Conferenza internazionale contro il terrorismo e per la pace: i messaggi di solidarietà a Cuba

Granma, 2 giugno 05

Le cause più giuste del mondo hanno un’accoglienza molto favorevole tra settori precisi: lo svolgimento all’Avana da oggi 2 giugno dell’Incontro Internazionale contro il Terrorismo, per la verità e la giustizia, lo dimostra anche con i messaggi inviati in occasione dell’appuntamento da molte personalità.

Il Segretario Generale del Comitato Centrale della Federazione Russa Guennadi Ziuganov, ha indirizzato al Comandante in Capo Fidel Castro un messaggio che dice: “Seguiamo con la massima e permanente attenzione la lotta del popolo cubano per la giustizia la pace e la libertà! I nemici di Cuba non si limitano al blocco economico e alle campagne contro l’Isola. Dai primi giorni dell’esistenza di una Cuba libera stanno sferrando una vera guerra terrorista della quale è vittima la gente innocente!” sostiene il documento. “Ogni giorno ascoltiamo inviti di partecipazione alla lotta contro il terrorismo e con questo pretesto si fanno le guerre e paesi e popoli interi vengono dichiarati esclusi. È proprio l’amministrazione nordamericana che grida più forte per questa guerra contro il terrorismo e tutti sappiamo che sono i servizi segreti nordamericani gli organizzatori e gli esecutori di numerosi atti di terrorismo contro Cuba. Condanniamo fortemente la politica di ricatti, minacce e violenza che si fa contro la vostra Patria l’ipocrisia e la doppia morale dell’amministrazione nordamericana, che violando le norme internazionali continua ad aiutare terroristi, concedendo loro rifugio politico come avviene oggi con uno dei più sanguinari, Luis Posada Carriles. Sosteniamo la domanda di Cuba, che questo assassino sia giudicato e risponda dei suoi crimini, per far sì che la giustizia trionfi!” Scusandosi perchè il suo lavoro non gli ha permesso di partecipare all’incontro dell’Avana, il Segretario Generale del PCFR ha dichiarato al Presidente Fidel Castro: “A nome del CC del Partito Comunista della Federazione Russa invio un saluto ai delegati dell’incontro con il mio appoggio agli accordi che verranno adottati in questo incontro!”

IL PC DELL’INDIA CONTRO LA DOPPIA MORALE DEGLI STATI UNITI

B. Bardhan, Segretario Generale del Partito Comunista dell’India,

ha inviato all’Incontro il suo saluto e ha dichiarato che è sempre stata condannata la doppia morale del governo degli Stati Uniti nella sua guerra contro il terrorismo globale. Nella quale alcune forme di terrorismo e alcuni terroristi che sono utili agli interessi di dominio globale sono accettati, mentre altri non lo sono…

“Noi abbiamo sperimentato questo nel nostro stesso paese e nella nostra regione. Abbiamo visto con indignazione come si permette al noto terrorista Posada Carriles di rimanere in territorio nordamericano, a Miami, dopo la sua fuga da una prigione, che lo ha reso un evaso dalla giustizia del Venezuela e come Washington ha fatto finta di non saperlo! È dimostrato che Posada e Orlando Bosch sono coloro che organizzarono il sabotaggio di un aereo civile cubano che causò la morte di 73 persone. Loro stessi hanno confessato di essere stati gli autori di vari atti terroristi e sono stati indicati come tali dalle agenzie federali, come la CIA e il FBI. Il rifiuto del Dipartimento di Stato degli USA di estradare Posada al Venezuela pone in rilievo l’ipocrisia e la perfidia della loro guerra contro il terrorismo!” dice ancora il documento del PC dell’India.

“Il nostro Partito si unisce a tutti i leaders, agli attivisti, intellettuali, parlamentari e altre personalità in questo reclamo di giustizia ed esige dal governo di George W. Bush l’estradizione di Posada Carriles al Venezuela, e un processo a Orlando Bosch in Cile”.

PIÙ SOSTEGNO ALL’ INCONTRO

Molti messaggi di solidarietà sono giunti alla redazione di Granma, come quello del Segretario Generale del Partito Comunista di Sri Lanka, Dew Gunasekara; dell’Associazione di Solidarietà Australia-Cuba, da Sydney, firmato dal suo presidente, Peter Weitzel; della Giunta Direttiva dell’Associazione di Amicizia Bulgaria-Cuba;

dell’Unione Antifascista Bulgara, firmato dal suo presidente, Chavdar Stoimenov; della Fondazione Sviluppo Possibile della Bulgaria, il cui direttivo è diretto da S. Shopova.

Le manifestazioni di solidarietà della Casa di Amicizia Catalana-Cuba di Barcellona, esigono che si evidenzino le responsabilità del criminale Posada Carriles, che venga estradato in Venezuela. Inoltre si deve organizzare una mobilitazione per denunciare l’amministrazione Bush all’opinione pubblica spagnola su un tema così delicato come il terrorismo.

L’Associazione di Amicizia Ispano-Cubana Bartolomé de las Casas si unisce alla denuncia per la protezione prestata dal Governo degli Stati Uniti al suo agente della CIA, il terrorista internazionale Luis Posada Carriles.

Inviato da Geoffrey Bottoms, coordinatore del Comitato di Solidarietà per la Libertà dei Cinque del Regno Unito, è giunto il messaggio di questa organizzazione che chiede l’estradizione di Luis Posada Carriles al Venezuela e invita alla pace, giustizia e solidarietà tra i popoli.