Il "quisling" Joshua Wong a Berlino. La Germania interferisce pesantemente negli affari interni della Cina

Stampa

joshuawong germaniadi Mauro Gemma

La Germania interferisce pesantemente negli affari interni della Cina, ospitando il capo della "rivoluzione colorata" di Hong Kong, l'aspirante "quisling" Joshua Wong, e provocando una durissima reazione da parte di Pechino.

Questo la dice lunga sulla volontà di chi guida i paesi dell'UE di assecondare, sempre e comunque, le politiche più minacciose e pregiudizievoli per la pace degli Stati Uniti.

Ora gli apologeti ("a sinistra" del PD) di una UE "riformata", capace di svolgere un ruolo positivo nella politica internazionale, farebbero bene a darsi una svegliata.


E adesso c'è solo da augurarsi che il nuovo governo "euratlantico" giallo-fuxia non si allinei al padrone tedesco dell'UE, dando un calcio definitivo all'approccio costruttivo verso Pechino assunto con la visita di Xi Jinping in Italia.

Mauro Gemma