NATO – Breve storia dell’alleanza

E-mail Stampa PDF

Nato mare copertinadi Manlio Dinucci | da patriaindipendente.it

In occasione del 70° anniversario della fondazione della NATO (North Atlantic Treaty Organization) pubblichiamo su questo numero due brevi saggi scritti per Patria, che esprimono punti di vista diversi sulla storia dell’alleanza. Qui il testo del geografo, ricercatore e saggista Manlio Dinucci

Le origini

Gli eventi che preparano la nascita della NATO iniziano con la Seconda guerra mondiale. Nel giugno 1941 la Germania nazista invade l’URSS con 5,5 milioni di soldati, 3.500 carrarmati e 5.000 aerei, concentrando in territorio sovietico 201 divisioni, equivalenti al 75% di tutte le sue truppe, cui si aggiungono 37 divisioni dei satelliti tra cui l’Italia.

Leggi tutto...

Il pendolo del premier Conte

E-mail Stampa PDF

grillo cinaRiceviamo con richiesta di pubblicazione

di Aginform

27 novembre 2019

Se la prima mossa del nuovo corso politico, dovuto al rovesciamento delle alleanze, è stata quella di stoppare il tentativo di Salvini di sfondare la linea del Piave ricorrendo alle elezioni dopo la crisi di agosto, si tratta ora di valutare le prospettive e il ruolo del Conte 2. Oggi, a distanza di alcuni mesi, si può abbozzare una linea interpretativa della sua azione.

Leggi tutto...

In Lituania si intensifica la repressione contro i militanti del Fronte Popolare Socialista. In Italia continua il silenzio sui crimini del regime fascistizzante di Vilnius

E-mail Stampa PDF

lituania statua leninda skpkpss.ru

In Lituania imperversa la repressione più brutale degli oppositori politici, comunisti (il Partito Comunista da tempo è stato bandito per decreto), antimperialisti e progressisti. In particolare, i compagni del Fronte Popolare Socialista sono sotto attacco da parte di un governo fascistizzante (nel cui “album di famiglia” si trovano le waffen SS lituane, a cui vengono dedicati monumenti e targhe) che non è costituito da “sovranisti” e “populisti di destra”, ma da ferventi “europeisti” agli ordini degli Stati Uniti, della NATO e delle potenze egemoni dell’Unione Europea che (esattamente come quanto è avvenuto con l’Ucraina, dopo il golpe fascista del 2014) ricambiano la fedeltà ai “precetti” imperialisti in economia e nelle politiche aggressive verso la Russia con la tolleranza più spudorata nei confronti delle più eclatanti violazioni dei diritti umani e delle libertà democratiche.

Leggi tutto...

Gli F-35 decollano con ali bipartisan

E-mail Stampa PDF

f35 pista decollodi Manlio Dinucci

Lorenzo Guerini (Pd), ministro della Difesa del governo Conte II, ha comunicato alle commissioni parlamentari il passaggio alla fase 2 del programma di acquisto degli F-35 della statunitense Lockheed Martin. Passaggio preparato dal governo Conte I: il vicepremier Salvini (Lega) sottolineava lo scorso marzo che «ogni ipotesi di rallentamento o ravvedimento del programma di acquisto degli F-35 sarebbe un danno per l’economia italiana»; il sottosegretario agli Esteri Di Stefano (M5S) richiedeva una «revisione profonda degli accordi» ma aggiungeva che, «se abbiamo delle commesse da pagare, certamente non passeremo alla storia per aver tradito un accordo fatto con aziende private: c'è un'intera filiera che va rispettata». Lo scorso maggio il governo Conte I autorizzava «la realizzazione e la consegna di 28 caccia F-35 entro il 2022 (i velivoli sinora consegnati sono 13), i cui contratti sono stati completamente finanziati», ovviamente con denaro pubblico.

Leggi tutto...

Dall’odio del “manifesto” al manifesto dell’odio

E-mail Stampa PDF

sardine coloratePubblichiamo come contributo alla discussione

da fulviogrimaldi.blogspot.com

QUANDO LE COLORI, LE SARDINE VANNO A MALE ----- Che ci fanno Bill Gates, Ted Turner e George Soros con Extinction Rebellion?

“Non siamo contro il Sistema” (I fondatori delle “Sardine” toscane: Danilo Maglio, Cristiano Atticciati, Matilde Sparacino, Benard Dika)

Una cosa è certa: questo PD degli Zingaretti, Marcucci, Lotti, Orfini, Guerini, non è mai stato in grado e non lo sarà mai di produrre una mobilitazione di massa, estesa sul territorio, come quella oggi in atto con le “sardine”. Per quanto possa poi risultargli favorevole nel voto.

Leggi tutto...

Lenin, Rockefeller e la politica-struttura

E-mail Stampa PDF

lenin bronzoPubblichiamo in anteprima un breve capitolo del libro “Effetto di sdoppiamento, il “paradosso di Lenin” e la politica-struttura.” con contributi di Giorgio Galli, Alessandro Pascale, Daniele Burgio, Massimo Leoni e Roberto Sidoli, e che verrà pubblicato a fine anno.

Lo scritto in oggetto si intitola “Lenin, Rockefeller e la politica-struttura”.

Buona lettura.

Leggi tutto...

La sinistra e l’economia: da Sraffa e Keynes alla riforma del MES

E-mail Stampa PDF

cesaratto sergiodi Alba Vastano

da blog-lavoroesalute.org

Intervista a Sergio Cesaratto a cura di Alba Vastano.

“Ora si rischia di allarmare nuovamente i mercati. Le banche italiane e straniere ci penserebbero due volte ad acquistare titoli di un Paese che potrebbe essere assoggettato a ristrutturazione del debito. Di qui i timori del governatore di Bankitalia Ignazio Visco, di Patuelli e dell’on. Giampaolo Galli e di tanti altri. Una ristrutturazione del debito colpirebbe duramente le banche e i risparmiatori. Ѐ una strategia folle”
(Sergio Cesaratto)

Leggi tutto...

Il curioso caso di "Non una di meno" e "Se non ora quando"

E-mail Stampa PDF

donne fascismo cccpdi Roberto Vallepiano

Come il femminismo imperialista propizia e fiancheggia i colpi di stato per conto degli USA

Nelle foto riprodotte sotto potete vedere come i due movimenti femministi più noti nel nostro paese e cioè NON UNA DI MENO e Se Non Ora Quando - News, fiancheggino attivamente le più ignobili campagne golpiste al servizio dell'imperialismo USA e della borghesia compradora latinoamericana.

Nel primo delirante post "Non una di meno" attacca frontalmente il Socialismo della Pacha Mama e l'ormai deposto Presidente indigeno Evo Morales bollandolo con l'incredibile insulto di "misogino e sessista".

Leggi tutto...

What a MES! FAQ sul MES

E-mail Stampa PDF

mes meccanismo europeo stabilita e1574522419199di Sergio Cesaratto
da patriaecostituzione.it

26 novembre 2019

Cos’è il Meccanismo europeo di stabilità?

E’ detto anche fondo salva-Stati e fu creato nel 2011. Interviene a finanziare uno Stato quando per quest’ultimo non ha più senso finanziarsi sui mercati a causa di tassi di interesse troppo alti. In pratica, i sottoscrittori del debito pubblico non rinnovano i prestiti e, non trovando altri acquirenti a tassi ragionevoli, il Paese non può restituire i prestiti in scadenza ed è in default. Il MES interverrebbe probabilmente in combinazione con la BCE la quale comprerebbe titoli di Stato sotto il cappello dell’OMT (Outright Monetary Transactions), il programma annunciato da Draghi nel luglio 2012 nel famoso discorso in cui disse che la BCE avrebbe fatto tutto quanto necessario (“whatever it takes”) per preservare l’euro. L’aiuto di Draghi era subordinato a prestiti MES, e questi ultimi a un “memorandum of understanding”, un impegno del Paese a perseguire politiche di aggiustamento fiscale (leggi: austerità).

Leggi tutto...

E ora vengono ceduti anche i lavoratori del Monte Pegni, chi saranno i prossimi?

E-mail Stampa PDF

intesasanpaolo biancoIn Intesa Sanpaolo c’è molta retorica sul senso di appartenenza e sulla valorizzazione delle risorse umane, ma la storia del nuovo Gruppo è sempre stata costellata, fin dalla sua nascita, dalla cessione di centinaia di lavoratori.

Per ricordare i casi più noti, si è cominciato nel 2007 e 2008 con le cessioni delle filiali a seguito della fusione tra Intesa e Sanpaolo e dell’intervento dell’autorità antitrust. Poi è stata la volta di Banca Depositaria nel 2010. Poi nel 2018 è toccato al Recupero Crediti e arriviamo ai giorni attuali con Banca 5 e, mentre ancora le trattative per la cessione di quest’ultima a Sisal sono in corso, lunedì 18 novembre è arrivata la notizia della cessione delle filiali del Monte Pegni, dove i lavoratori hanno appreso la notizia direttamente a mezzo stampa.

Leggi tutto...

MES, l'intervento di Vladimiro Giacché in audizione alla Commissione Bilancio

E-mail Stampa PDF

giacche commissionebilancioda lantidiplomatico.it

Vladimiro Giacché, presidente del Centro Europa ricerche (Cer), in audizione alla Camera davanti alle commissioni Bilancio e Politiche Ue sul funzionamento del Meccanismo europeo di stabilità (Mes) e sulle sue prospettive di riforma ha dichiarato come sia forse venuto il momento "di prendere atto che la soluzione - consistente nell'avviare un processo di generalizzazione del modello export driven tedesco, considerato tale da poter rendere simili tutti i Paesi dell'Eurozona e scongiurare l'eventualità si shock asimmetrici - non ha dato i frutti sperati. Né si può pensare di procedere introducendo, quasi per inerzia, sempre nuovi elementi di rigidità e sempre nuove condizionalità nelle politiche economiche e di bilancio. Occorrerebbe uscire da una trappola evoluzionista che, nonostante gli evidenti fallimenti, continua a incentrare ogni innovazione istituzionale dell'area sul principio originario dell'assimilazione ad un presunto modello migliore. Un modello che, peraltro, sta proprio in questi mesi incontrando i propri limiti strutturali". 

Leggi tutto...

La scuola delle competenze?

E-mail Stampa PDF

scuola libro competenzedi Alessandro Pascale
da lacittafutura.it

Si è svolto il 14/11/2019 alla Casa della Cultura di Milano un incontro sul tema “Una scuola senza cultura e senza conoscenza? Dalla cancellazione del tema di storia a quella delle discipline”, relatori i docenti Giovanni Carosotti, Vittorio Perego, Marco Cuzzi (UNIMI, Milano), Lucio Russo (Uni Tor Vergata, Roma)

La storia sotto attacco e i progetti ministeriali

Mentre inizia a parlare, Carosotti mostra una dichiarazione dell'Associazione Nazionale Presidi (ANP): “Scuola senza materie, la sfida della scuola del futuro”. Una follia, eppure Andrea Gavosto, presidente della Fondazione Agnelli sulla Stampa porta avanti periodicamente questa campagna, senza contraddittorio.

Leggi tutto...

Il golpe in Bolivia

E-mail Stampa PDF

bolivia poliziadi Ângelo Alves, Commissione politica del Partito Comunista Portoghese (PCP)

da avante.pt

Ciò che sta accadendo in Bolivia è un colpo di stato. Un tipico colpo di stato in tutte le sue dimensioni e obiettivi, programmato, preparato e attuato dai settori più reazionari, violenti e razzisti della Bolivia, in stretto coordinamento con l'imperialismo, in particolare l'imperialismo statunitense, per mezzo dei suoi agenti sul terreno e degli uomini al suo servizio nell'Organizzazione degli Stati Americani.

Leggi tutto...

Il nodo geopolitico della Repubblica Moldava di Pridnestrovie

E-mail Stampa PDF

aavv repubblicapridnestroviePubblichiamo la prefazione di un interessante libro, di recente pubblicazione, sulla Repubblica Moldava di Pridnestrovie

di Matteo Peggio *

PREFAZIONE

La PMR (Repubblica Moldava di Pridnestrovie) è un paese unico nel suo genere.

La struttura statale odierna della Pridnestrovie, vede la sua formazione alla fine degli anni ‘80 del ‘900, quando la Moldavia Sovietica, egemonizzata da nazionalisti radicali, intendeva staccarsi dall’Urss e proibire l’uso della lingua russa dalla vita pubblica del paese.

Il 23 giugno del 1990, il Soviet Supremo della Repubblica Sovietica di Moldavia, dichiarò unilateralmente l’indipendenza dall’Urss, annettendo illegalmente i territori dell’attuale PMR, fino agli anni ‘40 facenti parte dell’Ucraina sovietica.

Leggi tutto...

Modrow, Rizzo e la fine della DDR

E-mail Stampa PDF

rizzo modrow milanodi Alessandro Pascale
da intellettualecollettivo.it

Centro culturale Concetto Marchesi, Milano, 17 novembre 2019. Iniziativa con Hans Modrow e Marco Rizzo. Si presenta il libro H. Modrow, La perestrojka e la fine della DDR, Come sono andate veramente le cose, Mimesis, Milano-Udine, 2019 [1° ediz. Die Perestroika. Wie ich sie sehe, Edition Ost, Berlin 1998].

Alle 15.08 la sala è gremita e il responsabile chiede che vengano limitati gli accessi. Da una rapida occhiata le presenze si aggirano tra le 150 e le 200 persone. Molti stanno in piedi e alcuni alla fine non riescono proprio ad entrare; ciò nonostante sia stata organizzata la diretta streaming sulla pagina facebook del Partito Comunista – Milano, dove i video rimangono a disposizione dei curiosi.

Leggi tutto...

La battaglia sull'ILVA di Taranto

E-mail Stampa PDF

ilva proteste bastaRiceviamo e pubblichiamo

Ci sono vari modi di considerare la questione dell'Ilva di Taranto. Uno è quello prettamente sindacale a cui sono legate le sorti di oltre 10.000 operai più l'indotto che ne occupa 5000 e qui la questione non è solo sindacale, ma coinvolge anche la salute degli operai siderurgici e della città di Taranto, in particolare i quartieri adiacenti lo stabilimento, come quello di Tamburi.

La soluzione di questo diabolico rebus non è stata trovata. E' prevalsa la logica produttivistica senza un vero progetto di riconversione dell'area industriale che risolvesse realmente, e non con palliativi, le due questioni sul tappeto: l'occupazione e la salute dei cittadini tutti, compresi ovviamene gli operai.

Leggi tutto...

La presidente della Bce Lagarde sconfessa il modello tedesco ed europeo

E-mail Stampa PDF

lagarde sfondobludi Pasquale Cicalese

A volte viaggiare porta benefici, specie se si è a capo del Fondo Monetario Internazionale, i cui economisti da un pò di anni stanno cambiando registro. Esattamente dopo il macello greco e argentino imposto proprio dalla Lagarde quando era a capo del Fondo. Ma l'FMI sta a Whashington e dal 2001, anno di entrata della Cina nell'Organizzazione Mondiale del Commercio, ha occhi puntati su Pechino. In questi anni la Lagarde e i suoi economisti hanno assistito alla trasformazione dell'economia cinese da export oriented a mercato interno, sottolineando i notevoli benefici.

Leggi tutto...

Manifesto delle sardine, è partita l'OPA del PD su una parte del Movimento 5 Stelle

E-mail Stampa PDF

sardine bolognadi Jean De Mille
da lantidiplomatico.it

Nelle polemiche sulle "nuove" forme di aggregazione politica, che in questi giorni stanno monopolizzando le bacheche, credo ci sia una domanda che la gran parte degli osservatori ha scordato di porre: davvero il movimento delle Sardine è rivolto contro Salvini?

Se così fosse, questo movimento dovrebbe contenere delle istanze capaci di disgregare il consenso costituito attorno alla Lega, dovrebbe farsi promotore di una proposta politica in grado di attrarre una parte dell'elettorato leghista, rispondendo a quei bisogni che il Pd e più in generale la cosiddetta sinistra hanno palesemente disatteso.

Leggi tutto...

Una Legge quadro che apre la porta alla disarticolazione della Repubblica

E-mail Stampa PDF

tricolore 500pxPiù che mai, ritiro di qualunque Autonomia differenziata

NO alla Legge quadro!

L’8 novembre il ministro Boccia ha presentato una bozza di Legge Quadro “per l’attribuzione alle Regioni di forme e condizioni particolari di autonomia”, ai sensi dell’articolo 116 terzo comma della Costituzione.

Siamo dunque di fronte ad un primo passo concreto verso il riconoscimento dell’Autonomia differenziata alle Regioni che ne hanno fatto o ne potranno fare richiesta.

Leggi tutto...

Pagina 19 di 289