L’offensiva militare dell’imperialismo in Africa

L’offensiva militare dell’imperialismo in Africa

di Carlos Lopes Pereira

“O Militante“, rivista teorica del Partito Comunista Portoghese, n° 352 gennaio-febbraio 2018

Continua...
Il blocco del Nord Europa azzoppa l'Italia

Il blocco del Nord Europa azzoppa l'Italia

di Pasquale Cicalese

Giovedì 15 febbraio sono usciti i dati definitivi del commercio estero italiano. I livelli sono da record storico, con 448 miliardi di euro di export, +7,4% in valore e +3.1% in volume ...

Continua...
America Latina, Unione Europea e ingerenza

America Latina, Unione Europea e ingerenza

di João Pimenta Lopes

La natura capitalista dell'Unione Europea, le sue ambizioni imperialiste, determinano le sue pretese di ingerenza in paesi terzi su scala globale ...

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

L'associazione Vittime della Nato in Libia lotta contro l'impunità dei potenti

E-mail Stampa PDF

di Marinella Correggia
sibialiria.org

27/01/2018

Dalla guerra in Iraq nel 1991 a oggi, nessun tribunale internazionale ha mai processato e giudicato i vincitori delle guerre di aggressione condotte dall'Occidente e dagli alleati del Golfo.  E dire che la guerra di aggressione è bandita in modo assoluto dalla carta delle nazioni unite ed è considerata il «crimine internazionale supremo» sin dall'epoca del tribunale di Norimberga (che però giudicò solo i vinti).

Alcune volte gli Stati presi di mira hanno provato a reagire ricorrendo a istanze internazionali (si pensi alla Jugoslavia durante i bombardamenti Nato del 1999); altre volte erano i cittadini danneggiati a provare le strade dei tribunali internazionali, sul lato penale e civile. Il primo non ha mai sortito effetti; per il secondo, alle vittime civili – «effetti collaterali» – afghane, irachene, pakistane sono stati elargiti risibili risarcimenti a cura dei responsabili, si vedano gli Usa con gli abitanti dei villaggi sterminati dai droni. Troppo poco, decisamente.

Leggi tutto...

La svolta radicale nel corso della seconda guerra mondiale

E-mail Stampa PDF

stalingrado soldati avanzataAccademia delle Scienze dell'URSS | Storia Universale, vol X, Cap. 7, pag. 205, Teti editore

All'inizio dell'inverno 1942-1943 si apriva sulle rive del Volga e del Don una nuova tappa della lotta mortale contro il nazifascismo, entrata nella storia come il periodo della svolta radi­cale nel corso di tutta la seconda guerra mondiale.

Il merito principale della realizzazione di questa svolta a favore della coalizione antifascista appartiene all'Unione Sovietica.

Nelle acca­nite battaglie del 1942-1943 sul fronte sovietico-tedesco si decisero i destini storici non solo del popolo sovietico, ma dell'intera umanità.

Leggi tutto...

Buone notizie dalla Corea

E-mail Stampa PDF

di Albano Nunes

da “Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Marx21.it

Ci sono motivi di speranza nella penisola coreana. Il dialogo che per iniziativa della RPDC si è aperto tra il Nord e il Sud, attualmente con un governo che non asseconda la deriva bellicista di Trump, è un fatto politico di grande rilevanza internazionale. Il semplice fatto che delegazioni dei due paesi si siano incontrate contro l'opinione degli Stati Uniti e abbiano deciso di proseguire i colloqui su questioni che vanno ben al di là delle Olimpiadi Invernali, rappresenta una sconfitta per l'imperialismo statunitense che, con criminale arroganza e disprezzo per la sorte del popolo coreano e per la sicurezza internazionale, fa di tutto per impedire la riunificazione della Corea, alimentando deliberatamente un pericolosissimo focolaio di tensione e di guerra.

Leggi tutto...

Maduro: “Voglio essere il candidato di tutti i movimenti patriottici del Venezuela”

E-mail Stampa PDF

da resistencia.cc

Traduzione di Marx21.it

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha dichiarato di avere ricevuto messaggi di appoggio da tutti i partiti del Grande Polo Patriottico (tra cui il PCV, NdT) e da 29 movimenti sociali alla sua candidatura alle prossime elezioni presidenziali.

“Tutti hanno i propri organismi, e stanno facendo arrivare il loro sostegno, e io voglio essere il candidato presidenziale di tutti i movimenti patriottici, rivoluzionari e chiavisti e di tutti i venezuelani e le venezuelane che credono nel futuro”, ha dichiarato il presidente ai mezzi di comunicazione.

Leggi tutto...

Grecia fase finale: all'asta sul web tutto ciò che si può vendere

E-mail Stampa PDF

tsipras bracciaapertedi Maurizio Pagliassotti
da megachip.globalist.it

La Grecia di Alexis Tsipras affronta l'ultima parte della svendita totale del suo patrimonio e della sua civiltà. Sul mercato finisce la stessa democrazia.

ATENE - La Grecia di Alexis Tsipras è entrata nella «fase laboratorio»: vedere cosa succede ad un paese lasciato nelle mani dei creditori. Disse Milton Friedman: «Lo shock serve a far diventare politicamente inevitabile quello che socialmente è inaccettabile»: lo shock della Grecia risale al’estate del 2015 quando con la giacca gettata sul tavolo al grido di «prendetevi anche questa» il primo ministro Alexis Tsipras firmò la resa senza condizioni della sua nazione sconfitta. Umiliato di fronte al proprio paese e al mondo da Angela Merkel, volutamente.

Leggi tutto...

Cipro: brillante risultato del candidato alla presidenza appoggiato dai comunisti di AKEL

E-mail Stampa PDF

Akel Stavros MalasComunicato di AKEL

da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

Nel primo turno (domenica 28 gennaio) delle elezioni presidenziali a Cipro, il candidato indipendente Stavros Malas, che è appoggiato da AKEL (Partito Progressista del Popolo Lavoratore di Cipro, aderente al GUE/NGL, NdT), è passato al secondo turno ottenendo il 30,24% dei voti, insieme all'attuale presidente di destra Nicos Anastasiades, che ha raggiunto il 35,51%.

Nicolas Papadopoulos – presidente del Partito Democratico centrista – si è piazzato al terzo posto con il 25,83% dei voti. Egli era appoggiato da diversi altri partiti. Un risultato estremamente negativo è il 4° posto per il presidente del partito fascista ELAM (partito fratello di Alba Dorata greca).

Leggi tutto...

Álvaro Cunhal su Lenin, la Rivoluzione d’Ottobre e l’URSS

E-mail Stampa PDF

rivoluzioneottobre poster1917di Rui Mota

O Militante, rivista teorica del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Marica Guazzora per Marx21.it

(*) Libro presentato alla Festa di Avante del 2017

Questo libro che oggi presentiamo è una antologia di testi di Álvaro Cunhal.  La sua opera è senza precedenti nel contesto politico nazionale ed ha un immenso valore e attualità per i rivoluzionari di tutto il mondo. Nessun testo è propriamente inedito (anche se adesso molti potrebbero già essere stati dimenticati) ma l’organizzazione di questi testi, che si trovavano sparsi su dieci temi, (e quindi ognuno presentato in ordine cronologico) consentirà al lettore di accedere rapidamente alle riflessioni di Álvaro Cunhal su ogni argomento.

Leggi tutto...

Appello assemblea dei lavoratori sul contratto della scuola

E-mail Stampa PDF

buonascuolasiamonoidi Assemblea sindacale del Liceo Benedetto da Norcia di Roma | da lacittafutura.it

APPELLO dell’Assemblea sindacale del Liceo Benedetto da Norcia di Roma AI SINDACATI IMPEGNATI NELLA TRATTATIVA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO DELLA SCUOLA

(Ai dirigenti sindacati di FLC CGIL, CISL Scuola, UIL Scuola RUA, SNALS Confsal)

Veniamo informati dai vari giornali e dai vostri siti che ci sono stati già due incontri sul rinnovo del contratto della scuola (l’ultimo del 15 gennaio) ed una intesa con l’Aran il 30 novembre. Leggendo nel vostro “Comunicato unitario”, a termine dell’ultimo incontro con la controparte del 15 gennaio, scopriamo che tra i vari temi c’è pure l’estensione della legge Brunetta sotto la voce di “procedure disciplinari”.

Leggi tutto...

«America First» armata sulle nostre teste

E-mail Stampa PDF

trump elicottero davosdi Manlio Dinucci

il manifesto, 30 gennaio 2018

Il presidente Trump è sbarcato dall’elicottero al Forum economico mondiale di Davos. Qui, preceduto dai suonatori di ottoni dell’orchestra di Friburgo, ha annunciato che «il mondo sta assistendo alla rinascita di una forte e prosperosa America», grazie alle riduzioni di tasse e riforme attuate dalla sua amministrazione in base al principio «America First», ossia quello di mettere l’America al primo posto.

Ciò «non significa America da sola: quando gli Stati uniti crescono, cresce tutto il mondo». Ma, ha aggiunto, «non possiamo avere un commercio libero e aperto se alcuni paesi sfruttano il sistema a spese di altri».

Leggi tutto...

Le ragioni della presentazione di una pre-candidata comunista alle elezioni presidenziali brasiliane

E-mail Stampa PDF

manueladavilaIntervista a Manuela D'Ávila, pre-candidata del Partito Comunista del Brasile (PCdoB)

da avante.pt

Traduzione di Marx21.it

Intervista di Hugo Janeiro a Manuela D'Ávila, pre-candidata del Partito Comunista del Brasile alle elezioni presidenziali

Perché il PCdoB ha deciso di presentare un pre-candidato alla presidenza del Brasile?

Noi abbiamo presentato un nostro candidato per 70 anni. Negli ultimi processi elettorali ci siamo schierati con Lula e Dilma. La questione del momento in Brasile è il controllo giudiziario della politica e l'attacco alla democrazia, in particolare lo sforzo che l'apparato giudiziario, appoggiato dalla comunicazione sociale, sta facendo perché Lula da Silva non sia candidato.

Leggi tutto...

70 anni di disinformazione: come la CIA ha finanziato le riviste di opinione in Europa

E-mail Stampa PDF

di Philip Giraldi

da “American Herald Tribune

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

Ringraziamo per la segnalazione il compagno Vladimiro Giacché e volentieri proponiamo ai nostri lettori.

Quando un' agenzia di intelligence si occupa di diffondere fake news si parla di "disinformazione“, che è un sottoinsieme di ciò che viene definita azione occulta, fondamentalmente operazioni segrete eseguite in un paese straniero per influenzare l'opinione pubblica o per bloccare un governo o un gruppo considerato ostile.

Leggi tutto...

L'apocalisse nucleare incombe, potrebbe avvenire ... tra due minuti

E-mail Stampa PDF

doomsday clockdi Angelo Baracca
da medicinademocratica.org

L’intelligenza superiore è un errore dell’evoluzione, incapace di sopravvivere per più di un breve attimo nella storia evolutiva. [Ernst Mayr (1904-2005), genetista evoluzionista]

La vita attuale è inquinata alle radici. L’uomo s’è messo al posto degli alberi e delle bestie e ha inquinata l’aria, ha impedito il libero spazio. Può avvenire di peggio. […] l’occhialuto uomo […] inventa gli ordigni fuori del suo corpo […] Forse attraverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute. Quando i gas velenosi non basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà un esplosivo incomparabile, di fronte al quale gli esplosivi attualmente esistenti saranno considerati innocui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un po’ più ammalato, ruberà tale esplosivo e s’arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere massimo. Ci sarà un’esplosione enorme che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli priva di parassiti e di malattie. [Italo Svevo, La Coscienza di Zeno, 1923].

Leggi tutto...

Cina e Russia sono la “sfida centrale” per il Pentagono

E-mail Stampa PDF

cina russia usadi Luis Carapinha

da "Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Marx21.it

La Cina e la Russia sono la “sfida centrale” del Pentagono, secondo la sintesi che è stata diffusa della Nuova Strategia di Difesa Nazionale degli Stati Uniti, il primo suo aggiornamento dal 2008. La “concorrenza strategica tra stati e non il terrorismo è ora la principale preoccupazione” e la competizione “a lungo termine con Cina e Russia” rappresenta la “principale priorità”, si afferma. Pechino è accusata di “cercare a medio termine l'egemonia regionale nell'Indo-Pacifico per raggiungere la preminenza globale nel futuro, mentre Mosca “persegue il diritto di veto sulle nazioni della sua periferia”, si oppone alla NATO e pretende “di modificare la struttura economica e della sicurezza” in Europa e nel Medio Oriente.

Leggi tutto...

Berlino ha guadagnato più d'altri da eurocrisi e "bazooka" di Draghi

E-mail Stampa PDF

mariodraghi 01di Vladimiro Giacché e Carlo Milani*
da ilfoglio.it

Il 25 gennaio la prima riunione dell'anno della Bce. Due conti sui paesi che hanno beneficiato di più delle politiche monetarie espansive mentre si decide il ritiro del Qe

Con l’avvicinarsi delle elezioni politiche si riaccende il dibattito sul debito pubblico italiano e sulla opportunità o meno di sforare la soglia del 3 per cento del deficit annuo. Il debito pubblico italiano è oggetto di attenzione anche in Germania. Qui, in assenza di un governo (a quattro mesi dal voto di settembre), e con Wolfgang Schäuble “promosso” a presidente del Bundestag, il ruolo del falco è assunto da Jens Weidmann, presidente della Bundesbank. Weidmann per un verso insiste sulla riduzione dei titoli di stato nei portafogli delle banche, quale precondizione per avviare il terzo pilastro dell’Unione bancaria, e dall’altro lato preme per una conclusione quanto più possibile ravvicinata del programma di Quantitative easing (Qe). 

Leggi tutto...

Morire sul lavoro, oggi come 100 anni fa

E-mail Stampa PDF

elmetti lavorodi Carmine Tomeo
da lacittafutura.it

Quattro operai morti avvelenati sul lavoro a Milano. Cosa è cambiato rispetto a dieci e 100 anni fa? Niente, nemmeno l'indignazione di facciata di fronte ad una strage che ogni anno conta più di 1000 lavoratori che non tornano a casa dal lavoro.

Provate a immaginare la morte per intossicazione. Il veleno che comincia ad accumularsi nel posto di lavoro; l’ambiente che si trasforma in una camera a gas; il veleno che che sale alla gola e ti entra in corpo. Manca l’aria. Sei a terra, senza riuscire a respirare. Magari provi a gridare, ma la voce non esce. “Ma le grida non arrivavano più lontano dei suoi orecchi”, scriveva Pietro Di Donato, autore italo-americano troppo presto ed ingiustamente dimenticato, descrivendo la morte sul lavoro in un suo straordinario romanzo, Cristo fra i muratori.

Leggi tutto...

Non è il tempo per un nuovo piano Marshall...

E-mail Stampa PDF

di Diego Angelo Bertozzi per Marx21.it

Diventa ormai sempre più difficile sostenere una tesi molto diffusa, soprattutto in Occidente, secondo la quale con la Belt and Road Initiative (Bri) ci troveremmo di fronte ad una versione cinese del Piano Marshall. Vale a dire a quel progetto di assistenza economica che gli Stati Uniti misero in piedi al termine della seconda guerra mondiale per risollevare economicamente l’Europa occidentale e, al contempo, contrastare una possibile avanzata delle sinistre comuniste, in linea con le indicazioni  del rapporto Clifford-Elsey: di fronte a partiti comunisti forti e ben organizzati e alla strategia di Mosca volta all’infiltrazione e alla conquista del potere dall’interno, la risposta americana doveva essere diretta alla “creazione di un forte rapporto di interdipendenza tra i Paesi minacciati e tra di essi e gli Stati Uniti” e a riguardo non poteva esserci altra soluzione per consolidare un blocco occidentale se non attraverso un programma di assistenza economica [Mammarella G., 1990, p. 24-25].

Leggi tutto...

Disastro imperiale

E-mail Stampa PDF

di MarkTaliano | globalresearch.ca

Traduzione per Resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare

Il Segretario di stato americano Rex Tillerson ha recentemente annunciato che l'occupazione americana della Siria continuerà fino a quando non saranno soddisfatte tre condizioni:

1. L'ISIS sia distrutto
2. Assad se ne sia andato
3. I rifugiati facciano ritorno in Siria

Le sue parole sono un'oscenità. Sono anche una cortina di fumo per mascherare la realtà effettiva e le intenzioni imperiali. Non solo l'occupazione statunitense è criminale secondo i principi di Norimberga, ma le condizioni stesse sono irraggiungibili o ridondanti e quindi destinate a fallire: cosa che costituisce il reale intento statunitense.

Leggi tutto...

Massima allerta. Facebook censura Telesur

E-mail Stampa PDF

da lantidiplomatico.it

Alla redazione di Telesur va tutta la solidarietà de l'AntiDiplomatico e di Marx21.it per la censura subita


Ieri proprio vi scrivevamo del fatto che Facebook con il nuovo cambio di algoritmo avesse penalizzato la nostra pagina del 70%. Dopo la caccia alle streghe mascherata come "battaglia contro le fake news", la nostra testata giornalistica non gode degli stessi diritti di chi ha per anni inondato l'etere di bufale. Ogni riferimento a Repubblica e gli altri media mainstream è voluto.

Nella notte italiana è accaduto qualcosa di molto più grave. La pagina Facebook  (nella sua versione inglese) di Telesur, il più grande agglomeratore di notizie dall'America Latina, risulta rimossa. Ancora adesso, nel momento in cui scriviamo, dopo diverse ore, risulta impossibile accedere: 

Leggi tutto...

I comunisti rendono omaggio a Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht

E-mail Stampa PDF

luxemburg liebknecht monumentoda solidarite-internationale-pcf.over-blog.net

Traduzione di Marx21.it

Una manifestazione in omaggio ai leader comunisti assassinati, Rosa Luxemburg e Karl Liebknecht, si è svolta il 15 gennaio a Berlino, con la partecipazione di diverse centinaia di comunisti provenienti da tutta Europa. Militanti e amici del Partito Comunista di Grecia (KKE) si sono uniti ai manifestanti del Partito Comunista Tedesco (DKP), del Partito Comunista Turco (TKP) e di altri partiti e organizzazioni comuniste e operaie, che hanno marciato nella parte orientale di Berlino.

La marcia si è conclusa davanti a un memoriale dedicato a numerose personalità del movimento comunista tedesco e internazionale, e ai rivoluzionari assassinati del novembre 1918, dove sono stati depositati molti fiori.

Leggi tutto...

La Russia non crede alle sanzioni

E-mail Stampa PDF

russia sanzioni mappadi Hedelberto López Blanch, giornalista, scrittore e ricercatore cubano, specialista in politica internazionale

“Rebelion”

Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

La Repubblica russa ha lasciato attoniti i paesi occidentali perché, nonostante le prolungate sanzioni imposte a Mosca dal 2014, la sua economia si è aperta e negli ultimi anni si è persino rafforzata.

Il Presidente Vladimir Putin ha recentemente affermato che questi sono stati anni difficili sia per il paese sia per coloro che volevano garantire uno sviluppo stabile per superare le difficoltà che sono sorte dall'economia mondiale, e nonostante ciò il governo ha fatto tutto il possibile ed anche di più.

Leggi tutto...

Pagina 2 di 210