Xi annuncia il raggiungimento di una società moderatamente prospera nel primo semestre del 2021

Stampa

china s president xidi Leng Shumei e Shen Weiduo

da https://www.globaltimes.cn

traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

La proposta del PCC sottolinea il bilanciamento tra autosufficienza e apertura

Il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese ha pubblicato martedì il testo completo delle proposte per la mappatura di un progetto per lo sviluppo della Cina nei prossimi 15 anni, su cui il leader ha detto che il Comitato Centrale del PCC annuncerà il raggiungimento della costruzione di una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti dopo una valutazione e revisione sistematica nella prima metà del 2021.


Il documento, le proposte della leadership del Partito per la formulazione del 14° Piano quinquennale (2021-25) per lo sviluppo economico e sociale nazionale e gli obiettivi a lungo termine per l'anno 2035, è stato adottato nella quinta sessione plenaria del 19° Comitato Centrale del PCC che si è chiusa giovedì.

Xi Jinping, segretario generale del Comitato Centrale del PCC, ha affermato, in un discorso di chiarimento pubblicato dalla Xinhua News Agency, che è assolutamente possibile per la Cina raddoppiare la produzione economica o il reddito pro capite entro il 2035, dopo un'attenta ricerca e calcoli sulle capacità e le condizioni di sviluppo economico della Cina.

Xi ha detto che il Comitato Centrale del PCC valuterà e riesaminerà l'esperienza nella costruzione di una società moderatamente prospera nella prima metà del 2021 e poi annuncerà il raggiungimento dell'obiettivo.

Nel discorso di chiarimento sulle proposte, Xi ha detto che si dovrebbe trovare un equilibrio tra il costruire sui risultati del passato e la ricerca di innovazioni per garantire il collegamento armonioso dei due obiettivi del centenario.

Il rapporto governo-mercato dovrebbe essere trattato bene per dare un miglior vantaggio istituzionale alla Cina..

Xi ha anche detto che si dovrebbe mantenere un equilibrio tra apertura e fiducia in se stessi per consentire alla Cina di adattarsi meglio alle situazioni interne e internazionali.

Xi ha esortato a gestire correttamente il rapporto tra sviluppo e sicurezza per prevenire e affrontare efficacemente i rischi sistemici che possono ostacolare la marcia della Cina verso la modernizzazione.

Il rapporto tra strategia e tattica dovrebbe anche essere ben gestito per la stesura di una serie di proposte lungimiranti e pragmatiche.

Le proposte hanno apportato adeguamenti fondamentali, dato che la Cina persegue l'obiettivo del secondo centenario di costruire un Paese socialista moderno entro il 2049 in mezzo all'instabile struttura globale, ha dichiarato martedì al Global Times Yan Yilong, un ricercatore del Center for China Studies dell'Università di Tsinghua.

Ad esempio, le proposte sottolineano lo sviluppo di alta qualità invece del rapido sviluppo e chiariscono l'obiettivo della prosperità comune per sottolineare il fattore socialismo nello sviluppo della Cina.

Le proposte prevedono anche la costruzione di un modello di sviluppo "a doppio ciclo", con i cicli interni come corpo principale e la mutua promozione dei cicli interni e internazionali, che sono volti a garantire uno sviluppo stabile e di alta qualità della Cina in mezzo a rischi elevati e all'incertezza causata dalla turbolenta situazione globale, ha osservato Yan. 

Con i recenti cambiamenti del contesto politico ed economico globale e la tendenza all'anti-globalizzazione, all'unilateralismo e al protezionismo in alcuni paesi, la Cina deve concentrarsi sullo sviluppo all'interno del paese e fare maggiore affidamento sul mercato interno, ha detto Xi.

Ma questo non significa che la Cina si svilupperà in un ciclo interno chiuso, ma piuttosto in un doppio ciclo aperto, interno e internazionale. Promuovere la formazione di un grande e fluido ciclo economico interno può attrarre meglio le risorse globali, ha detto Xi.

La sicurezza deve essere importante almeno quanto lo sviluppo per gestire i rischi crescenti che la società deve affrontare, ha detto Yan, prendendo atto delle varie crisi che il mondo sta affrontando, come la crisi della salute pubblica, il cambiamento climatico e il turbolento ambiente globale.

Xi ha detto che dopo aver "considerato globalmente i vari fattori", la bozza proposta adotta una "espressione qualitativa e un approccio quantitativo" agli obiettivi di sviluppo economico entro il 2035, rilevando che gli obiettivi di pianificazione a medio e lungo termine dovrebbero prestare maggiore attenzione all'ottimizzazione della struttura economica, e guidare tutte le parti a concentrarsi sul miglioramento della qualità e dell'efficienza dello sviluppo.

Il cambiamento di tono sull'obiettivo di sviluppo economico della Cina è in linea con la situazione di sviluppo del Paese, poiché la Cina è alla ricerca di uno sviluppo di alta qualità piuttosto che di una crescita quantitativa, ha dichiarato martedì al Global Times Cong Yi, professore dell'Università di Economia e Finanza di Tianjin. 

Cong ha detto che è anche possibile che la Cina continuerà a minimizzare l'obiettivo del PIL in futuro, poiché condurre tutto il lavoro intorno ad un obiettivo di crescita specifico può portare a sciocchezze ed a trascurare l'essenziale, aggiungendo che gli aggiustamenti strutturali e l'aggiornamento saranno il compito primario per la Cina, indipendentemente da come si evolverà l'ambiente esterno.

Sulla scia della pandemia COVID-19, la Cina ha scelto di non fissare un obiettivo di crescita numerico specifico per quest'anno nel rapporto di lavoro del governo durante le due sessioni di maggio.

Ciononostante, gli esperti hanno affermato che "cercare di migliorare la stabilità" non significa che non ci sarà alcun obiettivo, ma che fisseremo obiettivi specifici sulla base degli effettivi progressi di sviluppo e coordineremo meglio le politiche per affrontare le nuove sfide, garantendo al contempo il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine.

L'obiettivo proposto di raddoppiare il PIL del 2020 di circa 100 trilioni di yuan nel 2035 potrebbe significare un obiettivo di crescita reale annuale del 3,5% circa, ha detto Tian Yun, vice direttore della Beijing Economic Operation Association.

"Penso che questi obiettivi siano molto pragmatici in quanto riflettono i nostri vantaggi e gli obiettivi di sviluppo a lungo termine, così come le numerose sfide", ha detto Tian al Global Times.