La visita di Putin a Cuba

E-mail Stampa PDF

di Ismael Francisco e Oliver Zamora Oria* | da www.cubadebate.cu

putin castro cuba05Traduzione di Marx21.it

Il presidente della Russia (link), Vladimir Putin (link), ha dichiarato di sentirsi soddisfatto e orgoglioso delle relazioni tra Cuba e il suo paese, dopo la visita ufficiale che ha concluso questo venerdì. Il presidente russo ha assistito insieme al presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Generale dell'Esercito Raul Castro Ruz (link), alla firma di una decina di accordi bilaterali in materia di energia, industria, infrastruttura, salute pubblica e prevenzione dei disastri.

In dichiarazioni alla stampa presente, Putin ha fatto riferimento al condono del novanta per cento del debito contratto dall'Avana con l'estinta Unione Sovietica, e ha ricordato che il restante dieci per cento di questi 35 milioni di dollari saranno trasformati in progetti di sviluppo nell'Isola. Ha aggiunto che i due paesi hanno creato buoni meccanismi di cooperazione che si concretizzano in una commissione intergovernativa che funziona in maniera stabile.


Il capo di Stato in visita si è impegnato a mantenere l'assistenza e la cooperazione con Cuba e ad aiutare il paese caraibico nella sua lotta contro il blocco statunitense, che ha definito illegale e illegittimo.

Concordiamo con l'intelligenza e la fermezza della politica estera della Russia

Da parte sua, il presidente cubano ha ricordato ai presenti che il debito contratto con la scomparsa Unione Sovietica era parte di un aiuto, senza il quale la Rivoluzione non avrebbe potuto sopravvivere, e ha assicurato che le misure prese in merito dal Cremlino “sono una grande dimostrazione di generosità verso Cuba”.

Raul ha anche fatto riferimento al ruolo di Mosca nella rinascita di un mondo multipolare, un processo che è iniziato nell'anno 2000 con l'avvento alla presidenza di Putin. “Questa forza è sulla via della ripresa ed è già rilevante, in primo luogo, a livello internazionale, e in secondo luogo, nelle nuove relazioni bilaterali”.

Il leader cubano ha elogiato l'astuzia e la fermezza della politica estera russa e ha ringraziato l'ospite per gli importanti accordi firmati con il suo governo.

Gli accordi

Tra le ultime attività ufficiali di Vladimir Putin nel nostro paese, c'è la firma di una decina di accordi e memorandum di intesa nei settori dell'energia, della salute, dell'industria e della prevenzione dei disastri.

Tra i grandi progetti bilaterali c'è la partecipazione di imprese russe nei giacimenti petroliferi di Boca de Yaruco, un'attività che verrà estesa ad altri blocchi di prospezione petrolifera nell'area marittima ubicata nel nord-est di Cuba.

La Russia fornirà anche quattro nuovi blocchi energetici per due centrali termoelettriche cubane del costo di 1.200 milioni di euro.

Un altro degli accordi consiste nella creazione di un centro di connessione dei trasporti internazionali che include la costruzione di un moderno aeroporto per il carico delle mercanzie.

Altre iniziative sono sviluppate nei campi dell'industria metallurgica, medicina, farmacia e biotecnologia.

Attività ufficiali

In precedenza, il presidente della Russia, Vladimir Putin, aveva offerto un omaggio floreale all'Eroe Nazionale, José Marti, nella Piazza della Rivoluzione, accompagnato dal ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodriguez Parrilla.

In seguito è stato ricevuto in una cerimonia ufficiale dal presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri di Cuba, Generale dell'Esercito, Raul Castro Ruz. I due presidenti hanno presentato le rispettive delegazioni ufficiali, composte per la parte russa da cinque ministri, vari viceministri, funzionari della presidenza e rappresentanti di varie imprese del settore energetico.

Per la parte cubana erano presenti i membri dell'Ufficio Politico del PCC, Miguel Diaz-Canel Bermudez, vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Ricardo Cabrisas, vicepresidente del Consiglio dei Ministri, Bruno Rodriguez Parilla, ministro delle Relazioni Estere, Alvaro Lopez Miera, primo viceministro delle FAR. Inoltre, erano presenti altri funzionari.

*giornalisti cubani