Sveglia!

Sveglia!

di Jorge Cadima

La vergognosa risoluzione approvata dalla maggioranza del Parlamento europeo sulla seconda guerra mondiale (19.9.19), non è solo grave per il tentativo di riscrivere e falsificare la storia. 

Continua...
La riemersione della crisi del capitale e l'attualità del socialismo

La riemersione della crisi del capitale e l'attualità del socialismo

di Domenico Moro

La crisi, iniziata con lo scoppio della bolla dei mutui subprime nel 2007 negli Usa e proseguita in Europa come crisi dei debiti sovrani, non è mai finita ...

Continua...
Ucraina, Donbass e NATO

Ucraina, Donbass e NATO

di Enrico Vigna

In questo articolo emergono tre aspetti significativi riguardo alla situazione dell’Ucraina e dell’aggressione al Donbass, ma anche del quadro internazionale e di cosa ci aspetta all’orizzonte.

Continua...
Il socialismo con caratteristiche cinesi perché funziona?

Il socialismo con caratteristiche cinesi perché funziona?

di Zhang Boying

Prefazione all'edizione italiana

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Clamoroso fiasco dei fascisti a Casal Bruciato

E-mail Stampa PDF

casal bruciato palazziRiceviamo e volentieri pubblichiamo

di Norberto Natali

Noi che viviamo nel casermone di case popolari noto a tutti gli italiani (ed anche al pontefice) per i fatti esageratamente enfatizzati da tutti i media tre settimane fa, da decenni votiamo in un’unica sezione elettorale tutta per noi. Questo seggio è a Casalbruciato, a sua volta il quartiere più noto d’Italia negli ultimi due mesi, perfino più di Torre Maura.

I risultati (delle elezioni europee svoltesi ieri) della suddetta sezione elettorale, si presume, dovrebbero essere più “interessanti” di quelli di qualsiasi altro singolo seggio in cui si è votato. In effetti, il dato elettorale è molto significativo e si presta a valutazioni di interesse generale, nazionale.

Leggi tutto...

Il Movimento 5 Stelle e la riduzione del numero dei parlamentari

E-mail Stampa PDF

parlamento sessionePubblichiamo come contributo alla discussione

di Vincenzo De Robertis*

Il Movimento 5 stelle sta sbandierando come una grande conquista la proposta di legge costituzionale che prevede la riduzione di un terzo del numero dei Parlamentari, al Senato ed alla Camera, per ottenere così un risparmio annuo di 500 milioni di euro!

Ponendo la questione in termini economici, il partito fondato da Grillo ne svilisce i termini, nascondendo le reali conseguenze del provvedimento.

Leggi tutto...

La costruzione del socialismo in Cina nella prospettiva del processo di apprendimento

E-mail Stampa PDF

cina muroRiceviamo e volentieri pubblichiamo

di Giambattista Cadoppi

Il maggior trionfo del liberalismo si ha con la caduta del Muro di Berlino (sotto le cui macerie è rimasto sepolto definitivamente il cervello della sinistra) e con la propagazione del mito del massacro di Tienanmen, che ha comportato la rinuncia a vedere nella Cina una risposta realistica al liberismo (Cadoppi 2019). Domenico Losurdo è stato tra i pochi che hanno reagito elaborando, in risposta a questi drammatici avvenimenti, la tesi della costruzione del socialismo come processo di apprendimento. Ecco cosa scrive in una delle prime formulazioni di tale concetto:

Leggi tutto...

Lo scenario peggiore si è concretizzato

E-mail Stampa PDF

elezioni europee 2019Pubblichiamo come contributo alla discussione

di Mauro Gemma

Lo scenario peggiore si è concretizzato.

I reazionari della Lega e di FdI sono oltre il 40% (infliggendo una sonora sconfitta ai 5 Stelle diretti dall'incompetente e presuntuoso democristiano Di Maio), gli ordo-liberisti del PD esultano per il presunto recupero del "bipolarismo", "la Sinistra" (SI, PRC, amici di Tsipras e sedicente "società civile") e il PC di Rizzo raccattano insieme un ridicolo 2,6%. 

Leggi tutto...

Non tutto il male viene per nuocere: la guerra commerciale tra Huawei e Google

E-mail Stampa PDF

huawei schermodi Francesco Galofaro, ISIA Roma

Come è noto, il 20 maggio scorso le borse di tutto il mondo hanno conosciuto attimi di panico: in contemporanea, Google, Intel, Qualcomm e Broadcom hanno annunciato di non voler più rapporti con il gigante della telefonia cinese, Huawei. La decisione va inquadrata nella più ampia guerra tra multinazionali – supportate dalle rispettive superpotenze - per fissare lo standard tecnologico della nuova rete 5G. Si tratta di garantire un accesso veloce a Internet non solo per i cellulari, ma anche per la rete fissa, in tutti quei casi in cui è economicamente non conveniente portare la fibra ottica a casa del cliente (finanza.com). In particolare, lo scontro vede in prima linea la Cina, con Huawei, e gli USA, con Qualcomm.

Leggi tutto...

Liberato il prigioniero politico della Nato, Mateusz Piskorski

E-mail Stampa PDF

piskorskida voltairenet.org

Il nostro amico e collaboratore Mateusz Piskorski (foto) è stato liberato in Polonia, dopo tre anni di detenzione preventiva. 

La giustizia polacca insiste nell’accusare l’ex deputato, nonché presidente del partito Zmiana (Cambiamento), di spionaggio a favore di Russia e Cina. La cauzione iniziale di mezzo milione di dollari è stata ridotta a 200 mila zloty (circa 50 mila euro). Famiglia e amici sono riusciti a racimolare la somma. Piskorski non può comunque lasciare la Polonia e deve presentarsi tre volte la settimana al posto di polizia dove abita.

Leggi tutto...

Commento su temi d'attualità: la minaccia di aumentare i dazi non spaventa le imprese straniere in Cina

E-mail Stampa PDF

container portda italian.cri.cn

Recentemente gli Stati Uniti hanno affermato che, nel caso in cui la Cina imponesse dazi doganali aggiuntivi ai prodotti importati dagli Usa, alcune aziende si trasferirebbero dalla Cina in Vietnam e in altri Paesi asiatici, e alcune aziende statunitensi tornerebbero negli Stati Uniti. Tali affermazioni sono contrarie al senso comune dell'economia di mercato, e rappresentano solo idee soggettive degli Usa mosse dai loro secondi fini.

Come tutti sanno, è in atto una riconversione dell'economia cinese verso uno sviluppo di alta qualità e la Cina sta gradualmente scalando posizioni nella catena industriale globale e in quella del valore.

Leggi tutto...

I figli del Vulcano

E-mail Stampa PDF

vallepiano ifiglidelvulcanodi Roberto Vallepiano

Gli Stati Uniti sembrano destinati dalla provvidenza a piagare l'America Latina di miseria in nome della libertà
.Simon Bolivar

INTRODUZIONE

La parola è un’arma, serve a difendere gli oppressi e a restituire voce, dignità e grammatica alla nostra storia. Serve a combattere chi dopo aver saccheggiato il nostro presente e compromesso il futuro, minaccia di cancellare il passato. Serve anche a restituire anche un limite, una dimensione storica a questa volgare meta-storia propugnataci dal capitalismo. Parole che parlano angoli e granelli del reale.

Leggi tutto...

La Cina in America Latina: gli USA perdono il “cortile di casa”

E-mail Stampa PDF

cina americalatinadi Misión Verdad

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

La Cina ha invitato formalmente l'America Latina a partecipare all'Iniziativa sulla Via della Seta nel gennaio 2018, nel corso dell'incontro con la Comunità degli Stati dell'America latina e dei Caraibi (CELAC) a Santiago del Cile, dove la foto emblematica è stata quella dei ministri degli Esteri cinese e venezuelano che si stringevano la mano.

Da allora, 16 paesi della regione hanno manifestato l'intenzione di far parte di questo progetto di connettività commerciale e hanno già concordato accordi in tal senso.

Leggi tutto...

La CGT (ri)apre alla Federazione Sindacale Mondiale

E-mail Stampa PDF

lacgt bandieredi Lorenzo Battisti (Dip. Esteri Pci)

In questi giorni si tiene il congresso della CGT a Dijon. Un congresso da cui sono uscite indicazioni nuove e di rottura verso una gestione confederale tesa a disinnescare la conflittualità del sindacato di classe, per renderlo compatibile con quello degli altri sindacati riformisti, con quello governativo e soprattutto con quello della Confederazione Sindacale Europea (CES) e della Confederazione Sindacale Internazionale (CSI, ex Cisl internazionale).

La decisione del congresso contro la direzione

Durante il Congresso è stato votato un emendamento per modificare un articolo dello statuto della confederazione, aggiungendo la Federazione Sindacale Mondiale (la federazione mondiale del sindacalismo di classe) tra le confederazione con cui la CGT collabora. Precedentemente erano presenti solamente la CES e la CSI.

Leggi tutto...

Costruiamo comitati unitari contro l’autonomia differenziata

E-mail Stampa PDF

italia puzzlePubblichiamo un appello che invita a costituire comitati contro l'autonomia differenziata. La richiesta di alcune regioni (Lombardia, Veneto, Emilia - Romagna) di accrescere le proprie competenze è un colpo ai principi della Costituzione. è sotto attacco il collante sociale del nostro paese. Se questa intesa fra Governo e Regioni fosse approvata dalle Camere, aumenterebbe il divario fra le diverse aree del paese: i ricchi sarebbero più ricchi ed i poveri più poveri.

di Andrea Catone

Sul nostro Paese pende la spada di Damocle delle intese sulla autonomia rafforzata delle regioni del Nord. È un profondo e deleterio rivolgimento della forma di Stato della Repubblica nata dalla Resistenza, che potrebbe essere realizzato immediatamente con un semplice passaggio parlamentare, senza possibilità di referendum confermativo, poiché formalmente non si presenta come una riforma costituzionale.

Leggi tutto...

Chi sono i comunisti

E-mail Stampa PDF

Tessera PCI 1945di Alessandro Leoni

Due interventi ( ravvicinati nel tempo ! ) espressi da compagni comunisti che stimo mi spingono a vincere la pigrizia e ad affrontare una questione che mi appartiene ! Cioè Chi sono Oggi i Comunisti ! Tema non semplice . . soprattutto dopo la Sconfitta ( non - fallimento - ! ) strategica subita dal Movimento Operaio occidentale nel suo insieme e dai Comunisti in particolare ! Ovvero in una fase nella quale ogni " punto di riferimento " appare difficile da individuare o addirittura sembra inesistente !

Leggi tutto...

La “democrazia all'occidentale” secondo Macron

E-mail Stampa PDF

macron arrabbiatodi Francis Arzalier

Collettivo comunista Polex

Traduzione di Marx21.it

Da Parigi alla Corsica, da Kiev al Venezuela

Per due mesi, con il pretesto di "Grande dibattito", il presidente-monarca Macron ha continuato il suo tour elettorale nelle varie regioni del paese. Gli ospiti selezionati, autorizzati a venire gentilmente a presentare le loro lamentele sostengono in anticipo le decisioni prese. Una bella dimostrazione della "democrazia" inaugurata dal nostro Presidente, che non ha mai ricevuto l'approvazione di oltre un quarto dell'opinione pubblica dal momento della sua elezione. In ogni caso, lui e la sua corte hanno annunciato quello che sarà lo slogan che adotteranno per ottenere la vittoria nelle prossime elezioni, che ha funzionato nel 2017:

Leggi tutto...

Relazioni Sino-Filippine e dispute marittime

E-mail Stampa PDF

sino filippine 500di Fabio Massimo Parenti
da beppegrillo.it

Maggio 15, 2019

Il contesto mediatico

La narrazione sul pericolo cinese – descritto come minaccia nell’Asia-Pacifico e minaccia esistenziale per gli Stati Uniti d’America – ha prodotto una lunga litania sino-fobica nei media occidentali1. Essa è emersa in modo coerente negli anni Novanta e Duemila, quando la Cina stava crescendo come potenza regionale e nuovo player globale2. Non solo l’aspetto militare, ma anche quello valoriale, in contrapposizione alla dottrina liberale dei diritti umani, sono stati costantemente stigmatizzati in senso negativo.

Leggi tutto...

Rand Corp: come abbattere la Russia

E-mail Stampa PDF

randCorp2di Manlio Dinucci

Costringere l’avversario a estendersi eccessivamente per sbilanciarlo e abbatterlo: non è una mossa di judo ma il piano contro la Russia elaborato dalla Rand Corporation, il più influente think tank Usa che, con uno staff di migliaia di esperti, si presenta come la più affidabile fonte mondiale di intelligence e analisi politica per i governanti degli Stati uniti e i loro alleati.

La Rand Corp. si vanta di aver contribuito a elaborare la  strategia a lungo termine che permise agli Stati uniti di uscire vincitori dalla guerra fredda, costringendo l’Unione Sovietica a consumare le proprie risorse economiche nel confronto strategico.

Leggi tutto...

Salvini, l'arma di distrazione di massa

E-mail Stampa PDF

salvini viareggioPubblichiamo come contributo alla discussione

Non dobbiamo farci ingannare dal concerto che sale contro Salvini, la cui musica è basata sui toni democratico-antifascisti con cui i liberal-imperialisti e i sorosiani di vario genere amano mascherarsi, come già è avvenuto fin dall'inizio dell'offensiva contro il governo giallo-verde.

Se ben ricordiamo, la prima offensiva ha avuto come argomenti fondamentali i temi dell'economia, dell'UE, delle istituzioni finanziarie internazionali, dello spread, della borsa ecc. e soprattutto del debito pubblico diventato, a parere dei critici, insostenibile per effetto di quota 100 e del reddito di cittadinanza. Sfidando il ridicolo e il buonsenso si voleva far credere che l'Italia sarebbe andata in malora perchè il governo aveva deciso di dare un aiuto ai disoccupati e una possibilità ai pensionandi di sfuggire dalla Fornero.

Leggi tutto...

Diseguaglianze d'Europa

E-mail Stampa PDF

diseguaglianzePubblichiamo l'editoriale di Guido Salerno Aletta

Nel tempo e nello spazio: tanto è cambiato in questi ultimi cinque anni, a partire dall’ultimo rinnovo del Parlamento europeo. Si torna nuovamente alle urne, la prossima settimane, in un contesto ancora più articolato di quello del 2014, appena a valle della approvazione del Fiscal Compact che tutto semplifica dividendo gli Stati tra virtuosi e viziosi, prendendo come unico metro di giudizio i parametri che disciplinano le finanze pubbliche, rapporto deficit/pil e debito/pil. Anche gli stessi gradienti finanziari che ci accompagnano quotidianamente, come l’andamento delle Borse e degli spread sui titoli di Stato, non sono esaustivi per descrivere il contesto in cui si svolgeranno le elezioni. Si vota con la pancia, e non solo con la testa.

Leggi tutto...

A proposito dell'intervento di Alessandro Pascale “Il mio voto comunista contro il totalitarismo liberale”

E-mail Stampa PDF

Riceviamo con richiesta di pubblicazione

Lettera a Marx XXI

La scelta su come votare, o anche astenersi, nelle elezioni, per i comunisti non affetti da “elettoralismo” è sempre collegata all'obiettivo che si vuole raggiungere.

Siamo perciò rimasti sorpresi nel leggere su Marx XXI un intervento (“Il mio voto comunista contro il totalitarismo liberale”) di Alessandro Pascale - un compagno che stimiamo per il lavoro che sta facendo sulla storia e la teoria del movimento comunista e l'analisi della situazione attuale, e con cui come Associazione Stalin abbiamo avuto modo di avviare un interscambio positivo. In occasione delle elezioni del 26 maggio Pascale intende votare, seppure con qualche riserva, per la minuscola formazione politica che si fa chiamare Partito Comunista.

Leggi tutto...

Fine della sinistra italiana - Terza parte

E-mail Stampa PDF

casalbruciatoContinua la pubblicazione delle proposte di dibattito del compagno Natali (“FINE DELLA SINISTRA ITALIANA”). Qui sotto la terza parte: “CASALBRUCIATO”.

La prima (“LA VERITA’ MEDIATICA”) è stata pubblicata il 15 aprile e la seconda (“TORRE MAURA”) il 18 successivo.

3. CASALBRUCIATO.

Dopo la seconda guerra mondiale, Roma finiva a San Lorenzo per quanto riguarda il suo lato orientale, quello proiettato verso la Sabina e l’Abruzzo. Immediatamente dopo, c’era il grande cimitero del Verano e poi quasi 5 km di campagna, dopodichè sorgeva isolata la borgata di Tiburtino III, dove i fascisti avevano deportato i popolani romani che risiedevano in pieno centro (per esempio dove il regime aveva costruito la via dei Fori Imperiali o quella della Conciliazione). Perciò Tiburtino III è la più rappresentativa dell’altro tipo di borgate romane, diverso da quello cui appartiene Torre Maura. 

Leggi tutto...

Venezuela, l’embargo degli Usa blocca le cure ai bimbi leucemici

E-mail Stampa PDF

malato barella venezueladi Roberta Zunini

Pubblichiamo un articolo de 'il Fatto Quotidiano' sulla situazione in Venezuela. Spesso abbiamo motivi per criticare le posizioni internazionali di questo giornale, ma in questo caso ha avuto il coraggio di dire quello che la maggior parte dei mezzi d'informazione omette.

Le sanzioni Caracas in crisi, finito l’accordo tra la società petrolifera nazionale e l’associazione toscana che accoglie i piccoli sudamericani colpiti da leucemia.

Leggi tutto...

Pagina 15 di 266