Simonenko accusa la giunta di Kiev

E-mail Stampa PDF

Traduzione di Flavio Pettinari per Marx21.it

petr-simonenko-i-kpu-672x372Lunedì 12 maggio, il giorno dopo il referendum a Donetsk e Lugansk che ha sancito l’autonomia delle due regioni, si è tenuta la riunione dei capigruppo del parlamento ucraino. Tale riunione è stata la prima dopo il 9 maggio, quando a Mariupol, durante i festeggiamenti del Giorno della Vittoria, le truppe golpiste di Kiev hanno compiuto una strage di civili.

Riportiamo gli estratti dell’intervento di Petro Simonenko, che ha duramente attaccato la giunta e il suo “presidente ad interim” Turchinov, il quale dopo i primi tentativi di interrompere Simonenko ha assistito in silenzio alle accuse del leader comunista.

Il 13 maggio, Turchinov ha pubblicamente dichiarato dalla presidenza del Parlamento, interrompendo l’intervento di Simonenko, il suo personale impegno presso il Ministero della Giustizia, per la messa al bando del Partito Comunista d’Ucraina.

Il video di questo intervento di Simonenko è stato rilanciato in massa sui social network e su Youtube, dove al momento ha ottenuto (nonostante continue rimozioni) centinaia di migliaia di visualizzazioni.


Stimati colleghi, a proposito di quanto sto per dire sui fatti di Mariupol: dovete capire che io ho lavorato là e conosco molte persone. Quello che è stato detto dal signor Turchinov, non è affatto vero. Non c’è neanche un parola di verità. A Mariupol sono stati fucilati cittadini pacifici, è stato un omicidio di massa, si nasconde il reale numero dei morti e le vittime sono soprattutto tra la popolazione civile. […] Sono stati uccisi cittadini pacifici, nessuno dei quali è stato visto armato. […] Quindi, la prima cosa richiesta oggi dal Partito Comunista, è fermare l’operazione terroristica contro il popolo. Voi avete dichiarato terroristi 7 milioni di cittadini che vivono nelle regioni di Donetsk e Lugansk. Queste persone ieri (l’11 maggio, NdT) sono uscite in massa a partire dalle 6 di mattina, hanno fatto la fila per prendere parte al voto contro il potere di Kiev, contro questo regine, contro la vostra politica. […]

Questa vostra politica ha portato a perdere la Crimea. Adesso la vostra politica sta portando al rifiuto categorico di 7 milioni di abitanti ucraini, che rappresentano il 30% del prodotto interno lordo, di un futuro comune con l’Ucraina. Questo è quello a cui bisogno rispondere, a cui bisogna pensare […] Se anche Der Spiegel informa che mercenari americani operano sul territorio dell’Ucraina orientale – non lo diciamo noi comunisti, lo dicono i tedeschi, ancora una volta voglio sottolinearlo - il compito immediato di Kiev è di fermare immediatamente le operazioni antiterroristiche contro il popolo ucraino, fermare questa guerra che è stata messa in atto per le vostre ambizioni di potere. Non voglio discutere della miriade di altre questioni, tuttavia mi sembra strano: perché a Dnepropetrovsk, sul conto del vostro capo (l’oligarca Kolomojskij, governatore della regione, NdT), non aprite procedimenti penali per separatismo? Si tratta di una flagrante violazione della costituzione, si farà un referendum per cambiare la struttura amministrativa dell’ucraina, ma voi tacete. Colui che avete nominato organizza un referendum, come quello nel Donbass, e voi non parlate, non dite che sono terroristi. Gli avete dato la possibilità di formare un gruppo militare, uno squadrone della morte, che si chiama “Dnepr”, gente che usa le armi e ammazza le persone. Ma state sempre zitti, anche sul fatto che li pagano per uccidere. Quindi richiedo ancora una volta a nome del Partito Comunista: fermate questa guerra contro il popolo ucraino.

Molto tempo fa abbiamo proposto, dall’inizio, e non avete voluto ascoltarci, di tenere il referendum affinché il popolo ucraino scegliesse il vettore dell’integrazione economica estera, per risolvere pacificamente tutte le questioni. Voi avete preferito la guerra. Non avete giocato alla guerra da bambini?? State spargendo sangue, per tutta l’Ucraina. E nascondete il numero reale delle persone uccise, di quelle bruciate vive a Odessa e di quelle assassinate a Mariupol. […] Guardate, noi comunisti siamo per l’integrità dell’Ucraina. Però l’Ucraina perderà altre due regioni. Io propongo, immediatamente, in questa settimana, di prendere la decisione sulla federalizzazione dell’Ucraina. Per salvaguardare l’integrità ucraine e per mantenere all’interno dell’Ucraina anche le regioni di Donetsk e Lugansk. […]

Tra non molto diventerà chiaro e noto chi, su quali indicazioni e per quale motivo, ha sparato sul Majdan […] Noi abbiamo già preparato un appello alla corte internazionale e sottoporremo questo documento al Parlamento. Mostrate almeno una perizia medico-legale! Fino ad oggi non è stata mostrata neanche una perizia medico-legale. Voi non volete indagare su questi fatti, e per motivi che a noi sono ben chiari.

Inoltre, voglio chiedere un’altra cosa. Fermate la guerra informativa contro il popolo ucraino. Ieri, di tutto quello mostrato sui fatti Mariupol, non c’era un grammo di verità. Gli abitanti del luogo dicono: “Gente, è completamente l’opposto da quello che succede qui in città”. Mentre i canali televisivi, come su ordinazione, mostrano tutti la stessa cosa. Prima sparano sulla popolazione civile e pacifica, poi mostrano tutto come un gesto di benevolenza del governo nella lotta per gli interessi del popolo ucraino. Quindivogliorivolgermiancoraunavoltaalgoverno. Ilsig. Eremov ha presentato dei progetti di legge che mi lasciano di stucco. Nessun progetto di legge a favore del popolo ucraino è stato adottato. Guardate: il debito sui salari arretrati è aumentato. Nessuno, da parte degli organi statali, controlla il pagamento degli stipendi arretrati ai lavoratori. Inoltre, il debito sugli arretrati del mese di aprile è cresciuto del 12,8%. La grivna è svalutata del 60%. Non viene presa nessuna misura per proteggere la gente comune da una tale svalutazione della grivna. Ancora: il prezzo della benzina è cresciuto di molto, il lavoro primaverile sui campi non lo controlla nessuno. Intanto c’è la tirannia delle strutture commerciali, che approfittano di questa situazione per arricchirsi.