Comunicato stampa di Claudio Grassi

Partito della Rifondazione Comunista

“Essere Comunisti”

Coordinatore nazionale Claudio GRASSI

COMUNICATO STAMPA

Dichiarazione di Claudio GRASSI

I nodi vengono al pettine. Dopo avere per troppo tempo rinunciato ad aprire una offensiva programmatica nei confronti dell’Unione, oggi Bertinotti riconosce che: “Il programma non è un optional” e che a tutt’oggi non è stato minimamente discusso.

Peccato che anche Rifondazione Comunista abbia perso tempo nei mesi scorsi in discussioni completamente inutili come le Primarie, anziché sfidare la componente moderata del centrosinistra su una piattaforma programmatica concordata con i movimenti e la sinistra di alternativa.

Bisogna recuperare il tempo perso. Chiarire all’Unione e al paese che noi riteniamo obiettivo prioritario e irrinunciabile unire le forze per cacciare Berlusconi e su questo dobbiamo trovare un’intesa.

Ma il nostro ingresso nel governo può avvenire solo sulla base di un programma preventivamente concordato che contenga elementi di netta discontinuità non solo con le politiche praticate dalla Destra, ma anche con quelle praticate dal centrosinistra negli anni 90 e che ci portarono alla rottura.

Tanto per essere chiari, dal futuro governo dell’Unione deve essere messo al bando qualsiasi intervento militare (non esistono guerre umanitarie), e sulla politica economica bisogna invertire la linea privatizzatrice, rivalutare l’intervento pubblico e redistribuire la ricchezza ai lavoratori e ai pensionati.

Rifondazione Comunista deve aprire a tutto campo una offensiva su questi contenuti e rendere chiaro all’Unione e al popolo della Sinistra che le difficoltà, per costruire un programma di governo, non sono alle nostre spalle ma tutte davanti a noi.

Roma, 3 maggio 2005