRC.

Il rapporto tra sindaco e Giunta, tra Giunta e maggioranza, è definito dal programma di governo collegialmente sottoscritto da tutte le forze politiche dell’Unione e votato dal 56% dei bolognesi. Per questo il cpf di Bologna conferma la propria presenza nella maggioranza e nella Giunta e ritiene importante superare le polemiche di questi mesi per dare attuazione al programma di mandato, perché altre sono le priorità per il governo di Bologna.

Il CPF impegna la segreteria a perseguire una più forte iniziativa di confronto e di azione unitaria con tutti quei soggetti politici, sindacali, associazioni e movimenti che hanno partecipato positivamente al dibattito cittadino per affrontare i seri e concreti problemi della nostra città.

La segreteria