Internazionale

La NATO è il vero pericolo per la pace ai confini della Russia

E-mail Stampa PDF

da www.vermelho.org.br | Traduzione di Marx21.it

us-fighter-jets-poland57405L'invio di caccia F-16 e soldati degli Stati Uniti aggrava la crisi in Ucraina

Nella settimana che sta iniziando, 300 soldati nordamericani e 12 caccia F-16 della Marina degli Stati Uniti saranno trasferiti “per un addestramento” nella base aerea nella località di Lask, in Polonia, secondo quanto ha comunicato il ministro della Difesa polacco, Tomasz Siemoniak.

In virtù di un accordo tra gli Stati Uniti e la Polonia che risale al 2011, unità della Forza Aerea degli Stati Uniti sono inviate ogni tre mesi in Polonia, a rotazione, per addestrare piloti locali.

Il numero dei soldati di ogni turno, della durata da due settimane a un mese, non può essere superiore a 250 uomini.

Leggi tutto...

El Salvador. Vince il Fmln, la destra minaccia guerra civile

E-mail Stampa PDF

da www.contropiano.org

ceren fmln elsalvadorVittoria sul filo di lana, ma vittoria per il candidato del Fronte di Liberazione Nazionale Farabundo Martì alle elezioni presidenziali salvadoregne. Salvador Sánchez Cerén ha ottenuto il 50,11% dei voti, mentre il suo vversario di destra - Norman Quijano, del partito Arena – il 49,89. Date le piccole dimensioni del paesecentroamericano, lo scarto è stato di appena 4.500 voti.

Il Tribunale Supremo Elettorale ha confermato ufficialmente la vittoria quando ormai mancavano pochissime sezioni da scrutinare. Naturalmente, come ogni presidente di un paese spaccato esattamente a metà, con una lunghissima guerra civile alle spalle (dagli anni '60 il Fronte Farabundo Mertì è stato alla macchia, costretto alla guerriglia contro una sequela di dittatori sanguinari coperti e finanziati dagli Stati Uniti), Sanche Ceren ha promesso di iniziare subito a lavorare “per il benessere di tutti”.

Leggi tutto...

Ucraina. Mosca chiede inchiesta sui cecchini di Kiev

E-mail Stampa PDF

da www.tribunodelpopolo.it

Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha chiesto ufficialmente una inchiesta dell’Ocse sui responsabili delle morti, nei giorni scorsi, di decine di persone a Kiev, uccise da attacchi di cecchini su cui ci sono grandi ombre. Una recente intercettazione dei servizi ucraini infatti ha mostrato la responsabile esteri dell’Ue Catherine Ashton parlare con il ministro degli Estere estone del fatto che i cecchini sarebbero stati assoldati dall’opposizione di Piazza Maidan. 


Mentre l’Occidente e il mondo continuano a guardare al “dito” della Crimea senza vedere la “Luna” di quanto successo a Kiev nei giorni della cacciata di Yanukovich, il ministro degli Esteri Segei Lavrov ha deciso di portare la cosa all’attenzione mondiale insistendo per proporre una inchiesta dell’Ocse sui responsabili della morte di decine di persone a Kiev quando i cecchini seminarono morte e panico nelle strade del centro. Lavrov ha anche detto, fonte Liberation, che non è più possibile continuare a dissimulare la verità, con un chiaro riferimento probabilmente alla telefonata intercettata tra la Ashton e il ministro degli Esteri estone, telefonata nella quale si faceva palese riferimento al fatto che i cecchini siano stati assoldati non da Yanukovich ma dagli stessi manifestanti di piazza Maidan. “Le prime informazioni su questo affare di presunti cecchini non possono essere nascoste“, ha detto lo stesso Lavrov nel corso di una conferenza stampa.

Leggi tutto...

Il tapering, il debito degli Usa e le mosse della Cina

E-mail Stampa PDF

di Demostenes Floros | da temi.repubblica.it

A febbraio il prezzo del petrolio è aumentato costantemente: il Brent, in particolare, rispetto alla chiusura del mese precedente è cresciuto di oltre 5 dollari al barile [$/b] sfondando quota 110$/b (24 febbraio), per poi chiudere poco sotto i 109$/b.

Analogamente, il prezzo del Wti è lievitato di oltre 6$/b, mantenendosi al di sopra di 102$/b nel corso dell’ultima decade del mese. Nel contempo, il cambio euro/dollaro è passato da 1,35€/$ a 1,38€/$. Solitamente, se il costo del barile aumenta, il biglietto verde si deprezza in quanto si mantengono inalterati i margini di profitto di chi vende una merce negoziata in dollari. Secondo i dati forniti dall’International energy agency, nel corso di dicembre 2013 le scorte (offerta) dei paesi dell’Ocse sono diminuite di 56.8 milioni di barili: per trovare un calo più marcato bisogno risalire fino al IV° trimestre del 1999. Negli Stati Uniti le scorte sono invece aumentate: grazie al tight oil la produzione ha superato gli 8 milioni di b/d (il massimo da 26 anni) e le importazioni sono scese a 7,34 milioni di b/d (media mensile più bassa dal 1998).

Leggi tutto...

Ucraina e Venezuela: la stessa campagna mediatica, lo stesso obiettivo

E-mail Stampa PDF

Video presentato nel programma Zurka Konducta in Venezolana de Television, dove vengono evidenziate le impressionanti coincidenze nella stessa operazione di guerra psicologica diretta a condizionare l'opinione pubblica in Ucraina e Venezuela. Con l'utilizzo non solo dei mezzi di comunicazione tradizionali, ma anche delle reti sociali come facebook e twitter, molto popolari soprattutto fra i giovani, vengono proposti video dal contenuto pressoché identico. Con una sola differenza, mentre in Ucraina il nemico è identificato con la Russia, per il Venezuela il “cattivo” di turno è Cuba.

Leggi tutto...

Uno per uno, i nazisti nel nuovo governo ucraino

E-mail Stampa PDF

di Franco Fracassi | da popoff.globalist.it

I nostalgici di Hitler occupano alcune delle poltrone chiave dell'esecutivo, come il ministero della Difesa e quello dell'Istruzione. Legami anche con Al Qaida

Vice primo ministro, ministro della Difesa, segretario e vice segretario del Consiglio nazionale di Sicurezza e Difesa, ministro dell'Istruzione, ministro dell'Ambiente, ministro dell'Agricoltura, ministro della Gioventù e dello Sport, procuratore generale dell'Ucraina, presidente della commissione Anticorruzione. I nazisti nostalgici di Hitler hanno preso possesso del nuovo governo ucraino, occupando molti dei posti chiave. È la prima volta dalla seconda guerra mondiale che dei politici che si rifanno espressamente al Terzo Reich salgono al potere in Europa.

E non è tutto. Due di queste persone sono legate a Doku Khamatovich Umarov (conosciuto col nome islamico di Dokka Abu Usman), uno dei più feroci comandanti dei ribelli ceceni, nonché autoproclamatosi ex Emiro dell'Emirato del Caucaso. 

Leggi tutto...

Pagina 27 di 148