Dalla trappola europea al trauma istituzionale

E-mail Stampa PDF

di Salvatore D’Albergo per Marx21.it

napolitano conferenzaSommario

Giorgio Napolitano, contro ogni precedente della storia repubblicana e al di fuori delle prerogative che la Costituzione gli attribuisce, nomina due commissioni composte di membri del Parlamento e membri del governo in carica "per gli affari correnti", nonché di soggetti o rappresentativi solo di se stessi, o titolari di istituti di più varia collocazione nel sistema politico-amministrativo. Si apre così la strada al sovvertimento, non più strisciante, ma esplicito, dei principi fondanti la democrazia parlamentare e alla costituzione di un potere che si pone fuori da ogni legittimità costituzionale. L’operazione serve di fatto a prorogare il dimissionario governo Monti (e a proseguirne la politica di austerità imposta dal capitale finanziario tedesco) platealmente sfiduciato dalle elezioni politiche di febbraio. Lungi dal fornire un apporto alla risoluzione della crisi, l’azione di Napolitano la complica e aggroviglia, aggiungendo alla gravissima crisi economica e politica del paese anche il peso di una crisi istituzionale traumatica e potenzialmente destabilizzatrice. È una situazione estremamente grave e pericolosa. Occorre un forte sussulto democratico a difesa della Costituzione.

Leggi tutto...

Siamo diventati una repubblica presidenziale senza saperlo?

E-mail Stampa PDF

di Fausto Sorini

napolitano serioNAPOLITANO PRENDE IL CONTROLLO DELLA SITUAZIONE

Il presidente Napolitano ha compiuto oggi una serie di scelte di enorme e inquietante rilevanza politica, quasi ci trovassimo ormai in una repubblica presidenziale in cui viene svuotato il ruolo del Parlamento:

-ha affondato il tentativo di Bersani (espressione dell'ala socialdemocratica del PD, sostenuta da SEL e dalla CGIL) di verificare in parlamento la possibilità di un governo di centro-sinistra fondato sulla non belligeranza di una parte almeno dei grillini (e se ciò si fosse rilevato impossibile - alla prova dei fatti - di andare a nuove elezioni con un governo dimissionario a guida Bersani, e non a guida Monti);

Leggi tutto...

Lenin, il partito di classe e il successo della rivoluzione

E-mail Stampa PDF

di Rita Matos Cotinho*www.zereinaldo.blog.br

lenin folla 1917*Rita Matos Coitinho è insegnante di sociologia e scienze sociali, ed è militante del PCdoB a Santa Caterina

Traduzione di Erman Dovis per Marx21.it

Saper trovare, sentire, delineare giustamente la via concreta o la particolare svolta degli avvenimenti che avvicini le masse all'ultima grande lotta rivoluzionaria, effettiva e risolutiva: ecco il compito principale del comunismo (Lenin).” (1 )

Il parere del grande leader della rivoluzione socialista dovrebbe essere preso in considerazione nel dibattito odierno sui "nuovi movimenti" e sulla "nuova sinistra".

Leggi tutto...

Il conflitto di classe dietro l'ingovernabilità

E-mail Stampa PDF

di Salvatore D’Albergo

prospettivepericomunisti bannerIngovernabilità senza precedenti nell'uso del "maggioritario"

Il tipo di crisi che, dopo le elezioni, vede anche l'Italia coinvolta nelle conseguenze nefaste ed incontrollabili delle contraddizioni tra capitalismo finanziario e capitalismo industriale, rischia gravemente di cancellare la peculiarità denunciata da quanti avevano individuato nella "anomalia del caso italiano" le caratteristiche di una democrazia inconfondibile con le cosiddette "democrazie classiche", come desumibili dalla Costituzione che - legittimando il pluralismo sociale e politico - ha dato pieno spazio al movimento operaio e ad altri movimenti suscitati dalle nuove conformazioni del capitalismo, per una combattiva e consapevole replica attestata dalle lotte, la cui acutezza e pervasività ha provocato la controffensiva sociale e politica che, dagli anni ‘70 del secolo scorso, ha avuto come insegna la "riduzione della complessità".

Leggi tutto...

La guerra umanitaria

E-mail Stampa PDF

di Andrea Catone

sirte-dopo-la-guerraPubblicato in Umano troppo disumano, n. 11 di Athanor Semiotica, Filosofia, Arte, Letteratura, n. 11, 2007-2008, a cura di Fabio De Leonardis e Augusto Ponzio, Meltemi, Roma, pp. 309-330

1. Un modo umano di fare la guerra

“Il termine guerra umanitaria fu coniato nel 1999 a ridosso dell'aggressione della Nato nei Balcani. […] Da allora altre guerre umanitarie sono scoppiate, mentre i rischi di monopolio dell'informazione e i tentativi di manipolarne i contenuti si stanno moltiplicando”. Vi potrebbe essere anche un celebre e tragico antecedente, che in alcune traduzioni suona come “guerra umanitaria”: è il discorso che Hitler pronuncia, trasmesso via radio in diretta negli USA, per annunciare l’invasione della Polonia il 1° settembre 1939, data che i libri di storia indicano come inizio della seconda guerra mondiale:

Leggi tutto...

Una breve analisi in attesa del congresso

E-mail Stampa PDF

di Ezio Grosso, segreteria Federazione PdCI Torino

prospettivepericomunisti bannerQuando nel 2005, in Germania, l’esito elettorale sancì un risultato di sostanziale pareggio tra le due principali forze politiche rendendo impossibile la consuetudine delle “piccole coalizioni” (SPD-Verdi da una parte e CDU-CSU-Liberali dall’altra) obbligandole, di conseguenza, a riesumare il percorso della “grande coalizione”, tanti compagni in Italia, abituati a seguire con attenzione le dinamiche politiche nazionali ma, sostanzialmente estranei a quelle europee e tedesche in particolare, hanno immaginato una possibile apertura a Die Linke. Naturalmente, ciò non solo non è avvenuto, ma non è nemmeno stato preso in considerazione. A difesa di questi compagni però, bisogna dire che, essendo tale ipotesi, almeno dal punto di vista teorico, sostanzialmente avvicinabile allo spirito dell’Unione del 2006, nell’Italia di quegli anni sarebbe stata senza dubbio proposta e, con tutta probabilità, perseguita, mentre in Germania, era considerata da tutti gli schieramenti assolutamente impraticabile.

Leggi tutto...

E' nata la politica reality

E-mail Stampa PDF

di Francesco Maringiò, segretario Federazione PdCI Bologna

bersani-crimi streamingIl confronto in diretta streaming tra Bersani e i capigruppo M5S di Camera e Senato è stato un piccolo, tragico, esempio di questa nuova “politica reality”

Non deve stupire che all’incontro in streaming tra Pd e M5S abbia partecipato Rocco Casalino, uno dei protagonisti della prima edizione del Grande Fratello, a simboleggiare, anche plasticamente, la vittoria di quel modello culturale che ha pervaso prima la società ed infine le istituzioni. Dal “teatrino della politica”, abusata espressione di Berlusconi che però coglieva l’inadeguatezza di una parte cospicua della classe dirigente (lui compreso), siamo passati alla “politica reality”, dove si finge di interpretare la vita reale, ma in realtà si è attori più o meno consapevoli di una grande commedia (o peggio ancora di una grande farsa).

Leggi tutto...

24 Marzo 1999 - Marzo 2013: Noi non dimentichiamo

E-mail Stampa PDF
a cura del Forum Belgrado Italia
 
kosovo sfollati24/03/2013
 
"…la guerra non è una canzone, che si può dimenticare
la guerra è una favola funesta, che ogni giorno si manifesta…" (Milena N. Kosovo, 12 anni )
 
"…Ho appena dato mandato al comandante supremo delle forze alleate in Europa, il generale Clark, di avviare le operazioni d'aria(ndt: bombardamenti aerei…)sulla Repubblica Federale di Jugoslavia…Tutti gli sforzi per raggiungere una soluzione politica negoziata alla crisi del Kosovo sono falliti e non ci sono alternative all'intraprendere l'azione militare…".
 
Così, il 23 marzo 1999, l'allora Segretario generale della NATO J. Solana, davanti ai mass media del mondo, decretava l'inizio della fine della "piccola" Jugoslavia e del popolo serbo in particolare…
Leggi tutto...

Quella guerra dimenticata. A 14 anni dalla guerra dei Balcani

E-mail Stampa PDF

di Tamara Bellone, Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia | da www.cobaspisa.it

balcani soldato fugaNell’estate del 2000 ero in Jugoslavia, per la precisione in Serbia a Kraljevo (1), in un campo di profughi serbi provenienti dal Kosovo. Un professore di storia in pensione organizzava corsi per intrattenere i bambini e i ragazzini. Mi disse: “L’aggressione della NATO alla Jugoslavia è stata la più grande sconfitta della classe operaia europea.” Infatti nel 1999, durante i bombardamenti sulla Serbia e il Montenegro (allora ancora erano Jugoslavia) l’opposizione alla guerra fu blanda, se da un lato la CGIL si schierò in modo vergognoso con il governo dalemiano, la sinistra, a parte il sindacato di base e qualche rara eccezione tra gli intellettuali, si fermò al “né con la NATO né con Milošević”. Purtroppo ciò si ripercosse anche sul “dopo bombardamenti”. Gli aiuti agli operai jugoslavi della Zastava di Kragujevac furono frutto della solidarietà di molte fabbriche, ma ebbero per lo più il carattere di aiuto umanitario, non essendoci né vera e propria solidarietà politica. In realtà la Jugoslavia, polmone d’Europa, fu devastata da un immane disastro ecologico, che si ripercuote fino ad ora nella popolazione non solo della Serbia, ma dell’intera regione: basti pensare alle bombe cadute in Adriatico...

Leggi tutto...

Il comunismo è la gioventù del mondo. La gioventù è il futuro del PdCI.

E-mail Stampa PDF

di Nicolò Monti, PdCI Roma

fgci giovaniIn una strada di campagna c’è un vecchio contadino con i suoi due nipoti e un mulo, dall’altra parte della strada ci sono due spettatori. All’inizio il nonno fa salire i nipoti sul mulo, e lui continua a camminare, i due spettatori vedendo la scena esclamano: “Che menefreghisti quei giovani, loro pieni di forze sono sul mulo, e il vecchio lo fanno camminare”. Udendo quelle critiche il gruppo cambia: il nonno sale sul mulo e i nipoti vanno a piedi. Gli spettatori esclamano di nuovo indispettiti: “Che menefreghista il vecchio, si è appropriato del mulo e lascia a piedi i suoi nipoti, che gente!”. Udendo di nuovo quelle critiche sprezzanti il gruppo cambia di nuovo: tutti a piedi. Gli spettatori esclamano di nuovo irrisori: “Che stupidi, quei tre hanno un mulo e non lo usano!”.

Ecco, noi siamo quel nonno e quei nipoti che in base alle critiche degli spettatori cambiavano posizione continuamente.

Leggi tutto...

Con i genitori di "Aldro" per la giustizia

E-mail Stampa PDF

di Delfina Tromboni

aldrovandiE’ con grande dolore che scrivo queste righe.

Ieri, 27 marzo 2013, la mia città, Ferrara, è stata “macchiata” da un episodio di gravità inaudita. Un gruppuscolo di uomini di un sindacato di polizia con un parlamentare europeo - tutti funzionari pubblici, dunque, che dovrebbero avere a cuore come prima cosa l’onore della loro funzione e di questo martoriato Paese – ha manifestato in Piazza Municipale – il cuore della città – sotto le finestre della Sede comunale e dell’ufficio in cui lavora Patrizia, la mamma di “Aldro” – solidarizzando con gli agenti condannati per aver causato la morte del ragazzo, diciottenne appena, esile e riccioluto, dopo averlo fermato lungo la strada del ritorno a casa.

Patrizia, impietrita, è scesa in Piazza con la fotografia del suo ragazzo in un lago di sangue e ha pianto di nuovo tutto il suo dolore. Il Sindaco della città, facendo onore a tutti e tutte noi, è sceso, da solo, nella piazza, ha cercato di convincere i manifestanti ad allontanarsi da un luogo così delicato, ed ha fronteggiato il parlamentare europeo, che aggressivamente presidiava il manipolo di agenti.

Leggi tutto...

Con il cuore al Social Forum mondiale di Tunisi

E-mail Stampa PDF

di Maurizio Musolino, Coordinatore Dipartimento Esteri PdCI

forumsocialmundial 2013In questi giorni si sta svolgendo a Tunisi il Forum sociale mondiale, un appuntamento straordinario. Non sono fra quelli che hanno idealizzato questo “luogo”, ma nello stesso tempo – voglio dirlo con franchezza – credo che sottovalutarlo o meglio ridurlo ad una sorta di “carnevalata” sia un errore gravissimo e sintomo di una miopia assoluta (male che a volte ha lambito anche il nostro Partito). Per questi motivi mi dispiace moltissimo non poter essere in queste ore a Tunisi. Avrei voluto essere lì, insieme ai compagni tunisini che lottano per evitare che il loro Paese sprofondi nella violenza e nell’oscurantismo religioso, avrei voluto parlare e stare vicino ai compagni del Partito di Chokri Belaid, il leader progressista e comunista recentemente assassinato davanti alla propria abitazione, per fargli sentire la nostra solidarietà e consolidare l’amicizia che li lega al Pdci, avrei voluto incontrare i rappresentanti dei tanti partiti comunisti che in quel “luogo” sono di casa, penso ai brasiliani del PCdoB o agli indiani dei due partiti comunisti, avrei voluto condividere questa esperienza con i compagni italiani delle tante associazioni e organizzazioni, a partire dalla Fiom e dai sindacati di Base, che ritengono che provare a pensare un mondo diverso sia possibile e necessario.

Leggi tutto...

Accordi e disaccordi

E-mail Stampa PDF

di Stefano MicheliPdCI Rieti, Resp.le Prov.le Organizzazione

prospettivepericomunisti bannerHai ragione Monica 
la sconfitta storica 
ma non posso dirtelo 
posso solo piangerla 
e guardarti crescere 
come cresce l'edera 
come il rovo su pietre e macerie”
(Baustelle, a vita bassa)

Ma lasciamo da parte questo discorso: ci basti dire che ciò che veramente deve interessarci non è né il nuovo né il vecchio, bensì la comprensione di ciò che ritorna (perché se ritorna vuol dire che ha qualcosa a che vedere con l’essenziale) e della forma inevitabilmente originale ed inedita che questo ritorno assume. Ed è proprio di Lenin il saper comprendere, con un solo gesto politico e teorico, sia il riemergere delle irrisolte contraddizioni del capitalismo, sia l’aspetto inatteso e sorprendente che ogni volta esse assumono.

Leggi tutto...

Il Consiglio Diritti Umani ONU fomenta guerre e ingerenze

E-mail Stampa PDF

di Marinella Correggia | da www.sibialiria.org

aleppo guerraIL CONSIGLIO DIRITTI UMANI ONU FOMENTA GUERRE E INGERENZE

(MALGRADO GLI SFORZI DI VENEZUELA, CUBA E POCHISSIMI ALTRI)

Intervenendo giorni fa alla sessione del Consiglio Onu per i diritti umani (Unhrc) con sede a Ginevra, l’organizzazione internazionale North South XXI ha indirizzato parole dure ai paesi membri del Consiglio, che sono quarantasette, a turno. Parole adatte alla commemorazione del decimo anniversario della guerra all’Iraq ma anche al tentativo in corso da parte delle potenze Nato e dei loro alleati arabi di fomentare la guerra in Siria: “Questo Consiglio non ha intrapreso azioni adeguate rispetto all’uso illegale della forza contro i popoli dell’Afghanistan e dell’Iraq (…) Stiamo commemorando l’anniversario dell’assassinio di un milione e mezzo di iracheni – secondo quanto pubblicato da The Lancet – ma il Consiglio non ha fatto nulla per porre fine all’impunità dei responsabili. 

Leggi tutto...

Apologia della banca pubblica

E-mail Stampa PDF

di Vladimiro Giacché da MicroMega 3/2013

Leviathan grCon la grande crisi scoppiata nel 2007-8 l’intero sistema finanziario del mondo occidentale è giunto sull’orlo del collasso. È stato salvato dall’intervento dell’autorità pubblica, spesso attraverso l’ingresso dello Stato nel capitale delle banche in difficoltà. Solo in Italia questa opzione è stata sempre esclusa anche solo dal novero delle possibilità. Qui da noi è ancora ben radicato il dogmatismo ideologico che portò alla dissennata stagione delle privatizzazioni degli anni Novanta. È giunto il momento di cambiare rotta.

La via italiana ai salvataggi bancari: pagare senza controllare

«L’Europa riscopre la banca di Stato». Con questo titolo il Sole-24 Ore del 2 febbraio scorso ci ha informato della nazionalizzazione del gruppo bancario-assicurativo olandese Sns Reaal. Costo dell’operazione: 3,7 miliardi di euro. Vale a dire 200 milioni in meno di quanto costano allo Stato italiano i Monti-bond per salvare il Monte dei Paschi di Siena. Ma con una differenza non piccola: mentre lo Stato olandese potrà subito entrare nel capitale e quindi nella gestione di Sns Reaal, questo in Italia avverrà solo e soltanto se Mps non sarà in grado di rimborsare il prestito e pagare gli interessi.

Leggi tutto...

Vertice BRICS in Sudafrica

E-mail Stampa PDF

a cura del Dipartimento esteri PdCI

bricsVertice BRICS a Durban: via libera per una banca per lo sviluppo che finanzierà le grandi infrastrutture

In un commento pubblicato da Correttainformazine.it Rodolfo Monacelli scrive che " I BRICS,riuniti il 26 marzo 2013 a Durban (Sudafrica), hanno raggiunto l’intesa attesa da tempo per la creazione di una banca di sviluppo per il finanziamento congiunto di grandi progetti infrastrutturali.

Come ha dichiarato, infatti, il ministro sudafricano delle Finanze Pravin Gordhan: ”È fatta“. Ciò che è trapelato è che la nuova Banca per lo sviluppo avrà la sua sede in Sud Africa, con un capitale di partenza di oltre 50 miliardi di dollari. I primi obiettivi dovrebbero essere la realizzazione di infrastrutture, soprattutto in Africa, che per la Cina rappresenta un continente di importanza strategica da un punto di vista economico e politico, e dove è presente da molti anni.

Leggi tutto...

La svolta di Confindustria

E-mail Stampa PDF

di Pasquale Cicalese per Marx21.it

fabbrica emissioniNei “Diari intimi” Baudelaire scriveva, a proposito della Comune di Parigi, che “tutto è comune, persino Dio”. Celebrava quegli eventi e la città parigina, prima che questa venisse sventrata dalla hausmanizzazione imperialista di Napoleone III. Tracce della capitale francese all’epoca del sommo poeta francese si trovano nel capolavoro benjaminiano “Parigi capitale del XIX° secolo” in cui si analizza la dicotomia merce-lotta di classe di quei lavoratori che Marx giudicò l’avanguardia del proletariato mondiale.

A suo modo arrivò alle conclusioni di Baudelaire lo stesso Schumpeter: analizzando lo schema marxiano della trasformazione dei valori in prezzi ne subì, quasi inorridito, il fascino, per poi ritirarsi nella metafisica. Ebbe modo però di scrivere che il socialismo era superiore al modo di produzione capitalistico e che avrebbe avuto il sopravvento. Concetto poco chiaro ai breszeviani, che condannarono la gloriosa Unione Sovietica alla stagnazione: le proletarie russe volevano, giustamente, mangiare e vestirsi bene, il socialismo è anche questo, raffinatezza dei gusti, concetto precluso ai crucchi, che mangiano da schifo, e si vede.

Leggi tutto...

Palmiro Togliatti. La via italiana al socialismo*

E-mail Stampa PDF

a cura di Alexander Höbel, coordinatore Comitato scientifico MarxXXI

togliatti poltrona120 anni fa, il 26 marzo 1893, nasceva a Genova Palmiro Togliatti. Tra i promotori dell'Ordine Nuovo assieme a Gramsci e Terracini, è stato il leader del Partito comunista d'Italia a partire dal 1927, e uno dei massimi dirigenti dell'Internazionale comunista, in particolare nel 1934-37, allorché fu tra i protagonisti della svolta dei Fronti popolari. Durante la guerra civile spagnola, nel corso della quale fu il principale consigliere del PCE per conto del Comintern, ebbe modo di riflettere sulle "particolarità della rivoluzione spagnola" (una rivoluzione "democratica, popolare, antifascista") e sulla "democrazia di tipo nuovo" che al suo interno si andava sperimentando. Svilupperà questi spunti - anche sulla base dei Quaderni del carcere di Gramsci che aveva contribuito a salvare e di cui poté leggere i manoscritti in Urss - all'indomani del crollo del fascismo, allorché, nel marzo 1944, appena rientrato in Italia sarà protagonista della "svolta di Salerno", che poneva le basi della "politica di unità nazionale" dei comunisti per la liberazione dal nazifascismo e di quel "partito nuovo", di massa e di quadri, che della "democrazia progressiva" e delle "riforme di struttura" farà le sue principali bandiere.

Leggi tutto...

Documento politico del CPF di Cagliari del PRC

E-mail Stampa PDF

Riceviamo e pubblichiamo come contributo alla discussione

rifondazione-bandiera-formato-grandeLe elezioni politiche di febbraio hanno determinato una condizione di stallo istituzionale con tre schieramenti sostanzialmente alla pari. Lo stravolgimento della volontà popolare con l’attribuzione di un premio di maggioranza abnorme a chi ha preso una manciata di voti in più non ha comunque prodotto la tanto declamata governabilità. E’ necessaria una nuova legge elettorale proporzionale che restituisca dignità e centralità al Parlamento.

A queste elezioni, il Partito Democratico riesce a non vincere nonostante le favorevoli previsioni perché paga il sostanziale appiattimento alle politiche montiane. Le destre non escono sconfitte. Berlusconi è stato protagonista di una rimonta notevole avviata con La netta e repentina presa di distanza da Monti e dall’operato del suo Governo, che pure il PdL aveva sostenuto e tenuto in sella per oltre un anno.

Leggi tutto...

XV congresso del Partito Comunista della Federazione Russa

E-mail Stampa PDF

di Luigi Marino, delegato PdCI al congresso del PCFR

pcfr congresso 2013 logoLa prima e più forte impressione che si ha del XV Congresso del PCFR è che si è voluto contrastare la damnatio memoriae, la sistematica propaganda degli avversari di classe volta a cancellare, soprattutto nelle generazioni nate poco prima della caduta dell’URSS , cioè del” colpo di Stato del 1991”, come viene definito nella relazione del Comitato Centrale al Congresso,ed in quelle successive, la memoria delle storiche conquiste realizzate nel corso della travagliata storia del socialismo sovietico.

Ed in questo excursus storico più volte la relazione ha riportato citazioni di Marx, Lenin, ma anche di Stalin, ritenute di estrema attualità nell’odierno contesto internazionale e nazionale.

Uno dei delegati ha detto testualmente nel suo intervento : “Chi possiede o manipola la storia, possiede il futuro”. Di qui la battaglia per ristabilire tutta la verità storica!

Leggi tutto...

Pagina 262 di 299