Le manganellate ideologiche preventive contro Gramsci e l’idea di rivoluzione in Occidente

E-mail Stampa PDF

di Raul Mordenti | da www.liberaroma.it

dibattitosugramsci thumbIl marzo del 2012 è stato un mese davvero difficile per Antonio Gramsci e per Palmiro Togliatti! Prima è uscito un libro che insinuava che Gramsci fosse diventato alla fine un bravo liberale, con precoci tendenze veltroniane, e che Togliatti avesse inguattato uno dei suoi Quaderni per non far sapere al popolo bue la notizia. Poi un saggio che rivelava come Gramsci si fosse pentito e avesse chiesto scusa a Mussolini, dato che altrimenti – codice alla mano – egli non avrebbe potuto usufruire della generosa libertà vigilata, coi Regi Carabinieri fuori la porta, che allietò i suoi ultimi anni di vita. Infine ha visto la luce un libretto che spiegava come Gramsci fosse brutto e cattivo e dicesse le parolacce mentre Turati invece no, era bello e buono e predicava l’amore universale. Quest’ultimo prodotto – chiamamolo così – riceveva per giunta la personale benedizione di San Saviano che ex cathedra, cioè su “Repubblica”, lo definiva senz’altro “la più bella riflessione teorica sulla sinistra fatta negli ultimi anni” (sic!).


Nell’epoca del vuoto e ferreo dominio dei media poco è importato che, nel merito, tutti e tre questi prodotti e i rispettivi autori (di cui, anche per rispetto dei lettori più giovani, non si vuol qui fare il nome) siano stati in forme diverse, smentiti, sbugiardati, insomma (absit iniuria…) sputtanati in modo tale che in un paese civile avrebbe dovuto provocare cambi di cognome e plastiche facciali. Ma “Repubblica” non ha dato notizia di tali sputtanamenti e, dunque, essi non sono mai avvenuti.

Al primo è stato fatto notare, da parte di chi Gramsci l’ha studiato davvero (ad es. dal prof. Francioni che prepara un’altra edizione critica del Quaderni), che la sua tesi non stava in piedi, costringendo l’autore di quel prodotto a scrivere pubblicamente – come se niente fosse – che la sua era pura invenzione e fiction, così come si usa negli USA quando non ci sono documenti.

Al secondo è stato fatto presente che il codice a cui egli faceva riferimento per sostenere l’avvenuto pentimento di Gramsci era quello del 1962, e che al tempo di Gramsci (guarda caso!) il codice del 1962 non era in vigore.

Destino peggiore quello toccato al terzo, che prima di essere nominato da San Saviano “teorico della sinistra” era meglio noto come autore di un un memorabile intervento sul “Giornale” intitolato “Si scrive no TAV, si legge BR”. Il suo libretto (definito dallo storico Angelo D’Orsi “una porcheria”) presentava sistematiche de-contestualizzazioni, citazioni sbagliate e tagliate ad arte, falsi ed omissioni, errori ridicoli (come Loira, il fiume, al posto di Loria, il prof. Achille, o come il concetto di “costumi” interpretato come “modo di vestire”, etc.), date erronee, bibliografie incomplete e grottesche, per non dire delle argomentazioni “teoriche” del tutto degne per il loro livello di tale apparato – diciamo così – scientifico.

Noi che siamo comunisti, e dunque oltre che cattivissimi siamo anche sospettosi, ci chiediamo: perché questa vera e propria campagna contro Gramsci? E perché proprio ora?

La risposta che ci diamo pensa male, ma dunque forse ci azzecca: perché si tratta di operare una sorta di censura preventiva in merito all’idea di rivoluzione in Occidente, per riprendere a pensare la quale proprio Gramsci rappresenta il punto più alto (come dimostra il Dossier “Ripensare con Gramsci la rivoluzione in Occidente” pubblicato dalla rivista “Progetto Lavoro” nel numero 10 del gennaio 2012). “Hai visto mai – si sono forse detti i sobri dittatori che ci governano – che, di fronte alla crisi del capitalismo reale, venga in mente a qualcuno di leggere, o ri-leggere, Gramsci per ri-cominciare a pensare la rivoluzione?”. Dunque la miserabile campagna contro Gramsci è un po’ come una manganellata ideologica preventiva, e somiglia dunque da vicino alle manganellate reali che vengono propinate ormai abitualmente al popolo No-Tav.

Nel 75° anniversario della tua morte (27 aprile 1937), compagno Gramsci, questo terrore dei nostri avversari nei tuoi confronti rappresenta la testimonianza più evidente della vitalità del tuo pensiero, e anche per questo porteremo quest’anno un fiore rosso sulla tua tomba al Cimitero degli Inglesi, magari sorridendo insieme di questi poveracci che ti attaccano.