Italia, la crisi in arrivo

Italia, la crisi in arrivo

di Jacques Sapir

La situazione delle banche italiane è ormai critica. La pratica della loro ricapitalizzazione occuperà gran parte dell’estate. Essa mette in discussone direttamente le regole della Unione bancaria, che è entrata in vigore il 1° gennaio 2016 ...

Continua...
L’accerchiamento olimpico della Russia

L’accerchiamento olimpico della Russia

da “Abril”

Ciò che in causa con il tentativo di bandire tutti gli atleti russi dai Giochi di Rio non è la lotta al doping che, va detto, non è un’esclusiva della Russia

Continua...
Terrorismo e disintegrazione mediorientale

Terrorismo e disintegrazione mediorientale

di Federico La Mattina

Il Medio Oriente continua ad infiammarsi: procede la lotta su più fronti contro l’IS ma siamo ancora lontani dalla fine del conflitto. Iraq e Siria sono frammentati e la più grande sfida del futuro sarà la pacificazione etnico-religiosa della regione…

Continua...
La Costituzione di Maria Elena Etruria

La Costituzione di Maria Elena Etruria

PandoraTV

La Costituzione ancora vigente ha un testo bellissimo e chiaro perché i costituenti si impegnarono tanto a renderlo tale. Il presidente dell’Assemblea costituente Terracini stabilì una pausa dei lavori prima della votazione finale della Costituzione, per concedere al grande latinista…

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Perchè Confindustria scarica le piccole imprese

E-mail Stampa PDF

confindustria monza milanodi Pasquale Cicalese per Marx21.it

“Alla più debole produttività dell’Italia nel confronto con gli altri principali paesi europei contribuisce anche una struttura produttiva sbilanciata verso le piccole e piccolissime imprese. La produttività delle imprese italiane con almeno 250 addetti è più del doppio di quella delle aziende con meno di 10 addetti; tale divario è solo del 48 per cento in Germania. Queste differenze si sono ampliate durante la recessione per effetto di un calo maggiore della produttività delle piccole imprese italiane rispetto a quelle tedesche. Per contro le aziende italiane di media dimensione (50-249 addetti), la cui produttività era già lievemente più elevata prima della crisi, tra il 2007 e il 2013 hanno registrato incrementi maggiori di quelli osservati in Germania.”Banca d’italia, Relazione Finale, pag. 64 Roma 31 maggio 2016.

“Gli interventi sugli istituti di gestione delle crisi d’impresa varati l’estate scorsa e le ulteriori misure di recente approvate potranno facilitare il risanamento delle aziende in crisi reversibile e favorire l’uscita dal mercato di quelle non più profittevoli”Ignazio Visco, Considerazioni finali del Governatore, pag. 12 Roma 31 maggio 2016

“Se la generalizzazione della legislazione sulle fabbriche quale mezzo di difesa fisico e intellettuale della classe operaia è diventata inevitabile, essa, d’altra parte, generalizza e accelera la trasformazione dei processi lavoratovi, compiuti su scala minima, in processi lavorativi combinati su scala larga, sociale, e con ciò la concentrazione di capitale ed il dominio esclusivo del regime di fabbrica. Essa distrugge tutte le forme antiquate e transitorie, dietro le quali si nasconde ancora in parte il dominio del capitale, e le sostituisce con il suo dominio diretto, senza maschera”.Karl Marx, Il capitale, Libro I pag. 349 Editori Riuniti 1989

Leggi tutto...

Appunti per un confronto tra i comunisti

E-mail Stampa PDF

di Ezio Grosso, segreteria Federazione PCdI Torino

Per la nostra “tribuna” sul ruolo e le prospettive dei comunisti in Italia, il contributo del compagno Ezio Grosso

A premessa, un sincero e sentito ringraziamento alle compagne ed ai compagni che hanno duramente lavorato alla stesura di questo documento congressuale, per la chiarezza del linguaggio, l’esposizione puntuale e sintetica, ed inoltre  la felice scelta metodologica di sviluppare per tesi un discorso che, dovendo necessariamente spaziare dalla storia mondiale dell’ultimo cinquantennio alla contemporaneità della società italiana, in altra stesura avrebbe dovuto essere sviluppato in modo più complesso, dispersivo e di meno agevole lettura.

Però il fine dell’analisi di un documento politico, specie se preparato per un congresso fondativo, non può certo limitarsi a valutazioni estetico-semantiche, ma deve necessariamente  assumersi responsabilità critiche e, questo, nel solco della nostra miglior tradizione storica di confronto dialettico.

Proprio in base a questa considerazione, ritengo limitante il rinchiudere, tanto più alla luce della sua finalità, l’analisi storica tra quelle solide mura della tradizione PCI che abbiamo presentato praticamente a tutti i congressi passati, evitando, forse per il timore di aggiungere qualche pagina ad un documento già prolisso, di sottolineare e contestualizzare le logiche geostrategiche che hanno indirizzato, e continuano ad indirizzare, l’evoluzione mondiale.

Leggi tutto...

Smilitarizzare l'Unione Europea, sciogliere la NATO

E-mail Stampa PDF

avante nonatoda avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Conferenza per la pace della Sinistra Unitaria Europea

Il Gruppo Confederale della Sinistra Unitaria Europea/Sinistra Verde Nordica (GUE/NGL) ha realizzato, il 2 e 3 giugno, nel Parlamento Europeo, a Bruxelles, una conferenza per la pace sul tema “C'è l'alternativa: No alla NATO!”, in previsione del vertice della NATO che avrà luogo il prossimo mese a Varsavia.

All'iniziativa hanno partecipato attivisti anti-NATO, difensori della pace provenienti da movimenti internazionali, nazionali e locali e deputati al Parlamento Europeo.

Tra i vari oratori, hanno preso la parola Ilda Figueiredo, presidente del Consiglio Portoghese per la Pace e la Cooperazione, Rui Namorado Rosa, ricercatore, e José Goulão, giornalista.

La conferenza ha denunciato il carattere sempre più aggressivo e bellicista della NATO, blocco politico-militare al servizio dell'imperialismo che rappresenta una permanente minaccia alla pace mondiale e uno strumento di ingerenza e aggressione contro qualsiasi paese che non accetti di sottomettersi agli interessi strategici dell'imperialismo nordamericano.

Leggi tutto...

Un appello all'OSCE contro gli arresti illegali e le torture in Ucraina

E-mail Stampa PDF

ombra ak47da kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Il testo integrale dell'appello dei deputati comunisti russi J. Lantratova e M. Shevchenko all'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) per la creazione di un gruppo di inchiesta sulle detenzioni illegali, le torture e altre violazioni dei diritti umani in Ucraina. 

Stimato signor Segretario Generale,

Nei due recenti rapporti sulla situazione dei diritti umani in Ucraina a partire dal 16 novembre 2015 fino a questo momento l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR), e in seguito l'Assistente Segretario Generale delle Nazioni Unite per i diritti umani Ivan Šimonović hanno confermato ufficialmente numerosissimi casi di persecuzione motivata politicamente di cittadini ucraini e di altri paesi sul territorio di questo stato.

Inoltre, pochi giorni fa la sottocommissione dell'ONU sulla prevenzione della tortura, alla ricerca di prove sui trattamenti crudeli, inumani e degradanti dei prigionieri politici in Ucraina, è stata scandalosamente costretta a interrompere la sua visita in questo paese. La ragione di un passo così fuori dall'ordinario è stato il rifiuto delle autorità ucraine a consentire ai rappresentanti delle Nazioni Unite di accedere dove, secondo quanto è emerso, i servizi speciali detengono persone illegalmente. Ciò è stato pubblicamente dichiarato dal capo della delegazione Malcolm Evans: “Non siamo stati in gradi visitare alcuni luoghi, sui quali avevamo registrato numerosissime e gravi accuse sulla detenzione di persone e su possibili torture o maltrattamenti”.

Leggi tutto...

Veniamo da lontano….

E-mail Stampa PDF

di Marica Guazzora, Direzione nazionale PCdI

Il contributo della compagna Marica Guazzora al confronto aperto nel nostro sito sulle prospettive dei comunisti in Italia.

Mi sono iscritta al Partito comunista italiano quando avevo 17 anni. Ho attraversato tutte le diaspore da Rifondazione ai Comunisti italiani.

E il mio senso di giustizia, quello che mi ha fatto iscrivere insomma, maturato in tutti questi anni, mi dice che se si esprimono opinioni diverse si arricchisce il dibattito, non il contrario, e alla fine occorrerà arrivare ad una sintesi senza punire nessuno. Così mi hanno insegnato. Questo dovrebbe  valere  per qualsiasi Partito comunista.

Ho letto le tesi e lo ho letto lo Statuto, alcune riflessioni voglio farle, almeno su due punti fondamentali.

Una ha attraversato il percorso della ricostruzione, e non solo, in modo netto, ed è la questione del centralismo democratico. L’altra, non meno importante,  è  che partito vogliamo ricostruire, con quali modalità.

Leggi tutto...

Obama a Hiroshima

E-mail Stampa PDF

obama hiroshimadi Albano Nunes, Segreteria del Partito Comunista Portoghese | da avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Il primo presidente degli USA che ha visitato Hiroshima dopo il suo bombardamento atomico del 6 agosto 1945 si è rifiutato di chiedere scusa al popolo giapponese, rifiuto che è stato cinicamente evidenziato dalla vasta operazione mediatica in cui Obama è presentato come il campione della lotta per un mondo senza armi nucleari.

E’ necessario smascherare questa ipocrita quanto pericolosa propaganda. Obama è il presidente dell’unico paese al mondo che ha fatto ricorso all’arma nucleare e che è impegnato nel suo perfezionamento, il presidente di una potenza che pretendendo di dominare il mondo, vede nell’arma nucleare un elemento centrale della sua politica di “sicurezza nazionale” e che ne minaccia l’uso “preventivo”, un paese che accerchia con basi militari i suoi “avversari strategici”, la Cina e la Russia, e che sta installando in Europa Centrale e in Corea del Sud dei sistemi missilistici che mirano a mettere gli USA al riparo da rappresaglia quando e se scatenassero la guerra nucleare.

Leggi tutto...

Il discredito di Hollande e del Partito Socialista Francese

E-mail Stampa PDF

France Strikesdi Rafael Poch, corrispondente di “La Vanguardia” a Parigi

da www.lavanguardia.com

Traduzione di Marx21.it

La svolta europeista del PS francese nel 1983 ha aperto la strada alla crisi attuale.

Il mandato del presidente François Hollande, che secondo l'ultimo sondaggio pubblicato è gradito al 14% dei francesi, sta battendo il record del discredito nella V Repubblica, fondata dal generale De Gaulle nel 1958, ma il naufragio del Partito Socialista Francese va ben oltre la personalità e la politica della sua prima figura.

La socialdemocrazia non è in crisi solo in Francia, ma il declino dei socialdemocratici francesi ha una propria storia che dura da una generazione e che è cominciata nel marzo 1983 sotto la presidenza di  François Mitterand. Fu allora che il Partito Socialista smise di essere una socialdemocrazia per trasformarsi in una forza social-liberale. L'Europa, il processo della costruzione europea, fu determinante perché il PS smettesse di essere socialdemocratico.

La svolta iniziale si produsse tra il 13 e il 23 marzo 1983. I socialisti avevano vinto le elezioni con il cosiddetto Programma Comune, una ricetta socialdemocratica che oggi passerebbe come di sinistra radicale: nazionalizzazione di trenta banche e di cinque grandi gruppi industriali strategici, aumento degli assegni familiari e del salario minimo.

Leggi tutto...

La tesi 10 del documento politico dell'assemblea nazionale costituente comunista

E-mail Stampa PDF

di Giuliano Cappellini

Con la riflessione del compagno Giuliano Cappellini, continua la rassegna di contributi per un confronto aperto sulle prospettive dei comunisti in Italia.

Riconosco apertamente che non mi ritrovo in nessuna delle parti del documento politico dell’Assemblea Nazionale Costituente Comunista che non è mia intenzione discutere complessivamente. Ma la  tesi 10 – Italia: il quadro politico e il compimento della mutazione genetica… – pur sembrandomi talmente banale e sciatta da essere al di sopra di qualsiasi critica, è tuttavia talmente importante come “banco di prova” di un’identità comunista che poiché mi coinvolge, mi costringe ad intervenire.

L’analisi del quadro politico della tesi 10 si misura con la rappresentazione di comodo con cui lo stesso quadro politico italiano intende essere riconosciuto, non un passo in più, non un elemento di riflessione sulle sue origini e sui suoi sviluppi. Così resta il dubbio che la stessa mutazione genetica del PCI, PDS, …, PD data per conclusa dalla tesi 10, non sia, invece, un processo in itinere, magari senza ritorno ma dagli esiti per molti versi ancora imprevedibili.

Leggi tutto...

Si alla Pace! No alla NATO! La campagna internazionale del Consiglio Mondiale della Pace

E-mail Stampa PDF

sim paz nao otanda cebrapaz.org.br | Traduzione di Marx21.it

La protesta contro il Vertice della Nato.

Il vertice della NATO del 2016 si svolgerà a Varsavia l'8 e 9 luglio. In previsione di questa scadenza il Consiglio Mondiale della Pace sta organizzando mobilitazioni in diversi paesi, allo scopo di costruire una campagna globale contro la NATO, con la parola d'ordine Si alla Pace! No alla NATO!

La Nato: un nemico della pace e dei popoli

Dal momento della sua creazione, nel 1949, la NATO è il braccio militare dell'imperialismo. E' la maggiore e più pericolosa organizzazione militare del mondo, profondamente connessa alle politiche estere ed economiche sia degli Stati Uniti che dell'Unione Europea.

Dagli anni 1990, la Nato ha allargato il numero dei suoi membri e il teatro delle operazioni. La NATO ha attualmente 28 Stati membri in America del Nord e in Europa. Altri 22 paesi sono impegnati nel Consiglio della Partnership Euro-Atlantica (EAPC). Più di 19 paesi sono partner della NATO attraverso programmi come la cosiddetta “Partnership per la Pace”, il “Dialogo Mediterraneo”, “Iniziativa di Cooperazione di Istanbul” e i “Partner nel Mondo”.

Leggi tutto...

Il cuore nero dell'Europa

E-mail Stampa PDF

L’editoriale di Giulietto Chiesa direttamente dal convegno “Le 3 crisi europee”, tenutosi il 31 maggio e 1 giugno presso la Camera dei Deputati a Roma.

Leggi tutto...

Sempre più numerosi i francesi che si oppongono alla legge sul lavoro

E-mail Stampa PDF

hollande khomrida canempechepasnicolas.over-blog.com

Traduzione di Marx21.it

I tre quarti dei francesi (74%) dichiarano di opporsi al progetto di legge sul lavoro. Appena uno su dieci lo ritiene buono e utile nella forma attuale. L'ostilità verso il progetto di legge cresce di giorno in giorno secondo le inchieste di opinione che si susseguono.

Ne è prova il fatto che l'ostilità al progetto di legge  Lavoro, avanzato da Myriam El Khomri, è condivisa da tutte le famiglie politiche, a destra come a sinistra e anche in seno al Partito Socialista. Secondo l'inchiesta Elabe di BFM TV, il 55% dei simpatizzanti del PS si oppongono.

Nel dettaglio,

37% si dichiara “abbastanza” all'opposizione del testo,

37% “del tutto” all'opposizione,

22% “abbastanza” favorevole e 3% “del tutto” favorevole.

Leggi tutto...

Nelle spire dell’Anaconda

E-mail Stampa PDF

anakonda poloniadi Manlio Dinucci | da il Manifesto

Inizia oggi in Polonia la Anakonda 16, «la più grande esercitazione alleata di quest’anno»: vi partecipano oltre 25 mila uomini di 19 paesi Nato (Usa, Germania, Gran Bretagna, Turchia e altri) e di 6 partner: Georgia, Ucraina e Kosovo (riconosciuto come stato), di fatto già nella Nato sotto comando Usa; Macedonia, che non è ancora nella Nato solo per l’opposizione della Grecia sulla questione del nome (lo stesso di una sua provincia, che la Macedonia potrebbe rivendicare); Svezia e Finlandia, che si stanno avvicinando sempre più alla Nato (hanno partecipato in maggio alla riunione dei ministri degli esteri dell’Alleanza). Formalmente l’esercitazione è a guida polacca (da qui la «k» nel nome), per soddisfare l’orgoglio nazionale di Varsavia. In realtà è al comando dello U.S. Army Europe che, con un’«area di responsabilità» comprendente 51 paesi (compresa l’intera Russia), ha la missione ufficiale di «promuovere gli interessi strategici americani in Europa ed Eurasia». Ogni anno effettua oltre 1000 operazioni militari in oltre 40 paesi dell’area.

Lo U.S. Army Europe partecipa all’esercitazione con 18 sue unità, tra cui la 173a Brigata aerotrasportata di Vicenza. L’Anakonda 16, che si svolge fino al 17 giugno, è chiaramente diretta contro la Russia. Essa prevede «missioni di assalto di forze multinazionali aerotrasportate» e altre anche nell’area baltica a ridosso del territorio russo. Alla vigilia dell’Anakonda 16, Varsavia ha annunciato che nel 2017 espanderà le forze armate polacche da 100 a 150 mila uomini, costituendo una forza paramilitare di 35 mila uomini denominata «forza di difesa territoriale». Distribuita in tutte le province a cominciare da quelle orientali, essa avrà il compito di «impedire alla Russia di impadronirsi del territorio polacco, come ha fatto in Ucraina»

Leggi tutto...

Venezuela, sassi sui bambini dai gruppi di opposizione

E-mail Stampa PDF

09est1venezueladi Geraldina Colotti | da il Manifesto

Caracas. Solidarietà mondiale a Maduro. Manifestazione oggi a Roma

Siamo nella città di Guarenas, municipio Plaza, nello stato di Miranda. Un bastione del chavismo, dove si è svolta una delle manifestazioni “contro le ingerenze imperialiste” che hanno interessato tutto il paese. Il consenso, però, qui appare incrinato.

Dalle finestre pendono magliette e bandiere chaviste, ma anche quelle gialle e nere del partito Primero Justicia e della Mud. Qualcuno batte sulle pentole: così si fa sentire la protesta di opposizione. Il corteo passa fra due ali di palazzoni. Sfilano tanti bambini, molti dei quali piccolissimi, tenuti in braccio dalle mamme. E all’improvviso una sassaiola arriva dall’alto, una pietra sfiora la testa del piccolo che ci sta davanti, un’altra manca la cronista. Davanti a un portone, alcuni individui insultano le ragazze, fanno gesti volgari, cercano di provocare.

I manifestanti rispondono col pugno chiuso, cantano “El pueblo unido, jamas sera vencido”.

Una ragazzina afrodiscendente suona la tromba, dirige un quartetto di marcantoni che avanza sotto il sole del pomeriggio. “Altroché dialogo – dice vicino a noi la giovanissima Gaudy – questi cercano lo scontro. A tirare pietre sono gli stessi che usufruiscono dei diritti acquisiti con la rivoluzione: che perderanno se torna il capitalismo. Dobbiamo riconquistare il terreno perso fra i settori popolari”.

Leggi tutto...

Perchè no

E-mail Stampa PDF

di Gianni Favaro

Riceviamo dal compagno Gianni Favaro e pubblichiamo come contributo per  il dibattito a tutto campo sulle prospettive dei comunisti in Italia.

Ci auguriamo che a questo articolo e agli altri finora pubblicati ne seguano altri, contenenti analisi che, sebbene non coincidenti fra loro ma nell'ambito di un confronto anche franco, ma costruttivo e di rispetto reciproco (aperto a tutti i comunisti, con o senza tessere), consentano di approfondire aspetti relativi alla fase complessa e di difficoltà che sta attraversando il movimento comunista nel nostro paese.

Inizio, questo mio contributo, con una piccola premessa di carattere personale.

Sono stato tra i primi cento firmatari dell'appello per la ricostruzione  del Partito Comunista, nella mia già lunga militanza politica dal 1972 sono stato iscritto alla FGCI e poi al PCI. Nel PCI torinese e nazionale sono stato segretario di sezione e membro del Comitato Centrale  quando segretario nazionale era Alessandro Natta. Fondatore del Movimento per la rifondazione comunista e tra i delegati, al congresso di Rimini che decretò lo scioglimento del PCI e la nascita del PDS, che uscirono dalla sala. Membro della Direzione Nazionale e del Comitato Politico Nazionale del PRC fino al congresso che ha eletto segretario Ferrero, Segretario regionale Piemontese e infine Segretario della Federazione PRC di Torino. Mi fermo qui per non tediare troppo chi avrà la curiosità di leggere il mio punto di vista ed anche perché gli anni successivi alla mia uscita dal PRC sono, come quelli di molti altre e molti altri compagni, anni segnati dalla delusione e dalla chiusura nel privato.

Leggi tutto...

Il Consiglio Mondiale della Pace si prepara alla mobilitazione in vista del vertice NATO a Varsavia

E-mail Stampa PDF

atene socorroda cebrapaz.org.br

Traduzione di Marx21.it

Il 27 e 28 maggio in Grecia, la segreteria del Consiglio Mondiale della Pace (CMP) ha discusso delle prossime iniziative di mobilitazione.

La Segreteria del Consiglio Mondiale della Pace (CMP) si è riunita nella capitale greca, Atene, il 27 e 28 maggio, per discutere della situazione politica internazionale e della sua agenda di lavoro, delle sue campagne e azioni e della preparazione dell'Assemblea, che si svolgerà in novembre, in Brasile.

Quasi la totalità dei membri della Segreteria, composta da 13 entità, ha partecipato: Il Comitato Greco per la Distensione e la Pace Internazionale (che ha ospitato la riunione), il Centro Brasiliano di Solidarietà ai Popoli e di Lotta per la Pace (Cebrapaz), il Consiglio Portoghese per la Pace e la Cooperazione, il Movimento Cubano per la Pace e la Sovranità dei Popoli (MovPaz), il Comitato Palestinese per la Pace e la Solidarietà, il Consiglio della Pace degli USA, l'Iniziativa Sudafricana per la Pace, l'Organizzazione Indiana della Pace e della Solidarietà (Aipso), il Consiglio del Nepal per la Pace e la Solidarietà, il Consiglio Nazionale Siriano per la Pace, il Consiglio della Pace di Cipro e il Comitato della Pace del Congo (Repubblica Democratica). Come invitati, hanno partecipato anche rappresentanti dei movimenti della pace di Polonia, Israele e Turchia.

Leggi tutto...

Un famigerato decreto concede nuovamente autonomia alle Forze Armate in Argentina

E-mail Stampa PDF

argentina poliziada abuelas.org.ar

Traduzione di Giulia Salomoni per Marx21.it

Comunicato degli organismi dei diritti umani 

Gli organismi dei diritti umani respingono la decisione del presidente Mauricio Macri di restituire alle Forze Armate il grado di autonomia di cui godevano prima del ritorno alla democrazia. Da allora, con l'esperienza dell'orrore attraversato per anni e anni di dittatura, la società ha saputo costruire meccanismi di governo e controllo civile per impedire che le Forze Armate attentino alle istituzioni democratiche del paese.

Il decreto 721/16 restituisce ai militari un potere autonomo che era stato limitato dall'allora presidente Raul Alfonsin: si delegano ai capi delle Forze Armate la maggior parte delle designazioni e dei cambi di destinazioni degli ufficiali, e il passaggio alla rimozione e alla retrocessione dei suoi membri. Ancora più preoccupante è il fatto che il decreto permetta alle Forze Armate di designare i responsabili della formazione dei nuovi ufficiali e sottufficiali, il che rappresenta un grave passo indietro nel paradigma di formazione ai valori democratici dei nuovi militari.

Leggi tutto...

Rilanciamo la mobilitazione contro i nuovi gravissimi attacchi alle libertà in Ucraina

E-mail Stampa PDF

ukraine prisoners exchange 4di Marx21.it

Apprendiamo che il Partito Comunista di Ucraina ha lanciato un altro appello alla mobilitazione e alla solidarietà internazionale contro il gravissimo attacco sferrato dalle autorità di Kiev contro la libertà di espressione, questa volta nei confronti di uno strumento di informazione dell'opposizione al regime.

Sono state infatti avviate le procedure per la chiusura del canale televisivo “Gamma” dopo che l'emittente aveva mandato in onda l'intervento del leader del Partito Comunista di Ucraina, Petro Simonenko, in occasione della celebrazione del Giorno della Vittoria sul nazi-fascismo, in cui erano stati espressi giudizi in merito alla politica nazionale ed estera dell'attuale regime nazional-fascista di Kiev.

Nel suo intervento, Simonenko aveva denunciato vigorosamente le inadempienze, da parte del governo ucraino, degli accordi di Minsk per il regolamento del conflitto nel Donbass e l'operazione in corso di riscrittura della storia, attraverso anche il cambiamento del nome di innumerevoli vie e  piazze, prima dedicate agli eroi della lotta antifascista e ora addirittura intitolate ai criminali collaborazionisti che avevano partecipato, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, alla sanguinosa repressione di partigiani e combattenti dell'Armata Rossa, e di inermi cittadini ucraini, russi, ebrei, polacchi e di altre nazionalità presenti allora sul territorio della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina.

Leggi tutto...

“Così avete ridotto la mia Siria, annientata dalla guerra e dalle sanzioni”

E-mail Stampa PDF

dianajabbourdi Marinella Correggia e Alessandro Bianchi
da www.lantidiplomatico.it

Diana Jabbour, direttrice del sistema radio-televisvo siriano all'AntiDiplomatico: "Anche per colpa delle sanzioni Ue sette milioni di sfollati interni siriani potrebbero presto divenire profughi all'estero"

Un diktat della cupola – il G7 – pochi giorni  fa ha indotto il Consiglio dei ministri degli esteri dell’Unione europea a rinnovare le sanzioni contro la Siria, varate nel 2011. 

Dal 2013, peraltro, le sanzioni commerciali sono state attenuate per quanto riguarda le aree controllate dall’opposizione armata. Parallelamente, continua una furiosa campagna mediatica che parteggia per le cosiddette “forze dell’opposizione e della rivoluzione” - così il Consiglio d’Europa chiama la galassia delle formazioni armate a geometria variabile che hanno distrutto il paese.

Abbiamo sentito su questi temi Diana Jabbour,  giornalista, direttrice del sistema radio-televisivo siriano (totalmente censurato nel libero occidente)  e da qualche giorno membro del cosiddetto “Women's Advisory Board” creato dall’inviato delle Nazioni Unite Staffan de Mistura per contribuire ai negoziati di pace di Ginevra.

Leggi tutto...

Palmiro Togliatti e la lotta per la pace ieri e oggi

E-mail Stampa PDF

togliattidi Domenico Losurdo

E' di grande interesse questo testo di Domenico Losurdo, in cui, insieme a una puntigliosa ricostruzione storica del contributo del grande dirigente comunista italiano alla lotta per la pace, vengono fissate alcune importanti discriminanti di linea, come quelle che hanno segnato la polemica del Comitato NO guerra NO Nato nei confronti di tutte le posizioni che non attribuiscono con chiarezza all'imperialismo americano le responsabilità fondamentali nella spinta alla guerra mondiale OGGI.

"Va da sé - scrive Losurdo - che non dobbiamo stancarci di denunciare il ruolo infame di paesi come la Germania e l’Italia nello smembramento e nella guerra contro la Jugoslavia, o il ruolo infame dell’Italia nella guerra contro la Libia e della Germania nel colpo di Stato in Ucraina; per non parlare del ruolo infame della Francia prima di Sarkozy e poi di Hollande nella guerra contro la Libia e contro la Siria. Ma tutte queste infamie neocoloniali e altre ancora sono state rese possibili dalla strapotenza militare e dal ruolo egemonico degli USA, che talvolta le hanno promosse in modo più o meno diretto".

Leggi tutto...

La frattura geopolitica in America Latina comincia in Brasile

E-mail Stampa PDF

rousseff10di Rafael Bautista S.*
da www.alainet.org 

Traduzione di Marx21.it

Pubblichiamo, come stimolante contributo alla comprensione del momento di crisi attraversato dai processi progressisti in America Latina, la riflessione di uno studioso boliviano alla vigilia della destituzione della presidente del Brasile.

Se la diplomazia aperta è concepita per il consumo informativo (dal momento che su qualcosa si deve pur informare), la politica esibita mediaticamente è concepita per plasmare l'opinione pubblica. Non ha, come missione, quella di orientare e, almeno generare una relazione critica con i fatti politici (il nuovo circo romano è virtuale); ciò su cui si informa non contiene nulla che non sia permesso per la funzione assegnata, vale a dire, ciò che si sa è solo ciò che l'amministrazione selettiva dell'informazione permette di sapere (tale controllo, certamente, non è del tutto perfetto; il suo successo è proporzionale al grado di addomesticamento prodotto). L'interpretazione dei fatti politici è, in tal modo, circoscritta entro i margini consentiti che stabilisce un potere strategico che conosce l'importanza della manipolazione dell'informazione.

Leggi tutto...

Pagina 4 di 153