Rottura e alternativa per sconfiggere l'UE del grande capitale

Rottura e alternativa per sconfiggere l'UE del grande capitale

da avante.pt

"Il Portogallo ha bisogno di un governo e di una politica che affronti senza esitazione i vincoli dell'UE e i suoi strumenti di usurpazione della sovranità", ha dichiarato Jerónimo de Sousa al Seminario promosso dal PCP e dal GUE /…

Continua...
Il programma "rivoluzionario" dei "Gilets gialli" e l'Italia

Il programma "rivoluzionario" dei "Gilets gialli" e l'Italia

di Alessandro Pascale

Lorenzo Battisti ha già fatto per Marx21 una completa e dettagliata analisi del movimento dei “gilets gialli”. Alcune considerazioni sul suo pezzo e più in generale sulla situazione ...

Continua...
Gilet gialli, economista Giacchè:

Gilet gialli, economista Giacchè:

da ilfattoquotidiano.it

“E’ il sintomo di malcontento europeo. Governo M5s-Lega? Pone un problema reale su Ue”

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Con la ricerca, per le imprese e contro la crisi

E-mail Stampa PDF

da www.rivoluzionecivile.it

giacche rivoluzionecivile“Sostenere la ricerca è il miglior modo per aiutare il sistema delle imprese ad uscire dalla crisi”. Lo ha detto Antonio Ingroia durante una conferenza stampa in cui ha raccolto l’appello dei ricercatori italiani, rappresentati da Claudia Abatecola (Cnr), Viviana Ruggeri (Isfol), Sonia Ostrica (Iss) e Carlo De Gregorio (Istat). Presente anche Vladimiro Giacchè, l’economista candidato nelle liste di Rivoluzione Civile. “Facciamo nostro l’appello della comunità scientifica. La nostra porta è aperta al contributo dei settori più dinamici dell’economia italiana come quello della ricerca che, però, oggi – ha detto Ingroia – è in grande sofferenza. Raccoglie pochi investimenti pubblici, accusa la vergognosa lottizzazione dei vertici degli enti e oltretutto perde gran parte dei finanziamenti europei, pagando di fatto l’innovazione agli altri Paesi Ue. E’ inaccettabile”.

Leggi tutto...

L’attacco aereo israeliano contro la Siria: il disperato tentativo di salvare dal fallimento la guerra “sotto copertura USA-NATO”

E-mail Stampa PDF
di Tony CartalucciGlobal Research News
(Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

aerei formazione cieloQUANDO I SIONISTI E GLI “JIHADISTI” SI PRENDONO PER MANO

Il 29 gennaio 2013, Israele ha scatenato attacchi aerei contro la Siria, in flagrante violazione della Carta delle Nazioni Unite, del diritto internazionale, e in diretta violazione della sovranità della Siria, sulla base di “sospetti” trasferimenti di armi chimiche.

The Guardian in un suo articolo dal titoloIsrael carries out air strike on Syria,“Israele compie un raid aereo sulla Siria”, afferma: Gli aerei da guerra israeliani hanno attaccato un obiettivo vicino al confine siriano-libanese dopo diversi giorni di avvertimenti sempre più intensi lanciati da funzionari del governo di Israele contro la Siria, a causa di un presunto ammassamento di armi.”
Leggi tutto...

Cuba, gli intellettuali analizzano la crisi e condannano le guerre

E-mail Stampa PDF

di Josè Reinaldo Carvalho (da L'Avana) | da www.zereinaldo.blog.br

ignacio hernadez37521Traduzione di Erman Dovis per Marx21.it

La terza Conferenza Internazionale per l’Equilibrio del mondo, che si è tenuta a partire dallo scorso 28 Gennaio a L’Avana, ha visto la partecipazione di importanti intellettuali di tutti i settori della conoscenza e del sapere.

Dal primo momento dell’inizio dei lavori sono stati affrontati problemi politici, filosofici e culturali che affrontano la realtà storica e contemporanea del mondo, alla luce del Pensiero di Josè Marti’. “La Rivoluzione Cubana ha sempre sostenuto la necessità del Pensiero di Marti’ come riferimento di contenuti ed etica umana” ha dichiarato Hector Hernandez nel discorso principale di apertura della manifestazione ,a nome del Comitato Organizzatore.

Leggi tutto...

L'Argentina a un bivio

E-mail Stampa PDF

di Luis Carapinha | da www.avante.pt

argentina bandieraTraduzione di Marx21.it

Un anno dopo la chiara vittoria elettorale che ha permesso il rinnovo del mandato della presidente Cristina Fernandéz Kirchner (CFK), l'Argentina si trova di fronte a un incrocio. Sotto l'impatto della crisi del capitalismo la crescita economica perde vigore e il governo di Buenos Aires vede restringersi gli spazi di manovra per l'adozione di misure redistributive che non entrino frontalmente in rotta di collisione con gli interessi dei grandi gruppi economici. Lo spettro dell'alta inflazione e dell'austerità ritorna a far la sua comparsa in un paese che si è ripreso solo parzialmente dal disastro capitalista del 2001, dopo anni di ricette neoliberiste dure e pure, in ossequio alla linea del FMI e ai dettami dell'allora Consenso di Washington. Nelle ultime settimane l'agitazione sociale e politica è sfociata nelle strade con manifestazioni e contro-manifestazioni.

Leggi tutto...

Le strategie “naziste” di USA, UE e NATO nell'epoca degli assedi

E-mail Stampa PDF

di Felicity Arbuthnot* | da www.rebelion.org

Leningrad1Traduzione dallo spagnolo a cura di Marx21.it

*Felicity Arbuthnot è una giornalista, profonda conoscitrice della situazione in Iraq. Ha collaborato a numerosi documentari sulle conseguenze della guerra scatenata da Bush, alcuni dei quali insigniti di premi internazionali.

Pensiamo che l'assedio di Leningrado sia stato il più terribile della storia del mondo, una “politica della fame per motivi razziali”, descritta come “parte integrante della politica nazista in Unione Sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale”. L'assedio di 872 giorni di durata cominciò l'8 settembre 1941 e venne finalmente spezzato il 27 gennaio 1944. E' stato descritto come “uno degli assedi più lunghi e distruttivi della storia e con il numero di gran lunga più alto di vittime”. Alcuni storici lo definiscono un genocidio. A causa delle difficoltà incontrate nella conservazione dei registri, la quantità esatta delle morti risultanti dalle privazioni causate dal blocco non è certa, e le cifre vanno da 632.000 a 1,5 milioni di persone.

Leggi tutto...

70o Anniversario della vittoria sovietica di Stalingrado, 2 febbraio 1943

E-mail Stampa PDF

di Annie Lacroix-Riz, professore emerito, Università Parigi 7 | da “Histoire” 

Stalingrad-15IL SIGNIFICATO DELLA VITTORIA SOVIETICA DI STALINGRADO

Documento diffuso da Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia
(Traduzione ed elaborazione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

Onore e gratitudine eterna dal popolo francese agli eroici combattenti di Stalingrado

IL GENERALE DE GAULLE E I FRANCESI HANNO RICONOSCIUTO IL RUOLO FONDAMENTALE DELL’UNIONE SOVIETICA NELLA VITTORIA SULL’HITLERISMO.

Laddove, dalla scuola ai mezzi di comunicazione, per non parlare delle dichiarazioni del “Parlamento europeo”, la propaganda attuale non perde occasione di amalgamare l’Unione Sovietica al Terzo Reich, i veri democratici serbano nel loro cuore i combattenti di Stalingrado, Kursk e Leningrado, che, a costo di sacrifici inauditi, hanno stroncato la macchina da guerra nazista e hanno permesso la controffensiva generale dell’Armata Rossa e la presa di Berlino, mentre in Occidente finalmente si apriva il secondo fronte contro la Bestia immonda hitleriana.

Leggi tutto...

Tra l'altro

E-mail Stampa PDF

di Luigi Pintor

stalingrad2Il grande giornalista comunista e combattente della Resistenza Luigi Pintor (scomparso nel 2003) così rendeva omaggio alla vittoria di Stalingrado in un articolo apparso su "il Manifesto" del 29 settembre 1998

A pagina 12 dell'Unità del 26 settembre c'è una graziosa informazione, richiamata da una finestrella in prima pagina, sulla città russa di Volgograd. Di solito non leggo questo giornale perché ci ho scritto troppo in giovinezza, però lo guardo con la coda dell'occhio, con rispetto per il suo fondatore. Quell'informazione, tratta probabilmente da un'agenzia, racconta che Volgograd è la città più occidentalizzata dell'ex Unione sovietica, un avamposto della post-modernità, animata da una gioventù vivace e spregiudicata. L'ultima novità, alquanto stridente, è che forse riassumerà il suo antico nome: non Zarizin ma Stalingrad. 

Leggi tutto...

I comunisti e la fase attuale: voltare pagina

E-mail Stampa PDF

Proponiamo l'intervista a Vladimiro Giacché, pubblicata come editoriale nel n. 1/2013 di MarxVentuno rivista comunista

editoriale 1-2013Vladimiro Giacché è autore di Titanic Europa e candidato alla Camera per Rivoluzione Civile nei collegi di Toscana, Campania 1, Lombardia 2

AC Se facciamo il punto sulla situazione economico-sociale del nostro paese a cinque anni dal manifestarsi della grande crisi e dopo un anno di “cura” Monti, osserviamo che l’Italia vive una crisi profondissima, avvitata in una spi­rale recessiva di cui non si vede per il momento alcun segnale di inversione. Come scrivevi amaramente qualche anno fa, c’è il buio in fondo al tun­nel... Quali sono i tratti salienti della crisi, e quali, nel contesto generale, i ca­ratteri specifici della crisi italiana?

VG Io credo che questa crisi sia real­mente un passaggio d’epoca. È fi­nito un modello di crescita che ha sostenuto per oltre 30 anni i pro­fitti (e anche il relativo benessere) dell’Occidente capitalistico, ossia il modello di crescita basato sulla fi­nanza e sul debito (privato e pub­blico) . La fine di questo modello è stata evidente dapprima negli Stati Uniti, dove la crisi è iniziata di fatto nel 2005-2006 con l’arretramento e poi il crollo dei valori degli im­mobili (perché la finanza non era più in grado di sopperire alle scarse risorse di chi comprava casa, per­lopiù lavoratori con un reddito in calo). Poi, anche se a seguito del crack finanziario su scala mondiale sfiorato tra fine 2008 e 2009, e con­seguente congelamento della li­quidità su scala mondiale, ha col­pito pure l’Europa. 

Leggi tutto...

Caccia israeliani bombardano in Siria

E-mail Stampa PDF

da www.contropiano.org

caccia israele missiliUna grave e flagrante violazione del diritto internazionale. Un atto di guerra aperta. Che cosa sarebbe accaduto e che cosa si sarebbe detto se fosse stata la Siria a bombardare un sito militare in territorio israeliano?

Israele è il primo paese a intervenire direttamente nella guerra civile in corso in Siria da ormai due anni. Potrebbe essere un momento di svolta. Tragico.

Il governo di Damasco ha confermato la grave notizia riferita da alcune fonti diplomatiche occidentali all'agenzia di stampa britannica Reuters nella giornata di ieri che parlavano di un attacco compiuto la scorsa notte dai caccia di Israele sul confine tra Libano e Siria. Ma l'obiettivo del bombardamento sarebbe stato, secondo Tel Aviv, non un convoglio di armi diretto in apparenza al movimento di resistenza libanese Hezbollah (come detto in un primo tempo) bensì un centro ricerca militare situato ad una quindicina di km da Damasco.

Leggi tutto...

Che cosa sta accadendo in Egitto e Tunisia

E-mail Stampa PDF

di Maurizio Musolino per Marx21.it

primavera arabaQuello che sta accadendo in queste settimane in Egitto come in Tunisia non deve sorprendere, era facilmente pronosticabile infatti per chi ha respinto da subito un approccio acritico nei confronti delle cosiddette “primavere arabe” questa quasi obbligata evoluzione. Era chiaro che quelle giovani e quei giovani che riempivano le piazze di molte capitali arabe portavano sicuramente una ventata di novità, ma era altrettanto evidente che dietro quella salutare brezza si annidavano progetti ben diversi dalle stesse aspirazioni che venivano manifestate. Le richieste di democrazia, ma soprattutto di diritti e di condizioni concrete di vita (il pane e il lavoro) è stata la spinta, la scintilla, che ha acceso le rivolte. I manifestanti chiedevano, questo si rivoluzionario, un sistema economico diverso, radicalmente diverso da quello che per decenni ha strangolato le economie dei loro paesi. Chiedevano in pratica di potersi mettere alle spalle quel neocolonialismo strisciante che consentiva – grazie a regimi fantoccio – all’Occidente di continuare a depredare le ricchezze nazionali.

Leggi tutto...

Eva Golinger: opposizione venezuelana e USA sottovalutano il ruolo delle masse nella rivoluzione (video)

E-mail Stampa PDF

a cura della redazione

newsdalmondo bannerL'avvocato e scrittrice statunitense Eva Golinger rileva come l'opposizione venezuelana e il suo alleato USA sottovalutino il ruolo delle masse popolari nel processo rivoluzionario bolivariano.

“Sottovalutano il popolo venezuelano, bolivariano e rivoluzionario. E' il principale limite di tutti i loro sforzi per rovesciare il presidente Chavez”, ha affermato la scrittrice in un programma trasmesso da Venezolana de Television.

Secondo Golinger, oggi gli Stati Uniti stanno impegnando molte risorse ed esperti anche per indagare sulle presunte divisioni all'interno del partito al governo (il PSUV). “Hanno scatenato una campagna permanente di discredito e per alimentare divisioni nell'ambito del “chavismo”, allo scopo di indebolire il processo rivoluzionario, utilizzando le presunte divisioni tra esponenti del partito e del governo”.

Leggi tutto...

La nostra sfida e la lotta di massa*

E-mail Stampa PDF

di David Pestieau, Ufficio Politico del Partito del Lavoro del Belgio (PTB) | da www.avante.pt

ptbTraduzione di Marx21.it

Il Belgio, come tutta l'Europa, sta affrontando la crisi. I suoi effetti si stanno facendo sentire gravemente, sebbene con qualche ritardo rispetto ai paesi del Sud Europa.

Il paese è in recessione. Dopo il primo piano di austerità, il governo ne sta per approvare un secondo e stiamo assistendo ad una grande ondata di ristrutturazioni industriali. Solo negli ultimi mesi hanno chiuso grandi unità come la fabbrica della Ford, a Genk, e il complesso siderurgico ArcelorMittal, a Liegi.

Allo scopo di organizzare la lotta in questa fase, il nostro partito ha organizzato, tre anni fa, una conferenza nazionale sul tema della crisi, a cui ha partecipato anche un compagno del Partito Comunista Portoghese.

Leggi tutto...

La riconquista dell’Africa

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto del 29 gennaio 2013

soldati africa 3Nel momento stesso in cui il presidente democratico Obama ribadiva nel discorso inaugurale che gli Stati uniti, «fonte di speranza per i poveri, sostengono la democrazia in Africa», giganteschi aerei Usa C-17 trasportavano truppe francesi in Mali, dove Washington ha insediato l’anno scorso al potere il capitano Sanogo, addestrato negli Usa dal Pentagono e dalla Cia, acuendo i conflitti interni. 

La rapidità con cui è stata lanciata l’operazione, ufficialmente per proteggere il Mali dall’avanzata dei ribelli islamici, dimostra che essa era stata da tempo pianificata dal socialista Hollande. L’immediata collaborazione degli Stati uniti e dell’Unione europea, che ha deciso di inviare in Mali specialisti della guerra con funzioni di addestramento e comando, dimostra che essa era stata pianificata congiuntamente a Washington, Parigi, Londra e in altre capitali. 

Leggi tutto...

Pace e sviluppo per la Cina, ma come?

E-mail Stampa PDF

Un articolo di Ren Weidong, del China Institute of Contemporary International Relations
Traduzione e nota introduttiva di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

china 2343865bLa politica di riforma e apertura avviata dalla dirigenza della Repubblica popolare cinese dalla fine degli anni '70 è stata caratterizzata da una costante strategica nella politica estera: il rifiuto di ogni pretesa egemonica e la fedeltà ai “Principi della coesistenza pacifica” (rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale, non aggressione, non ingerenza degli affari interni, parità e reciproco vantaggio negli scambi commerciali.

Per Deng Xiaoping - il leader della generazione della riforma cinese - il perseguimento dell’egemonia è il tratto distintivo di una superpotenza. E una superpotenza è un paese imperialista che, ovunque, fa subire agli altri paesi le sue aggressioni, i suoi interventi, il suo controllo, le sue imprese di sovversione e di saccheggio. Dunque un paese egemone porta avanti un dominio basato esclusivamente sulla forza e si mostra irresponsabile nei confronti dell’interesse collettivo.

Leggi tutto...

Pillole Rivoluzionarie

E-mail Stampa PDF

da www.rivoluzionecivile.it

chaplin tempimoderniNon contento di aver partorito la legge Fornero che tanti danni ha provocato, Monti si dice pronto a bissarla. Ma la vera Rivoluzione civile sarebbe cancellarla. Ci proviamo assieme? Cancellare la legge Fornero per restituire dignità e diritti ai lavoratori e ridare speranza ai giovani è una priorità di Rivoluzione civile. Il premier Monti, non contento di quanto già fatto prima da Berlusconi sull’art. 8 e dal proprio governo sull’art. 18 e sulle pensioni, vorrebbe una legge Fornero bis che porti avanti il lavoro di azzeramento dei diritti e delle tutele. E attacca la Cgil colpevole, a suo dire, di aver frenato le riforme della ministra del Lavoro e delle politiche sociali.

“Provvedimenti che andrebbero del tutto cancellati, a partire dal decentramento della trattativa fino alla riforma delle pensioni che, unica in Europa, ha alzato a dismisura e in modo indiscriminato l’età pensionabile”, ha ricordato Orazio Licandro, coordinatore della segreteria Pdci e candidato alla Camera dei deputati per Rivoluzione Civile.

Leggi tutto...

Sul perdurante genocidio dei Rom di Kosovo e Metohija

E-mail Stampa PDF

di Andrea Martocchiasegretario, Coord. Naz. per la Jugoslavia - onlus per Marx21.it

cover bejzakRecensione del libro UN NOMADISMO FORZATO di A. Bejzak e K. Jenkins
...di guerra in guerra... Racconti rom dal Kosovo all'Italia
Edizioni Archeoares, 2011 7 euro, 180 p., ISBN 978-88-96889-22-0
L'Indice: http://www.cnj.it/documentazione/bibliografia.htm#bejzak2011

Qualcuno ha scritto che "la Giornata della Memoria non funziona" (1). Sicuramente sussiste un problema di fondo, che riguarda l'oggetto stesso della ricorrenza. Infatti, a rendere giustizia, non solo dal punto di vista morale ma proprio dal punto di vista storico, alle vittime del nazifascismo si dovrebbero includere tutti i crimini del nazifascismo verso intere categorie e soggetti nazionali e/o razziali; viceversa, nella stessa legge istitutiva della Giornata della Memoria nel nostro paese (2) si chiede di ricordare solamente "la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte", e con loro "i giusti", cioè coloro che "si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati ".

Leggi tutto...

Confindustria alla ricerca del profitto perduto

E-mail Stampa PDF

di Pasquale Cicalese per Marx21.it

confindustria3Solita solfa, “flessibilità del lavoro”, come se questa ti risolvesse i problemi. Ne hanno fin troppa dall’epoca del Pacchetto Treu e la produttività del lavoro è crollata. Nel frattempo, questi signori hanno avuto 15 anni di boom di profitti, evaporati nelle bolle azionarie e nel mattone. Non ci pensavano mica ad investire nelle aziende, piuttosto le spolpavano per arricchire i patrimoni familiari, i quali sono stati bruciati nella grande crisi. Ora li devono ricostituire, ma è dura, alquanto dura. Pensavano di andare in Cina per il “basso costo” del lavoro, ma quella dirigenza gli ha combinato uno “stoppino” con la reflazione salariale. Gli rimane la Moldavia, il Nord Africa, il Bangladesh, ma con questi paesi non ci fai poi molto. Unica controtendenza alla caduta del saggio di profitto la vedono nella “svalutazione salariale interna”; che poi le dimensioni delle loro aziende siano ridicole, che nessuno si quoti in borsa o che da un trentennio non investono una lira nelle loro imprese a loro importa poco.

Leggi tutto...

Il Partito Comunista Portoghese condanna l'intervento militare straniero in Mali

E-mail Stampa PDF

da www.solidnet.org | Traduzione di Marx21.it

Mali-troopsL'intervento militare in corso in Mali, messo in atto dalla Francia e che coinvolge altre potenze imperialiste, è indissociabile dalla deriva militarista e interventista della NATO, dell'Unione Europea e delle sue principali potenze che, nel quadro dell'approfondimento della crisi del capitalismo e nel susseguirsi di vari processi di intensificazione degli interventi esterni, di militarizzazione del continente – in cui si distingue il Comando Militare nordamericano per l'Africa (AFRICOM) – e di destabilizzazione di vari paesi, mirano ad accentuare il dominio economico, politico e geo-strategico dell'imperialismo in questo continente e a mettere in discussione la sovranità e l'integrità territoriale di diversi suoi Stati. L'intervento militare in Mali, scatenato ancora una volta con il pretesto della “lotta ai terroristi islamici”, in particolare a gruppi che come è di pubblico dominio hanno collaborato attivamente nell'aggressione e nell'invasione imperialista della Libia, è indissociabile dai piani di diverse potenze imperialiste, soprattutto la Francia, di ricostruzione della propria tela di dominio coloniale distrutta da decenni di lotte dei popoli africani, di controllo e sfruttamento delle abbondanti risorse naturali della regione, e in particolare del Mali, soprattutto il petrolio e altre ricchezze del sottosuolo come l'uranio.

Leggi tutto...

Le ragioni della battaglia per l'Ucraina

E-mail Stampa PDF

di Simon de Beer, Investig'Action | da www.michelcollon.info

ucraina bandieraTraduzione a cura di Marx21.it

Gli Stati Uniti hanno mostrato un interesse particolare per l'Ucraina in occasione delle recenti elezioni che vi hanno avuto luogo. E' perché si tratta di un paese in cui la democrazia si deve costruire, come pretenderebbero? Sono turbati all'idea che ci siano state delle frodi o che la libertà di espressione sia violata? O esistono al contrario altre ragioni per preoccuparsi di questo paese situato all'incrocio tra Europa e Russia? Per saperlo, abbiamo consultato gli archivi resi noti negli ultimi anni da Wikileaks. La risposta è senza appello: se l'Ucraina attira tanto l'attenzione degli USA, è prima di tutto per ragioni economiche e geostrategiche. Quanto alla “democrazia”, non si tratta che di un pretesto per adornare i loro obiettivi di buone intenzioni.

Per gli Stati Uniti, il controllo dell'Ucraina risponde a tre principali obiettivi: 1) rafforzare la NATO, 2) lottare contro l'influenza crescente della Russia, 3) appropriarsi di un mercato troppo chiuso.

Leggi tutto...

La maggioranza dei turchi è contro l'aggressione alla Siria

E-mail Stampa PDF

di Murat Akad, Consiglio Nazionale del Partito Comunista di Turchia | da www.avante.pt

turchia nowarsiriaTraduzione di Marx21.it

L'aggressione contro la Siria fa parte di un piano generale dell'imperialismo, per il quale opera il governo turco. Naturalmente, la posizione del nostro partito è totalmente contraria al coinvolgimento della Turchia nell'aggressione contro la Siria, così come è contro qualsiasi aggressione imperialista ad altri paesi. Difendiamo il diritto del popolo siriano a decidere con le proprie mani il suo destino.

Inoltre, occorre osservare che il governo turco, che si trova al potere già da dieci anni, ha effettuato varie modifiche alla Costituzione e all'organizzazione dello Stato, in senso reazionario, con l'obiettivo di imporre una nuova politica che noi chiamiamo neo-ottomanismo.

Leggi tutto...

Pagina 206 di 237