Rottura e alternativa per sconfiggere l'UE del grande capitale

Rottura e alternativa per sconfiggere l'UE del grande capitale

da avante.pt

"Il Portogallo ha bisogno di un governo e di una politica che affronti senza esitazione i vincoli dell'UE e i suoi strumenti di usurpazione della sovranità", ha dichiarato Jerónimo de Sousa al Seminario promosso dal PCP e dal GUE /…

Continua...
Il programma "rivoluzionario" dei "Gilets gialli" e l'Italia

Il programma "rivoluzionario" dei "Gilets gialli" e l'Italia

di Alessandro Pascale

Lorenzo Battisti ha già fatto per Marx21 una completa e dettagliata analisi del movimento dei “gilets gialli”. Alcune considerazioni sul suo pezzo e più in generale sulla situazione ...

Continua...
Gilet gialli, economista Giacchè:

Gilet gialli, economista Giacchè:

da ilfattoquotidiano.it

“E’ il sintomo di malcontento europeo. Governo M5s-Lega? Pone un problema reale su Ue”

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Intervista a Oliviero Diliberto

E-mail Stampa PDF

di Francesco Bianco | da http://catania.blogsicilia.it

diliberto-23 aprile 2012 - Il segretario nazionale del Pdci-Fds, grazie al supporto del suo ufficio stampa, ci ha rilasciato una ’corposissima’ intervista a tutto tondo sulle questioni ’economico-politiche’ nazionali, sul Governo Monti ma anche su quanto sta avvenendo in Sicilia. Secondo l’esponente di Sinistra sono ”inaccettabili le relazioni pericolose” del Governatore Lombardo, “l’elettore medio del Pd siciliano è quantomeno spaesato” e in vista delle elezioni di Palermo, dice “Stiamo con Orlando!”.

Quale è ad oggi la fotografia del Paese?

“Cupa, senza luce. Contrariamente a ciò che dice qualcuno autorevolissimo, nel Paese c’è esasperazione per una situazione che peggiora ogni giorno. Gli italiani non mangiano lo spread, vedono ogni giorno crescere l’incertezza per il loro posto di lavoro, il potere d’acquisto si è ridotto spaventosamente in pochi mesi. L’Italia è in recessione, non c’è fiducia nel futuro. Cresce l’insofferenza per una politica che non sa dare risposte e getta in crisi il concetto stesso di democrazia. Una situazione esplosiva”.

Leggi tutto...

Il XX Congresso del Partito Comunista dell'India (Marxista)

E-mail Stampa PDF

da http://solidarite-internationale-pcf.over-blog.net/
Traduzione dal francese a cura di Massimo Marcori per Marx21.it

india scioperogeneraleAll’ordine del giorno la costruzione dell’alternativa al Partito del Congresso e alla sua opposizione di destra

Il Partito Comunista dell’India (Marxista), con quasi un milione di iscritti, incarna in India il partito di massa e di classe, una tradizione di lotte in particolare al fianco degli strati contadini e di gestione alternativa, con il modello proposto negli “stati rossi” del Kerala e del Bengala Occidentale, isole di sviluppo sociale in un oceano di povertà.
 

Il PC dell’India (Marxista) prepara da settembre 2011, con conferenze locali e regionali, il suo XX congresso nazionale previsto nella settimana dal 4 al 9 aprile 2012. Il Comitato centrale ha approvato la risoluzione che servirà come base di discussione ai congressisti.

Leggi tutto...

Le ali bipartisan dell’F-35

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto

f35Sul caccia F-35, in parlamento, «il ministro Di Paola ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco»: lo assicura Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della pace. Il ministro della difesa ha dovuto dunque piegare la testa di fronte a una maggioranza parlamentare, che decide di ridurre il numero dei caccia? Dagli atti parlamentari risulta esattamente l’opposto. 
 

Di Paola è andato in parlamento ad annunciare la decisione, già presa dal governo Monti, di «ricalibrare» l’acquisto degli F-35, da 131 a 90. A questi si aggiungeranno 90 Eurofighter: in tal modo l’Italia disporrà di 180 cacciabombardieri «molto più performanti». In altre parole, molto più distruttivi dei Tornado usati un anno fa per bombardare la Libia. Più che sufficienti ad assicurare la capacità di proiezione del «potere aereo», uno dei cardini del concetto strategico pentagoniano enunciato da Di Paola nel 2005. 

Leggi tutto...

Il necessario riposizionamento della sinistra di classe tra legge elettorale e Articolo 18

E-mail Stampa PDF

di Domenico Moro

cgil circomassimoRICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO COME CONTRIBUTO ALLA DISCUSSIONE
 

1. Dieci anni di arretramenti
 

Dieci anni fa al Circo Massimo, contro l’abolizione dell’articolo 18, si tenne la più grande manifestazione sindacale, tre milioni di partecipanti secondo la CGIL, superata forse solamente dalla manifestazione del 2003 contro la guerra in Iraq. L’articolo 18 fu salvo, con grande entusiasmo a sinistra. Eppure, si trattò di una vittoria tattica, inserita in una sconfitta strategica per il movimento operaio, cioè in un peggioramento dei rapporti dei forza complessivi. Infatti, un anno dopo passò la Legge 30/2003 (Legge Biagi), che, bypassando l’articolo 18, abbassava drasticamente il livello di tutela dei lavoratori. Il grado di protezione del lavoro, già ridottosi con il Pacchetto Treu (varato dal Primo governo Prodi, sostenuto e partecipato anche dai comunisti) crollò al di sotto di quello di Francia e Germania.

Leggi tutto...

Cina: il piano di sviluppo economico e sociale per il 2012

E-mail Stampa PDF

di Alberto Gabriele per Marx21.it

jintao cantiere1. Il 5 marzo il rapporto sulla realizzazione del Piano di sviluppo economico e sociale per il 2011 e la versione preliminare del piano di sviluppo economico e sociale per il 2012 sono stati presentati alla quinta sessione dell’11o congresso Nazionale del popolo. L’assemblea ha approvato entrambi i piani il 16 marzo.
 

Il rapporto sul Piano di sviluppo economico e sociale per il 2011 conferma in linea di massima cose gia’ note ( la realizzazione di importanti obiettivi, il continuo progresso in molte aree economico-sociali e la permanenza di vari problemi strutturali), ma contiene anche alcuni dati abbastanza nuovi e significativi.

Leggi tutto...

Lettonia: riabilitate e commemorate le SS e discriminata la minoranza russa

E-mail Stampa PDF

da "Atlas Alternatif” | Traduzione a cura di Marx21.it
 

Nell'Assemblea generale dell'ONU, Stati Uniti e paesi UE votano contro una risoluzione, presentata dalla Russia, che condanna la glorificazione del nazismo.
 

lettonia nazisti

Venerdì 16 marzo (http://fr.rian.ru/) a Riga, i veterani della Legione Lettone della Waffen SS e i loro simpatizzanti che hanno, come tutti gli altri anni, deposto fiori davanti al Monumento della Libertà erano 1.500 secondo un'agenzia occidentale (http://www.rtbf.be/).
 

La Commissione Europea (http://stopnazism.wordpress.com/) ha condannato questa manifestazione come incompatibile con i valori dell'Unione.
 

Le manifestazioni dei veterani SS hanno un sostegno istituzionale forte in Lettonia. Nella primavera 2010, una corte amministrativa aveva annullato un'ordinanza del sindaco di Riga che proibiva la marcia, e persino il presidente del parlamento aveva preso posizione contro tale ordinanza.

Leggi tutto...

“Eroi partigiani”? i “nostri” alleati locali di cinque guerre in venti anni

E-mail Stampa PDF

di Marinella Correggia | da http://www.sibialiria.org

taliban lanciarazziSono stati molti i dittatori filoccidentali appoggiati dagli Usa in nome dell’aurea regola “è un figlio di, ma è il nostrofiglio di”, come ebbe a dire il presidente Franklin Delano Roosevelt del dittatore nicaraguense Somoza.

Quando poi accade che l’Occidente debba rovesciare un regime (dittatoriale o meno) inviso da sempre o caduto in disgrazia, allora subentrano altri “nostri figli di puttana”: i presunti rivoluzionari locali. E’ successo più volte dal 1991. La tragedia è che mentre i dittatori filoccidentali erano odiati da quella galassia pacifista/movimentista/ong di persone impegnate contro la guerra, le ingiustizie internazionali e la violazione dei diritti umani, ebbene questa stessa galassia più volte ha preso lucciole per lanterne quanto ai locali “nemici dei dittatori”. Gli occidentali sono incapaci di fare rivoluzioni a casa loro; e tentano “rivoluzioni per procura”. Ma scelgono male. Prendono regolarmente per “partigiani della libertà” quelli che ben presto si rivelano un’accozzaglia del peggio. Non solo: si affidano agli stessi soggetti locali che sono sponsorizzati dall’Impero. Magari invocando giustificazioni per assurdo (della serie: “beh, se è dovuta intervenire la Natoper aiutare i ribelli in Libia, anche se sappiamo che la Natoha fini propri, i ribelli hanno i loro, è l’eterogenesi dei fini“).

Leggi tutto...

La fine del tempo indeterminato dopo la modifica dell’art. 18

E-mail Stampa PDF

di Piergiorgio Desantis, giuslavorista

vendesi precari“Per il Governo la questione dell’articolo 18 è chiusa”, ha affermato Il Presidente del Consiglio Mario Monti a margine della conferenza stampa di presentazione della Riforma del mercato del lavoro. Le parole e i toni facevano intendere la fine di quest’ “incidente” della recente storia politica e sindacale italiana, che va sotto il nome di diritto alla reintegrazione per il lavoratore ingiustamente licenziato. Si torna, quindi, alle disposizioni del codice civile del 1942, che prevedono la possibilità di estinguere il rapporto lavorativo solo con la volontà di una delle parti, salvo l’obbligo di preavviso.

Si demolisce, in questo modo, il compromesso tra capitale e lavoro, alla luce del quale si è cercato di gestire le relazioni industriali in Italia da un cinquantennio a questa parte. Si resta sbigottiti dalla parificazione forzata tra la libertà imprenditoriale di muovere il capitale e la slavina che investe la vita, la libertà e la dignità umana del lavoratore.

Leggi tutto...

Difendere il popolo siriano

E-mail Stampa PDF

di Angelo Alves*, Avante | Traduzione a cura di Marx21.it

esercito libero siriano*Angelo Alves è membro della Commissione Politica del Partito Comunista Portoghese
 

Lo scadere dell'anno dalle prime manifestazioni in Siria contro il governo di Bashar al-Assad è segnato da sviluppi, fatti e denunce che dicono molto su quanto è realmente in causa in quella che erroneamente viene chiamata “rivoluzione siriana”.
 

Secondo i rapporti di diversi mezzi di informazione alternativi sono arrivati nelle ultime settimane ad Amman (capitale della Giordania) da 600 a 1.000 appartenenti al “Gruppo Combattente Islamico in Libia” (l'organizzazione terrorista che si è alleata alla NATO nella guerra di Libia) ed è probabile che siano stati dislocati nella zona di frontiera con la Siria.

Leggi tutto...

Thatcher, Berlusconi... Monti di Manuela Palermi

E-mail Stampa PDF

di Manuela Palermi | da www.comunisti-italiani.it

monti thatcherQualcuno ha scritto che Monti può essere paragonato a Margaret Tatchter. Credo che ci sia una buona dose di verità in quest’affermazione. Ma ho visto, negli occhi dei più giovani tra noi, una certa meraviglia. Ho capito che non conoscevano la brutta storia per cui all’inizio degli anni 80, durante il suo primo mandato, Margaret Tatcher dichiarò una guerra senza quartiere ai sindacati.


Ho voluto allora ripercorrerla velocemente, un po’ troppo sommariamente se volete, e forse sbagliando perché gli anni della Tachter in Inghilterra e poi nel mondo hanno cambiato radicalmente i rapporti di forza tra le classi. Ma la cosa impressionante, riandando con la mente a quegli anni, sono le analogie profonde con l’Italia di Berlusconi e soprattutto di Monti. 
 

C’erano allora in Inghilterra i grandi scioperi dei minatori. La crisi del petrolio del 1973 aveva determinato in Occidente, di fronte ad un keynesismo storicamente finito, il trionfo della reazione neoliberale. Aveva vinto una visione tecnica dell’economia in una forma tutta ideologizzata di intendere la realtà. Il controllo dell’inflazione e la riduzione dei costi si riducevano alla negazione della sfera pubblica (“l’impresa, quella privata, funziona benissimo, l’intervento dello Stato malissimo), mentre la deregolamentazione diveniva un obiettivo di primo piano.

Leggi tutto...

Editoriale newsletter n.3 del 26 marzo 2012

E-mail Stampa PDF

a cura della Redazione di Marx21.it

fornero articolo18Siamo ad un giro di boa. Con la presentazione del Disegno di legge da parte del Governo sulla riforma del mercato del lavoro, che comprende le modifiche all’art.18, si apre una nuova delicatissima fase nel paese. Il ddl infatti sarà posto al vaglio della discussione parlamentare e sarà quindi suscettibile di modifiche e correzioni. Non del tutto però. Come ha precisato lo stesso Monti al forum di Cernobbio della Confcommercio, il Consiglio dei Ministri ha approvato il ddl con la formula “salvo intese” e questo significa che eventuali modifiche potranno essere fatte solo dal Governo e dal Quirinale. Certo, per ottenere il voto del Pd (oggi gravemente sotto pressione e dilaniato al suo interno da una discussione che sta polarizzando le sue anime interne), il Governo dovrà fare alcune concessioni ma la determinazione fin qui dimostrata non lascia sicuramente spazio ad illusioni di possibili marce indietro sostanziali. Ma le indiscrezioni delle cronache parlamentari già parlano, al di là delle schermaglie da campagna elettorale che si avvicina a grandi passi, di un sostanziale accordo sul “modello tedesco” (dove è il giudice a decidere il reintegro o la monetizzazione) che vedrebbe concordi Pd, Terzo Polo e Alfano, con forti malumori degli ex-An e di Sacconi.

Leggi tutto...

Libia, l'aurora che non arriva

E-mail Stampa PDF

di Ren Yaqiu, “Quotidiano del Popolo” | Traduzione di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

Libia 290x435A poco più di un anno di distanza dall'aggressione militare Nato alla Libia, vi presentiamo un articolo di Ren Yaqiu pubblicato il 19 marzo sul Quotidiano del Popolo [1]
La Libia che viene descritta nell'articolo è solo un'ombra di un Paese sovrano e unito. Messo economicamente in ginocchio e ancora sfregiato dai pesanti bombardamenti, è ora preda del separatismo e delle lotte tra bande armate. L'operazione bellica della “coalizione dei volenterosi” a guida statunitense – una operazione Nato sotto il discutibile ombrello Onu della risoluzione 1973 – si è rivelata come una applicazione da manuale di una strategia volta a cancellare l'integrità e l'indipendenza sostanziali di un Paese e a generare una cronica instabilità per meglio controllarlo e sfruttarne le risorse [2]. Questo articolo non va letto solo come utile reportage sulla Libia di oggi, ma anche alla luce di quanto accade in Siria e alla martellante campagna mediatica volta a giustificare l'ennesima esportazione di democrazia. L'autore fonda, infatti, sulla drammatica situazione di Tripoli il rifiuto cinese di ogni ulteriore intervento armato occidentale negli affari interni di un Paese sovrano. Una posizione che il governo di Pechino ha ribadito più volte e che ha accompagnato, in parallelo al veto in sede Onu, con una azione diplomatica volta alla riconciliazione in Siria tra governo e forze dell'opposizione legale e nazionale [3]. Siamo, quindi, in piena continuità con l'aperta critica alla nuova forma di “interventismo umanitario” occidentale espressa dalla Cina popolare all'indomani dell'intervento armato in Libia.

Leggi tutto...

Elezioni presidenziali in Venezuela: la cinica ignoranza dei media

E-mail Stampa PDF

di Luis Carapinha, Avante | Traduzione a cura di Marx21.it

chavez pugnoIl Venezuela fa di nuovo notizia nella catena mediatica dominante. Il motivo del clamore non è, questa volta, il presunto aggravamento dello stato di salute del suo presidente che alcune fonti della “stampa libera” nordamericana e affini hanno assicurato essere molto grave, in pratica addirittura allo stadio terminale. No, alla fine tutto si riassume nella scelta del candidato oppositore che andrà a disputare con Chavez le presidenziali del prossimo 7 ottobre (accreditando il fatto che il presidente venezuelano, alla fine, sopravviverà alle prognosi mediche più demolitrici). L'eletto ci viene presentato come un energico giovane sulla soglia dei 40 anni, tutto rivolto al progresso e all'ineffabile democrazia, di nome Capriles Radonski, in realtà personaggio della destra locale. Tra i suoi meriti, si fa riferimento alla partecipazione entusiasta al fallito golpe fascista del 2002. La gioia diffusasi tra la borghesia con Capriles è comprensibile. Ancor più grande dell'enorme ignoranza sul percorso e la realtà del Venezuela è l'odio viscerale che la borghesia nutre verso la Rivoluzione Bolivariana e la figura del suo leader, il presidente Hugo Chavez.

Leggi tutto...

Miserie passate, presenti e future del paese Italia

E-mail Stampa PDF

di Pasquale Cicalese per Marx21.it
 

monti marchionne italiaIl 22 marzo scorso Il Foglio di Giuliano Ferrara si caratterizzava per il giubileo del “comunista” Giorgio Napolitano, un “riformista” che appoggia in pieno la riforma dell’art. 18, una lode confermata dalla presa di posizione di Alfano a difesa del Capo dello Stato contro le polemiche della Cgil e della “sinistra radicale”.

Lo stesso giorno, l’Istat pubblicava i dati di febbraio del commercio extra-Ue. Cosa ne usciva fuori?

Intanto vi è un boom di esportazioni verso la Svizzera costituito prevalentemente da metalli, un eufemismo per non dire che da parecchi mesi a questa parte i possidenti italiani mandano tonnellate di oro in quel paese a difesa dei loro patrimoni e il tutto in un quadro di legittimità, essendo liberalizzata l’esportazione di capitali e valori. Oltre ai possidenti, un’altra categoria manda oro in quel paese e sono le banche, il che rivela lo stato di salute dell’apparato finanziario italiano, a cui è ormai precluso il mercato interbancario internazionale.

Leggi tutto...

Ricetta greca anche per l'Italia?

E-mail Stampa PDF

di Nadia Schavecher

milano 170312 02Verso l’unità delle forze di sinistra: il PdCI organizza a Milano un importante incontro pubblico che dimostra che sulle questioni dirimenti del lavoro, del welfare, della redistribuzione del reddito l’unità tra le forze di sinistra e democratiche non è solo necessaria ma possibile

Nello storico Salone dell’Umanitaria di Milano, antico quartiere costruito dalla Società Umanitaria in via Solari, dove ancora si respira l’aria delle ormai quasi scomparse “case del popolo”, e dove i comunisti hanno ancora la sede avendo resistito più volte allo sfratto negli anni bui della destra padrona al Comune di Milano, i Comunisti Italiani hanno organizzato un incontro importante tra tutti i Partiti del Centrosinistra la FIOM e la CGIL riunendoli a discutere e confrontarsi sull’analisi della situazione e sul che fare:
 

Ricetta Greca anche per l’Italia? Come difendere il lavoro in tempo di crisi” questo il titolo che avvia un confronto non semplice ma cruciale in questa fase storica.

Leggi tutto...

Difendere l'articolo 18! Unire i comunisti e la sinistra!

E-mail Stampa PDF

di Fosco Giannini, segreteria nazionale PdCI
 

articolo18Partiamo in modo insolito, per arrivare al punto. Domenica 18 marzo accompagno mia figlia (dieci anni e, purtroppo, tifosa competente e sfegatata dell’Inter) a Milano, per Inter-Atalanta. Prendiamo, da Ancona, il pulmann per lo stadio di San Siro. Mi aspetto quattro/cinque ore di discussioni sul calcio, su Milito, Ranieri, sulla Juve, sul Milan. Presuntuoso, mi preparo all’isolamento, mi attrezzo con libri e giornali. Invece, niente di tutto questo. Sin dalla partenza, a fianco dell’autista, si forma un gruppo di cinque/sei interisti. La discussione è sull’articolo 18, sull’attacco alle pensioni, sull’ICI sulla prima casa. Dopo mezz’ora il gruppo diventa di una ventina di persone, chi sedute, chi in piedi. Una piccola manifestazione politica. Durissimo, liquidatorio, il giudizio sul governo Monti. “Una vergogna”, viene giudicato il fatto di non aver messo la patrimoniale, di aver esentato i padroni. “ Paghiamo sempre noi”, dice l’autista. “ Ci vorrebbe uno sciopero di un mese”, afferma un tifoso salito a Pesaro, sciarpa neroazzurra attorno al collo, mani da operaio, da muratore...

Leggi tutto...

Partito Comunista Siriano (Unificato): Una dichiarazione di guerra contro la Siria

E-mail Stampa PDF

da http://www.solidnet.org/ | traduzione a cura di Marx21.it

siria ribelli armatiGli ultimi appelli infuocati all'intervento straniero contro la Siria, sebbene non rappresentino una novità, sono per certi aspetti diversi, alla luce dello stato di avanzamento della lotta contro i gruppi armati e le potenze imperialiste che li sostengono per abbattere lo Stato siriano, considerato come il solo ostacolo che resta in grado di bloccare i piani tendenti ad imporre la loro egemonia nel Medio Oriente, sia in ragione della sua posizione strategica che delle sue risorse.
 

Dopo che gli sforzi per condannare la Siria al Consiglio di Sicurezza dell'ONU sono falliti, grazie agli amici cinesi e russi tra gli altri, esse ne hanno avviato degli altri per preparare lo scatenamento di un'offensiva militare della NATO contro la Siria, simile a quelle che hanno devastato la Jugoslavia, l'Iraq e la Libia. I piani previsti sono stati sospesi non per ragioni morali o umanitarie, ma perché gli aggressori hanno ricevuto segnali molto chiari di non trovarsi nella condizione di sopportare i costi di un'offensiva contro la Siria, offensiva condotta dall'Occidente in generale, e dalla Turchia, gli Emirati del Golfo e Israele in particolare.

Leggi tutto...

Libia un anno fa: memoria corta

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto

gheddafi esecuzioneUno degli effetti delle armi di distrazione di massa è quello di cancellare la memoria di fatti anche recenti, facendone perdere le tracce. È passato così sotto silenzio il fatto che un anno fa, il 19 marzo, iniziava il bombardamento aeronavale della Libia, formalmente «per proteggere i civili». 

In sette mesi, l’aviazione Usa/Nato effettuava 30mila missioni, di cui 10mila di attacco, con impiego di oltre 40mila bombe e missili. Venivano inoltre infiltrate in Libia forze speciali, tra cui migliaia di commandos qatariani facilmente camuffabili. Venivano finanziati e armati i settori tribali ostili al governo di Tripoli e anche gruppi islamici fino a pochi mesi prima definiti terroristi. 
 

L’intera operazione, ha chiarito l’ambasciatore Usa presso la Nato, è stata diretta dagli Stati uniti: prima tramite il Comando Africa, quindi tramite la Nato sotto comando Usa. È stato così demolito lo stato libico e assassinato lo stesso Gheddafi, attribuendo l’impresa a una «rivoluzione ispiratrice» – come l’ha definita il segretario alla difesa Leon Panetta – che gli Usa sono fieri di aver sostenuto, creando «una alleanza senza eguali contro la tirannia e per la libertà».

Leggi tutto...

L'Unione Europea estende le sanzioni contro il governo bielorusso

E-mail Stampa PDF

da Atlas Alternatif* | Traduzione a cura di Marx21.it


bielorussia europa*Il blog «Atlas alternatif», diretto da Frédéric Delorca si propone dal 2006 di offrire un contributo collettivo (42 collaboratori) al servizio della critica del dominio dei grandi gruppi industriali, finanziari, mediatici e degli Stati occidentali nel mondo e a sostegno dell’iniziativa, sul piano internazionale, delle forze progressiste antimperialiste.

I paesi dell'UE hanno convenuto il 29 febbraio scorso (http://fr.rian.ru/world/20120229/193548082.html) di allargare la lista dei funzionari bielorussi sottoposti a “misure restrittive”. La Bielorussia ha richiamato il suo rappresentate permanente presso l'UE e il suo ambasciatore in Polonia, dopo che il capo della diplomazia europea Catherine Ashton ha annunciato che “tutti gli ambasciatori dei paesi membri dell'UE in Bielorussia saranno richiamati per consultazioni in segno di solidarietà e di unità”.

Leggi tutto...

Menzogne imperiali. Le prove dell'ingerenza in Siria

E-mail Stampa PDF

da “Avante”, settimanale del Partito Comunista Portoghese | Traduzione a cura di Marx21.it
 

cnn operatoreIl conflitto in Siria è stato provocato dalle principali potenze capitaliste e dai suoi agenti, come provano i video diffusi negli ultimi giorni nelle reti sociali.
 

Dopo lo smascheramento della finzione dell'attivista siriano represso dal regime, che, alla fine, era un giovane nordamericano residente in Scozia che si dedicava alla diffusione di calunnie sulla situazione del paese nel cyberspazio, la settimana scorsa sono emerse nuove prove dell'intossicazione dell'opinione pubblica sulla realtà in Siria.
 

In video postati nelle reti sociali, un giovane di 22 anni che si presenta come Danny Abdul-Dayem, appare mentre sta preparando un'intervista a CNN. Nella trasmissione della televisione nordamericana a cui hanno accesso tutti, ci sono spari e bombardamenti che Danny dice essere gli attacchi indiscriminati dell'esercito contro la popolazione di Homs, ma nel video integrale (http://www.youtube.com/watch?v=p-DCZxsrt9I) si vede come è stato allestito questo scenario.

Leggi tutto...

Pagina 227 di 237