L’Ucraina, ridotta a colonia, consegna il controllo delle frontiere ai privati stranieri

L’Ucraina, ridotta a colonia, consegna il controllo delle frontiere ai privati stranieri

Dichiarazione di Petro Simonenko, Segretario del Partito Comunista di Ucraina

Continua...
No ai tagli alla sanità, serve una mobilitazione di massa

No ai tagli alla sanità, serve una mobilitazione di massa

di Mauro Alboresi

Nella giornata di ieri il Governo ha posto ed ottenuto la fiducia del Senato della Repubblica al maxi emendamento, l’ennesimo provvedimento omnibus, sostitutivo...

Continua...
Il patto militare Grecia-Israele

Il patto militare Grecia-Israele

di Manlio Dinucci

Quando in Gre­cia Tsi­pras è andato al governo, in Israele è suo­nato l’allarme: Syriza, soste­ni­trice della causa pale­sti­nese, chie­deva di porre fine alla coo­pe­ra­zione mili­tare della Gre­cia con Israele. Di fronte alla bru­tale repres­sione israe­liana con­tro i pale­sti­nesi, avver­tiva Tsi­pras,…

Continua...
Protezione per il popolo palestinese e i suoi luoghi sacri

Protezione per il popolo palestinese e i suoi luoghi sacri

Comunicato dell'Ambasciata di Palestina-Roma

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Ucraina: è stato bandito il Partito Comunista

E-mail Stampa PDF

pc ucraina bandieraMOSCA – E’ stato bandito il partito comunista in Ucraina, dove il governo filo-occidentale ha dato il via a una riforma per liberare il Paese dal retaggio sovietico con una controversa legge che equipara comunismo e nazismo. “Questo e’ veramente un momento storico”, ha detto il segretario del Consiglio di sicurezza, Oleksandr Turcinov. L’esclusione dei comunisti dalla vita politica del paese e’ stata annunciata dal ministro della Giustizia, Pavlo Petrenko, che ha siglato tre decreti per bandire i tre partiti di matrice comunista: il partito comunista d’Ucraina (la principale forza politica di estrema sinistra), il partito comunista rinnovato e il partito comunista dei lavoratori e dei contadini. “In seguito all’approvazione delle leggi di decomunistizzazione – ha spiegato il ministro – è stata formata una commissione che ha passato un mese a controllare i tre partiti comunisti in Ucraina. In base alle conclusioni della commissione – ha proseguito Petrenko – ho firmato i tre decreti confermando che le attività, la denominazione, i simboli, gli statuti e i programmi dei partiti comunisti non rispondevano ai requisiti della parte 2 dell’articolo 3 della legge ‘Sulla condanna dei regimi totalitari comunista e nazionalsocialista in Ucraina e il divieto di propaganda dei loro simboli'”.

Leggi tutto...

Costituente comunista. Meglio tardi che mai

E-mail Stampa PDF

lavoro cccp manifestodi Marcos del Roio*

L'adesione di uno dei più importanti studiosi marxisti di Gramsci e di storia del movimento operaio in Brasile

Cari compagni

Sono un italo-brasiliano e scrivo dal Brasile, pertanto con una visione distante e con meno informazioni del quadro presente. È dalla crisi generata alla fine del governo Prodi che difendo l’idea di una Costituente comunista. Dal mio punto di vista, questa deve avere alcune condizioni capaci di garantire la libertà di discussione e l’unità di azione.

1. L’obiettivo storico del Partito deve essere l’emancipazione del lavoro, la realizzazione della rivoluzione e della transizione socialista.

2. I lavoratori devono essere la forza protagonista essenziale di questo processo.

3. Il fondamento teorico, quello pratico-politico e culturale devono trovare fondamenta nella tradizione iniziada da Marx e continuata principalmente da Lenin, Rosa Luxemburg, Lukács e Gramsci, oltre a tutta la tradizione di lotta dei lavoratori.

Leggi tutto...

Garanzia Giovani: cronaca di un flop annunciato

E-mail Stampa PDF

giovani bracciaincrociateda www.comunisti-italiani.it

Garanzia Giovani dopo un anno dal suo debutto ha generato ritardi nei pagamenti e il mancato abbattimento della disoccupazione giovanile. Dei 2 milioni di Neet coinvolti nel progetto, solo il 22% è iscritto, inoltre a guadagnarci sembrano essere soltanto le aziende che assumono grazie ai rimborsi europei, abbattendo i costi per la forza lavoro.

Il Dipartimento Lavoro del PCdI propone come contributo d’approfondimento l’articolo qui di seguito riportato.

Doveva essere una garanzia, ma è lo stata solo di insuccessi. Garanzia Giovani il progetto europeo per i Neet, salutato con strilli di trombe e proclami, doveva essere il sistema per incentivare il lavoro, sbloccare l’inerzia dei giovani italiani e risollevare la penosa percentuale della disoccupazione giovanile nostrana. Ma dopo un anno: più della metà degli iscritti non hanno ancora fatto il primo colloquio, migliaia di giovani con uno stage semestrale alle spalle attendono ancora di percepire l’indennità dalle regioni e il tasso di disoccupazione giovanile è ancora al 40%. A distanza di un anno il risultato è pessimo e Garanzia Giovani può considerarsi a tutti gli effetti un flop di successo.

Leggi tutto...

Aiutiamo i prigionieri politici ucraini

E-mail Stampa PDF

Tkachenko Timofeyev"Con l'Ucraina antifascista"

Sergey Tkachenko e Denis Timofeyev sono compagni ucraini membri del Partito Comunista d’Ucraina. In seguito a delle accuse fabbricate a tavolino possono rischiare10 anni di carcere. Si trovano in un carcere di Dnepropetrovsk dal 1 Settembre 2014. In tutto questo tempo l'inchiesta non ha mostrato prove della loro colpa ma gli arrestati rimangono in prigione per via della situazione politica. In questo periodo loro e le loro famiglie hanno bisogno di un supporto finanziario.

Durante le perquisizioni nelle case di ciascuno di loro da parte della SBU (servizi di sicurezza ucraini) sono stati trovati numeri della rivista “Novorossia”, vietata, una granata e un pacco di tritolo. Ci sono seri motivi per credere che le “prove materiali” sono state piazzate dalle guardie stesse, cioè tutti gli oggetti sono stati “scoperti” alla fine della perquisizione nei posti già controllati prima.

La scusa per le perquisizioni era l'apparizione di una rivista locale del PCU, “Prometeo”, anche se la perizia ha dimostrato che la rivista non contiene nessun appello al separatismo. I difensori dei comunisti sottolineano che il processo si sta portando avanti con delle violazioni, per esempio le domande dei difensori ai testimoni sono state respinte dalla procura. La corte si rifiuta di cambiare le condizioni della detenzione degli arrestati. Secondo gli avvocati ciò contraddice le leggi europee che sono state implementate anche in Ucraina. Le famiglie dei detenuti stanno passando tempi duri. Tkachenko ha tre figli minorenni, Timofeev né ha due.

Leggi tutto...

Comunicato della Gioventù di Syriza sull'accordo-memorandum e sul futuro di Syriza

E-mail Stampa PDF

oxi colorda syriza-fr.org

Traduzione dal francese di Lorenzo Battisti per Marx21.it

Per completezza di informazione sugli sviluppi della situazione in Grecia, pubblichiamo il comunicato della Gioventù di Syriza

L'accordo al quale sono giunte le negoziazioni il 13 Luglio, lunghe diversi mesi, portate avanti dal governo Syriza-Anel, costituiscono senza alcun dubbio una sconfitta enorme delle forze della sinistra radicale in Grecia. Il colpo di stato inedito messo in atto dai creditori, non è stato che l'ultimo episodio di una serie di ricatti estremi che hanno condotto il governo a un'impasse politico soffocante.

Sarebbe tuttavia fuorviante interpretare il risultato delle negoziazioni come determinato unicamente dalle scelte dei creditori. Noi siamo obbligati a valutare in maniera negativa la sottovalutazione dei rapporti di forza in seno alla zona euro, l'incrollabile convinzione che degli argomenti razionali potessero persuadere le istituzioni in favore di un accordo “mutualmente profittevole”, ma anche che la minaccia di una Grexit potesse giocare un ruolo catalizzante perché le nostre proposte vincessero. Tutti questi punti hanno contribuito in maniera decisiva all'assenza di un piano alternativo di rottura che avrebbe potuto funzionare anche all'interno del quadro negoziale, quanto come scelta del governo; tutto questo è stato il fattore decisivo della trappola politica.

Leggi tutto...

E l'Europa dei popoli...

E-mail Stampa PDF

GreeceEuropeAusterdi Vasco Cardoso* | da www.avante.pt

Traduzione di Marx21.it

La situazione che si sviluppa in seno all'UE e all'euro, con l'approfondimento della loro crisi e con le differenti sue manifestazioni, in particolare in Portogallo e in Grecia, sta rivelando ciò che pochi anni fa alcuni giudicavano impensabile: la messa in discussione e il rifiuto, su scala di massa, della politica e del processo di integrazione capitalista dell'UE.

Un fatto tanto più importante in quanto si manifesta come processo di resistenza nei confronti dell'impressionante campagna ideologica che si sviluppa da decenni, destinata a presentare l'UE come il “paradiso in terra” e qualcosa di irreversibile. La frode della politica di coesione economica e sociale; la mistificazione in merito ai fondi comunitari; l'illusione della convergenza reale; il mito del progetto “democratico”; la fallacia della “casa comune”; il discredito in cui è caduta la parola solidarietà non appena alcuni dirigenti dell'UE la pronunciano. In verità, aumenta sempre di più il fosso che separa la propaganda e la realtà con la quale milioni di uomini e donne si confrontano e, soprattutto, aumenta la coscienza collettiva di tale fatto.

Leggi tutto...

Il partito comunista e "le tre terribili domande"

E-mail Stampa PDF

falcemartello toppadi Luca Cangemi ( Associazione per la ricostruzione del Partito Comunista – direzione nazionale PRC)

Intervento conclusivo all’assemblea nazionale per la Costituente Comunista del 12 luglio a Roma

Cari compagni e care compagne,
con questa assemblea abbiamo fatto un passo in avanti importante.

Con l’appello per la ricostruzione del Partito Comunista nei mesi scorsi abbiamo provato a rispondere, e ad offrire alla prova di una verifica larga, tre terribili domande.

E’ necessario ricostruire un partito Comunista in Italia?
E’ possibile ricostruirlo?
Quali sono i passi necessari?

A nessuno sfugge che già porsi queste domande significa scegliere di nuotare contro una corrente, almeno all’apparenza fortissima, mettersi in una posizione fuori dal dibattito politico-culturale dominante.  Eppure abbiamo la presunzione di dire che dalla discussione che abbiamo avviato e che ha avuto esiti di partecipazione, di ascolto, passione e di qualità del dibattito, francamente superiori alle nostre attese, noi traiamo risposte che sono in sintonia con quanto scritto nell’appello, e ne costituiscono una prima superiore articolazione.

Leggi tutto...

L'UE si arruola nella Nato

E-mail Stampa PDF

trident juncture 2015di Manlio Dinucci | da il manifesto

Non sarà solo una delle più grandi eser­ci­ta­zioni Nato la «Tri­dent Junc­ture 2015» (TJ15), che dal 28 set­tem­bre al 6 novem­bre vedrà impe­gnate soprat­tutto in Ita­lia, Spa­gna e Por­to­gallo oltre 230 unità ter­re­stri, aeree e navali e forze per le ope­ra­zioni spe­ciali di oltre 30 paesi alleati e part­ner, con 36 mila uomini, oltre 60 navi e 140 aerei da guerra, più le indu­strie mili­tari di 15 paesi per valu­tare di quali altre armi ha biso­gno l’Alleanza.

Nell’esercitazione di guerra, la Nato coin­vol­gerà oltre 12 mag­giori orga­niz­za­zioni inter­na­zio­nali, agen­zie di aiuto uma­ni­ta­rio e asso­cia­zioni non-governative. «Par­te­ci­pe­ranno alla TJ15 anche l’Unione euro­pea e l’Unione afri­cana», annun­cia un comu­ni­cato uffi­ciale. Tra i paesi della Ue più impe­gnati nell’esercitazione Nato figu­rano, oltre ai tre in cui si svol­gerà il grosso delle ope­ra­zioni, Ger­ma­nia, Bel­gio e Olanda. Alte per­so­na­lità inter­na­zio­nali saranno invi­tate ad assi­stere alla TJ15 il 19 otto­bre a Tra­pani, il 4 novem­bre a Sara­gozza (Spa­gna) e il 5 novem­bre a Troia (Por­to­gallo). Così «la Nato dimo­stra il suo impe­gno ad adot­tare un approc­cio onni­com­pren­sivo». In altre parole, il suo impe­gno a esten­dere sem­pre più la sua area di influenza e inter­vento, dall’Europa all’Africa e all’Asia, con mire globali.

Leggi tutto...

I comunisti spagnoli sulla situazione in Grecia e nell'Unione Europea

E-mail Stampa PDF

syntagma temporaleda solidnet.org

Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx21.it

Alle prese di posizione sugli sviluppi in Grecia di partiti comunisti europei e di altri continenti (di cui Marx21.it sta proponendo ampia documentazione) si aggiunge questa dichiarazione del Partito Comunista di Spagna.

Il Partito Comunista di Spagna ha mantenuto e mantiene il principio del rispetto per l'autonomia di azione delle organizzazioni operaie, di sinistra, progressiste degli altri paesi del mondo e la consapevolezza dell'esistenza di differenze di analisi; tuttavia, è evidente il legame tra i processi in atto in Grecia e in Spagna negli ultimi anni, e come i popoli di entrambi i paesi subiscano attacchi simili da parte delle grandi potenze capitaliste. Di conseguenza, è necessario, dopo gli avvenimenti degli ultimi giorni, condividere una serie di considerazioni sul risultato dei negoziati tra la Grecia e l'Unione Europea (senza dimenticare la partecipazione del FMI) sulla questione del debito pubblico greco e l'attuazione del pacchetto complementare di misure economiche del paese ellenico.

Gli eventi delle ultime settimane servono a confermare, in maniera molto chiara, la natura dell'UE: secondo la definizione del nostro XIX Congresso, l'attuale Unione europea è, in questo momento, la più alta espressione politica-istituzionale della costituzione di un blocco imperialista specificamente europeo. Gli obiettivi e il funzionamento dell'Unione europea sono al servizio di un potere oligarchico finanziario, concentrato geograficamente nella regione dell'Europa centrale, ma in realtà include l'insieme delle potenze capitaliste degli altri paesi dell'UE (tra cui, naturalmente, la Spagna).

Leggi tutto...

Dichiarazione del Comitato Centrale del KKE sul nuovo accordo-memorandum

E-mail Stampa PDF

kke logo 500pxPartito Comunista di Grecia (KKE) | kke.gr

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Per completezza di informazione, pubblichiamo anche la presa di posizione del KKE sulla vicenda greca

1. Il KKE invita gli operai, gli impiegati, gli strati popolari, i pensionati, i disoccupati e i giovani, a dire un vero e proprio inflessibile NO all'accordo-memorandum, che è stato firmato dal governo di coalizione SYRIZA-ANEL con l'UE BCE-FMI e a combattere ovunque, in piazza e sui luoghi di lavoro, contro le misure selvagge in esso contenute. Il nuovo pacchetto di riforme va ad aggiungersi alle misure barbariche del memorandum precedente. Occorre organizzare il contrattacco per evitare che il popolo sia spinto al completo fallimento. Occorre rafforzare il movimento operaio, l'alleanza popolare, aprire la strada perché il popolo si liberi una volta per tutte dal potere del capitale e delle unioni imperialiste, che lo conducono a condizioni sempre più inumane.

Leggi tutto...

Brancaccio: “Serve un piano B, la sinistra impari dall’errore di Tsipras”

E-mail Stampa PDF

tsipras 16 7 2015 5101da MicroMega Online

Pubblichiamo come contributo alla discussione sulle prospettive in Grecia e in Europa

Per l’economista la debacle greca insegna che bisogna mettere da parte la retorica europeista e globalista e predisporre una visione alternativa, un “nuovo internazionalismo del lavoro”. E sulla Grexit replica al premier ellenico che ha denunciato il mancato aiuto di Stati Uniti, Russia e Cina: “Se vero, significa che i grandi attori del mondo hanno scelto di non interferire più di tanto negli affari europei, lasceranno che l’Unione monetaria imploda per le sue contraddizioni interne”.

intervista a Emiliano Brancaccio di Giacomo Russo Spena

«È inutile negarlo, il governo e il parlamento greco hanno capitolato, gli apologeti dell’austerity hanno vinto anche stavolta. È l’ennesima prova che nella zona euro, purtroppo, le cose vanno come avevamo previsto». I renziani metterebbero anche lui nel girone dei ‘gufi’ ma l’economista Emiliano Brancaccio preferisce un’espressione più raffinata: «In questi anni, nostro malgrado, in tanti abbiamo indossato i panni delle Cassandre che allertano sui guai che verranno ma restano inascoltati». I media in questi giorni hanno ricordato le lettere pubblicate sul Sole 24 Ore nel 2010 e sul Financial Times nel 2013 con cui Brancaccio e altri colleghi segnalavano come le ricette di austerità, flessibilità del lavoro e schiacciamento dei salari avrebbero provocato disastri, aggravando la posizione dei Paesi debitori e rendendo sempre meno sostenibile l’assetto dell’eurozona.

Leggi tutto...

Perché un partito comunista

E-mail Stampa PDF

Hammer and Sickle 5di Emiliano Alessandroni
da www.ricostruirepc.it

Ogni passo reale verso la costruzione di un Partito Comunista unitario e all’altezza dei tempi dev’essere caldamente incoraggiato.

La presenza di una tale forza politica consente infatti di mantenere aperta, già nell’immaginario collettivo prima ancora che nella realtà concreta, la possibilità di una alternativa rispetto alle strutture politche e sociali nelle quali viviamo. La sua presenza non soltanto tiene viva la lotta per i diritti, e per i processi di emancipazione, ma conserva, parallelamente, la vivacità del pensiero, e in particolar modo la concettualità temporale.

Una forza comunista, solida e realmente operante, impone infatti di pensare (e di pensarci) storicamente, di non smarrire l’ampiezza del quadro (sincronico e diacronico) su cui si stagliano le nostre azioni. Essa mantiene viva la coscienza del fatto che questa società non è la società, che questa condizione non è la condizione e che questa vita non è la vita.

L’esistenza di una forza comunista costituisce il più forte antidoto contro il tentativo dell’immediatezza, dell’istantaneià, di occupare l’intero orizzonte esistenziale e coscienziale. Essa regala agli uomini un campo più vasto di pensabilità, e al reale tutta la ricchezza delle antitesi.

Leggi tutto...

Una civiltà allo stremo

E-mail Stampa PDF

ungheria muroPCdI Veneto

C'è da preoccuparsi. Veramente. Le ultime notizie dall'Italia e dall'Europa indicano un disfacimento progressivo di quella che dovrebbe essere una comunità solidale e la sua trasformazione in “sette” che si chiudono sempre di più in se stesse.

Vicino a Treviso c'è stata una rivolta di residenti assieme a militanti di Lega Nord e Forza Nuova contro l'arrivo di un centinaio di persone provenienti da paesi del cosiddetto “terzo mondo”. Ci sono stati disordini, incendi e qualche saccheggio. A Roma, per impedire l'arrivo di una ventina di persone (“profughi”, “migranti”, “clandestini”, comunque persone) in un centro d'accoglienza, ci sono stati blocchi stradali e tafferugli provocati soprattutto da esponenti di CasaPound. In Ungheria si è iniziata la costruzione di una barriera di filo spinato per impedire l'ingresso a quei disperati scappano dalle zone di guerra e che arrivano a piedi dopo aver attraversato i Balcani.

Non c'è nessuna accoglienza, nessuna pietà da parte del sedicente mondo civile per chi tenta di fuggire dalle guerre che i “nostri governi occidentali”  hanno scatenato per sfruttare, controllare e accumulare sempre maggiori ricchezze.

Leggi tutto...

Tragedia greca

E-mail Stampa PDF

Greek Flagdi Spartaco A. Puttini per Marx21.it

Un'altra Unione europea non è possibile. L’uscita della Grecia prossima ventura

Il risultato del referendum greco, con il massiccio “no” che ha rigettato la politica ricattatoria della Troika, ha avuto l’effetto positivo di dimostrare che i popoli europei che più soffrono la crisi e le politiche di austerità di cui la Ue è principale alfiere iniziano a rifiutare lo slogan ricattatorio “ce lo chiede l’Europa”.

E’ stata una lezione di democrazia. E’ stato anche un risultato simbolicamente rilevante e spendibile per tutti coloro che aspirano a voltare pagina e in politica, si sa, i simboli hanno il loro peso.

Tuttavia il punto è un altro: è essere conseguenti, come le drammatiche vicende successive della politica greca stanno dimostrando, con la tragica resa della democrazia al mercato e di Tsipras alla troika.

Un’altra Unione europea non è possibile

Tsipras e Syriza hanno costruito il loro successo politico sulla promessa di un’altra Europa (cioè un’altra Ue) possibile, cioè sull’ipotesi di tenersi l’euro rigettando le politiche di austerità. Questo ha consentito alla sinistra radicale greca di intercettare i voti in fuga dal Pasok, elettori che, come ha notato Halévy, erano stati assuefatti da decenni di propaganda europeista e non erano maturi per la scelta più consapevole rappresentata dal KKE (e non solo per i limiti tattici che possono essere imputati ai comunisti greci) [1].

Leggi tutto...

Avanti verso la Costituente Comunista!

E-mail Stampa PDF

di Segreteria nazionale PCdI

Esprimiamo piena soddisfazione per l’esito dell’assemblea nazionale promossa dall’Associazione per la Ricostruzione del Partito Comunista, svoltasi a Roma domenica 12 luglio, ed avente come obiettivo dichiarato il lancio della Costituente Comunista.

La presenza di circa 400 compagne e compagni, la discussione che ne è scaturita, il rafforzarsi del rapporto, all’interno dell’Associazione per la ricostruzione del Partito Comunista, tra il nostro Partito, l’area del PRC e gli intellettuali, gli artisti ed i quadri operai senza tessera che condividono il progetto della Costituente Comunista, l’attenzione rivolta all’evento ed a tutti noi da parte dei soggetti della sinistra, l’interlocuzione avuta con diversi di essi e, soprattutto, le conclusioni dell’Assemblea, fortemente volte a proseguire e rafforzare il processo costituente, parlano chiaramente della riuscita dell’ iniziativa.

In questo quadro va, innanzitutto, rimarcato l’impegno del nostro Partito, che tanto si è speso affinché l’assemblea riuscisse mettendo in campo il lavoro, la generosità di tanti suoi quadri e militanti, ai quali va il più sentito ringraziamento.

Leggi tutto...

Iran denuclearizzato, Italia nuclearizzata

E-mail Stampa PDF

b61edi Manlio Dinucci | da il manifesto

«Oggi è una giornata storica ed è un grande onore per noi annunciare che abbiamo raggiunto un accordo sulla soluzione nucleare iraniana, per rendere il nostro mondo più sicuro»: così ha dichiarato a Vienna Federica Mogherini, Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza. Quasi contemporaneamente giungeva dagli Stati uniti un altro annuncio: «La U.S. Air Force e la Nnsa (National Nuclear Security Administration) hanno completato, nel poligono di Tonopah in Nevada, il primo test in volo della bomba nucleare B61-12». Quella che tra non molto sostituirà la B61, la bomba nucleare statunitense stoccata ad Aviano e Ghedi Torre in un numero stimato in 70-90, parte di un arsenale di almeno 200 stoccate anche in Germania, Belgio, Olanda e Turchia.

La riuscita del test «prova il continuo impegno degli Stati uniti di mantenere la B61», comunica la Nnsa. Specifica quindi che «la B61-12, dotata di una sezione di coda, sostituirà le bombe B61-3, -4, -7, -10 nell’attuale arsenale nucleare Usa». Viene dunque ufficialmente confermato che la B61 sarà trasformata da bomba a caduta libera in bomba «intelligente», che potrà essere sganciata a grande distanza dall’obiettivo.

Leggi tutto...

I comunisti portoghesi sugli ultimi sviluppi in Grecia

E-mail Stampa PDF

memorandumda www.pcp.pt | Traduzione di Marx21.it

Sulle decisioni annunciate dal Vertice dell'Euro sulla Grecia

Nota dell'Ufficio stampa del Partito Comunista Portoghese

1. Di fronte alle decisioni del Vertice dell'Euro che mirano ad avviare i negoziati di un “nuovo memorandum” per la Grecia, il PCP riafferma la sua condanna del processo di ricatto, di destabilizzazione e di asfissia finanziaria promosso dall'Unione Europea e dal FMI che cerca di imporre al popolo greco la continuazione dell'indebitamento, dello sfruttamento, dell'impoverimento e della sottomissione.

Un processo di ingerenza e di ricatto che non mancando di trarre partito dalle incoerenze, dalle contraddizioni e dai cedimenti del Governo greco, che hanno avuto contorni ancora più gravi negli ultimi giorni, rivela la natura politica e gli obiettivi del processo di integrazione capitalista in Europa e la profonda crisi in cui si dibatte. Un  processo che evidenzia che l'Unione Europea di solidarietà e di coesione non esiste.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 116