Il giudice e il prigioniero. Il carcere di Antonio Gramsci

E-mail Stampa PDF

GIUDICE-E-PRIGIONIERO COPERTINAdi Ruggero Giacomini
Castelvecchi editore E 22,00

«Onorevole Gramsci, lei ha degli amici che certamente desiderano che lei rimanga un pezzo in galera». Con queste parole il giudice istruttore del Tribunale Speciale, Enrico Macis, mostra al capo del Partito Comunista d’Italia, detenuto nel carcere milanese di San Vittore, una lettera proveniente da Mosca, di cui è mittente il dirigente comunista Ruggero Grieco. Di qui nascono i timori e i sospetti di Antonio Gramsci che una provocazione contro di lui possa essere venuta dal vertice del suo partito e, a seguire, l’infinita denuncia della pubblicistica e della storiografia – anche recenti – alla ricerca del colpevole ispiratore, puntando il dito solitamente su Palmiro Togliatti. Intorno al prigioniero Gramsci, Macis mette in moto una macchina infernale di insinuazioni e menzogne. Ma chi era questo magistrato, accreditatosi come un onesto e indipendente professionista della giustizia? Quale il suo ruolo effettivo nel sistema di potere fascista? Quale la verità del suo giudizio? A questi interrogativi – finora largamente elusi – risponde la ricostruzione di Ruggero Giacomini, frutto di una minuziosa ricerca condotta su molte fonti inedite, nel confronto serrato con la principale storiografia. Ne emerge il profilo di un’anima nera della dittatura, di eccezionale abilità camaleontica, che dà avvio a quel meccanismo di terrore, psicologico e fisico, con cui il regime avrebbe tentato in ogni modo, e vanamente, di fiaccare Gramsci.


«A Gramsci non sfuggiva che il Tribunale Speciale per come era stato creato non era che “una sezione specializzata” dello Stato di Polizia [...] Macis però era riuscito a fargli credere che anche tra coloro che vi lavoravano potesse sussistere un margine di autonomia e si potesse manifestare perfino un conflitto tra magistratura e Polizia»

Ruggero Giacomini

È dottore di ricerca in storia dei partiti e dei movimenti politici,direttore del Centro culturale marchigiano La Città futura e membro della commissione scientifica dell’Associazione Marx21. Tra le sue pubblicazioni: Antimilitarismo e pacifismo nel primo Novecento. Ezio Bartalini e «La Pace» 1903-1915 (Franco Angeli, 1991), Ribelli e partigiani. La Resistenza nelle Marche 1943-1944(Affinità elettive, 2008). Ha curato, assieme a Domenico Losurdo e Michele Martelli, il volume collettaneoGramsci e l’Italia (Istituto per gli studi filosofici, 1994), e la biografia Antonio Gramsci (Teti, 1997).