“In lode della guerra fredda”. Recensione del libro di Sergio Romano

“In lode della guerra fredda”. Recensione del libro di Sergio Romano

di Luigi Marino

La disgregazione dell’URSS ha comportato, in tutti i paesi europei e non solo ...

Continua...
L'uovo del serpente

L'uovo del serpente

di Pedro Guerreiro

Per i democratici e gli antifascisti i recenti sviluppi della situazione in Ucraina possono solo rappresentare motivo di preoccupazione. Tra questi, c'è l'annuncio il 15 maggio della promulgazione delle leggi che – a partire da una monumentale falsificazione della storia…

Continua...
Cina: Fronte unito, egemonia e sfide alla sicurezza

Cina: Fronte unito, egemonia e sfide alla sicurezza

di Diego Angelo Bertozzi

Con l'espressione "Fronte unito" nella lunga fase rivoluzionaria della storia cinese si è inteso inizialmente definire la collaborazione tra il partito nazionalista - guidato da Sun Yat-sen - e il partito comunista cinese con l'obiettivo di riconquistare l'indipendenza, superare il…

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Baltimora

E-mail Stampa PDF

baltimore police riotsdi Mauro Gemma

Baltimora brucia dopo le ennesime violenze razziste della polizia USA e un altro assassinio di un cittadino nero. 5.000 militari della Guardia Nazionale mobilitati. Utilizzato tutto l'arsenale repressivo. Botte, arresti, feriti che non si contano più, mentre l'incendio si propaga a tutto il paese. In decine di città si svolgono manifestazioni imponenti, con la partecipazione di movimenti antirazzisti e radicali e parole d'ordine di denuncia delle politiche, non solo razziali, ma anche sociali (che con quelle razziali si intrecciano strettamente) del governo statunitense. Anche in questo caso la polizia distribuisce botte a non finire, in particolare a New York. Eppure della portata gigantesca della protesta americana, da noi giungono solo gli echi.

La consegna tra gli operatori dell'apparato mediatico, in particolare quelli più vicini al governo a guida PD, è minimizzare il significato della protesta e allineare la nostra opinione pubblica alla versione ufficiale fornita dalle autorità USA: quella secondo cui "occorre mettere fine alla violenza".

Leggi tutto...

Il drone, ovvero il ritorno di Enrico VIII

E-mail Stampa PDF

dronenomoredi Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

L'uccisione nel gennaio scorso dell'ostaggio italiano Giovanni Lo Porto in seguito un attacco di un drone statunitense al confine tra Afghanistan e Pakistan ha reso ancora una volta evidente che il rapporto tra Roma e Washington è quello che intercorre tra il centro dell'Impero (un poco ammaccato e in discussione) e una colonia periferica, abituata da qualche lustro all'assoluta obbedienza e subito pronta a sollevare dalle responsabilità l'imperatore: “è colpa dei terroristi che li hanno usati come scudi umani”, ha subito precisato il ministro Pinotti.

Non un minimo accenno è stato fatto per mettere in discussione – condannare sarebbe troppo! - la pratica omicida e illegale delle uccisioni mirate tramite invio di droni. Mirate sino ad un certo punto, visto che la morte dell'ostaggio italiano – e con lui di quello statunitense – dimostra che ogni attacco può causare l'uccisione di innocenti. Secondo uno studio della sorosiana Open Society Foundation sono circa 2.000 le persone uccise in Pakistan dai droni Usa e tra queste molte sono civili.

Leggi tutto...

La grande vittoria del Vietnam

E-mail Stampa PDF

vietnam1975 tankNhan Dan, organo centrale del Partito Comunista del Vietnam | nhandan.com.vn

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

L'offensiva generale e l'insurrezione della primavera del 1975, che culminò con la storica campagna Ho Chi Minh (dal 26 al 30 aprile 1975), mise fine a 30 anni di guerra dolorosa contro gli invasori stranieri e portò il paese nell'era dell'indipendenza e del socialismo.

Il sistema di difesa del nemico a Xuân Lôc era stato spezzato, quello di Sài Gon-Gia Dinh indebolito. Nonostante i molti soldati, la capacità di combattimento del nemico era affievolita. Il 31 marzo, l'Ufficio politico valutava che "l'opportunità strategica di avviare un'offensiva generale contro il nemico a Saigon-Gia Dinh è giunta. Ora, la battaglia strategica finale dell'Esercito di liberazione del Sud e del popolo vietnamita comincia a dare corpo alla rivoluzione nazionale democratica del popolo del Sud e alla riunificazione della Patria". Sottolineando che "dobbiamo cogliere l'opportunità strategica, con tattica, rapidità, audacia, sorpresa e vittoria assicurata. Possiamo liberare il Sud in breve tempo. Aprile è il momento migliore".

Leggi tutto...

Con l'Italicum l'Italia si trasforma in una "democratura"

E-mail Stampa PDF

grunge palazzo-della-Consultadi Francesco Maringiò,
direzione nazionale PCdI

Nel corso dell’ultimo quarto di secolo i cambiamenti intercorsi nella legge elettorale sono stati caratterizzati da un unico obiettivo: quello di compiere, sul piano istituzionale, il cambiamento di fase che era già in corso sul piano economico (con lo smantellamento del settore pubblico e la privatizzazione delle aziende di stato nei settori strategici) e su quello politico (con la distruzione del sistema dei partiti, come strumenti di organizzazione della vita pubblica e democratica di questo paese). Segnare, quindi, la vittoria del capitale (più spesso delle oligarchie) sul lavoro e sulla democrazia. La Carta Costituzionale è stata sempre di più tradita nei suoi principi fondamentali e si è sbilanciato l’equilibrio istituzionale che i padri costituenti avevano riposto nella centralità del parlamento. Non c’è da stupirsi, pertanto, che nel corso degli anni si sia fatto riferimento alla “legge truffa” del ’53 per denunciare l’anti-democraticità di quanto stesse avvenendo. Eppure la più “antidemocratica” delle leggi proposte o approvate fin ora, impallidirebbe a confronto con la riforma in discussione in queste ore nel parlamento.

Leggi tutto...

I droni dei serial killer

E-mail Stampa PDF

pakistan drone bombingdi Manlio Dinucci
da il Manifesto

A Washington ormai è un «macabro rituale»: una volta al mese membri del Congresso, facenti parte delle commissioni sull’intelligence, vanno al quartier generale della Cia a «visionare i filmati di persone che saltano in aria, colpite dagli attacchi dei droni in Pakistan e altri paesi». Lo riporta The New York Times (25 aprile), sottolineando che questa «parvenza di supervisione» serve a far apparire «un rigoroso controllo, da parte del Congresso, sul programma di uccisioni mirate».

Programma che «la Casa Bianca continua a sostenere», promovendo ai più alti ranghi i funzionari della Cia che lo hanno costruito dieci anni fa, «alcuni dei quali sono stati anche alla guida dei programmi sull’uso della tortura nelle prigioni segrete». I droni killer sono ormai «integrati nel modo americano di fare la guerra».

Leggi tutto...

30 aprile 1975

E-mail Stampa PDF

vietnam 1975di Matteo Stella per Marx21.it

Il 30 aprile 1975, attorno alle 11.30, i carri armati della Repubblica Democratica del Vietnam, guidati dal colonnello Bùi Tín, varcarono i cancelli del Palazzo Presidenziale di Saigon. Ad aspettarli sugli scalini del Palazzo c’era Dương Văn Minh, l’ultimo dei Presidenti della Repubblica del Vietnam, in carica da poche ore, e alcuni suoi consiglieri. «Vi sto aspettando da questa mattina presto per trasferire il potere a voi» disse Minh. Tín rispose bruscamente «Non è una questione di trasferimento del potere. Il vostro potere si è sbriciolato. Non potete rinunciare a qualcosa che non avete».

Gli ultimi cittadini americani presenti erano fuggiti dalla città solo poche ore prima in quella che risultò la più grande evacuazione via elicottero della storia. Oltre al personale dell’Ambasciata, a molti vietnamiti connessi al regime della Repubblica del Vietnam fu permesso di imbarcarsi e di lasciare il Paese. Tutto si svolse nel caos più completo, nella frenesia più estrema, in quanto nessun analista occidentale aveva previsto un’avanzata così rapida delle forze del Nord, unita a un collasso tanto repentino dell’esercito sudvietnamita. L’umiliazione per gli Stati Uniti fu enorme.

Leggi tutto...

Fermiamo la deriva autoritaria del governo Renzi

E-mail Stampa PDF

elezionidi Giorgio Langella, direzione nazionale PCdI

Alla fine, dopo varie conferme e altrettante smentite, il governo Renzi ha deciso di porre la fiducia sulla legge elettorale. Una vergogna. Qualcosa di indegno per una paese democratico. Una richiesta degna di un regime pericolosamente autoritario. Quello che sta succedendo in parlamento in questi minuti è di una gravità estrema. Il governo Renzi sta tentando di cancellare definitivamente la Costituzione imponendo una legge elettorale infame che favorisce una minoranza di oligarchi. Non c'è nulla di normale nel porre la fiducia su una legge, come quella elettorale che dovrebbe fissare le regole democratiche di una nazione. È successo in epoca fascista con la legge Acerbo. Succede oggi con l'Italicum.

Facciamo appello a tutti quei deputati che ancora si richiamano alla Costituzione: fermate questo scempio, votate contro il governo, non date la fiducia a un governo sempre più arrogante, autoritario e oligarchico.

Leggi tutto...

“Mettere sullo stesso piano comunisti e nazisti è una distorsione della storia”

E-mail Stampa PDF

ukraine cp supportersda Russia Today
Traduzione di Lorenzo Battisti per Marx 21.it

Intervista a John Foster, del Partito Comunista della Gran Bretagna

Come ha dichiarato il professore John Foster del Partito Comunista della Gran Bretagna a Russia Today, la nuova legge ucraina che impedisce la propaganda del comunismo e del nazismo mette sullo stesso piano più o meno questi due regimi, il che rappresenta una totale distorsione della storia.

Il Partito Comunista dell'Ucraina ha appena sofferto un duro colpo, dopo che il Parlamento ha approvato una legge che bandisce i regimi totalitari comunista e nazista e l'uso di qualsiasi dei loro simbolo nel paese. Il regime che ha guidato il paese fino agli anni '90 è ora dichiarato illegale.

Leggi tutto...

Puglia: appello regionale per la scuola pubblica e il diritto allo studio

E-mail Stampa PDF

scuolapubblicadi Unione degli studenti pugliesi

A tutti i singoli, associazioni, comitati, sindacati, organizzazioni regionali uniti dalla volontà di fermare il disegno di legge “Buona Scuola” per un’idea di istruzione che sia gratuita e di qualità.

Le politiche del governo Renzi e la “Buona Scuola”, perchè bloccare il ddl?

Il governo Renzi è il terzo governo non effettivamente eletto che si è succeduto in Italia dopo i governi Monti e Letta. Esso ha cercato, mediante una spiccata mediaticità, che spesso ha fatto trasparire una vera e propria demagogia, di apparire differente dai predecessori e più vicino alla realtà vissuta dai cittadini, tuttavia ha portato avanti i medesimi disegni politici, dalla precarizzazione del mondo del lavoro (Jobs Act) alla svendita e distruzione dell’ambiente, preferendo, mediante la manovra dello Sblocca Italia, la promozione di grandi opere che, come insegnano i casi EXPO e Mose, nascondono fra l’altro gravi esempi di corruzione e illegalità.

Leggi tutto...

È un obice, non è un grad

E-mail Stampa PDF

a cura di Evdokiya Sheremeteva
da littlehirosima.livejournal.com 

Traduzione dal russo di Alena Afanasyeva per Marx21.it

Evdokiya Sheremeteva è una blogger di Mosca che organizza, a proprie spese, e porta a Lugansk aiuto umanitario per le città più colpite dalla guerra. La situazione umanitaria nei paesi come Khriashchevatoe, Pervomajsk, Krasnodon, nonostante la tregua, ancora è disastrosa. L'aiuto umanitario arriva qui raramente e non è mai sufficiente. Dopo ogni viaggio Evdokiya (Dunja per amici) racconta delle sue esperienze nel proprio blog littlehirosima.livejournal.com. Nei suoi post ci sono i resoconti dell'aiuto distribuito (con foto e indirizzi), le storie delle persone che vivono lì. Sono tante queste storie e raccontarle tutte non è facile. Qui abbiamo raccolto la traduzione di alcuni post (a volte abbreviati) che riguardano il quinto viaggio a Pervomajsk (inizio di marzo)

Leggi tutto...

Il PCI fu la principale forza organizzata della Resistenza

E-mail Stampa PDF

pcdiPartito Comunista d'Italia – Vicenza

La risposta ad una dichiarazione del senatore Giorgio Napolitano 

Abbiamo letto sul Corriere della Sera di ieri, 24 aprile 2015 a pagina 22, le parole dell'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano “la visione condivisa della Resistenza cominciò quando Togliatti schierò il PCI nel fronte antifascista”. L'autore dell'articolo ci fa sapere che la voce di Napolitano “si è incrinata” e che l'ex capo dello Stato “si è commosso”. 

A fronte di parole che in maniera subdola insinuano il dubbio che la scelta di campo dei comunisti italiani sia arrivata chissà quando, sarebbe corretto porre alcune domande al senatore Napolitano. È proprio sicuro delle sue affermazioni? Cosa intende dire con le parole “... quando Togliatti schierò il PCI nel fronte antifascista”? Vuole, forse, sostenere che, per lo meno per un periodo, i comunisti fossero stati ambigui e non si fossero, fin dall'inizio, schierati contro Mussolini e il fascismo? Le parole di Napolitano sono antistoriche e imbarazzanti soprattutto per uno che, come lui, è vissuto grazie al ruolo che il Partito Comunista gli ha garantito per troppi anni. 

Leggi tutto...

Come gli USA preparano la guerra

E-mail Stampa PDF

“Gli USA hanno un interesse fondamentale: ora controllano tutti gli oceani del mondo. Nessuna potenza si è mai nemmeno avvicinata a farlo”. George Friedman, consigliere politico del Dipartimento di Stato, fondatore del think tank Stratfor interviene al Chicago Council on Global Affairs.

Leggi tutto...

Manlio Dinucci: "All'interno di un vuoto politico il problema più grande è l'informazione"

E-mail Stampa PDF

carri colonnaComitato promotore della campagna #NO GUERRA #NO NATO

24 apr 2015 — All'interno della cornice della conferenza stampa #No Guerra #No Nato, Sputnik Italia ha intervistato il giornalista Manlio Dinucci

(a cura) di Sputnik Italia

- Lei ritiene che tra le attuali forze politiche ci sia l'opportunità di aprire un dibattito sull'adesione dell'Italia alla Nato, a fronte del protratto silenzio degli scorsi decenni?

Nell'ambiente politico non è assolutamente in discussione che la Nato serva a proteggere la nostra democrazia, come non è in dubbio che la più grande democrazia del mondo sia quella degli Stati Uniti d'America. La cosa ancora peggiore è che queste idee, in una sorta di rovesciamento di fronte, hanno trovato molto più spazio in quella che noi abbiamo finora definito la sinistra, che non nella destra.

Leggi tutto...

Luigi Longo e il Pci nella Resistenza: un ruolo di avanguardia effettivo e concreto

E-mail Stampa PDF

sfilata partigiana 1947di Alexander Höbel per Marx21.it

È facile prevedere che, nel 70° anniversario della Liberazione, non molti sottolineeranno il ruolo dei comunisti e ricorderanno il contributo di una personalità come Luigi Longo, che pure ebbe una funzione determinante nella Resistenza italiana. In quei 20 mesi di lotta, infatti, Longo si trovò contemporaneamente al vertice della Direzione Nord del Pci, delle Brigate Garibaldi – in questi due ruoli affiancato da Pietro Secchia – e del Corpo volontari della libertà, accanto a Ferruccio Parri e al generale Cadorna; una posizione strategica, che facilitò l’interscambio continuo che vi fu fra queste tre realtà: il Partito, le Brigate partigiane che esso promuoveva concependole aperte anche a non comunisti, e il Cvl – e il suo Comando generale – come organismo unitario di coordinamento della lotta partigiana.

A Longo peraltro si deve quello che può essere considerato il “documento fondativo” della Resistenza italiana, quel Promemoria sulla necessità urgente di organizzare la difesa nazionale contro l’occupazione e la minaccia di colpi di mano da parte dei tedeschi che, redatto nella notte del 30 agosto 1943 – prima ancora, quindi, che l’armistizio con gli Alleati fosse concluso, anche se la notizia in tal senso era stata confermata da Giaime Pintor – prevedeva la rottura dell’alleanza con la Germania, l’armistizio, la preparazione della difesa del Paese, la collaborazione a tal fine fra esercito, popolo e Fronte Nazionale, l’“armamento di unità popolari”; e infine la necessità di “liquidare tutte le sopravvivenze fasciste nell’apparato dello Stato”, e di “portare ai posti di maggiore responsabilità uomini di sicura fede democratica”.

Leggi tutto...

La preparazione politico-militare nella Resistenza italiana

E-mail Stampa PDF

partigiani camiondi Pietro Secchia
Aldo dice: 26x1, Cronistoria del 25 aprile 1945, Feltrinelli, Milano, 1973, pp. 20-26

Patrioti italiani, in meno di un mese la forza armata tedesca è stata schiantata e la città di Roma è stata liberata. Oggi hanno avuto inizio gli sbarchi in occidente. D'ora innanzi le armate tedesche in Europa verranno attaccate da tutte le parti. Il giorno da voi tanto atteso è finalmente giunto. Faccio appello a tutti i patrioti d'Italia d'insorgere compatti contro il comune nemico. H. R. Alexander, Comandante in capo delle forze alleate in Italia

Il 4 giugno 1944 gli Alleati entravano in Roma, la prima delle capitali d'Europa, liberata. Il 6 giugno sbarcavano con pieno successo in Normandia, si trattava della più grande operazione bellica anfibia che avesse mai avuto luogo.

"La storia della guerra non conosce altra impresa paragonabile per le proporzioni, la vastità di concezione e la magistrale esecuzione". (1)

Leggi tutto...

25 Aprile 1945: Il grande giorno!

E-mail Stampa PDF

dantedinanni muralesdi Giovanni Pesce | Senza tregua, Cap XIV (A ritmo serrato), Feltrinelli, Milano, 1967, pp. 301-306

Trascrizione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

[…]

Il 22 febbraio 1945 è il 27° anniversario dell'Esercito Sovietico. Sulle ciminiere delle fabbriche milanesi sventolano vessilli rossi, sui muri appaiono scritte, un po' dovunque si radunano comizi volanti.

Il 28 febbraio tre gappisti, eludendo la vigilanza della sentinella, collocano all'altezza di Affori, sulla linea ferroviaria Milano-Torino una bomba interrompendo il traffico per parecchie ore. Marzo si avvicina e la liberazione è nell'aria, annunciata da fatti, dai discorsi della gente sui tram o davanti ai negozi in attesa della distribuzione dei generi tesserati.

Leggi tutto...

In Libia missione impossibile per la Ue, non per la Nato

E-mail Stampa PDF

Global Hawkdi Manlio Dinucci
da il manifesto, 24 aprile 2015

«Identificazione, cattura e distruzione sistematica delle imbarcazioni utilizzate dai trafficanti di esseri umani, smantellamento della loro rete, sequestro dei loro beni»: questo è il compito della missione Pesd (Politica europea di sicurezza e difesa) che l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini è incaricata di approntare. Compito molto chiaro, resta solo da vedere come realizzarlo.

Il paragone con altre missioni, tipo quella Atalanta formalmente diretta contro la pirateria nell’area del Corno d’Africa, cui partecipa la marina militare italiana, è inconsistente: nell’Oceano Indiano si tratta di impedire che agili imbarcazioni, con sopra pochi armati, abbordino le navi mercantili; nel Mediterraneo si tratta di individuare e distruggere nei porti libici le imbarcazioni prima che siano utilizzate dai trafficanti, o di catturarle se hanno già preso il mare.

Leggi tutto...

Campagna «Fuori l’Italia dalla Nato»

E-mail Stampa PDF

noguerra nonato logodi Manlio Dinucci
da il manifesto, 23 aprile 2015

I promotori della campagna per l’uscita dell’Italia della Nato hanno illustrato, in una conferenza stampa nella sala Isma del Senato, le ragioni della loro iniziativa. All’incontro, presieduto dall’ing. Vincenzo Brandi, sono intervenuti la senatrice Paola De Pin, i giornalisti Manlio Dinucci, Fulvio Grimaldi, Giulietto Chiesa, padre Alex Zanotelli, lo storico Franco Cardini e il docente universitario Massimo Zucchetti (con un intervento registrato).

La campagna «No Guerra / No Nato» è iniziata con la raccolta di adesioni alla Petizione «Portare l'Italia fuori dal sistema di guerra / Attuare l'articolo 11 della Costituzione» (v. il manifesto del 19 aprile), tra i cui primi firmatari figurano il Premio Nobel Dario Fo, il magistrato Ferdinando Imposimato, il giornalista Gianni Minà, il disegnatore Vauro Senesi, i filosofi Gianni Vattimo e Domenico Losurdo, il filologo Luciano Canfora, il giornalista Antonio Mazzeo, il saggista Francesco Gesualdi, il sindacalista Giorgio Cremaschi, il musicista David Riondino.

Leggi tutto...

L'appello del Partito Comunista Siriano (Unificato) ai partiti comunisti, operai e di sinistra del mondo

E-mail Stampa PDF

siria bandierada www.solidnet.org
Traduzione di Marx21.it

Da molti anni lo Stato e il popolo siriano sono vittime di una feroce aggressione terrorista, guidata da gruppi estremisti venuti in Siria da più di 80 paesi per distruggere le infrastrutture e per versare il sangue di cittadini innocenti.

Sicuramente, questi crimini non potrebbero essere perpetrati senza l'immenso supporto garantito ai terroristi dai poteri imperiali di USA, Francia e Regno Unito, e soprattutto dai loro partner nella regione, in particolare i regimi turco e del Golfo, la cosiddetta “alleanza internazionale” che ostacola tutti gli sforzi per raggiungere una soluzione politica della crisi siriana.

La Siria ha sempre messo in guardia la comunità internazionale sul pericolo che l'estremismo e il takfirismo si trasformassero in una minaccia, sul piano regionale e internazionale, ed è ciò che sta accadendo ora in molti paesi come Iraq, Libia e in alcuni stati europei.

Leggi tutto...

Le donne partigiane

E-mail Stampa PDF

Onorina Brambilladi Nori Brambilla Pesce

LA RESISTENZA ACCUSA - Pietro Secchia antifascista, partigiano, comunista, Torino, 16 aprile 2005

Le donne nella Lotta di Liberazione. La testimonianza di Nori Brambilla Pesce (wikipedia), luminosa figura della Resistenza e del movimento operaio

Ricorre il 60° anniversario della Resistenza, se ne parla molto, numerose le iniziative, ma spesso si dimentica o si sottovaluta il grande contributo dato da centinaia, migliaia di donne.

La lotta antifascista, la guerra di Liberazione infatti videro la partecipazione delle donne italiane come fenomeno di massa, non pù limitata a ristrette elites.

Operaie, impiegate, intellettuali, contadine, casalinghe, artigiane infermiere, donne medico, studentesse, cuoche.

Leggi tutto...

Pagina 4 di 111