L'embargo occidentale alla Siria: inumano e illegale

E-mail Stampa PDF

siria famigliadi Marinella Correggia | da www.sibialiria.org

Qualcuno ricorda i 500.000 bambini morti a causa dell’embargo all’Iraq, durato dodici anni, vero ponte di fame fra due guerre?

La Siria, moribonda dopo 4 anni di guerra fomentata da paesi occidentali e monarchie del Golfo – che hanno la responsabilità collaterale di aver alimentato Daesh, l’Isis -, è soggetta a un embargo spacciato per “sanzioni a personaggi del regime”.

Sta circolando in Germania un appello-denuncia al governo tedesco: “Basta affamare il popolo siriano. Sì alla pace”. Il documento riprende il contenuto delle sanzioni, che si può leggere consultando il factsheet dell’Ue “The European Union and Syria” (doc. 131018/01 del  5 febbraio 2015). Le sanzioni, sulla base del Regolamento 878/2011, sono applicate non solo al territorio dell’Unione ma a qualunque ente o cittadino europeo anche fuori dell’Unione. Fra queste: embargo sul greggio e sui prodotti petroliferi compreso il trasporto; divieto di assistenza tecnica, assicurazione e credito, trasferimento tecnologico; divieto di esportazione di prodotti cosiddetti dual use (anche una falce); congelamento dei beni della Banca centrale siriana e di 53 società e divieto di rendere disponibili fondi e risorse economiche; divieto di qualunque credito o contributo; divieto per le banche europee di aprire conti o uffici in Siria; divieto di esportazione in Siria di carburante per aerei; divieto di qualunque sostegno commerciale a lungo termine, per esempio crediti all’export, garanzie e assicurazione; sanzioni specifiche rispetto a membri del governo e loro alleati (rafforzate in marzo 2015); divieto di trasferimento di tecnologia e software.


Uno dei tanti effetti pratici di questo embargo è che, ad esempio, è impossibile inviare denaro a missionari ad Aleppo per l’assistenza alla popolazione, se non passando attraverso i loro corrispondenti in Libano che poi consegneranno il denaro in Siria brevi manu… In questo modo l’agricoltura, l’industria, l’artigianato sono gravemente danneggiati. Il costo dei generi alimentari è raddoppiato. Il prodotto interno lordo è diminuito del 60%. Quasi il 65% dei siriani vive ormai in stato di povertà estrema.

Parallelamente,  già dal 2012 le sanzioni petrolifere sono state rimosse in riferimento alle aree controllate dall’opposizione armata e jihadista, allo scopo di fornire risorse economiche alle cosiddette “forze rivoluzionarie e dell’opposizione”. Con il risultato di finanziare gruppi come Jabhat al Nusra e poi l’Isis; inoltre secondo denunce provenienti dalla stessa Ue, alcuni paesi europei sarebbero fra i principali acquirenti del petrolio rubato dall’Isis-Daesh dalle raffinerie in Siria e Iraq.

Ma c’è di più: si potrebbero applicare alle sanzioni alla Siria gli stessi dubbi di legittimità che un articolo del Sole 24 ore del 19 ottobre 2014 sollevava a proposito delle sanzioni alla Russia.  Le une e le altre non hanno il consenso dell’Onu. E l’Unione europea non ha un mandato analogo  quello dell’Onu per le questioni relative al mantenimento della pace e della sicurezza internazionale.

Dunque, oltre che inique, sarebbero anche illegittime e illegali?

L’appello-denuncia suindicato chiede al governo tedesco di rimuovere l’embargo alla Siria, ristabilire le relazioni diplomatiche, rispettare la sovranità del paese, assumere un ruolo di intermediazione nel conflitto per ristabilire la pace, e aiutare la ricostruzione.

Una campagna che andrebbe ripresa in tutti i paesi europei. In Italia i pochi gruppi che hanno chiesto al governo ragione di questa politica anti-umana non hanno finora avuto nessuna risposta..