Deir ez Zor, Siria. Un nome che dovrebbe far vergognare tutto l’Occidente

Deir ez Zor, Siria. Un nome che dovrebbe far vergognare tutto l’Occidente

Padre Elias Janji, prete armeno cattolico siriano sui mezzi di informazione occidentali: “I media europei ci hanno tradito, non dicono la verità”.

Continua...
Israele corre in soccorso di Daesh in Siria

Israele corre in soccorso di Daesh in Siria

da abrilabril.pt

Un diplomatico iraniano ha denunciato il recente attacco israeliano in Siria e ha chiesto all'ONU di prendere misure per impedire la sua ripetizione. Avigdor Lieberman, ministro israeliano della Difesa, ha minacciato di distruggere le difese antiaeree della Siria.

Continua...
Quotazione stabile

Quotazione stabile

di Demostenes Floros

A febbraio il petrolio ha stabilmente prezzato attorno ai 55 dollari al barile dato che sia i paesi OPEC che i non-OPEC stanno portando avanti il taglio della produzione, nonostante Libia e Nigeria, esonerate dall'accordo, abbiano incrementato le proprie estrazioni.

Continua...
La mobilitazione dei comunisti greci contro le misure antipopolari del governo Tsipras

La mobilitazione dei comunisti greci contro le misure antipopolari del governo Tsipras

Il KKE chiama a raccolta i lavoratori contro l'accordo tra il governo SYRIZA/ANEL e l'Eurogruppo

Continua...
Frontpage Slideshow | Copyright © 2006-2011 JoomlaWorks Ltd.

Associazione Politico-Culturale Marx XXI

La crisi nell'Unione Europea e l'altra Europa dei lavoratori e dei popoli

E-mail Stampa PDF

angeloalves congressodi Ângelo Alves
da pcp.pt

Traduzione di Marx21.it

Intervento al XX Congresso del Partito Comunista Portoghese

Compagni,

I popoli del continente europeo stanno vivendo un periodo di grande instabilità, di crisi sociale ed economica profonde, e di regressione democratica e di civiltà.

Pagine nere della storia, come la guerra e il fascismo si scorgono di nuovo all'orizzonte. Le conquiste sociali vengono attaccate apertamente. Diversi stati sono immersi in processi di distruzione del tessuto produttivo o affondano dentro livelli di debito insostenibili. L'instabilità del sistema finanziario si fa sempre più minacciosa con continui episodi di crisi. I diritti democratici e la sovranità sono messi in discussione. L'estrema destra sta guadagnando terreno in diversi paesi, e i più elementari diritti umani sono calpestati e negati alle vittime della più grande crisi umanitaria dopo la seconda guerra mondiale.

Leggi tutto...

Aspettando il cinepanettone di George Clooney sugli 'eroici Elmetti Bianchi' ...

E-mail Stampa PDF

White Helmets Syria 3di Maria Antonietta Carta
da oraprosiria.blogspot.it

Il falso mito dei White Helmets costruito dalla propaganda occidentale

I propagandisti mendaci partecipano da sei anni alla devastazione di un Paese sovrano, utilizzando cinicamente le inenarrabili sofferenze del suo popolo e attribuendo i crimini dei persecutori alle vittime. Con la liberazione della parte orientale di Aleppo e la cacciata dei terroristi che per più di quattro anni hanno reso un inferno l’esistenza dei suoi abitanti, ancora una volta mostrano tutta la loro vergognosa dipendenza da un potere imperiale che, violando il diritto internazionale, è impegnato con i retrivi emiri, re e reucci arabi, e gli alleati e i vassalli occidentali, a distruggere e balcanizzare la Siria.  I cittadini accolgono con sollievo e manifestazioni di gioia e riconoscenza l’esercito che li ha liberati dall’incubo e attraverso coraggiosi giornalisti indipendenti o testimoni quali Eva Bartlett e Vanessa Beeley, Nabil Antaki e Pierre le Corf, cominciano a far conoscere l’orrore vissuto nelle aree occupate da al-Nusra e altri gruppi assassini; intanto i media e le ONG ‘’umanitarie’’ occidentali continuano la loro ipocrita narrazione mistificatrice.

Leggi tutto...

Occidente: la riscrittura del passato

E-mail Stampa PDF

ministerodellaveritadi Manlio Dinucci
il manifesto, 27 dicembre 2016

«Strage Berlino, perché il terrorista si è lasciato dietro i documenti?»: se lo chiede il Corriere della Sera, parlando di «stranezze». Per avere la risposta basta dare uno sguardo al recente passato, ma di questo non vi è più memoria. È stato riscritto dal «Ministero della Verità» che – immaginato da George Orwell nel suo romanzo di fantapolitica 1984, critico del «totalitarismo staliniano» – è divenuto realtà nelle «democrazie occidentali». 

Si è così cancellata la storia documentata degli ultimi anni. Quella della guerra Usa/Nato contro la Libia, decisa – provano le mail della Clinton – per bloccare il piano di Gheddafi di creare una moneta africana in alternativa al dollaro e al franco Cfa. Guerra iniziata con una operazione coperta autorizzata dal presidente Obama, finanziando e armando gruppi islamici prima classificati come terroristi, tra cui i nuclei del futuro Isis.  Poi riforniti di armi attraverso una rete Cia (documentata dal New York Times nel marzo 2013) quando, dopo aver contribuito a rovesciare Gheddafi, sono passati nel 2011 in Siria per rovesciare Assad e attaccare quindi l’Iraq (nel momento in cui il governo al-Maliki si allontanava dall’Occidente, avvicinandosi a Pechino e a Mosca). 

Leggi tutto...

"Il coordinamento strategico tra Cina e Russia va oltre il livello bilaterale”

E-mail Stampa PDF

HuaChunyingdi Hua Chunying, portavoce del ministero degli esteri cinese | da resistencia.cc 

Traduzione di Marx21.it

La Cina ha elogiato il commento sulle relazioni bilaterali che il presidente russo, Vladimir Putin, ha fatto nella conferenza di fine anno.

La Russia e la Cina hanno una relazione che va oltre la semplice partnership strategica e che sarà ulteriormente promossa, ha detto Putin nel corso della conferenza annuale.

“La Cina apprezza molto l'atteggiamento positivo della parte russa in merito allo sviluppo di legami bilaterali”, ha affermato Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri cinese, in una conferenza stampa.

Hua ha dichiarato che attualmente la partnership strategica integrale cino-russa è a un livello storico e che la cooperazione in tutti gli aspetti tra i due paesi non solo arreca benefici ad entrambi, ma contribuisce anche alla prosperità e alla stabilità del mondo.

Leggi tutto...

Lo spettro del populismo tra le rovine della democrazia

E-mail Stampa PDF

populismooooooooooooooodi Spartaco A. Puttini

L'articolo è apparso in “Gramsci oggi” rivista on line, dicembre 2016

Uno spettro si aggira per l’Europa (e non solo): è lo spettro del populismo. Tutti i potenti d’Europa si alleano per dare spietatamente caccia a questo spettro. Qual è il partito di opposizione che i suoi avversari al potere non abbiano colpito con la nota ingiuriosa di “populista”? e qual è il partito di opposizione che a sua volta non abbia ricambiata l’accusa, respingendo l’infamante designazione di populismo, o sugli elementi più avanzati dell’opposizione stessa, o sugli avversari apertamente reazionari?

Il Manifesto del 1848 di Marx non iniziava proprio così, ma iniziava in modo molto simile.

Il termine di populismo è tornato prepotentemente di moda ed è divenuto un elemento consueto del dibattito politico. Tuttavia l’accusa di essere populista viene impugnata quasi unicamente per intento polemico e denigratorio, come improprio sinonimo di demagogia. A ben guardare sotto questa etichetta vengono accomunati i movimenti più disparati per collocazione spazio-temporale e per colore politico.

Leggi tutto...

“I mass media presentano i colpi di stato moderni come una difesa della democrazia”

E-mail Stampa PDF

lemoine mauriceIntervista di Alex Anfruns a Maurice Lemoine

da investigaction.net

Traduzione di Massimo Marcori per Marx21.it

L'intervista è apparsa sulla rivista Le Journal de Notre Amérique nel dicembre 2016

Già caporedattore di Le Monde Diplomatique, Maurice Lemoine è soprattutto un fine conoscitore della storia contemporanea del Sud America. In questi ultimi 40 anni egli ha condotto numerose inchieste sul luogo, soprattutto in America Centrale, ma anche in Venezuela e in Colombia. In questo paese martoriato, ha potuto verificare con i propri occhi la reale situazione della popolazione nelle comunità rurali, in quello che resta la fonte del conflitto più lungo dell’America Latina. Egli è anche stato testimone sul luogo di uno degli eventi più importanti di questo inizio del ventunesimo secolo, il tentativo di colpo di stato trasmesso in televisione del presidente Hugo Chavez. Su questi temi e paesi, Lemoine è l’autore di notevoli opere che rimangono un riferimento nella materia, come il suo ultimo libro “I bambini nascosti del generale Pinochet”. In questa intervista che ha gentilmente voluto accordare al Journal de Notre Amérique, egli decifra i risvolti della recente svolta a destra nella regione. Egli mette in guardia sulle minacce che gravano ancora e sempre contro i governi progressisti.

Leggi tutto...

I comunisti russi presenti al congresso del Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldova

E-mail Stampa PDF

dorokhinda kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

“Il PCFR appoggia l'intenzione del nuovo presidente della Moldavia di rafforzare le relazioni con la Federazione Russa”, ha dichiarato P.S.Dorokhin, capo della delegazione dei comunisti russi presente al XIV Congresso del Partito dei Socialisti della Repubblica di Moldova, che si è tenuto a Kishinev il 17 e 18 dicembre 2016. 

Alla vigilia del congresso la delegazione del Partito Comunista della Federazione Russa ha incontrato nella sua residenza il Presidente neoeletto della Moldavia I.N. Dodon. Nel corso dell'incontro Dorokhin si è congratulato con il Presidente per la meritata vittoria, a nome del Partito Comunista della Federazione Russa.

Il segretario del Comitato Centrale del PCFR ha sottolineato il fatto che la ragione principale della vittoria dei socialisti e del loro leader è da cercare nella politica della verità e della difesa dei lavoratori dai politici ladri e dagli oligarchi.

Leggi tutto...

L'alleanza militare dell'India con gli Stati Uniti si consolida

E-mail Stampa PDF

carter indiaComunicato dell'Ufficio Politico del Partito Comunista dell'India (Marxista)

da solidnet.org

Traduzione di Marx21.it

Il governo Modi ha fatto un ulteriore passo nella direzione di imbrigliare l'India in un'alleanza militare con gli Stati Uniti d'America. Lo status per l'India di Principale Partner Militare degli USA è stato concordato durante la visita del segretario di Stato Ashton Carter.

Lo status di Principale Partner Militare è equivalente a quello dei più stretti alleati degli Stati Uniti, come l'Australia, la Nuova Zelanda, le Filippine, il Giappone e la Corea del Sud.

Arrivato sulla scia del Memorandum di Accordo per gli Scambi Logistici (LEMOA), questa nuova intesa intaccherà ulteriormente la sovranità e l'autonomia strategica dell'India.

Leggi tutto...

La vergognosa sceneggiata di Franceschini a Kiev

E-mail Stampa PDF

franceschini kiev poroshenkoDichiarazione di Luca Cangemi, della segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano

Riceviamo dal compagno Luca Cangemi e volentieri pubblichiamo

Il ministro Franceschini e il sindaco di Verona Tosi sono stati protagonisti di un' ignobile sceneggiata a Kiev.

I due rappresentanti delle istituzioni italiane hanno fatto da servili controfigure in una grottesca messinscena ad uso del capo della giunta nazistoide che opprime l'Ucraina, Poroshenko (già gratificato della cittadinanza onoraria di Verona), che “generosamente” ha riconsegnato opere d'arte rubate dal museo di Castelvecchio di Verona, ritrovate in Ucraina e trasformate dai banditi di Kiev nell'oggetto di una lunga trattativa con il governo italiano.

Nelle stesse ore dell’umiliante vicenda l’esercito ucraino intensificava l’aggressione alle popolazioni del Donbass.

Leggi tutto...

Gli Stati Uniti schierano truppe nel 70% dei paesi del mondo

E-mail Stampa PDF

soldati usa cargodi “Proyecto Censurado”
da rebelion.org

Traduzione di Marx21.it

La crescente presenza delle truppe statunitensi in tutto il mondo è stata definita la “notizia più censurata” nel 2015-2016

Se lanciate un dado su una mappa del mondo senza che si fermi sull'acqua degli oceani, la cosa più probabile è che le Forze per le operazioni speciali degli Stati Uniti “siano state in quel luogo alcune volte”, ha scritto Nick Turse in TomDispatch.

Secondo un portavoce del Comando delle Forze Speciali (SOCOM, la sigla in inglese), le Forze per le operazioni speciali (SOF, la sigla in inglese) sono state schierate nel 2015 in 147 delle195 nazioni riconosciute nel mondo, con un aumento dell'80% rispetto al 2010. “La crescita globale delle missioni delle SOF è stata impressionante”, ha scritto Turse.

Come ha detto il comandante generale di SOCOM Joseph Votel di fronte al pubblico dell'Aspen Security Forum nel luglio 2015, si schierano truppe SOF in più luoghi per condurre maggiori operazioni rispetto al culmine raggiunto con le guerre in Afghanistan e Iraq. Secondo Turse, “ogni giorno, in circa 80 e più paesi il Comando delle Operazioni Speciali intraprende operazioni senza nome, sulle quali rifiuta di rilasciare qualsiasi commento”.

Leggi tutto...

Natale ad Aleppo liberata

E-mail Stampa PDF

Quello che i media mainstream non ci mostrano

Leggi tutto...

Cronologia dell'Ucraina post-sovietica

E-mail Stampa PDF

ucraina bandiere riflessoRiteniamo utile, per seguire la situazione in Ucraina e Donbass (su cui è stato pubblicato di recente nel sito il testo di Kazbek K. Taysaev, segretario del CC del PCFR “Occorre finalmente riconoscere la volontà del popolo del Donbass”) riproporre la cronologia dell’Ucraina post-sovietica, dalla dissoluzione dell’Urss al golpe di Evromajdan, pubblicata nel numero 1-2/2014 della rivista MarxVentuno.

24 agosto 1991. Violando la volontà popolare espressa con il referendum che votò a stragrande maggioranza il mantenimento dell’Unione sovietica, svoltosi a marzo, la “nomenklatura” del partito comunista ucraino, che fino ad allora aveva mantenuto un atteggiamento molto prudente (tanto da essere inclusa nel fronte dei cosiddetti “conservatori” ostili alla “perestrojka” di Gorbačev), prende invece la testa delle posizioni separatiste più oltranziste e dichiara la sua indipendenza da Mosca.

1º dicembre 1991. L’ex comunista Leonid Makarovyč Kravčuk viene eletto presidente con il 61,6% di voti.

Leggi tutto...

Attualizzare l'analisi della fase internazionale

E-mail Stampa PDF

pc svizzeraEstratto dalle Tesi congressuali discusse durante il 23° Congresso del Partito Comunista, Lugano (Svizzera) 26/27 novembre 2016

da partitocomunista.ch

1.    Possiamo definire la posizione attuale del polo imperialista come di “dominio senza egemonia”. Si è infatti ridimensionata in modo considerevole la capacità da parte del polo imperialista occidentale di garantire la propria posizione a livello geopolitico. Questo è strettamente dovuto a un arretramento sul fronte dei rapporti di forza economici e politici, risultato dell’emergere di aree economiche, geopolitiche e finanziarie che minacciano questo primato. Non bisogna però illudersi: il polo imperialista rimane ancora quello più potente. Esso infatti esercita il suo dominio sfruttando la potenza militare e le capacità di cooptazione politico-diplomatica, e disponendo di un tessuto economico che, nonostante considerevoli difficoltà strutturali, occupa sul fronte della tecnologia e dell'innovazione una posizione d'avanguardia; non da ultimo, la possibilità di disporre del dollaro quale moneta di riferimento internazionale, permette agli Stati Uniti numerosi benefici di politica economica sia interna che esterna.

Leggi tutto...

Il Programma del PCP, il progetto di socialismo per il Portogallo

E-mail Stampa PDF

xxcongresso pcp 036di Albano Nunes

Traduzione di Marx21.it

Intervento al XX Congresso del Partito Comunista Portoghese

Gli obiettivi supremi del nostro partito, il partito della classe operaia e di tutti i lavoratori, sono il socialismo e il comunismo, sono la costruzione in Portogallo, di una società senza classi, veramente libera, in cui vengano abolite le disuguaglianze, l'ingiustizia sociale, lo sfruttamento e tutti i tipi di perversioni del sistema capitalistico. Questo progetto, che è la ragione principale per il PCP, è sempre presente nell'orizzonte dell'azione rivoluzionaria dei comunisti portoghesi.

Il programma del PCP definisce la fase attuale della lotta per il socialismo in Portogallo come una democrazia avanzata che, nella continuità storica con la Rivoluzione di Aprile, consolidi e sviluppi i suoi valori, la sua esperienza e le sue conquiste.

Leggi tutto...

Padre Haddad: «Aleppo ora è libera dai terroristi»

E-mail Stampa PDF

Padre Haddad, procuratore del Patriarcato Greco Cattolico a Roma: «La nostra è una grande gioia perché Aleppo ora è libera dal terrorismo. Il terrorismo viene per colpire la convivenza tra cristiani e musulmani In Siria, in Egitto, in Iraq e in tutto il mondo arabo.»

Leggi tutto...

Le vene aperte dell’America Latina

E-mail Stampa PDF

Cuba murales donnedi Giusi Greta Di Cristina*

Riceviamo dalla compagna Giusi Greta di Cristina e volentieri pubblichiamo

“La divisione internazionale del lavoro consiste nel fatto che alcuni Paesi si specializzino nel vincere ed altri nel perdere. La nostra regione del mondo, che oggi chiamiamo America Latina, è stata precoce in questo: si è specializzata nel perdere dai remoti tempi in cui gli europei del Rinascimento si sono scagliati attraverso il mare e hanno affondato i denti sulla sua gola. Sono passati i secoli e l’America Latina ha perfezionato le sue funzioni. Non è il regno delle meraviglie dove la realtà vinceva la favola e l’immaginazione veniva umiliata dai trofei della conquista, i giacimenti di oro e la montagna d’argento. Ma la regione continua a fare da schiava. Continua a esistere al servizio delle necessità straniere, come fonte e riserva di petrolio e ferro, il rame e la carne, i frutti e il caffè, le materie prime e gli alimenti con destinazione ai paesi ricchi che guadagnano, consumandoli, molto più di quel che l’America Latina guadagna producendoli.”.

Così comincia “Le vene aperte dell’America Latina“, capolavoro di Edoardo Galeano del 1971. Queste parole rivelano la chiave di volta per l’acquisizione di una corretta impostazione di analisi dei processi latinoamericani.

Leggi tutto...

"Occorre finalmente riconoscere la volontà del popolo del Donbass”

E-mail Stampa PDF

kazbek taysaevdi Kazbek K. Taysaev, Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa | da kprf.ru

Traduzione dal russo di Mauro Gemma

Di seguito, proponiamo ampi stralci del discorso pronunciato da K. Taysaev il 16 dicembre, nella seduta della Duma di Stato della Federazione Russa:

(…) La situazione creatasi a Donetsk e Lugansk solleva grande preoccupazione e ansia per la sorte dei nostri compatrioti, che sono sottoposti al più brutale terrore, che si traduce in definitiva nell'annientamento delle popolazioni di queste repubbliche.

La cartella che tengo nelle mani contiene l'appello degli abitanti della Repubblica Popolare di Donetsk alla dirigenza del nostro paese. Qui c'è l'accorato appello di più di 10.000 nostri connazionali.

Impadronitasi del potere a Kiev, la giunta fascista non rispetta le disposizioni degli accordi di Minsk, e continua gli attacchi contro la popolazione civile.

Leggi tutto...

La liberazione di Aleppo

E-mail Stampa PDF

aleppo bambinidi Manlio Di Stefano
da beppegrillo.it

Prima del 2011 la Siria era un mirabile mosaico di religioni ed etnie che hanno convissuto per secoli in armonia. Nel 2011 l'Unione Europea, varò le sanzioni contro la Siria, presentandole come "sanzioni a personaggi del regime", che imponevano al Paese l'embargo del petrolio, il blocco di ogni transazione finanziaria e il divieto di commerciare moltissimi beni e prodotti. Una misura che dura ancora oggi, anche se, con decisione alquanto inspiegabile, nel 2013 veniva rimosso l'embargo del petrolio dalle aree controllate dall'opposizione armata e jihadista, allo scopo di fornire risorse economiche alle cosiddette "forze rivoluzionarie e dell'opposizione".

In questi cinque anni le sanzioni alla Siria hanno contribuito a distruggere la società siriana condannandola alla fame, alle epidemie, alla miseria, favorendo l'attivismo delle milizie combattenti integraliste e terroriste che oggi colpiscono anche in Europa. 

Da oltre cinque anni, quindi, il paese è sotto attacco da bande di terroristi in una guerra per procura, foraggiata prevalentemente da Arabia Saudita, Qatar e Turchia. 

Leggi tutto...

Il settimo congresso di Fatah tra realtà e prospettiva

E-mail Stampa PDF

alfatah 7mocongresso simbolodi Bassam Saleh, giornalista palestinese
da lacittafutura.it

Ramallah, la capitale politica dello Stato palestinese sotto occupazione israeliana, ha ospitato il settimo congresso di Fatah, dal 29 novembre al 5 dicembre. Un congresso tanto atteso non solo dai militanti di Fatah, ma da tutti i Palestinesi e dalla grande maggioranza degli Arabi.

I 1400 delegati eletti al congresso provengono da ogni parte del mondo, in rappresentanza delle varie sezioni di Fatah.

La scelta della data, 29 novembre, giornata mondiale  di solidarietà con il popolo palestinese, indetta dall’Onu, è la stessa che ha deciso la spartizione della Palestina, in due Stati , provocando la Nakba palestinese del 1948. É il giorno in cui tutti riconoscono l'ingiustizia storica e la complicità delle grandi potenze con il movimento sionista mondiale contro il popolo palestinese. Una scelta azzeccata, per ricordare al mondo intero che la causa palestinese è ancora viva e che i Palestinesi e la loro più grande organizzazione, Fatah, sono ancora capaci e forti per affrontare e sconfiggere ogni tentativo di tutela o ingerenza negli affari interni palestinesi.

Leggi tutto...

La scomparsa dell'URSS è stata una grande battuta d'arresto

E-mail Stampa PDF

urss bandiera anzianoIntervista di Sputnik Brasil a José Reinaldo Carvalho* | Traduzione di Marx21.it

25 anni fa, l'8 dicembre 1991, fu firmato l'accordo che scioglieva l'Unione Sovietica e creava la Comunità degli Stati Indipendenti (CSI), con l'adesione iniziale della Federazione Russa, dell'Ucraina e della Bielorussia. In seguito aderirono le ex repubbliche sovietiche, con il consolidamento del loro processo di indipendenza.

In un'intervista a Sputnik Brasil, il segretario di Politica Internazionale e Relazioni Internazionali del Partito Comunista del Brasile (PCdoB), José Reinaldo Carvalho, ha commentato l'importanza della data e le implicazioni che ne sono derivate sia sul piano interno che nello scenario geopolitico mondiale.

“In quanto dirigenti di un partito comunista, deploriamo profondamente la scomparsa dell'Unione Sovietica, perché crediamo che la Rivoluzione del 1917, che compirà un secolo esattamente l'anno prossimo, il 7 novembre 2017, abbia rappresentato il più grande evento politico e sociale della storia dell'umanità fino ad oggi. Ha trasformato un impero reazionario e arretrato in una grande potenza economica e sociale, ha promosso il riscatto di un popolo immenso, l'unità di quell'insieme di nazionalità e ha trasformato l'Unione Sovietica in un paese progressista e garante della pace mondiale”.

Leggi tutto...

Pagina 10 di 178