Austria: affermazione dei comunisti della Stiria nelle elezioni regionali

di EDT per http://vivelepcf.over-blog.fr/ e per http://solidarite-internationale-pcf.over-blog.net/

Traduzione di l’Ernesto online

Domenica 26 settembre hanno avuto luogo le elezioni regionali nella provincia austriaca della Stiria, , 1,2 milioni di abitanti nel sud est del paese.

Nel 2005, i comunisti (KPÖ) della Stiria avevano sorpreso, rientrando in un parlamento regionale austriaco per la prima volta dopo il 1970, con il 6,3% dei voti. La personalità del loro leader Ernest Kaltenegger, ampiamente riconosciuta in particolare per la sua azione a favore dell’edilizia pubblica nella capitale regionale Graz, aveva contribuito a questo risultato.

Dopo che il suo leader è andato in pensione, si è sperato molto che il KPÖ venisse escluso dal Parlamento regionale nel 2010, anche perché le posizioni del KPÖ della Stiria disturbano.

Infatti, la federazione della Stiria del KPÖ ha rifiutato tutti le revisioni teoriche del KPÖ nazionale (legato al Partito della sinistra europea). [su scala nazionale, il KPÖ alle ultime elezioni politiche del 2008 ha ottenuto lo 0,76%, ndt).

Con i suoi militanti e i suoi eletti esso prosegue nella sua azione quotidiana, fedele alla sua opposizione all’UE del capitale, senza compromissioni con i partiti dominanti di destra e socialdemocratico (SPÖ).Tra il 2005 e il 2010, la SPÖ ha scartato ogni possibilità di lavoro con i comunisti per privilegiare gli accordi a destra.

Domenica scorsa, i comunisti della Stiria sono riusciti a sorpassare la soglia del 4% necessaria a restare nel Parlamento, con il 4,4%. A Graz (seconda città dell’Austria per abitanti, ndt), la loro lista ha sfiorato il 10%.

Il risultato è stato ottenuto in un contesto politico ed economico preoccupante segnato dalla crisi e dai suoi effetti. I due principali partiti, socialdemocratico e “populista” (destra) arretrano e ottengono rispettivamente il 38% e il 37%. La FPÖ del defunto Haider, partito di estrema destra, raddoppia la suo percentuale con il 10,8%.

Le battaglie per il lavoro, contro la povertà, per il controllo dei conti regionali, sono le prime priorità che affronteranno i nuovi eletti del KPÖ e il loro partito, sempre all’opposizione della grande coalizione che dovrebbe essere riconfermata.

Ci congratuliamo con i nostri compagni della Stiria e i loro eletti, Claudia Klimt-Weithaler e Werner Murgg.

La persistenza e il radicamento di un partito comunista in una regione di un paese capitalista, dove alcuni pensano che l’organizzazione marxista e leninista sia stata sradicata, è un incoraggiamento per tutti i comunisti.