Gli ucraini non ricevono niente di quanto avevano sperato

E-mail Stampa PDF
di Evgenij Tsarkov* | da Ucraina Antifascista

tsarkov evgenijTraduzione di Flavio Pettinari
 
*Evghenij Tsarkov è Primo segretario del Comitato regionale di Odessa del Partito Comunista di Ucraina 
 
Noi comunisti non avevamo forse avvertito che nessuno avrebbe preso l'Ucraina nell'Unione europea? Non avevamo avvertito che dopo la presa del potere, l’opposizione avrebbe ceduto il paese all’Occidente? Oggi, questo è esattamente ciò che accade: gli ucraini non ricevono niente di quanto hanno sperato. Non ci saranno stipendi europei, o pensioni o norme sociali europee. Nessuno si occuperà di far entrare l’Ucraina, impoverità nella casa europea.

Così il Primo segretario del Comitato regionale di Odessa del Partito Comunista d’Ucraina, il deputato Evgenij Tsarkov, ha commentato la dichiarazione del presidente della Commissione Europea Barroso secondo il quale l'UE non è pronta a lanciare la procedura di adesione dell'Ucraina all'Unione Europea.

Ricordiamo che il 21 marzo a Bruxelles, il Primo Ministro dell'Ucraina Arseniy Yatsenjuk ha firmato l’accordo di associazione Ucraina e l'UE.

"I comunisti avevano avvertito che sarebbe andata così - ha continuato Tsarov - Abbiamo proposto di tenere un referendum per far decidere al popolo se aderire all'Unione Doganale o firmare l’associazione schiavistica con l’UE. Ma quelli che sono venuti al potere oggi, gridano che il referendum è illegale e hanno chiesto di mettere al bando il PCU".

Tsarkov sottolinea che i tecnocrati politici occidentali hanno preso tutto, come da copione: prima hanno realizzato il golpe, per mettere al potere le loro marionette. E oggi, con il loro aiuto, l'UE ha firmato con l'Ucraina un accordo “africano” di associazione, trasformando il nostro paese in una colonia.

"Inoltre, sullo sfondo del conflitto con la Russia, l'Europa e gli Stati Uniti cercheranno di apparire quasi come benefattori. Ma non per molto. Presto gli ucraini si renderanno conto di essere rimasti senza mercato, senza produttori nazionali e senza posti di lavoro, senza risorse, senza terra, e, inoltre, senza il principale partner commerciale, ovvero la Russia", ha dichiarato Tsarkov.

Il politico ha rimarcato che tutto ciò era stato previsto in anticipo dal Partito Comunista d’Ucraina.

"Però il precedente governo ha ignorato i nostri avvertimenti, e il nuovo governo perseguita apertamente il Partito Comunista e cerca di metterlo al bando. Tuttavia, i cittadini ucraini devono capire che, indipendentemente da come si comporta la Russia verso l’Ucraina, non possiamo ingannare noi stessi: all'Unione Europea e agli Stati Uniti non interessa il benessere degli ucraini. Essi sono guidati solo dai propri interessi egoistici. E molto presto gli ucraini se ne renderanno conto", ha concluso Tsarkov.

Fonte originale:
http://ru.golos.ua/politika/14_03_28_tsarkov_bryussel_esche_raz_dal_ponyat_nikto_ukrainu_v_evrosoyuz_ne_beret