Conferenza per la cooperazione Cina-Africa e lo scambio culturale

Stampa

cina africa continenteFondazione a Pechino dell’Istituto di Ricerca Cina Africa

Hanno avuto luogo nella capitale cinese martedì 9 aprile 2019 il convegno per la fondazione dell’Istituto di ricerca Cina-Africa e la “Conferenza per la cooperazione Cina-Africa e lo scambio culturale”.

Numerosi gli studiosi e le autorità provenienti da più di venti paesi dell’Africa. Le delegazioni di studiosi africani, insieme ai colleghi cinesi, hanno approfondito la discussione intorno ai temi centrali della Conferenza: l’Iniziativa della Nuova Via della Seta; la cooperazione economico-commerciale tra gli Stati africani e la Repubblica Popolare Cinese; lo scambio culturale e mutuale tra le civiltà d’Africa e la civiltà cinese.


Il progresso negli studi sino-africani, nella ricerca comune e l’avanzamento nello scambio di esperienze nella gestione degli affari statali, sono le fondamenta che costituiranno il futuro delle relazioni tra Cina e Africa.

In questa direzione, l’Istituto di ricerca Cina-Africa attraverso gli interscambi tra esperti e studiosi e conferenze su temi specialistici intende favorire la collaborazione tra i circoli accademici africani e cinesi.

Il compagno Liu Guijin, Rappresentante Speciale per l’Africa ha affermato che già dall’anno scorso, durante il Summit di Beijing del Forum di cooperazione Cina-Africa, il Presidente Xi Jinping aveva sottolineato l’importanza del rafforzamento delle relazioni tra la Cina e gli stati del continente africano. Oggi, un nuovo stadio verso la cooperazione è stato raggiunto con la fondazione dell’Istituto di Ricerca Cina-Africa: per l’ampliamento degli scambi, per la crescita della mutua conoscenza e comprensione; l’obiettivo alla base è di procedere verso l’avanzata della cooperazione tra le due parti per il soddisfacimento degli interessi comuni.

Il Commissario del Comitato per le Risorse Umane, Scienze e Tecnologie dell’Unione Africana Sarah Mbi Enow Anyang ha dichiarato che la fondazione del Centro di ricerca rappresenta un passo importante verso la collaborazione accademica tra la realtà cinese e africana; e consentirà cooperazione ad alti livelli. 

Il Commissario ha inoltre sottolineato che l’Istituto di Ricerca diverrà nel tempo un modello da seguire, riferendosi poi alla Via della Seta, ha aggiunto: “La creazione di ‘Una cintura, una via’ è già diventata l’importante piattaforma pratica che ha costruito e reso in prassi ciò che si intende con “comune destino” che unisce Cina ed Africa”.

Il Commissario UA S. Anyang ha poi evidenziato che il bilateralismo sino-africano deve proseguire nella realizzazione delle “otto grandi iniziative” [iniziativa per implementare il progresso industriale; i. per la connettività infrastrutturale; i. per l’agevolazione degli scambi commerciali; i. per lo sviluppo ecologico; i. per implementare le capacità edilizie; i. per l’implementazione del sistema sanitario; i. per implementare lo scambio culturale; i. per il progresso di pace e sicurezza.]; fondamentale è intensificare la creazione condivisa del progetto cooperativo “Una Cintura, Una Via”, mano nella mano, formare un ancor più indivisibile comune destino per la Cina e l’Africa.

Il Vicedirettore dell’Università Makeni della Sierra Leone, condividendo le parole di Xi Jinping, ha sottolineato: “Il Presidente Xi Jinping ha precisamente detto che alla base della cooperazione sino-africana vi è il concetto di mutuo beneficio, rapporti win-win. Il progetto “Una cintura, Una via” tende alla realizzazione di obiettivi contenuti anche nell’“Agenda per l’anno 2063” stilata dall’Unione Africana. L’efficacia di questa interconnessione [tra “Una cintura, Una via” e “Agenda per l’anno 2063”] permetterà l’avanzata dello sviluppo africano in ogni campo e settore.

Il Professor 恩科洛·佛 [*in mancanza del nome usiamo nome sinizzato] dell’Università Yaoundé I del Cameroon: “Dal punto di vista cinese e africano la Nuova Via della Seta è una opportunità di sviluppo storica. [L’Iniziativa Una Cintura, Una Via] Ha il proposito di procedere verso lo sviluppo condiviso di ogni parte del mondo. Inoltre, l’iniziativa è benefica alla resa pragmatica della cooperazione sino-africana. 

Dal punto di vista prettamente africano, il progetto globale cinese ha alla base lo sviluppo dei settori infrastrutturale, educativo ecc.; per tali ragioni speriamo e ci aspettiamo che avvenga una più ampia apertura dell’Africa per l’incremento della cooperazione con la Cina.

La lettera di augurio inviata dal Presidente Xi Jinping alla Conferenza.

Il compagno Xi ha dichiarato:

Il mondo di oggi ha fronteggiato cento anni di grandi trasformazioni senza precedenti. In questo scenario, la Cina è il più grande paese in via di sviluppo e il maggior numero dei paesi in via in sviluppo è concentrato in Africa, il più grande continente del pianeta. L’amicizia tra i nostri due popoli è profonda, è come l’acqua di un fiume che scorre lontana dalla sua sorgente. Necessario rafforzare la tradizionale amicizia e lo scambio-cooperazione, basilare tendere all’accrescimento del mutuo rispetto tra civiltà, non soltanto a beneficio dei popoli di Cina e Africa, ma anzi, per offrire un importante contributo alla pace mondiale e allo sviluppo economico.

Xi Jinping ha poi affermato che, durante il Summit di Pechino del 2018 del Forum sulla Cooperazione Cina-Africa, le due realtà avevano unanimemente deciso di puntare al miglioramento per la costruzione di un più vicino e comune destino, implementando i piani cooperativi sino-africani delle “otto grandi iniziative”.

La fondazione dell’Istituto di Ricerca Cina-Africa racchiude in sé un significato fondamentale che sta nell’azione dello scambio culturale e umano. Auspico che l’Istituto di Ricerca possa divenire il punto di convergenza per think-tank cinesi e africani, consentendo, in tale direzione, la crescita della mutua comprensione e del sentimento di amicizia.

Per l’Africa, per l’avanzamento nello sviluppo delle relazioni tra Cina ed Africa e, come per l’Africa, insieme ad ogni altra realtà che intenda mettere in comune la propria saggezza, che desideri offrire consigli per il beneficio collettivo, con forte abnegazione, il mezzo è la costruzione di una società dal destino comune per l’intera umanità.

Di seguito proponiamo alcune opinioni di studiosi riguardanti la fondazione dell’Istituto di Ricerca Cina-Africa:

Hoze Riruako, analista politico e docente di scienze politiche presso l'Università della Namibia, ricordando l’importanza della decisione congiunta di costruire una società dal comune destino, ha affermato che il nuovo organismo contribuirà a migliorare scambio culturale e umano, oltre a favorire la crescita di rapporti bilaterali in vari settori.

Adhere Cavince, studioso kenyota, mosso dalla lettera di augurio del Presidente Xi, ha espresso la speranza che l’Istituto di Ricerca possa divenire un ponte per il dialogo e la collaborazione tra Cina e Africa, che lo scambio culturale possa crescere così da consentire agli studenti africani di perseguire gli studi in Cina.

Nasser Bouchiba, presidente dell'Associazione di cooperazione Africa-Cina per lo sviluppo, ha dichiarato che l’Istituto fornirà la solida base per ricerca teorica e rafforzamento dei legami.

Sheriff Ghali Ibrahim, professore di scienze politiche e relazioni internazionali all'Università di Abuja in Nigeria, ha affermato che la nascita dell'istituto è un momento importante per Cina e Africa per la costruzione di una comunità dal destino comune ancora più unita. Ha poi sottolineato l’onesta cinese e la sua ferma determinazione a migliorare la comunicazione e la comprensione tra le due parti.

Infine Silas Lwakabamba, ex ministro della Pubblica istruzione del Ruanda, ha dichiarato che l'Istituto darà la possibilità ai think-tank africani di approfondire le ricerche riguardanti lo sviluppo cinese, imparare dall'esperienza cinese e nel frattempo permetterà alla controparte cinese di giungere a una più completa comprensione dell’Africa.

http://politics.gmw.cn/2019-04/09/content_32728237.htm

http://en.people.cn/n3/2019/0409/c90000-9564956.html

http://www.china.org.cn/world/Off_the_Wire/2019-04/10/content_74666892.htm

Approfondimento. Traduzione in lingua inglese del discorso tenuto dal compagno Presidente Xi Jinping al Summit di Pechino del 2018 del Forum sulla Cooperazione Cina-Africa : http://english.qstheory.cn/2018-09/04/c_1123377478.htm

Traduzioni a cura della redazione La Cina Rossa