Lo scambio di plusvalore nel Capitalismo delle Piattaforme

Lo scambio di plusvalore nel Capitalismo delle Piattaforme

di Massimo De Minicis

Pluslavoro - Il rapporto OECD fornisce una analisi qualitative e quantitative concernenti i lavoratori delle piattaforme digitali

Continua...
Giorni che rischiarano decenni

Giorni che rischiarano decenni

di Norberto Natali

L’obiettività  e la neutralità sono due categorie molto diverse. La prima è possibile e necessaria, è la premessa essenziale per un approccio scientifico alla realtà, deve e può essere perseguita anche con una logica di parte: per esempio ...

Continua...
Donbass, Ucraina e nazifascisti

Donbass, Ucraina e nazifascisti

di Silvio Marconi

Un viaggio nella regione attaccata dai militari di Kiev. La presenza di organizzazioni paramilitari ucraine eredi dei collaborazionisti di Hitler. L’incognita del nuovo presidente ucraino Zelensky.

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Come in Libia e Siria. Anche in Venezuela non è solo una "questione di petrolio"

E-mail Stampa PDF

chavez assad vendi Andre Vltchek | da lantidiplomatico.it

Sì, l'ultima ricerca conferma che il Venezuela è così ricco di risorse naturali che potrebbe soddisfare da solo la domanda globale di petrolio per oltre 30 anni. E ha molto più del petrolio da offrire, nel suo bacino dell'Orinoco e in altre zone del paese.

Ma non è tutto legato al petrolio; in realtà, tutt'altro.

Coloro che credono che ciò che spinge la diffusione del terrore occidentale in tutto il mondo, siano solo alcuni "interessi commerciali" e la leggendaria avidità occidentale, dal mio punto di vista, mancano il punto.

Leggi tutto...

Bologna, sabato 6 aprile: Bombe su Belgrado, vent'anni dopo

E-mail Stampa PDF

Per il XX Anniversario della aggressione NATO contro la Repubblica Federale di Jugoslavia, Jugocoord ONLUS assieme a MarxVentuno e Contropiano promuove una giornata di approfondimento, con video e dibattito, a Bologna sabato 6 aprile 2019.

La guerra del 1999 è stata il più evidente crimine commesso dalla NATO contro la pace nei Balcani. Provocando vittime innocenti ed enormi distruzioni, era finalizzato a far peggiorare più rapidamente le relazioni interetniche, e a provocare una ulteriore disgregazione di quel meraviglioso e multiforme paese che era la Jugoslavia, portando infine alla sua ufficiale sparizione dalle carte geografiche nel 2003.

Le conseguenze finali dei crimini commessi dall’Occidente in Jugoslavia e in Serbia continuano a ricadere anche su di noi, cittadini dei Paesi occidentali, solo per fare alcuni esempi: violazioni della sovranità di Stati e popoli; spinte centrifughe indotte attraverso miti identitari e micro-nazionali; discredito delle legislazioni internazionali e interne, inclusa la Costituzione Italiana; odio religioso, terrorismo e massacri di matrice islamica. Questi sono tutti esempi delle ripercussioni che stiamo subendo al giorno d’oggi in Occidente, in una sorta di ben meritata nemesi storica.

Leggi tutto...

27° Forum di Wanshou: Università del Popolo a Pechino

E-mail Stampa PDF

Wanshou forumPresentazione e traduzione a cura della Redazione Cina Rossa

Il Forum, nato nel 2016 per impulso del Partito Comunista Cinese, promuove lo scambio a livello Internazionale ed è una piattaforma di dialogo per partiti politici, studiosi, diplomatici, per l'apprendimento reciproco necessario all'obiettivo fondamentale del Forum: la costruzione di una comunità dal comune futuro e di un mondo migliore per l'umanità.

In questa 27a edizione, intitolata “La Costruzione di una Comunità dal Comune Futuro per l'umanità e lo Sviluppo del Socialismo mondiale”, hanno preso parte al dibattito i partiti comunisti di Gran Bretagna, Cile, Brasile, Stati Uniti, Argentina, Perù, Canada, Svezia, Norvegia, Finlandia oltre a compagni e studiosi venuti da diverse parti del mondo e ad una platea gremita di studenti cinesi e stranieri.

Leggi tutto...

I comunisti commentano il risultato delle “libere” elezioni in Ucraina

E-mail Stampa PDF

pcucraina muralesda kpu.party

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Senza alcun senso della misura (e del ridicolo) l'OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa), nota per avere cercato di far invalidare ogni elezione regolare in molti paesi che non sono graditi all'imperialismo USA e UE, dopo il primo turno delle elezioni presidenziali in Ucraina, non ha esitato a definire la consultazione “libera e competitiva”.

Leggi tutto...

Arrivano i cinesi (Tutti sovranisti, ovvero, del sovranismo servile)

E-mail Stampa PDF

lauzi arrivanoicinesiUn interessante intervento di Ugo Boghetta

da rinascitaitaliasocialista.it

Arrivano i cinesi (“dice Ruggero Orlando che domani sono qui”… Lauzi, non Lao-Tzeproprio Bruno Lauzi)

Tutti sovranisti! Ovvero del sovranismo servile

Sono anni che ormai il mainstream ci ammorba con la sua campagna contro il sovranismo. Improvvisamente tutti sembrano diventare sovranisti. Ciò è accaduto a partire dalla dichiarazione degli Usa contro la visita in Italia di Xi Jinping per firmare un memorandum di collaborazione con il nostro paese.

Leggi tutto...

Presentazione de "Il Volo di Pjatakov"

E-mail Stampa PDF

Iniziamo la pubblicazione dei video della presentazione del libro 'il volo di Pjatakov' tenutasi a Milano il 28 febbraio 2019

Parte 1 - Alessandro Pascale

Leggi tutto...

Le 70 candeline (esplosive) della Nato

E-mail Stampa PDF

nato Grungedi Manlio Dinucci

Il 70° anniversario della Nato sarà celebrato dai 29 ministri degli Esteri dell’Alleanza, riuniti a Washington il 4 aprile. Un Consiglio Nord Atlantico in tono minore rispetto a quello al massimo livello dei capi di stato e di governo.Lo ha voluto il presidente Trump, non tanto contento degli alleati soprattutto perché sono per la maggior parte in ritardo nell’adeguare la spesa militare a quanto richiesto da Washington.

Presiederà il meeting il Segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, al quale il Consiglio Nord Atlantico ha appena rinnovato il mandato di altri due anni per meriti acquisiti al servizio degli Stati uniti.

Leggi tutto...

Unione Europea e diritto d'autore

E-mail Stampa PDF

gdpr logo eudi Francesco GalofaroUniversità di Torino

C'è poco da fare: più i mezzi di comunicazione di massa si sforzano di ritrarre un'Unione Europea utile e a misura di cittadino, più annaspano e affondano nelle contraddizioni obiettive delle istituzioni comunitarie. Ne è un buon esempio l'approvazione, il 26 marzo scorso, della direttiva europea sul diritto d'autore da parte del Parlamento Europeo.

Già l'anno scorso il pericolo del “bavaglio di mercato” alla libertà di espressione era stato rinviato per gli evidenti, inquietanti dubbi che suscitava (si veda qui [1]). Oggi, la nuova direttiva è presentata così: le istituzioni comunitarie intervengono a difesa dei piccoli autori contro i giganti del web: Google, Facebook, Twitter e via discorrendo. In realtà la legge riguarda gli editori, cui la direttiva fornisce strumenti per negoziare il pagamento dei diritti d'autore.

Leggi tutto...

Come uscire dalla UE e dalla NATO?

E-mail Stampa PDF

noue nonato graffitidi Francis ArzalierCollettivo Comunista Polex

Traduzione di Massimo Marcori per Marx21.it

Comunisti fedeli al proprio ideale d’uguaglianza tra gli uomini e tra i popoli, siamo convinti della nocività dell’Unione Europea fin dalla sua nascita, poiché essa rappresenta il volto dell’Europa del capitalismo transnazionale, che ha per scopo quello di realizzare a discapito dei lavoratori d’Europa e delle nazioni di questo continente gli obiettivi di questo capitalismo (destabilizzazione delle classi operaie grazie alle delocalizzazioni, anestesia delle lotte di classe con la xenofobia, distruzione delle conquiste sociali e politiche, ecc.).

Leggi tutto...

I numeri impossibili del DEF

E-mail Stampa PDF

scontrino calcolatrice matitaL'editoriale di Guido Salerno Aletta

Per l’Italia, le previsioni della crescita per il 2019 sono andata progressivamente peggiorando: erano dell’1,4% nel DEF presentato a legislazione vigente dal governo Gentiloni ad aprile, insieme ad un consistente +1,5% per il 2018. Sono state riviste a metà settembre, con la prima Nota di Aggiornamento redatta dal governo Conte: appena l’1,2% per il 2018 ed un magro +0,9% per il 2019, scontando già l’effetto della caduta del pil nel terzo trimestre. L’impulso programmatico, con il deficit al 2,4% del pil nel 2019, l’avrebbe risospinta all’1,5%. Le dure trattative con Bruxelles, a dir poco indispettita per la deviazione inusitata dal processo di riduzione del deficit strutturale che invece di ridursi dello 0,8% del pil assumeva un segno diametralmente opposto, hanno portato il deficit al 2,04%. Di conseguenza, sono state riformulate ancora le previsioni: il 18 dicembre, nell’annesso alla lettera inviata alla Commissione per concordare i nuovi profili della manovra, la previsione di crescita per il 2019 è stata ridotta all’1%, portando al medesimo livello l’andamento del pil del 2018.

Leggi tutto...

L'Italia saluta il BRI MoU, si aspetta risultati tangibili

E-mail Stampa PDF

belts cinturainpelledi Cao Siqi and Zhao Juecheng
da globaltimes.cn

24 marzo 2019

Studiosi italiani, organizzazioni governative e comunità imprenditoriale hanno applaudito al memorandum d'intesa (MoU) per far progredire congiuntamente la costruzione del Belt and Road, firmato durante la visita di stato del presidente cinese Xi Jinping nel paese.

La visita di stato di Xi in Italia è culminata sabato con la firma del MoU intergovernativo. 

Leggi tutto...

Il PCI di Togliatti contro l’europeismo: un libro documentato e coraggioso

E-mail Stampa PDF

pci corteo 1977di Bruno Steri
da ilpartitocomunistaitaliano.it

Il libro di Luca Cangemi Altri confini. Il Pci contro l’europeismo (DeriveApprodi, Roma 2019) è il prodotto di un’indagine storica seria e documentata che, come esplicita lo stesso titolo, concerne il rapporto conflittuale intrattenuto dal Partito Comunista Italiano con il progetto di integrazione europea relativamente al periodo che va dal 1941 al 1957, cioè dall’uscita del Manifesto di Ventotene fino alla stipula dei Trattati di Roma, pietra miliare nel processo che condurrà all’attuale Unione. Tuttavia il libro non ha soltanto il valore di una circostanziata ricostruzione storica;

Leggi tutto...

Il giorno della vittoria di Cuito Cuanavale è il giorno della liberazione dell'Africa australe

E-mail Stampa PDF

HageGeingob namibiada "Avante!”, Settimanale del Partito Comunista Portoghese

Traduzione di Mauro Gemma per Marx21.it

Il presidente della Namibia e presidente della Comunità per lo Sviluppo dell'Africa Australe (SADC), Hage Geingob, ha celebrato il 23 marzo il significato storico della vittoria della battaglia di Cuito Cuanavale.

Il leader namibiano ha parlato in quella località, nel sud-est dell'Angola, in occasione di una cerimonia che ha celebrato per la prima volta il Giorno della Liberazione del Sud Africa nell'anniversario della fine della battaglia, il 23 marzo 1988.

Leggi tutto...

“Rivoluzione arancione” in corso a Belgrado

E-mail Stampa PDF

belgrado funzionariusadi Enrico Vigna | da civg.it

Il portale "Govori Serbia" ha pubblicato foto e video di incontri presso l'Hotel Hilton tra i leader delle proteste e funzionari dell'ambasciata statunitense

Continuano ingerenze, ricatti, pressioni e provocazioni contro la Serbia e il suo governo, per far accettare la rinuncia completa della sua indipendenza e sovranità. E così costringendola alla sottomissione completa e al definitivo riconoscimento della autoproclamata indipendenza della provincia serba del Kosovo.

Il giornale serbo è entrato in possesso di foto esclusive e materiali video che senza ombra di dubbio dimostrano che l'ambasciata degli Stati Uniti è dietro le manifestazioni settimanali di Belgrado che si tengono dal dicembre dello scorso anno con lo slogan "Stop alle camicie insanguinate" e "1 di 5 milioni."

Leggi tutto...

Afghanistan e Via della seta... Washington permettendo

E-mail Stampa PDF

afghanistan cinadi Diego Angelo Bertozzi

da beltandroadreport.blogspot.com

Si fa sempre più evidente e globale l'opposizione degli Stati Uniti alla cinese Belt and Road Initiative. Lo dimostra quanto accaduto recentemente in seno al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite in occasione del voto per l'estensione del mandato della missione in Afghanistann (UNAMA). Washington ha infatti impedito che nella risoluzione (venisse fatta esplicita menzione della Belt and Road in riferimento alla ricostruzione delle infrastrutture del Paese. Le risoluzioni di estensione del 2016 e del 2017, invece, citavano espressamente l'iniziativa cinese.

Leggi tutto...

Xi e Conte parlano di come elevare i legami tra Cina e Italia in una nuova era

E-mail Stampa PDF

xijinping conte strettada globaltimes.cn

Traduzione di Marco Pondrelli

Il Presidente cinese Xi Jinping e il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte hanno discusso sabato per elevare congiuntamente le relazioni Cina-Italia in una nuova era ed hanno assistito alla firma di un memorandum d'intesa (MoU) per far avanzare la costruzione del Belt and Road.

Durante i colloqui Xi ha osservato che le relazioni Cina-Italia sono radicate nella storia degli scambi millenari dei due Paesi, con un forte supporto pubblico.

Leggi tutto...

Proprietà pubblica e privata tra Costituzione e trattati europei

E-mail Stampa PDF

giacche costituzione dirittida sinistrainrete.info

Pubblichiamo l’intervento di Vladimiro Giacchè all’incontro “Unione Europea, Costituzione e diritti di proprietà” tenutosi a Roma il 23 febbraio 2019, promosso dalle associazioni Patria e Costituzione e Attuare la Costituzione


1. Proprietà pubblica e privata: l’economia mista prevista dalla nostra Costituzione

La nostra Costituzione dedica alcuni dei suoi articoli più importanti alle diverse forme di proprietà: si tratta degli articoli 41-43, 45-47, centrali tra gli articoli dedicati ai “Rapporti economici” (artt. 35-47). Rileggiamoli:

Leggi tutto...

‘Diplomazia’ imperiale = dittatura senza ricorso

E-mail Stampa PDF

american flag 1468253251X3pdi Mark Epstein

L’Impero era abituato a dettar legge a partire dai decenni della Guerra Fredda durante i quali ha vieppiù subordinato l’Europa ai dettami sia della sua National Security State, sia al dominio delle sue multinazionali, sia a quelli delle istituzioni nominalmente ‘globali’ o ‘multilaterali’ (ONU, GATT, FMI, Banca Mondiale, e via dicendo) ma dove tacitamente ha sempre presunto che fosse l’unica entità che ‘contava’ nel dirigere gli orientamenti e l’agenda di questi stessi enti ‘globali’.

Leggi tutto...

Tutte le bufale dell'intervista de 'Le Iene' al golpista Guaidò

E-mail Stampa PDF

guaido leieneda lantidiplomatico.it

La trasmissione di varietà di Mediaset torna ad attaccare la sovranità del Venezuela: una misera propaganda filo-USA smascherata punto per punto

“Grazie Presidente. Ah non ci mandare in Italia in esilio Maduro che abbiamo già i nostri problemi”.

Con lo sfondo del Presidente costituzionale della Rebbubblica bolivariana del Venezuela, Nicolas Maduro, che balla salsa con la moglie, a voler dimostrare il presunto disinteresse verso quello che accade nel paese, il “giornalista” conclude: “Davvero buona fortuna a Lei”. Il “Presidente” e il “Lei” sono rivolte al protagonista-marionetta del golpe ordito dagli Stati Uniti il 23 gennaio scorso in Venezuela e miseramente fallito, Juan Guaidò.

Leggi tutto...

Pagina 11 di 258