I comunisti portoghesi condannano il "riconoscimento" da parte del governo portoghese dell'autoproclamato presidente fantoccio del Venezuela

Stampa

pc portogalloDichiarazione del PCP

da pcp.pt

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Il Partito Comunista Portoghese condanna il "riconoscimento" e il sostegno annunciati dal governo del Partito Socialista (PS), con il supporto del PSD e del CDS, al "presidente" fantoccio nominato dall'Amministrazione Trump per il Venezuela, che è stato immediatamente sostenuto da Bolsonaro in un intollerabile affronto alla sovranità e indipendenza della Repubblica Bolivariana del Venezuela, del popolo venezuelano, della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.


Irrispettoso della Costituzione della Repubblica Portoghese e a scapito degli interessi del paese e del popolo portoghese, il governo del PS opta per il sostegno aperto all'operazione golpista contro il Venezuela, diventando così corresponsabile dell'attuale escalation di aggressione condotta dagli Stati Uniti, sostenuta dall'UE e delle sue gravi e pericolose conseguenze per il popolo venezuelano e la comunità portoghese che vive in quel paese.

Il PCP considera di estrema gravità tale posizione di complicità con l'azione di ingerenza contro il Venezuela, in linea con i settori più aggressivi, golpisti e reazionari, responsabili di altre aggressioni, come quelle contro l'Iraq, la Libia e la Siria.

Il PCP ribadisce che non è allineato a coloro che sono responsabili di tentati colpi di stato, violenza e terrorismo, sanzioni e blocchi economici, confisca illegale di beni e risorse finanziarie del Venezuela e provocazioni a ridosso del suo confine sotto la copertura di “aiuto umanitario ", così come con la minaccia di un intervento militare ribadito da Trump, e che difenderà gli interessi del popolo venezuelano e del popolo portoghese, inclusa la comunità portoghese in quel paese.

L'unica posizione coerente con la difesa della pace, gli interessi e le aspirazioni del popolo venezuelano è il rispetto del suo diritto di decidere, senza interferenze esterne, il proprio futuro.