Sostieni una voce libera contro le vere fake news: l'appello di Marx 21

Sostieni una voce libera contro le vere fake news: l'appello di Marx 21

La libertà ha un prezzo. E spetta a voi decidere se la battaglia per smascherare le fake news dei "media" tradizionali debba proseguire o meno. La fase è molto delicata: come possiamo vedere sulla nostra pelle, negli Stati Uniti, prima,…

Continua...
Per il rispetto della causa palestinese

Per il rispetto della causa palestinese

di Comitato Contro La Guerra Milano

Il Comitato Contro La Guerra Milano si riconosce nel comunicato del PCPS, membro del World Peace Council (Consiglio Mondiale per la Pace)

Continua...
Italia-Israele: la «diplomazia dei caccia»

Italia-Israele: la «diplomazia dei caccia»

di Manlio Dinucci

I governanti europei – dalla rappresentante esteri della Ue Mogherini al premier italiano Gentiloni, dal presidente francese Macron alla cancelliera tedesca Merkel – hanno preso formalmente le distanze dagli Usa e da Israele sullo status di Gerusalemme. 

Continua...
Perché la rivoluzione tech non spiega i bassi salari italiani

Perché la rivoluzione tech non spiega i bassi salari italiani

di M. Fana e D. Villani

Gli autori di questo post sono Marta Fana, dottore di ricerca in Economia e autrice di “Non è lavoro, è sfruttamento” (Laterza 2017) e Davide Villani, dottorando di ricerca in Economia, Open University (Regno Unito)

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

Equità. Il 10% del Paese ha in mano il 45%. È ora che paghi

E-mail Stampa PDF

di Vladimiro Giacché | da Pubblico del 26 ottobre 2012

balance«Il contributo di solidarietà del 3% sui redditi sopra i 150 mila euro a favore degli esodati è iniquo»: così ha dichiarato ieri il vice presidente di Confindustria Aurelio Regina. Il contributo per finanziare l'ampliamento delle garanzie per gli esodati, a suo avviso, colpirebbe inoltre «una fascia di popolazione che è l'unica che spende, minacciando ulteriormente i consumi».

La prima reazione, nell’apprendere dell’attacco di Confindustria all'emendamento a favore degli esodati approvato dalla commissione Lavoro della Camera, è stata di soddisfazione. In Italia c’è ancora qualche istituzione che funziona: la difesa dei propri associati da parte di Confindustria è stata pronta e decisa. La cosa è ammirevole. E dovrebbe anche suscitare anche un po’ di invidia, soprattutto nel mondo dei lavoratori dipendenti: basti pensare che il provvedimento di “riforma” delle pensioni - proprio quel provvedimento che, elevando bruscamente l’età minima di pensionamento ha creato, tra l’altro, il dramma degli esodati senza stipendio né pensione – è diventato legge nel silenzio del mondo sindacale, e che non una sola ora di sciopero è stata indetta dai principali sindacati per contrastarlo.

Leggi tutto...

Enrico Mattei: una sfida dal futuro

E-mail Stampa PDF

di Spartaco Alfredo Puttini per Marx21.it

mattei“Mattei è stato un italiano moderno,
che ha lasciato troppo presto il suo posto di combattimento”
Giulio Andreotti 
(all’epoca dei fatti ministro della Difesa)

Il 27 ottobre ricorre il 50° anniversario della morte di Enrico Mattei, fondatore dell’Eni e personaggio di primo piano della storia repubblicana. Su Enrico Mattei sono stati versati fiumi d’inchiostro. Ancor di più sul “caso”, sul mistero della sua morte. A lungo si è sostenuto che l’aereo sul quale viaggiava quella fatidica notte di ottobre del 1962 si fosse schiantato a Bascapè per un errore del pilota, anche se la maggioranza degli italiani è sempre stata intimamente convinta che Mattei sia stato eliminato. Anni fa l’inchiesta (riaperta ed archiviata) della procura di Pavia poneva la parola fine all’enigma: i cadaveri dei tre sventurati passeggeri dell’aereo dell’Eni venivano riesumati e su di essi veniva rinvenuta traccia di esplosivo.

Leggi tutto...

Incontro Comunista Europeo. Contributo del Partito Comunista di Boemia e Moravia (KSCM)

E-mail Stampa PDF

da inter.kke.gr | Traduzione dall'inglese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

kscm logoIncontro Comunista europeo - Bruxelles 01-02 ottobre 2012

Le conclusioni dell'8° Congresso del Partito Comunista di Boemia e Moravia (KSCM), svoltosi nel maggio di quest'anno, indicano come nel recente periodo si delinei chiaramente il reale rapporto del capitalismo con gli interessi sociali e i bisogni della maggioranza dei cittadini. Mostrano le vere ragioni per cui il livello delle sicurezze sociali nei paesi dell'Europa occidentale fino al 1989 era maggiore di quanto lo sia oggi, mentre crescono le tensioni sociali e la rabbia legittima dei popoli non solo nel quadro europeo, ma anche in molte altre parti del mondo.

Una delle ragioni consiste anche nel fatto che non esiste alcuna concorrenza al capitalismo, come invece prima rappresentavano gli Stati socialisti in Europa. Mi riferisco a quegli Stati in cui gli interessi sociali popolari costituivano la priorità, quando l'esistenza dell'Unione Sovietica rappresentava una forza di opposizione all'Occidente, caratterizzato dalla sua società dei consumi, dal libero mercato e dalla promozione dell'individualismo.

Leggi tutto...

Il Partito Comunista Cinese verso il congresso tra innovazioni e continuità nel processo di riforma

E-mail Stampa PDF

di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

pcc bandiera pugniSe pensiamo allo spazio dedicato alla Cina nella campagna presidenziale negli Stati Uniti, possiamo a ragione ritenere che il prossimo congresso del Partito comunista cinese – in programma dall'8 novembre prossimo – sarà l'evento politico più importante dell'anno. Se fino ai primi anni di questo secolo la sua eco era sostanzialmente limitata – eccezione fatta per addetti ai lavori e sinologi – ai confini dell'ex Celeste Impero, d'ora in poi le decisioni prese tra le mura di Zhongnanhai avranno forti ripercussioni sul panorama internazionale. Non dobbiamo, infatti, scordare che a riunirsi è il più grande partito comunista al mondo – forte di oltre 80 milioni di selezionatissimi iscritti – che ha portato la Cina, in soli settanta anni, da Paese umiliato e sull'orlo della morte per inedia a seconda potenza economica e politica del mondo.

Leggi tutto...

Beirut, il diario di Tuf Tuf… – Proclami all’unità, processi alle intenzioni e visite eccellenti

E-mail Stampa PDF

di Per non dimenticare Sabra e Chatila

foto-tuf-tuf-2Continuano le tensioni in Libano, anche se le armi – almeno a Beirut – hanno lasciato il campo agli scontri politici e alle pressioni internazionali. Il secondo contributo di Tuf Tuf… 

BEIRUT, 23 Ottobre 2012 – Se nelle strade di Beirut sembra essere tornata la calma dopo i tre giorni di tensione seguiti all’attentato dello scorso 19 Ottobre costato la vita al capo dei servizi di intelligence libanesi Wissam Al-Hassan, il lavorìo nei palazzi della politica continua incessante tra proclami all’unità, processi alle intenzioni e visite eccellenti. L’autobomba ad Ashrafiyeh infatti, oltre ad aver rievocato uno dei periodi più bui della storia recente libanese (il triennio di attacchi dinamitardi inaugurato con l’assassinio del primo ministro Rafiq Hariri il 14 febbraio 2005), ha riacceso vecchi rancori e nuove polemiche sulla legittimità dell’esecutivo in carica e il suo grado di prossimità col regime di Damasco.

Leggi tutto...

La posta in gioco. Intervista esclusiva al Segretario del PdCI Oliviero Diliberto

E-mail Stampa PDF

da oltremedia.weebly.com

diliberto falcemartelloVerso il 2013 è il titolo della nostra rubrica. Il 2013 sarà l'anno delle elezioni, a Roma si voterà tre volte e la sensazione è che il Paese, flagellato dalla crisi economica globale, sia al giro di boa. Quello che succederà nei prossimi 12 mesi potrebbe cambiare il destino dell'Italia per i prossimi 20 anni. Oggi abbiamo invitato a dire la sua il segretario del PdCI Oliviero Diliberto.

Verso il 2013 è il titolo della nostra rubrica. Il 2013 sarà l'anno delle elezioni, a Roma si voterà tre volte e la sensazione è che il Paese, flagellato dalla crisi economica globale, sia al giro di boa. Quello che succederà nei prossimi 12 mesi potrebbe cambiare il destino del paese per i prossimi 20 anni. E' per questo che abbiamo deciso di intraprendere un filone di interviste che ci aiuterà a comprendere il cammino delle forze politiche sino alla tornata elettorale e le reali prospettive per la creazione di una coalizione che segni un punto di discontinuità con l'agenda Monti ed inauguri una stagione di avanzamento sul piano dei diritti civili e sociali.

Leggi tutto...

Rinascono le truppe coloniali

E-mail Stampa PDF

di Manlio Dinucci | da il Manifesto del 23 ottobre 2012

libia soldatiUn anno fa la Nato, demolito lo stato libico con 10mila attacchi aerei e forze speciali infiltrate, concludeva l’operazione «Protettore Unificato» eliminando per mano dei servizi segreti lo stesso Gheddafi. Non finiva però con questo la guerra. Le fratture, in cui si era infilato il cuneo dall’esterno per scardinare lo stato libico, si sono allargate e ramificate. 

A Bani Walid, accerchiata e bombardata dalle milizie di Misurata, c’è oggi un’intera popolazione che resiste. Tripoli controlla solo una parte minore della «nuova Libia», in preda a scontri armati tra milizie, omicidi e sparizioni. Secondo il presidente Mohamed Magarief, ciò è dovuto a «ritardi e negligenze» nella formazione di un esercito nazionale. Non deve però preoccuparsi: il problema sta per essere risolto. Non a Tripoli, ma a Washington. 

Leggi tutto...

Uniti e organizzati per la democrazia. Contro le minacce golpiste in Argentina

E-mail Stampa PDF

da pca.org.ar | Traduzione a cura di Marx21.it

argentina soldatiDichiarazione

I partiti politici firmatari della dichiarazione esprimono il loro più saldo impegno per la democrazia e il mantenimento del funzionamento delle istituzioni dello Stato di Diritto.

Dietro uno sciopero con rivendicazioni di carattere salariale si nasconde una manovra decisamente destabilizzante che non possiamo permettere. Lo sciopero rivendicativo di prefetti e gendarmi è stato risolto dal Governo Nazionale, rendendo evidente che tutti riceveranno il loro salario senza alcun cambiamento. Malgrado ciò, il conflitto continua senza ragione alcuna, essendosi aggiunti sottufficiali della Marina che a loro volta stanno facendo appello ad appartenenti all'Esercito e alla Forza Aerea ad aderire.

Leggi tutto...

Gli effetti recessivi della legge di stabilità: mutui e TFR

E-mail Stampa PDF

di Domenico Moro | da Pubblico

monti mannaiaIl Presidente Monti, pur ammettendo che le misure contenute nella Legge di stabilità sono brutali, sostiene che sulla lunga distanza permetteranno la crescita. A boutade del genere Keynes rispondeva che: “Nel lungo periodo saremo tutti morti”. Ci limiteremo ad osservare che, in netta contraddizione con gli sbandierati principi liberisti, il governo opera contro il mercato, minando le basi strutturali della domanda, e con esse la possibilità di una ripresa. Ne è uno degli esempi migliori il settore delle costruzioni, sia pubbliche che private. Le costruzioni pubbliche subiscono da anni il drastico calo della spesa in infrastrutture che, data la stretta al bilancio pubblico in corso, non si invertirà. Tuttavia, il governo ha pensato di beneficiare i soli grandi gruppi prevedendo una defiscalizzazione del 50% per le imprese che si impegneranno in progetti infrastrutturali oltre i 500 milioni.

Leggi tutto...

PAESTUM 6-7 ottobre 2012. Primum vivere anche nella crisi: la rivoluzione necessaria. La sfida femminista nel cuore della politica

E-mail Stampa PDF

di Loretta Boni, Segr. Sez. T.Modotti, Pdci Ancona

lorettaboni 3Paestum è stato un grande evento, non solo per il numero di donne che vi hanno partecipato e di questi tempi è cosa su cui riflettere. C’erano i nomi storici del femminismo italiano; certo il ringraziamento primo va a Lea Melandri e alle donne del gruppo Artemide che hanno organizzato l’evento, ma le protagoniste sono state tutte le circa 1000 donne che hanno riempito l’Hotel Ariston di Paestum il 6 e 7 ottobre. Donne di età di provenienza diversa accomunate dalla consapevolezza che è urgente riportare al centro del dibattito politico del nostro paese i contenuti e le pratiche del movimento femminista. Un evento che ha mostrato quale e quanta voglia/necessità c’è nel nostro paese di contare/pesare da parte delle donne. La domanda che viene da Paestum, anzi la ragione di Paestum è come dare continuità all’impegno della “rivoluzione necessaria” come portare “la sfida femminista nel cuore della politica”. Questo è stato per me il senso dell’incontro, che interroga anche noi comuniste che verifichiamo sulla nostra pelle come la condizione delle donne con la crisi subisca attacchi continui senza che si riesca a mettere in campo una risposta adeguata.

Leggi tutto...

Colpire pensioni e pubblico impiego. Renzi riparte da qui?

E-mail Stampa PDF

di Vladimiro Giacché | da Pubblico de 21 ottobre 2012

matteo renzi primarieNel dibattito politico italiano la tentazione di eludere il merito dei problemi fa premio su tutto il resto. Le reazioni all’appoggio del finanziere Davide Serra a Matteo Renzi non fanno eccezione. Ironizzare sulle società offshore di Serra era la cosa più semplice da fare. Sicuramente meno faticoso che entrare nel merito di ciò che Serra propone. A noi sembra invece che l’occasione di parlare di programmi non debba essere fatta cadere. Vediamo quindi cosa dicono Serra e Renzi. Di giusto e di sbagliato.

Leggi tutto...

Le grandi manovre d’autunno di Stati Uniti ed Israele

E-mail Stampa PDF

di Antonio Mazzeo | da antoniomazzeoblog.blogspot.it

austere challenge usaisraelePrenderà il via tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre, durerà non meno di tre settimane e, secondo il Pentagono, sarà la “più grande esercitazione nella storia della lunga relazione militare tra Stati Uniti d’America e Israele”. Mentre le potenze occidentali con i paesi partner del Golfo scalpitano per intervenire militarmente in Siria e si acutizza lo scontro tra la Nato, l’Unione europea e l’Iran, le coste e il deserto israeliano stanno per ospitare un imponente war game in cui saranno simulati attacchi con missili balistici contro obiettivi terrestri e navali. Austere Challenge 2012, il nome dell’esercitazione congiunta, vedrà il coinvolgimento di 3.500 militari statunitensi ed un migliaio di israeliani. Solo un terzo circa del personale Usa sarà però distaccato direttamente in Israele. Il resto opererà da alcune basi in Europa e nelle unità navali che stazioneranno nel Mediterraneo orientale.

Leggi tutto...

Sui vostri schermi: lo show elettorale USA

E-mail Stampa PDF

di Thierry Meyssan | da www.megachip.info

obama comizio 2012Ogni quattro anni, l’elezione del Presidente degli Stati Uniti dà luogo a uno show planetario. La stampa mainstream riesce a convincere l’opinione pubblica internazionale che il popolo statunitense designi democraticamente l’uomo che guiderà gli affari del mondo.   In alcuni paesi, specie in Europa, la copertura mediatica di questo evento è altrettanto - se non più - importante dell’elezione del capo dello Stato locale. Implicitamente, la stampa insinua che se tali paesi sono democrazie, i loro cittadini non decidono del proprio futuro, che dipende dalla buona volontà dell’inquilino della Casa Bianca. Ma allora, in che cosa questi stati sono democrazie?  Il fatto è che si confonde lo scrutinio elettorale con la democrazia. Questa osservazione vale anche per gli Stati Uniti. Il loro grande show elettorale sarebbe la prova che essi rappresentano una democrazia vivace. Questa evidentemente non è altro che polvere agli occhi.

Leggi tutto...

I comunisti italiani e la fase politica. Che fare?

E-mail Stampa PDF

di Stefano Barbieri, direzione nazionale PdCI

comunisti italiani piazzaNei giorni successivi all’approvazione della Legge di stabilità da parte del Consiglio dei Ministri, diversi economisti hanno sottolineato la sua natura regressiva e molti altri, in controtendenza con le patetiche giustificazioni del ministro Grilli, hanno evidenziato come il valore di ben 11.6 Miliardi di euro rappresenti una vera e propria nuova manovra finanziaria. Il tutto viene naturalmente motivato con la necessità di raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013. Chi ancora avesse avuto bisogno di prove dell'assurdità e delle pesanti conseguenze sociali di questa norma introdotta in Costituzione, ora ce la ha chiare davanti agli occhi. In sintesi è diminuita una tassa progressiva, l’Irpef, che redistribuisce il reddito dai ricchi verso i poveri. Ed è aumentata una tassa regressiva, l’Iva, che opera nel senso opposto. L’effetto netto della manovra sarà regressivo dato che le famiglie più povere, pur beneficiando della riduzione delle aliquote Irpef, sono allo stesso tempo le più danneggiate dall’aumento dell’Iva, perché spendono una frazione maggiore del proprio reddito disponibile in consumi, e in particolare in beni alimentari (la cui aliquota subisce l’aumento percentuale maggiore passando dal 10 al 11%).

Leggi tutto...

In Palestina gli ebrei non sono la maggioranza

E-mail Stampa PDF

di Bassam Saleh

Palestinian-israeli flagsTra il Mediterraneo e il fiume Giordano, gli ebrei non sono la maggioranza della popolazione. L'annuncio è dell'Ufficio Centrale di Statistica israeliano, sotto diretto controllo del Primo Ministro. Infatti su 12 milioni di abitanti gli ebrei sono solo 5,9 e gli altri 6,1 non sono ebrei.

Sul quotidiano Haaretz il commentatore Akiva Eldar ha scritto «tra le righe di questa dichiarazione si legge un importante riconoscimento ufficiale del governo di Israele che tra il mare e il fiume, “cioè la Palestina mandataria”, non esiste una maggioranza ebraica. In altre parole, nel territorio sotto il controllo di Israele vi è un sistema di apartheid, una minoranza ebraica controlla la maggioranza araba.

Leggi tutto...

Alla X Conferenza dei Ministri della Difesa americani, i paesi dell'America Latina prendono le distanze da USA e Canada

E-mail Stampa PDF

da “El Popular”, settimanale del Partito Comunista dell'Uruguay, 12 ottobre 2012

puntadeleste defensaTraduzione a cura di Marx21.it

Si è svolta a Punta del Este (in Uruguay) la X Conferenza dei Ministri della Difesa delle Americhe, in cui ha avuto modo di manifestarsi anche la nuova realtà del continente. La dichiarazione finale contiene 23 punti approvati. Include il sostegno ai diritti sovrani argentini sulle isole Malvine, con l'opposizione di USA e Canada, una raccomandazione sullo studio di attualizzazione del Sistema Interamericano di Difesa, un sistema di cooperazione per fronteggiare i disastri naturali, il sostegno al lavoro delle donne in Missioni di Pace e la riaffermazione del valore delle istituzioni democratiche. Il documento finale della X Conferenza dei Ministri della Difesa delle Americhe afferma il sostegno alla democrazia come strumento per ottenere la pace e la sicurezza, la stabilità, l'equità sociale e lo sviluppo. Segnala anche il suo sostegno ai diversi strumenti dell'ONU e agli altri meccanismi regionali e sub-regionali.

Leggi tutto...

Eurozona, il girone infernale della troika

E-mail Stampa PDF

di Vladimiro Giacché | da Pubblico del 17 ottobre 2012

clown europa«Al punto in cui siamo, le politiche adottate per risolvere la crisi dell’eurozona stanno facendo più danni di qualunque cosa possa aver causato originariamente quei problemi». Con queste parole l’editorialista del Financial Times Wolfgang Münchau ha salutato giorni fa le più recenti proposte della cosiddetta troika (Fmi, Bce e Commissione europea) per aggiustare i conti della Grecia.

La storia è nota: le misure di austerity sin qui assunte dal governo greco non saranno sufficienti per conseguire gli obiettivi di riduzione del debito prefissati. Questo perché il prodotto interno lordo greco nel 2013 crollerà di un altro 5 per cento, anziché “soltanto” del 3,8 per cento previsto dal governo. E quindi non soltanto il debito non si ridurrà, ma anche l’obiettivo di conseguire un avanzo primario (prima del pagamento degli interessi sul debito) sarà mancato.

Leggi tutto...

Chi perde e chi guadagna dalla legge di stabilità

E-mail Stampa PDF

di Domenico Moro | da Pubblico

legge-di-stabilitaAlcuni continuano a chiedersi qual è il senso di una manovra che prende con una mano e dà con un’altra. In realtà, Monti non dà nulla e prende molto più di quanto sembri. Prende dai redditi più bassi e dai lavoratori e dà alle grandi imprese, realizzando un gigantesco trasferimento di ricchezza sociale. I provvedimenti avranno ulteriori effetti recessivi, sulla linea di quelli già varati e che hanno depresso domanda e produzione. Con una mossa degna di un giocatore delle tre carte, il governo ha gettato fumo negli occhi riducendo le prime due aliquote dell’Irpef. La prima dal 23% al 22%, la seconda dal 27% al 26%. Nel migliore dei casi si realizzerebbe un risparmio di 280 euro per contribuente, che in totale nel 2013 sarebbe di circa 4,27  miliardi in meno per l’erario. Si tratta però per i cittadini di risparmi del tutto aleatori. In primo luogo, il governo ha introdotto una franchigia di 250 euro su deduzioni e detrazioni e un tetto di 3000 euro alle spese detraibili.

Leggi tutto...

Il governo prende e non dà nulla

E-mail Stampa PDF

di Francesco Piccioni | da il Manifesto del 17 ottobre 2012

monti grilliLa «legge di stabilità», nella versione proposta al Parlamento, con una mano riduce le tasse, con l'altra aumenta il prelievo fiscale su tutto. Dall'Iva alle agevolazioni, dalle pensioni di guerra alla deducibilità degli interessi sui mutui.

Partiamo dalle certezze. Se in una manovra finanziaria governativa - ora si chiama «legge di stabilità», ma non c'è molta differenza - i saldi sono positivi per lo Stato, vuol dire che sono usciti più soldi dalle tasche dei cittadini. Quindi, le trombe della propaganda hanno suonato una canzone stonata quando si sono sperticate in elogi per il mini-taglio alle aliquote Irpef come segno di una «fase 2», in cui «finalmente» si cominciava a (ri)mettere in tasca qualche soldo ai contribuenti. Tutto falso. Il taglio dell'Irpef - le aliquote passano dal 23 al 22% fino a 15.000 euro lordi annui, e dal 27 al 26% per lo scaglione fino a 28.000 - si traduce in un'entrata, per il singolo lavoratore dipendente, oscillante tra un minimo di 11,5 euro al mese e un massimo di 21,5. Già così, si perderebbero oltre 2,5 punti l'anno soltanto grazie all'inflazione «ordinaria».

Leggi tutto...

La Russia getta ponti sulle divisioni in Medio Oriente

E-mail Stampa PDF

di M. K. Bhadrakumar | Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova
www.atimes.com | tlaxcala-int.org

maliki-putinL’ambasciatore M. K. Bhadrakumar è stato diplomatico di carriera nel Servizio per gli Affari Esteri Indiano. Ha ricoperto incarichi nell’Unione Sovietica, in Corea del Sud, nello Sri Lanka, in Germania, Afghanistan, Pakistan, Uzbekistan, Kuwait e Turchia.

11 ottobre 2012

Un accordo multi-miliardario in dollari per forniture di armi all’Iraq, un incontro al vertice con la Turchia, manovre per migliorare i rapporti e ricucire gli strappi con l’Arabia Saudita, l’esordio di contatti politici con “Sphinx”, vale a dire con i Fratelli Musulmani dell’Egitto - tutto questo si prevede avvenga entro i termini di un mese turbolento per il Medio Oriente. E tutto questo sta avvenendo quando il “ritorno” degli Stati Uniti nella regione, dato il trambusto delle elezioni presidenziali di novembre, sembra ancora un sogno lontano.  

Leggi tutto...

Pagina 182 di 204